Autore Topic: Palermo in Lega Pro  (Letto 1945 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4727
Palermo in Lega Pro
« il: 22 Maggio 2020, 08:10:27 pm »
Il Palermo e ufficialmente in Serie C per la lega dilettanti. Aspettiamo conferma definitiva dalla Figc ma non nego che se ci saranno revisioni di campionati mi aspetterei un qualcosa in più. Perchè se non ci fosse quel qualcosa in più la nostra sarebbe solo una mezza promozione perchè dopo aver speso un milione di euro di iscrizione e vincere il campionato non si può rimanere ancora tra i dilettanti. :-|
Filippo Raciti - Tonino Currò - che le vostre anime riposino in pace

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 642
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #1 il: 23 Maggio 2020, 01:12:38 pm »
Complimenti. Ad maiora e speriamo di raggiungervi al più presto, anche nella massima serie (perchè no? Mai porre limiti alla provvidenza). Peccato solo che non abbiamo potuto concedervi la rivincita allo stadio "Aci e Galatea".
Forza Acireale!

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4727
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #2 il: 23 Maggio 2020, 06:24:09 pm »
Complimenti. Ad maiora e speriamo di raggiungervi al più presto, anche nella massima serie (perchè no? Mai porre limiti alla provvidenza). Peccato solo che non abbiamo potuto concedervi la rivincita allo stadio "Aci e Galatea".
Forza Acireale!

Grazie Testa Dura e complimenti per il tuo Acireale che è l'unica squadra che ci ha messo sotto in un giorno in cui anche noi eravamo in giornata (scusa la ripetizione) Diversamente le altre due sconfitte subite dal Palermo sono state colpa nostra perchè avevamo espresso troppa approssimazione. Ma con l'Acireale non ci fu nulla da fare.
Filippo Raciti - Tonino Currò - che le vostre anime riposino in pace

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8475
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #3 il: 23 Maggio 2020, 11:43:06 pm »
Complimenti. Ad maiora e speriamo di raggiungervi al più presto, anche nella massima serie (perchè no? Mai porre limiti alla provvidenza). Peccato solo che non abbiamo potuto concedervi la rivincita allo stadio "Aci e Galatea".
Forza Acireale!

Thanks. Confermo quanto detto da Sergio: l’Acireale è stata l’unica squadra a metterci sotto lo scorso anno, quando il Savoia è venuto a fare un catenaccio d’altri tempi, vincendo senza rubare, per carità, ma esprimendo ben altro tipo di calcio rispetto a quello messo in campo dagli Acesi. Onore al merito. Peccato vi siate fatti rimontare due gol a Torre Annunziata poco tempo dopo.

p.s. qualche giorno fa sono stato sulla Ness Walk lato Eden Court a fotografare i cherry blossom in fiore (perché noi fasci siamo gli ultimi dei romantici...). Credo di avere capito in quale struttura hai lavorato, quella di fronte al parcheggio carico/scarico merci con insegne NHS, giusto?
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 642
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #4 il: 26 Maggio 2020, 09:25:13 pm »
Ciao Templare.
Ero proprio sulla Ness Walk, ma l'acronimo era RNI (Royal Northern Infirmary) dove collaboravo con l'Università. NHS per la verità non mi ricorda gran che.
E' chiaro che in un anno in cui sapevamo di non poter aspirare a nulla per i debiti contratti con i giocatori l'anno precedente e i sicuri punti di penalizzazione, ci siamo giocati tutto nella partita con Palermo. Ci interessavano poco anche i play-off perché non avremmo potuto essere ripescati. Per la partita col Savoia, la cui tifoseria è gemellata con gli ultrà dell'Acireale, temo che abbiamo voluto marcare subito il territorio per poi, diciamo così, lasciare spazio a chi aveva più motivazioni...
Auguri per i prossimi anni, speriamo di incontrarci di nuovo, se non altro per darvi l'occasione di riequilibrare il bilancio dei confronti diretti...
Forza Acireale

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4727
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #5 il: 27 Maggio 2020, 12:28:11 am »
E pare che Di Piazza ci lasci.
Per me non è una notizia positiva, tuttaltro. Mi aspettavo anzi che riuscisse a coinvolgere anche qualche grosso imprenditore americano. Speriamo adesso che arrivino altri soci perchè con il solo Mirri siamo un po' debolucci.
Filippo Raciti - Tonino Currò - che le vostre anime riposino in pace

