Autore Topic: Il Pomofiore  (Letto 11510 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline MALATO PO CATANIA

  • Utente
  • ****
  • Post: 941
Re: Il Pomofiore
« Risposta #15 il: 29 Maggio 2008, 11:15:50 am »
Gaspare vorrei chiarire in maniera definitiva quello che è il mio punto di vista, che ripeto, non è verità assoluta (non ho la presunzione di farla passare tale), per evitare principalmente di essere tacciato come il Lo Monaco della situazione.

I meriti di Lo Monaco li ho sempre riconosciuti.

Citazione
Una cosa bisogna riconoscere: la società Calcio Catania oggi, dal punto di vista imprenditoriale, è un'isola felice nonchè fiore all'occhiello della nostra cultura. E di questo bisogna darne atto al duo Pulvirenti-Lo Monaco che hanno saputo trasformare una società derelitta ad un passo dal tracollo, in una fiorente impresa, modello da imitare come gestione pulita e vincente

Quello che non condivido è la sua arroganza e il modo di ostentare quello che alla fine è il suo lavoro!
Ci sono Dirigenti come lui in Italia che hanno ottenuto gli stessi risultati ed anche più importanti (Leonardi, Marino, Fenucci), ma nessuno (almeno per quel che mi risulta) usa la stessa arroganza per rivendicare il frutto del proprio lavoro.
La querelle con Randazzo riguardo la sua presunta notorietà la dice tutta! Lui qui è l'unico che non deve niente a nessuno, era un divo prima ed ha onorato un'anonima città del meridione come Catania con le sua professionalità ed il suo intuito sportivo. "..Ho vinto qua .... sono stato lì ..... 3° posto.....coppa uefa...", mi meravilglia come tu trovi incredibili i miei commenti e sorvoli su queste assurdità che non sono sicuramente sanceli o canni ri cavaddu!

Riguardo il centro sportivo, ripeto ancora una volta la mia opinione favorevole all'iniziativa!

Citazione
Il centro commerciale .... pardon ...   sportivo, è un'iniziativa lusinghera di cui non si può non essere d'accordo. Cambierebbe il rapporto tra società ed ambiente e sarebbe un patrimonio prezioso da custodire gelosamente

La cosa invece che non trovo giusta è quella di far passare un'iniziativa totalmente imprenditoriale come sportiva.
Per intenderci, penso che non si possano mettere sullo stesso piano una retrocessione in serie B con la costruzione di un centro polivalente!
Il tema della prossima campagna abbonamente sarà il campionato e non un opera edilizia!
I tifosi (me compreso) vogliono una squadra all'altezza del campionato e non la certezza che quest'anno si apra un cantiere!
Nel momento che Lo Monaco dice apertamente davanti i microfono dell'emittente più importante della città "La priorità è il centro sportivo ..... a costo pure di una retrocessione in B", io (scusami!) prendo apertamente le distanze!
Per quel che mi riguarda la cosa più importante è la mia squadra, il resto viene a completamento di quest'opera!
Empoli, Bergamo, ....... hanno messo come obiettivo primario i risultati sportivi (...fanno sempre spola tra serie B e A) ed hanno realizzato progetti importanti tra cui anche i centri sportivi!

Io scrivo per quello che ascolto, se poi il nostro A.D. dice una cosa e ne pensa un'altra .... allora è meglio che eviti il contatto con i media, oppure si trovi una persona che lo aiuti a dialogare con il resto del mondo!

"Comprare a 1 e vendere a 3"

Impostare il mercato di una società di serie A con questa prerogativa è assurdo ed offensivo nei confronti soprattutto della gente che paga a prezzo d'oro gli abbonamenti.
Per fare questo non c'è bisogno di stare in serie A, lo si può fare benissimo in B o in C addirittura (Grosseto docet)!
Un A.D. coscienzioso avrebbe prospettato il tutto puntando su un campionato dignitoso, con obiettivo la salvezza ed insieme valorizzare a più non posso giovani promesse. Invece lui con la solita arroganza che lo contraddistingue, a diprezzo dei tifosi e di tutti quelli che hanno a cuore il Catania, esordisce con frasi degni del più cinico mercante.
Anche qui tu non trovi nulla d'assurdo ed anche qui non si tratta di frattaglie varie!

