Autore Topic: Serie D 2019/20: II giornata Palermo-San Tommaso  (Letto 168 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4501
Serie D 2019/20: II giornata Palermo-San Tommaso
« il: 05 Settembre 2019, 11:20:37 am »
Domenica 8 settembre, allo stadio Renzo Barbera, avremo l’onore di ospitare nientepopodimeno che il San Tommaso, squadra di un piccolo quartiere di Avellino, che arriverà a Palermo sabato mattina, in nave. Pare che i dirigenti della squadra irpina abbiano tutti acquistato un tagliando di tribuna che verrà conservato come prezioso cimelio da mettere in bacheca perché per loro la sfida del Barbera sarà un evento straordinario e probabilmente unico della loro storia.
Se l’evento di domenica prossima riserberà tanto onore e prestigio alla squadra campana, di rimando per noi sarà motivo di scuorno e avvilimento. Ci vorrà ancora del tempo per metabolizzare questo passaggio, dalla probabile serie A del mese di giugno scorso, alla serie D di oggi, cioè un paio di mesi dopo, un salto all’indietro di 4 categorie. A chi l’onore di questa magnifica capriola? A Zampa, certamente, quello che per quanto scrive il giornalista Francesco Patanè su larepubblica di oggi, “secondo la procura, in questi anni c’è stato un sistematico svuotamento dei conti correnti del club rosanero per evitare che venissero aggrediti dai creditori. Milioni di euro che per la procura sono stati spostati all’estero e utilizzati anche in altre società del gruppo Zamparini.” Ecco per cui, nella casse rosanero, non era rimasta neppure una lira.
Tutto ciò, se può apparire non evidente e non di primo acchito a chi nella vita ha tant’altro da fare, è apparso invece evidentissimo alla stragrande maggioranza della tifoseria rosanero. Alla fine del campionato 2015/16, la squadra riuscì con enorme fatica a conquistarsi la salvezza, grazie alla caparbietà dei senatori Vasquez, Maresca, Gilardino, Sorrentino che non volevano figurasse l’onta della retrocessione nella loro carriera. Era l’estate in cui sebbene già in tanti cominciavano a sentire puzza di bruciato, la maggioranza dei tifosi, me compreso, credeva ancora nelle buone intenzioni di Zamparini e che le difficoltà presenti erano incidenti di percorso e problematiche dovute a complicate dinamiche di gestione. Si doveva ripartire da quella salvezza risicata per correggere gli errori di programmazione ma stranamente coloro che riuscirono a portare in salvo la squadra furono tutti cacciati via senza per altro essere sostituiti. Scarsi e incapaci furono invece trattenuti, segno inequivocabile che la squadra doveva già retrocedere l’anno prima e si fece in modo di non fallire l’appuntamento con la B nell’anno successivo. Ed infatti l’anno dopo si retrocedette, portando a termine un campionato dove l’onore, la dignità e il rispetto dovuto alla città e alla tifoseria furono ignobilmente calpestati e derisi. Un susseguirsi di sconfitte, una dietro l’altra, anche con squadrette di primo pelo e senza storia. Una squadra senz’anima, senza forze, organizzata senza criterio, senza amalgama, senza personalità e con diversi giovani allo sbando. E nel frattempo, se qualche giocatore aveva mercato veniva prontamente ceduto senza tanti rimpianti. Dopo la retrocessione, tutte le “maestranze” societarie venivano azzerate e sostituite con carneadi di bassissimo profilo. Un DS, Lupo, che non cercava più nessuno, un allenatore da 1.500 € al mese che doveva dirgli grazie ad ogni partita per avergli dato l’onore di farlo credere allenatore di serie B e lui, l’imperatore friulano, che dirigeva incontrastato lo svuotamento societario, il dissanguamento patrimoniale, l’azzeramento totale. Il Palermo era come un vecchio malato steso sul letto ed a cui era stata aperta una vena da cui si lasciava lentamente scorrerne via il sangue, fin quando non divenne esamine.
Tutto ciò era abbastanza evidente a chi aveva a cuore e a chi seguiva da vicino le sorti della squadra rosanero.
Sull’asservimento della stampa locale posso anche farmene una ragione, era pur sempre gente che doveva portare il pane a casa. Ma coloro (pochi ma pericolosi e, alla fine, decisivi) che dall’estate del 2016 portarono alimento (biglietti, abbonamenti, gadget), quindi linfa vitale, sostegno, che nei fatti e nella realtà della cose corrisponde a consenso e approvazione, non possono non sentirsi responsabili anch’essi se domenica prossima riceveremo con tutti gli onori il San Tommaso a Palermo. Amenità del tipo “solo la maglia, i presidenti passano il Palermo resta, io tifo per la squadra non per il presidente, la contestazione si fa allo stadio e non dal divano di casa”, ecco, tutte queste “belle cose” hanno solo fatto il gioco di chi quotidianamente prendeva a martellate il Palermo, la loro speranza, vana e ingenua, che il martellatore si fermasse e con un inversione di rotta ricomponesse il tutto, li pone oggi in una condizione non solo di lecito dileggio ma è lecito anche ritenerli immaturi irresponsabili perché se si fossero fermati anch’essi nell’estate del 2016 nel dare la propria partecipazione (€€€€€€€€) a chi stava conducendo il Palermo alla rovina, la società sarebbe stata ceduta prim’ancora che diventasse un cadavere.