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8475
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #6 il: 27 Maggio 2020, 01:57:16 am »
Ciao Templare.
Ero proprio sulla Ness Walk, ma l'acronimo era RNI (Royal Northern Infirmary) dove collaboravo con l'Università. NHS per la verità non mi ricorda gran che.
E' chiaro che in un anno in cui sapevamo di non poter aspirare a nulla per i debiti contratti con i giocatori l'anno precedente e i sicuri punti di penalizzazione, ci siamo giocati tutto nella partita con Palermo. Ci interessavano poco anche i play-off perché non avremmo potuto essere ripescati. Per la partita col Savoia, la cui tifoseria è gemellata con gli ultrà dell'Acireale, temo che abbiamo voluto marcare subito il territorio per poi, diciamo così, lasciare spazio a chi aveva più motivazioni...
Auguri per i prossimi anni, speriamo di incontrarci di nuovo, se non altro per darvi l'occasione di riequilibrare il bilancio dei confronti diretti...
Forza Acireale

Ho visto una serie di strutture e ricordo pure le insegne della NHS, magari sbaglio. Mi ha dato l’impressione di essere un plesso universitario. Ad ogni modo una delle zone più belle di Inverness.

In bocca al lupo a te ed al tuo Acireale. Che per inciso rappresenta una nostra piccola bestia nera...
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8475
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #7 il: 27 Maggio 2020, 02:13:22 am »
E pare che Di Piazza ci lasci.
Per me non è una notizia positiva, tuttaltro. Mi aspettavo anzi che riuscisse a coinvolgere anche qualche grosso imprenditore americano. Speriamo adesso che arrivino altri soci perchè con il solo Mirri siamo un po' debolucci.

Si è dimesso da vice, rimane nel CdA come consigliere, ha detto che mette in vendita le quote, ma rimarrà se non si farà avanti nessuno. Mi sembra un modo per fare scruscio, molto efficace indeed, ma non so fino a che punto la cosa continuerà a degenerare. Anche perché siamo in un’epoca, chiamiamola post-virale (ma ci sarebbe da scrivere parecchio in merito...), dove chi ha i bei soldoni li investe in qualche operazione di alto sciacallaggio finanziario sponsorizzata dal filantropo Soros piuttosto che nel budget di una società della terza serie calcistica italiana. Chi crede agli asini che volano, e chiaramente non mi riferisco a te, Sergio, continui pure a crederci.

Rientrando nello specifico, ricordo che nel 1987 il Palermo fu costituito da una cordata di imprenditori locali, cordata che durò due anni, dopo di che le quote furono rilevate da due soli soggetti originariamente in quella cordata, Ferrara e Polizzi, che andarono in tandem alternando le cariche di presidente e AD per altri 5-6 anni fino a quando Polizzi lasciò definitivamente la società. In un mondo particolarmente instabile ed anomalo come quello del calcio, le gestioni a due o più teste vanno bene solo per breve tempo. Poi si trovano sempre equilibri più stabili ricorrendo alla cara vecchia formula già nota in ambito politico/storico, quella che dice che in democrazia il numero perfetto è dispari minore di tre...

Non ne farei una tragedia, comunque.
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2118
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #8 il: 27 Maggio 2020, 08:23:42 am »


Si è dimesso da vice, rimane nel CdA come consigliere, ha detto che mette in vendita le quote, ma rimarrà se non si farà avanti nessuno. Mi sembra un modo per fare scruscio, molto efficace indeed, ma non so fino a che punto la cosa continuerà a degenerare. Anche perché siamo in un’epoca, chiamiamola post-virale (ma ci sarebbe da scrivere parecchio in merito...), dove chi ha i bei soldoni li investe in qualche operazione di alto sciacallaggio finanziario sponsorizzata dal filantropo Soros piuttosto che nel budget di una società della terza serie calcistica italiana. Chi crede agli asini che volano, e chiaramente non mi riferisco a te, Sergio, continui pure a crederci.

Poi si trovano sempre equilibri più stabili ricorrendo alla cara vecchia formula già nota in ambito politico/storico, quella che dice che in democrazia il numero perfetto è dispari minore di tre...



Esattamente, c'erano troppi gallli nel pollaio , compresi quelli che non mettono picciuli e si sentono galli lo stesso.
Non è una tragedia certo, ma bisogna vedere come si evolverà la cosa e se arriverà qualcun altro investitore. Mi auguro non sia per esempio Preziosi

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4727
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #9 il: 04 Giugno 2020, 03:26:52 pm »
Un paio di certezze (anche più di due)

1) Grassadonia in pole position: ad attrarre il sodalizio rosanero sembra sia il modulo preferito dall’ex tecnico messinese che ebbe in Lo Monaco il suo maggior mentore.
Sicuramente è il profilo studiato ad hoc per le caratteristiche di Floriano che va a nozze sul 4-3-3 con buona pace di chi auspicava il ritorno di Delio Rossi profeta del rombo di centrocampo che fece le fortune di Pastore (quello della tripletta :-\).