La città a Pulvirenti non ha dato nulla? Su questo permettimi ho i miei dubbi!
La città ha sempre risposto agli appelli del Presidente, sia sottoscrivendo abbonamenti a condizioni assurde, sia quando c'è stato bisogno di sostegno incondizionato. Io per città intendo i catanesi, se poi ti riferisci a questioni politiche ed imprenditoriali, non so risponderti e francamente non m'interessa! Non conosco i rapporti tra società e amministrazioni varie e quindi non entro nel merito!
Certo, Pulvirenti questa fiducia se l'è meritata ampiamente ed a lui va il plauso di aver ridato dignità sportiva a questa città, ma l'ambiente sportivo non è stato con le mani .... in mano!
E poi smettiamola di con questa mentalità lomonochiana autocelebrativa:uova cu du russi non ni facemu!
Vargas di qua, il Real Madrid, il Manchester..........Abbiamo un giocatore d'interesse internazionale come li hanno avuti in tanti! Per una società di serie A questo è normale e non ci trovo nulla di strano.
Toni, Amauri, Di Natale, Rocchi, Quagliarella, Vucinic, Chevanton ...... questi non vengono certo da Milan, Juve, Inter..... Quando la finiremo di sentirci ospiti in questa categoria?

Fratello in non mi arrampico da nessuna parte anche perchè non ne ho motivo, non deve convincere nessuno e non ho promesso niente a nessuno e soprattutto sono serio nell'esprimere le mie opinioni.
Non ho mai denigrato l'operato di nessuno ed ho sempre riconosciuto i meriti a chiunque li avesse! Ritengo Pulvirenti il più grande Presidente che la nostra storia abbia avuto e sostengo sempre la mia società con ogni mezzo che mi è possibile, ma ciò non significa che non posso pensarla diversamente su alcune questioni!

Leggo sempre i tuoi commenti con interesse e vedo che affronti sempre con il cuore ciò che concerne la tua fede sportiva, ma non ho visto da parte tua nessuna presa di posizione di fronte a chi, in nome del suo impegno professionale, si permette di urtare la sensibilità della gente ed offendere quella catanesità che cerca semplicemente un confronto!

Ti saluto
NOI SIAMO IL CALCIO CATANIA
MALATO PO CATANIA




Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5170
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Il Pomofiore
« Risposta #16 il: 29 Maggio 2008, 11:56:23 am »
Il tema della prossima campagna abbonamenti sarà il campionato e non un'opera edilizia!
I tifosi (me compreso) vogliono una squadra all'altezza del campionato e non la certezza che quest'anno si apra un cantiere!
Nel momento che Lo Monaco dice apertamente davanti i microfono dell'emittente più importante della città "La priorità è il centro sportivo ..... a costo pure di una retrocessione in B", io (scusami!) prendo apertamente le distanze!
Per quel che mi riguarda la cosa più importante è la mia squadra, il resto viene a completamento di quest'opera!
Empoli, Bergamo, ....... hanno messo come obiettivo primario i risultati sportivi (...fanno sempre spola tra serie B e A) ed hanno realizzato progetti importanti tra cui anche i centri sportivi!


Malato, qui ti contraddici: Empoli, Atalanta, Chievo etc...fanno la spola fra A e B e hanno costruito pure i centri sportivi, quindi perché non dovremmo poterlo fare anche noi? Il fatto che Lo Monaco abbia detto che il Centro Sportivo si deve fare anche a costo di retrocedere non vuol dire che lo si farà senza pensare ai risultati. Ovviamente la salvezza è fondamentale, ma può capitare di retrocedere, come è capitato alle squadre che sono scese in questi ultimi due anni, per non parlare del Bologna e del Lecce, che sono piazze di tutto rispetto e che lottano da anni per risalire, senza riuscirci, a testimonianza che la concorrenza è forte e che non c'è una ricetta sicura per raggiungere i propri obiettivi.

Il Centro Sportivo non è solo un'opera di imprenditoria, ma è funzionale al progetto tecnico perché il nostro vivaio possa crescere. Stanno arrivando i primi risultati, ma sarà davvero un vivaio all'altezza quando da esso arriveranno giocatori in prima squadra con una  certa continuità.
Quando avremo raggiunto questo risultato sarà più facile ottenere risultati. Poi è ovvio che una struttura del egnere dovrà anche autofinanziarsi, avrà bisogno di manutenzione.
Lo Monaco ha pure detto che se ci radichiamo in Serie A per 3-4 anni, è doveroso tentare di ottenere qualcosa di più di una salvezza tranquilla. Che c'è di male in questo discorso, considerato pure che mai, nel calcio moderno, abbiamo ottenuto i risultati di questi ultimi anni?

