Autore Topic: Dichiarazioni al vetriolo di Novellino  (Letto 298 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 2094
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Dichiarazioni al vetriolo di Novellino
« il: 13 Maggio 2019, 06:28:11 pm »
Casorezzo (MI), 13 Maggio 2019
Carissimi,
dopo essersi consultato con il suo legale, finalmente Novellino ha sciolto il suo riserbo e ha rilasciato una straripante dichiarazione in cui, come un fiume in piena, non ha risparmiato toni esacerbati per nessuno. Ha esordito affermando di non essere stato umiliato così dai tempi in cui vestiva la casacca rossazzurra e fu mandato in campo da Rambone contro l'Arezzo a cinque minuti dalla fine per essere tirato fuori due minuti dopo; ha ricordato Gaucci e l'esonero per essersi ribellato alla presenza di Castagner in aereo di ritorno dall'ultima partita di campionato della ormai lontana stagione 1992/1993 e in vista dello spareggio contro l'Acireale; ha giurato e spergiurato che la società gli aveva garantito la sua fiducia e pertanto ha stigmatizzato la figura di merda a cui è andato incontro con la sua partecipazione alla trasmissione "Radio anch'io" in cui ha espresso buone sensazioni per gli imminenti play off. Infine, si è detto disponibile a ritornare sulla panchina del Catania per il prosieguo dei playoff, come gli è stato promesso qualora contro la Reggina i rossazzurri si qualifichino con uno striminzito pareggio. Del resto, Lo Monaco sa bene - protesta Novellino - che nella sua breve esperienza all'ombra del vulcano è stato sempre prono, cioè... pronto a eseguire gli ordini dell'AD, riesumando per le partite disputate tutte le vecchie glorie, perfino un ormai improponibile Llama. La partita contro il Bisceglie, in cui ha schierato alcuni giovani della Beretti, è stata - assicura l'esperto allenatore - solo un colpo di testa improvvisato, un errore giovanile che merita perdono e comprensione. Quanto ai suoi rapporti con Di Piazza e Marotta, ha detto di non essersi mai trovato in così perfetta sintonia con nessuno dai tempi remoti del servizio militare, quando, con i compagni d'arme, soleva scambiare scherzosamente epiteti irripetibili. Per finire, ha salutato tutti i giornalisti presenti, ringraziandoli per la solidarietà che essi hanno espresso nei suoi confronti, in particolare il capretta, nei confronti del quale dichiara di nutrire una profonda ammirazione per la sua intelligenza esuberante e per la sua proprietà di linguaggio. Cordialmente,
Marco Tullio
« Ultima modifica: 13 Maggio 2019, 06:32:39 pm da Marco Tullio »
Κύριε, πρὸς τίνα ἀπελευσόμεθα; ῥήματα ζωῆς αἰωνίου ἔχεις.

Offline U mastru

  • Utente
  • *****
  • Post: 1469
Re:Dichiarazioni al vetriolo di Novellino
« Risposta #1 il: 13 Maggio 2019, 11:02:45 pm »
 ::) ::) ::) ::) ::) ::) ::)