2) Mirri e Di Piazza hanno le quote del Palermo ma chi decide qualsiasi cosa dal punto di vista tecnico è Sagramola, una specie di Lo Monaco in salsa rosanero, ma senza “portafoglio”. Era stato Sagramola che si era opposto fermamente all’esonero di Pergolizzi dopo che Di Piazza aveva già scritto la lettera di licenziamento, un licenziamento invocato a gran voce dalla piazza rosanero ma a cui Sagramola in conferenza stampa si oppose urlando: “solo danni!!”. 8|
.... Umh!.... aspè, forse sto facendo confusione. No, no! Non siamo noi! :-))

3) Sarà una estate molto calda quella che sta per arrivare ma stavolta per fortuna non tocca a noi. La mia sconfinata solidarietà ai tifosi del Messina che oggi hanno appreso che il Presidente Pietro Sciotto non se la sente più di continuare.
Il rischio di fallimento incombe pòrca puttàna! :$ Dopo anni di leccate di sarda si credeva che con l'arrivo di Lo Monaco  si salvasse tutto e invece....... pigghia e se ne va, portando seco ogni brillante idea di rilancio?!  :^(
Ogni anno sempre peggio, non c’è pace! Che tristezza che mi prende quando vedo tifosi in apprensione che si aggrappano a qualsiasi minghiata, tipo gente che pigghia miliuna e li butta dal balcone, "tè kka, mancia!"

4) "Ma tu lo sai con chi stai parlando?" (cit.)

5) Picca n’hai!  ::)
« Ultima modifica: 04 Giugno 2020, 03:38:57 pm da Sergio »
Filippo Raciti - Tonino Currò - che le vostre anime riposino in pace

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8475
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #10 il: 04 Giugno 2020, 09:44:04 pm »
Un paio di certezze (anche più di due)

1) Grassadonia in pole position: ad attrarre il sodalizio rosanero sembra sia il modulo preferito dall’ex tecnico messinese che ebbe in Lo Monaco il suo maggior mentore.
Sicuramente è il profilo studiato ad hoc per le caratteristiche di Floriano che va a nozze sul 4-3-3 con buona pace di chi auspicava il ritorno di Delio Rossi profeta del rombo di centrocampo che fece le fortune di Pastore (quello della tripletta :-\).

2) Mirri e Di Piazza hanno le quote del Palermo ma chi decide qualsiasi cosa dal punto di vista tecnico è Sagramola, una specie di Lo Monaco in salsa rosanero, ma senza “portafoglio”. Era stato Sagramola che si era opposto fermamente all’esonero di Pergolizzi dopo che Di Piazza aveva già scritto la lettera di licenziamento, un licenziamento invocato a gran voce dalla piazza rosanero ma a cui Sagramola in conferenza stampa si oppose urlando: “solo danni!!”. 8|
.... Umh!.... aspè, forse sto facendo confusione. No, no! Non siamo noi! :-))

3) Sarà una estate molto calda quella che sta per arrivare ma stavolta per fortuna non tocca a noi. La mia sconfinata solidarietà ai tifosi del Messina che oggi hanno appreso che il Presidente Pietro Sciotto non se la sente più di continuare.
Il rischio di fallimento incombe pòrca puttàna! :$ Dopo anni di leccate di sarda si credeva che con l'arrivo di Lo Monaco  si salvasse tutto e invece....... pigghia e se ne va, portando seco ogni brillante idea di rilancio?!  :^(
Ogni anno sempre peggio, non c’è pace! Che tristezza che mi prende quando vedo tifosi in apprensione che si aggrappano a qualsiasi minghiata, tipo gente che pigghia miliuna e li butta dal balcone, "tè kka, mancia!"

4) "Ma tu lo sai con chi stai parlando?" (cit.)

5) Picca n’hai!  ::)

Ti rispondo sul punto 1 e 2, del 3, onestamente, non me ne frega nulla, 4 e 5 non capisco a chi ti riferisci.

1) Grassadonia, non so se verrà lui, ma sul web ho letto di tutto contro lui e la società pezzente, che non prende Boscaglia per 150000 euro di differenza (ma poi tutto sanno?) e che poi “Boscaglia stesso cu è, deve venire Delio Rossi o Guidolin”... a questa gente rispondo con una notizia di oggi: il Verga Basket, A1 femminile, non si iscriverà il prossimo anno a nessun campionato pro perché il main sponsor Dragotto (Sicily by Car) e il second sponsor Andros, sono stati asfaltati dal virus con decine di dipendenti in cassa integrazione. Ora non so se tutta questa gente che si lamenta è impiegata al Comune, alla Regione o allo Stato e non ha capito appieno la portata della crisi che sta disintegrando la nostra Nazione o se semplicemente non ci arriva a prescindere, ma il prossimo anno immagino che già iscriversi sarà un successo per buona parte delle società dalla B in giù. Ma il Palermo ai Palermitani è tabu per certuni. Molti invero...