Poi che i tifosi abbiano dato tanto al Catania è vero, ma d'altra parte è anche doveroso (e qui do per scontato che non consideriamo tifosi quelli che per anni hanno procurato alla società ingenti danni di immagine e multe con comportamenti idioti), ma la città intesa come istituzione non ha fatto assolutamente nulla per il Catania. Se ti ricordi il famoso assessore Strano ha solo promesso, poi ancora ci deve centinaia di migliaia di euro per una sponsiorizzazione rimasta non retribuita, mentre i suoi successori sono riusciti nell'impresa di farci fare una malacumpassa planetaria con il manto erboso di Catania-Genoa, salvo poi inaugurare in pompa magna il nuovo manto erboso poche settimane più tardi. E che dire della disponibilità nell'individuare l'area in cui far sorgere il celeberrimo Centro Sportivo? Si sono impegnate di più le istituzioni di Mascalucia. E ancora, pensi sia stato facile trovare campi adatti alle tante squadre giovanili, e i soldi necessari alla messa a norma del Massimino? E la convenzione per la gestione dello stadio?

Ultimo, ma non da meno, riguardo all'abbonamento: io sono soddisfatto dello spettacolo che ha offerto il Catania quest'anno in casa, già la partita con la Fiorentina valeva per intero il prezzo della tessera, poi ci sono state tante altre belle partite, nessuno è venuti qui a passeggiare, nemmeno le grandi, che hanno fatto tutte, chi più chi meno , malacumpassa. Certo, ci sono stati anche gli incidenti con Torino e Reggina, ma non mi pare che si potesse rimproverare nulla alla squadra, che ha dato tutto. Quindi credo che non ti devi preoccupare del prossimo anno: se le non si ripeteranno questi standard non sarà colpa del centro sportivo.
Ciao!

« Ultima modifica: 29 Maggio 2008, 06:11:58 pm da Redazione »

Offline tomsriver

  • Utente
  • ****
  • Post: 502
Re: Il Pomofiore
« Risposta #17 il: 29 Maggio 2008, 01:01:32 pm »
Attenzione Bua
non credere che il "centro sportivo", quando nascerà, sia la panacea di tutti i mali che affliggono la nostra provincia in generale ed il settore sportivo in particolare.
Si tratta di un progetto a lunga scadenza, i cui primi frutti li vedranno forse i nostri figli: anzitutto occorre programmarlo, costruirlo, attrezzarlo ed avviarlo.  Successivamente occorre far crescere una nuova generazione di futuri campioncini.

Se lo scopo principale sarà quello di costituire il "vivaio" da cui pescheranno sia la squadra principale, sia le squadre di serie inferiori, beh, allora "stuiammini u' mussu" perchè i primi risultati li vedremo forse tra parecchi anni !!!

Inoltre c'è da considerare che un "centro sportivo", creato dal nulla, senza un più che valido progetto che interagisca con le altre forze politiche, imprenditoriali ed amatoriali della nostra provincia, rischia di rivelarsi la classica cattedrale nel deserto. Non per nulla quei centri di Bergamo, Empoli, Bologna, ecc., si trovano tutti al nord !
 Pulvirenti per la verità ha dimostrato di saperci fare nella gestione delle sue attività imprenditoriali, però quello del "centro sportivo" sarebbe una esperienza unica, cui al sud nessuno è abituato.  Vedremo cosa uscirà fuori dal suo cappello a cilindro.

Io perciò, anche se più volte ho manifestato un credito incondizionato all'attuale dirigenza del Catania per ciò che riguarda l'aspetto squisitamente sportivo, tuttavia non gongolo certamente per l'avvio di una attività che potrebbe distogliere la dirigenza dal seguire le vicende sportive della nostra squadra che, suppongo, sia la cosa a cui teniamo tutti maggiormente.
Ciao

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
Re: Il Pomofiore
« Risposta #18 il: 29 Maggio 2008, 02:45:12 pm »
Carissimo Antonio,

Mah...forse i miei post non li leggi con molta attenzione 8D...va bè ci riprovo:

A me il personaggio Lo Monaco non piace...NON MI PIACE...non mi piace perchè sembra un incrocio fra Sgarbi e berlusconi...sempre alla ricerca della rissa, della censura per chi non la pensa come lui e del culto della personalità... 8-)