Gli uccelli nati in una gabbia pensano che volare sia una malattia. (Alejandro Jodorowsky)

Offline ENZO

  • Utente
  • *****
  • Post: 2359
Re:Serie D 2019/20: II giornata Palermo-San Tommaso
« Risposta #1 il: 06 Settembre 2019, 11:36:37 am »
Sergio, ma quale abbili !!!!
 :$ :$
Io mi sto godendo di nuovo il mio PALERMO !!
erano anni che non seguivo così la squadra. Peccato che non abito a Palermo, altrimenti ogni domenica ero allo stadio.
Ci son passate altre squadre blasonate e ne sono venute fuori, non vedo perchè non ci riusciremo anche noi.
Il percorso è difficilissimo, ma almeno sarà ONESTO !!
Avrei voluto commentare altri post, ma il sito mi da problemi di invio e non ho capito perchè.
 8-) 8-) 8-) 8-)

Per i commenti e pronostici sulla/e partita/e bisogna aspettare ancora un po, almeno 1/4 di campionato per capire i valori delle squadre partecipanti.
per il momento solo FORZA PALERMO !!!
Saluti
Ciao a Tutti e................. FORZA PALERMOOOOOOO
LA  CAPITALE DEL CALCIO SICILIANO

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2031
Re:Serie D 2019/20: II giornata Palermo-San Tommaso
« Risposta #2 il: 06 Settembre 2019, 08:06:02 pm »
Sergio sinceramente del friulano e di tutti i suoi compari non ne voglio più sentire parlare. L'unica cosa da fare prima di relegarli nell'oblio definitivo sarebbe quello di togliergli la cittadinanza onoraria.  Il Palermo, quel Palermo, era morto da qualche anno ormai, figurati adesso.
Oggi l'unica cosa che conta è che siamo rinati ed è ritornato l'entusiasmo. Lo dissi tante volte e lo confermo: meglio ripartire dalla d.
Forza Palermo.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8279
Re:Serie D 2019/20: II giornata Palermo-San Tommaso
« Risposta #3 il: 09 Settembre 2019, 02:58:32 am »
La partita l’ho intravista o meglio ho intravisto il secondo tempo, mentre lavoravo (ho cambiato, ho più responsabilità, ma anche il privilegio di non avere nessuno, employer escluso, sopra di me, per cui il cellulare lo tengo acceso e collegato su Eleven Sport senza problemi...) ed ho visto una differenza tecnica imbarazzante fra il Palermo e il San Tommaso.

Il 4-3-3 mi sembra il modulo al momento più congeniale alla rosa a disposizione, singolarmente ho visto benissimo gli under e Kraja, fra gli over Martin e Ricciardo su tutti, ma tutta la squadra mi è sembrata ben oltre la media del campionato, almeno limitatamente ai primi due impegni. Vedremo più avanti con squadre sicuramente più attrezzate del San Tommaso, penso ai due Messina e all’Acireale, ad esempio.