Quanto a Grassadonia, piuttosto, ho letto sue dichiarazioni e resoconti tattici che mi fanno pensare che il 4-3-3 di Zeman, il primo Rossi e forse Catuzzi e Sonzogni, il nostro futuribile mister lo abbia dimenticato, visto che si dichíara discepolo di Ventura e che negli ultimi anni ha giocato sempre o quasi col 3-5-2. Stiamo attenti agli equivoci in partenza, please.

2) Sagramola? Con lui abbiamo conseguito forse i migliori risultati, scudetto Primavera compreso, del ciclo Zamparini. Per me una certezza. Così come sono altrettanto certo che nessuno, a questo mondo, è infallibile, Sagramola compreso.

In haggis we trust.

"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4727
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #11 il: 10 Giugno 2020, 09:54:48 pm »
Sulla querelle Mirri - Di Piazza non credo alla “ragion di stato” ipotizzata da mediagol secondo cui il bene comune che è il Palermo prevarrà su tutto il resto. Se Di Piazza aveva manifestato l’intenzione di ritirare le sue dimissioni, Mirri, proprio per il bene del Palermo, avrebbe dovuto accettarle, visto che detiene sempre il 40%. Si va incontro ad un campionato molto più impegnativo del precedente, dove, sebbene abbiamo avuto a che fare con paesini da due soldi, i problemi non sono mancati comunque. Figuriamoci se non ci saranno quest’anno dove seppur palesando programmi altisonanti, non ci sarà l’obbligo di ammazzare il campionato (quindi niente marce trionfali che metterebbero a tacere sul nascere ogni eventuale polemica). Affrontare le varie problematiche che salteranno fuori dove uno dei due soci non conta un ca220 mentre l’altro, seppur con stile, garbo, professionalità, signorilità, competenza, tutto quello che volete, deciderà tutto quello che ci sarà da decidere senza rendere conto a nessuno se non alla città e ai tifosi, non soltanto non sarà una cosa semplice ma potrebbe far traballare ogni sottile equilibrio. A questo punto comprati il rimanente 40% e sfascia questa società che già comincia a zoppare.
« Ultima modifica: 10 Giugno 2020, 10:11:44 pm da Sergio »
Filippo Raciti - Tonino Currò - che le vostre anime riposino in pace

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8475
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #12 il: 10 Giugno 2020, 11:41:04 pm »
Non vedo problemi “societari” per il prossimo anno. Mirri ha il 60%, comanda lui. Di Piazza sta provvedendo a immettere la sua quota di capitale sociale, il budget sarà garantito da 6 milioni di immissioni dei soci più 4 milioni di ricavi stimati.

Di Piazza non ha uomini nei posti chiave, non ha giocatori e procuratori che fanno capo a lui, non può destabilizzare un amato cazzo. È invece un azionista con una bella quota, in caso di Palermo in vendita in B, con i bilanci a posto, il suo 40% si rivelerà un ottimo investimento.

Sia chiaro, scottato da Zamparini io ormai non parteggio per nessuno se non per me stesso, ma ho l’impressione che fra Mirri e Di Piazza il più vicino al Friulano, per modi, dichiarazioni, esuberanza, sia proprio l’Italo-Americano.

In quel caso, Mirri tutta la vita.
« Ultima modifica: 10 Giugno 2020, 11:43:22 pm da Templare »
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2118
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #13 il: 11 Giugno 2020, 02:13:17 pm »
Vedremo che succederà, la cosa importante è che i dissapori e le incomprensioni, per usare le loro parole, non si ripercuotano sulla squadra. Quest'anno sarà più complicato e servirà gente in grado di fare la differenza. Vedremo.
P.s. entrambi secondo me a volte sono poco cauti nel parlare.
« Ultima modifica: 11 Giugno 2020, 02:17:56 pm da turiddu »

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8475
Re:Palermo in Lega Pro
« Risposta #14 il: 11 Giugno 2020, 11:30:39 pm »
P.s. entrambi secondo me a volte sono poco cauti nel parlare.

Ho appena letto la controreplica di Di Piazza. Devo dire che non hai tutti i torti, entrambi sembrano due bei galletti. Confermo, a maggior ragione, che malgrado lo stile più raffinato di Mirri, non voglio prendere le parti di nessuno, non mi schiero più per situazioni che comunque sono al di fuori del mio controllo.

Rimango convinto che per come sono messe le cose grosse ripercussioni a livello esecutivo non possono essercene visto che decide tutto l’azionista di maggioranza, ma dall’esterno non è un certo un bel vedere.

Immagino comunque che da qui alla fine della prossima stagione uno dei due, Mirri probabilmente, rileverà le quote dell’altro. È impensabile pensare di continuare oltre con questo duunvirato, peraltro non paritario.
« Ultima modifica: 11 Giugno 2020, 11:43:41 pm da Templare »
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."