Autore Topic: Dimissioni di Lo Monaco  (Letto 4342 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2353
Re:Dimissioni di Lo Monaco
« Risposta #30 il: 04 Dicembre 2019, 04:26:11 pm »
Follieri è una persona ambigua, un truffatore, un faccendiere, un avventuriero senza scrupoli, già processato e condannato negli Stati Uniti d'America. Ma in fondo che ne sappiamo noi di queste cose? L'attuale proprietario è un imbroglione reo confesso che ha tentato di aggiustare qualche partita, su cui grava l'accusa di bancarotta per la sua praticamente defunta compagnia aerea, per tacere i suoi trascorsi giovanili quando  si occupava solo di discount.

Noto che pur di non vedere più l'innominabile e, soprattutto,  Lo Monaco si è disposti ad accettare che il Catania venda acquistato da "Tanu cc'a lapa".

L'attuale proprietà, per quanto non ci piaccia, fino al mese scorso ha tirato fuori quattrini VERI per onorare le scadenze; e la campagna acquisti non è stata fatta con i soldi della scatola del monopoli. I fautori del "fallimento" se ne facciano una ragione.


La cosa veramente oscura è che per quei fatti del 2015 ha pagato solo il Catania, mentre per le altre squadre e per le altre "stazioni" non c'è stata nessuna conseguenza.

CHI E' L'OFFERENTE?
E' vero noi non ne sappiamo niente, ma nella sua città, Foggia, sanno perfettamente chi è e le carte gliele hanno scoperte da un bel po'.
www.foggiacittaaperta.it/news/read/titolo-foggia-calcio-raffaello-follieri-roberto-felleca

Se ci scrolliamo le tasche quelche Euro per acquistare il Catania alla maniera di questo signore lo troviamo pure noi.
 



Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 2589
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Re:Dimissioni di Lo Monaco
« Risposta #31 il: 04 Dicembre 2019, 06:07:59 pm »
Ti sbagli, perché Follieri non piace né a me né a tanti altri che scrivono qui; quanto a pulvirenti, sai bene che basta il tentativo di illecito per la condanna sportiva: non si è proceduto contro terzi, perché non era necessario per punire pulvirenti, che non è meno colpevole se gli hanno retto il sacco in dieci, in cinquanta o in cento. Ma giustizia sportiva avrebbe fatto a meno di punire anche lui se non ci fosse stata l'evidenza delle prove a suo carico.
Fieri di usare il bidet. "Virtù contra a furore/prenderà l'arme e fia 'l combatter corto/ché l'antico valore/negli italici cor non è ancor morto".

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5213
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Dimissioni di Lo Monaco
« Risposta #32 il: 04 Dicembre 2019, 07:01:25 pm »
Personalmente penso che Follieri sia un evidente bluff.
Fa bene la società a chiedere garanzie, che poi io non so nemmeno che significa sul piano finanziaro e nemmeno capisco di scatorle cinesi o bond, sapranno loro come fare.
Come scrivevo non ricordo dove, se non hanno dato conto a Bacco, che conoscevano benissimo per via della sponsorizzazione, figuriamoci a uno che è certificato come truffatore (sebbene occorra ricordare che le pesanti accuse da cui Pulvirenti deve difendersi, fra cui quella che WJ non avrebbe dovuto volare fin dal 2004 e della prescrizione per falso in bilancio, mi pare, in America anon sarebbero passate in cavalleria come qui).

Il problema resta sempre quello: Pulvirenti dovrebbe anche lui fornire la garanzia di essere in grado di tenere in vita la società, anche in Serie C, anche all'infinito.
Persino Alesssandro Vagliasindi, che a tratti pare il suo primo estimatore, scriveva ieri che non vede come credibile l'ipotesi di Pulvirenti ancora alla guida del Catania in estate, e guarda con interesse al riserbo che sembra coprire l'altra trattativa posssibile. E il riserbo, per quanto parziale, è sicuramente un segnale migliore della sfacciata trattativa sotto i riflettotri proposta dall'avventuriero pugliese.

Purtroppo quando le rassicurazioni sono disattese è troppo tardi, quindi non mi illudo molto per il fatto che finora le scadenze sono state onorate (a parte quelle col comune di Mascalucia e con la società di sicurezza di Magni).
Ricordiamoci la fantomatica newCo che doveva consentire a WJ di tornare a volare, e il negazionismo sulla crisi dei Forte' che, per inciso, ancora non è risolta e che secondo me è il nodo chiave per chiudere davvero questa stagione senza problemi economici.