Concordo con Turiddu: basta parlare di Zamparini! Personalmente sono felice che la proprietà sia più che palermitana, sia indiscutibilmente rosanero e legata direttamente al grande Renzo Barbera. Ho fatto l’abbonamento anche se non vedrò nemmeno una partita, mi è ritornato l'entusiasmo mortificato dagli eventi degli ultimi anni, anche il pubblico presente (9000 abbonati, 17000 ieri sugli spalti) sembra lanciare chiari segnali su come questa ripartenza quasi da zero fosse necessaria.

Chi ragiona da formica non può che guardare lontano, gli altri, le vedove inconsolabili e quelli che si abbonavano per vedere la strisciata del cuore dal vivo una volta all’anno, sono relegati a vivere il calcio da eterne cicale.

Il tempo è galantuomo e ci darà ragione. Forza Palermo Sempre!
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2031
Re:Serie D 2019/20: II giornata Palermo-San Tommaso
« Risposta #4 il: 09 Settembre 2019, 02:36:05 pm »
Ho seguito la radiocronaca via internet  e dopo ho visto la sintesi.
Che dire? Anche io ho avuto l'impressione  che il Palermo abbia tecnica nettamente superiore rispetto alla categoria,questo però è un campionato complicato dove oltre alla tecnica conta tantissimo anche corsa e umiltà: Al Barbera il Palermo avrà pochissime rivali serie, ma fuori casa troverà un clima spesso incandescente e sopratutto campi da serie D dove l'agonismo e la capacità di mantenere i nervi saldi, più che le doti tecniche, la faranno da padrona.
Anche questa è andata comunque, 6 punti in cascina e avanti con la prossima. Aspettiamo se arriva o meno un'altra punta.
Dimenticavo: ho apprezzato tantissimo il clima di sportività e gli applausi riservati alla squadra ospite.
Forza Palermo
 
« Ultima modifica: 09 Settembre 2019, 02:44:26 pm da turiddu »

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4501
Re:Serie D 2019/20: II giornata Palermo-San Tommaso
« Risposta #5 il: 09 Settembre 2019, 06:48:38 pm »
Mi ero scordato del problema, enorme, dei bandieroni alla nord. Del resto non mettevo piede in quel settore dello stadio da prima dell’avvento del friulano.
Niente, non ho visto nessuna palla entrare in rete ma mi sono divertito lo stesso, anche perché nell’intervallo ho cambiato posto.  :-))
Grandissima intensità e coralità di manovra per tutta la gara e specie nel primo tempo c’è stata una sola squadra in campo. Però, un po’ troppi passaggi sbagliati, errori tecnici incredibili e piedi quadrati a bizzeffe. Del resto siamo in serie D e, per fortuna nostra, lo sono anche i nostri avversari.
Ricciardo si è confermato quel cecchino d’area di rigore che abbiamo spesso rimpianto negli ultimi anni. Sbalorditivo quel Felici che sulla fascia è stato inarrestabile. Costui se gioca sempre così va confermato immediatamente. Santana non potrà mai essere quello di 15 anni fa. Sarebbe un errore per me chiedergli corsa e intensità per tutto il tempo della gara. Ma per gioco di sponda e fantasia credo che possa essere sempre disponibile. Da registrare un po’ meglio il centrocampo, specie nelle fasi di non possesso palla, ma si aspettano test un po’ più impegnativi del San Tommaso per avere le idee un po’ più chiare.
Accardi mandato in campo negli ultimi secondi di recupero, giusto il tempo per fare un autogol. Forse meriterebbe maggiore considerazione. Se non puoi offrirgli una porzione di gara maggiore lascialo in panchina, sempre meglio di dare l'umiliazione degli ultimi secondi per uno che poteva (e doveva) essere il capitano di questa squadra.
Basta parlare del friulano, per carità avete ragione. Ma guai a non fare tesoro di quanto trascorso, specie se dovessimo trovarci nuovamente di fronte a qualche avventuriero. La spina va staccata subito, prima che il cortocircuito diventi un incendio.
Gli uccelli nati in una gabbia pensano che volare sia una malattia. (Alejandro Jodorowsky)