Questo l'ho sempre detto e scritto....magari in forme diverse, magari dicendo che ha la capacità di passare dalla parte della ragione a quella del torto e cose simili, ma l'ho sempre asserito...e tu lo dovresti sapere perchè te l'ho anche detto di persona...ma va bene pure questo! 8D

Se poi per te criticare costruttivamente...perchè stiamo parlando di critiche costruttive Antonio o no!?...vuol dire lasciare i microfoni di una radio aperti a chi in anonimato si dedica all'insulto libero...o farlo passare per un incapace che ha ottenuto questo popò di risultati solo per cu.lo...o banalizzare e denigrare i progetti suoi e di Pulvirenti...o dire che infondo non è nulla di serio che grandissime Società si interessino i nostri calciatori...o attaccarlo perchè mette come priorità il bilancio societario per la campagna acquisti...o fare il solito elenco dei giocatori da lui scelti che hanno fallito omettendo che quelli indovinati sono di gran lunga superiori...etc. etc...

Beh, Antonio...allora diciamo che abbiamo due concezioni diverse del termine "critica costruttiva"  8-)...perchè penso, e modestissimamente ci credo, che quando si critica in maniera costruttiva non bisognerebbe superare certi paletti se si vuol essere credibili...altrimenti si personalizza lo scontro (come fai tu e molti come te) e si rischia solo di far passare per verità quel detto catanese che dice "niuru cu niuru non tingi"....insomma, si diventa arroganti, presuntuosi, vuccazzari e convinti possessori della Verità Divina proprio come l'A.D. 8D

E non solo Antonio...non solo!
Si rischia di passare per colui che non conosce la storia del Calcio Catania 1946, perchè magari...quando giocavamo all'oratorio dell'Eccellenza e del CND, quando per tornare in B (in B Antonio...in B!) ci abbiamo impiegato 15 anni e ci ha dovuto pensare Gaucci perchè tranne Massimino nessun imprenditore a Catania s'è presa la briga di investire seriamente nel calcio, quando anelavamo ad avere una rosa di calciatori di proprietà e non essere considerati il posteggio dei grandi magazzini Galex...si seguiva comodamente seduto in poltrona altre squadre recitanto un altro degli slogan tipici del catanese medio: "...appoi quannu u Catania va 'nda serie A allura ci vaiu o stadiu..."

Questa città non ha dato nulla al Catania, Antonio, lo riscrivo e lo sottoscrivo...e non c'era bisogno che ti riferissi ai tifosi perchè sai benissimo che non è a loro (noi!) che mi riferisco...e non c'è nemmeno bisogno di stare all'interno dell' Amministrazione comunale per vedere certe cose...Bua, in questo senso è stato chiarissimo e non credo proprio sia un politico o un comunale.

Quello che proprio non riesci a capire è che in A il Catania deve confrontarsi, appunto, con città anche grandi quanto un solo quartiere di Catania...ma che ha differenza della nostra città hanno un tessuto economico-imprenditoriale per sette volte superiore al nostro, favorito anche da una Pubblica Amministrazione che funziona e da un opinione pubblica più serena e meno presuntuosa...di qui la lunga tradizione di squadre che tranquillamante scendono dalla A alla B e con altrettanta tranquillità risalgono... 8D

Credo proprio che se Pulvirenti potesse operare in una di quelle realtà, altro che salvezza all'ultimo minuto...e a tal proprosito da quell'intervista a Salastampa, Antonio, forse ti sei perso il passaggio dove Lo Monaco diceva che il Catania per le politiche che ha adottato fino a questo momento, avrebbe ammortizzato con relativa facilità una retrocessione in B, avendo i mezzi per ripartire.... 8-)...una delle sue stro.nzate immagino no!? 8D

Infine, da quello che hai scritto finora, ti ribadisco che nè tue nè tanto meno quelli che attaccate così violentemente Lo Monaco sareste tifosi che accetterebbero un retrocessione con lo stesso spirito con cui l'accettano ad Empoli, a verona o a Parma... 8-)

E, credimi Fratello, non questione di Lo Monaco....pure ci fosse Padre Pio A.D. del Catania...è nella nostra natura! 8D

Ciao


TOM...scusami, ma perchè Reggina, Cagliari e altre società non distolgono l'attenzione sulle vicende sportive e lo deve fare per forza il Catania Calcio!?