Resta il fatto che le nostre  opinioni lasciano il tempo che trovano e non vanno intese come auspici. Purtroppo sui social, non qui, si bada più a dividersi su questioni di lana caprina e patenti di tifosi veraci, piuttosto che concentrarsi sulla voglia di capire esattamente come stanno le cose, ma tant'è...

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 2589
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Re:Dimissioni di Lo Monaco
« Risposta #33 il: 04 Dicembre 2019, 09:40:14 pm »
Enri', troppo, bastava dire:"Sinn'hagghiri". C'est plus facile.
Fieri di usare il bidet. "Virtù contra a furore/prenderà l'arme e fia 'l combatter corto/ché l'antico valore/negli italici cor non è ancor morto".

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2353
Re:Dimissioni di Lo Monaco
« Risposta #34 il: 04 Dicembre 2019, 11:49:35 pm »
.... quanto a pulvirenti, sai bene che basta il tentativo di illecito per la condanna sportiva:....


... proprio per questo continuo a chiedermi perché solo il Catania. Lontano da me qualsiasi giustificazione dell'innominabile


Il bilancio del Catania fino al 2013, anno di Gasparin, era perfetto, da manuale del management sportivo. E ciò a prescindere della situazione della Windjet, dalla quale il Catania era totalmente autonomo ed aveva mezzi propri per fare dignitosamente la serie A o la serie B.


Ma quando il tatuato argentino ha distrutto il Catania, dov'erano tutti i tifosi economisti, che oggi trepidano per quello che succederà a luglio. (E NON mi sto riferendo a nessuno del FORUM). Al massimo ripartirà dalla serie D, come tanti ardentemente desiderano. All'argentino bastavano 4 promesse per fare tutti contenti e gabbati. Senza odio viscerale, senza contestazioni. A Lo Monaco non sono bastati 8 anni di serie A consecutivi, un Centro sportivo modello, giocatori ed allenatori di grande caratura che hanno vestito la maglia del Catania.


“Come sono effimere le cose del mondo“
« Ultima modifica: 05 Dicembre 2019, 12:00:04 am da vasco »

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 2589
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Re:Dimissioni di Lo Monaco
« Risposta #35 il: 05 Dicembre 2019, 12:53:13 am »
Veramente il disgraziatissimo anno di B il tatuato era il bersaglio di tutti i malumori della piazza, anzi forse aveva la funzione di parafulmine, perché si attirava anche gli strali che con tutta probabilità andavano rivolti più a ragione direttamente a Pulvirenti. Quanto ai Treni, lo sappiamo che i risultati erano un obiettivo secondario,  in quanto la finalità vera erano le scommesse. Ha pagato solo il Catania, anzitutto perché nessuno aveva interesse a scoperchiare il pentolone, in secondo luogo perché il pulvy è stato l'unico fesso a farsi beccare in flagrante: disonesto e imbecille, un binomio che non consente recriminazioni.
Fieri di usare il bidet. "Virtù contra a furore/prenderà l'arme e fia 'l combatter corto/ché l'antico valore/negli italici cor non è ancor morto".

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3620
Re:Dimissioni di Lo Monaco
« Risposta #36 il: 05 Dicembre 2019, 02:50:28 am »


Ma quando il tatuato argentino ha distrutto il Catania, dov'erano tutti i tifosi economisti, che oggi trepidano per quello che succederà a luglio. (E NON mi sto riferendo a nessuno del FORUM).
Dove erano? Se ti fai questa ,, o se nuovo del forum, o sei smemorato. Vai a rileggerti i topic di quel periodo ed avrai le risposte che cerchi. In generale poi Cosentino, dopo il primo anno, era inviso alla stragrande parte della tifoseria che aveva intuito dove si andava a parare. Non a tutta, purtroppo, è, purtroppo al quadrato, tra quella parte cui non era inviso c’era anche il tifoso numero uno, che, anzi, dopo la disastrosa retrocessione dalla A, invece di mandarlo via a calci nel didietro, lo promosse e, non contento pensò pure di comprarsi le partite, mandandoci nell’inferno da cui, da 5 anni, fatichiamo ad uscire. Senza trascurare che, fino ad adesso ci è andata anche bene, visto che ancora esistiamo.
FORZA CATANIA! SEMPRE.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 2589
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Re:Dimissioni di Lo Monaco
« Risposta #37 il: 05 Dicembre 2019, 01:34:27 pm »
Beh, Aldo, a onor del vero, Vasco precisa che non si riferiva a nessuno del forum: probabilmente alludeva al muretto, dove si assiepano i duri e puri, con barbettigna in prima fila, con tutta la sua sicumera.
Fieri di usare il bidet. "Virtù contra a furore/prenderà l'arme e fia 'l combatter corto/ché l'antico valore/negli italici cor non è ancor morto".