Autore Topic: I ricordi di Zenga  (Letto 518 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 2688
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
I ricordi di Zenga
« il: 03 Giugno 2020, 12:35:55 pm »
Mascara da metà capo. Ah, la memoria selettiva!
Redazione, sciocca meretrice

Offline U mastru

  • Utente
  • *****
  • Post: 1639
Re:I ricordi di Zenga
« Risposta #1 il: 03 Giugno 2020, 11:28:54 pm »
Mascara da metà capo. Ah, la memoria selettiva!
Non era il tinello di casa sua? Poi ripetuto dopo una settimana,  poi San Siro..... Maledetto infame....
"U mastru"

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 2688
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Re:I ricordi di Zenga
« Risposta #2 il: 04 Giugno 2020, 08:30:54 am »
Naturalmente intendevo "da metà campo". Ma forse gli è rimasto più impresso il goal di Martinez che gli fece perdere il posto in panchina. Nino, con chi ce l'hai? La parola "infame" mi evoca la figura del capostazione, ma qui stavamo parlando di Zenga e di Mascara.
Redazione, sciocca meretrice

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 2688
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Re:I ricordi di Zenga
« Risposta #3 il: 04 Giugno 2020, 05:30:23 pm »
Ah! Ho capito: Mascara tirò non già da metà campo, ma dal tinello di casa sua. Una settimana dopo si ripeté: in realtà erano due, perché la settimana dopo ci riprendemmo dalla sbornia prendendone tre a domicilio dal Siena di Giampaolo, ma la domenica successiva a Udine Mascara ne fece un altro simile, anche se non si andò più in là dell'1-1. Poi San Siro... Ma non era prima, in occasione della trasferta d'esordio a San Siro, quando Mascara uccellò Julio Cesar, non proprio da metà campo, ma da una bella distanza e soprattutto da posizione esterna?
Sull'infame non ci sono dubbi: è il Ragionier Pulvirenti Antonino della Beata Cippa, che, come in certe fiabe, prima ci ammaliò con l'incanto di otto anni consecutivi di A, tra mirabilie d'ogni sorta, poi, svelando il gioco d'illusione, fece sparire tutto come per incantamento. Tu intendevi dire: se non fosse stato per le sue manovre oscure, non ci ritroveremmo a sperare nella gazzosa dopo avere dilapidato un patrimonio di spumante d'alta qualità.
Redazione, sciocca meretrice