Un'altra cosa...proprio per rispondere alle tue preoccupazione circa il coinvolgimento di altre forze...Pulvirenti ha detto in più riprese che il Centro Sportivo che ha in mente, oltre al calcio, darà dimora alle altre realtà sportive che stando dando lustro allo sport catanese... leggasi la Pallavolo, il Rugby e la Pallanuoto... insomma una sorta di Polisportiva catanese. Io la trovo una cosa eccezionale per la tradizione di questa città, poi ognuno è libero di dire quello che crede... 8D
« Ultima modifica: 29 Maggio 2008, 06:25:21 pm da Redazione »
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5170
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Il Pomofiore
« Risposta #19 il: 29 Maggio 2008, 02:53:40 pm »
Attenzione Bua
non credere che il "centro sportivo", quando nascerà, sia la panacea di tutti i mali che affliggono la nostra provincia in generale ed il settore sportivo in particolare.
Si tratta di un progetto a lunga scadenza, i cui primi frutti li vedranno forse i nostri figli: anzitutto occorre programmarlo, costruirlo, attrezzarlo ed avviarlo.  Successivamente occorre far crescere una nuova generazione di futuri campioncini.

Se lo scopo principale sarà quello di costituire il "vivaio" da cui pescheranno sia la squadra principale, sia le squadre di serie inferiori, beh, allora "stuiammini u' mussu" perchè i primi risultati li vedremo forse tra parecchi anni !!!

Inoltre c'è da considerare che un "centro sportivo", creato dal nulla, senza un più che valido progetto che interagisca con le altre forze politiche, imprenditoriali ed amatoriali della nostra provincia, rischia di rivelarsi la classica cattedrale nel deserto. Non per nulla quei centri di Bergamo, Empoli, Bologna, ecc., si trovano tutti al nord !
 Pulvirenti per la verità ha dimostrato di saperci fare nella gestione delle sue attività imprenditoriali, però quello del "centro sportivo" sarebbe una esperienza unica, cui al sud nessuno è abituato.  Vedremo cosa uscirà fuori dal suo cappello a cilindro.

Io perciò, anche se più volte ho manifestato un credito incondizionato all'attuale dirigenza del Catania per ciò che riguarda l'aspetto squisitamente sportivo, tuttavia non gongolo certamente per l'avvio di una attività che potrebbe distogliere la dirigenza dal seguire le vicende sportive della nostra squadra che, suppongo, sia la cosa a cui teniamo tutti maggiormente.
Ciao

Certamente Tom, ci vorrà del tempo, ma se non si comincia... pensa se avessero pensato a metterci mano anche solo 10 anni fa. Non dico che sia la panacea di tutti  i nostri mali, ma vuoi mettere che se si rompe la caldaia in un impianto destinato alla primavera chiami un tecnico e la fai riparare invece di aspettare che si riunisca il consiglio comunale?! Magari anche i pulcini di adesso potranno giovarsene, crescendo meglio. Insomma, invece di sfornare un Russo ogni vent'anni forse ne avremo uno ogni 7, o qualcosa del genere.

Riguardo la cattedrale nel deserto, il Catania già lo è di per sè, se diventa più ricca acquisendo una struttura moderna male non gli fa e poi non è che Reggio Calabria sia ai vertici delle classifiche di vivibilità.

Il mio pensiero è che non bisogna diffidare del fatto che si facciano discorsi da buon padre di famiglia in seno alla società, ma bisogna esserne contenti perché in questo modo è più probabile vivere bene e a lungo, molto di più che fare investimenti a termine "affittando" dei presunti campioni che prima o dopo, anche se dovessero lasciare una traccia nella nostra storia, andranno via.
Ciao!
« Ultima modifica: 29 Maggio 2008, 06:30:38 pm da Redazione »

Offline MALATO PO CATANIA

  • Utente
  • ****
  • Post: 941
!
« Risposta #20 il: 29 Maggio 2008, 03:53:55 pm »
Citazione
Beh, Antonio...allora diciamo che abbiamo due concezioni diverse del termine "critica costruttiva"  ...perchè penso, e modestissimamente ci credo, che quando si critica in maniera costruttiva non bisognerebbe superare certi paletti se si vuol essere credibili...altrimenti si personalizza lo scontro (come fai tu e molti come te) e si rischia solo di far passare per verità quel detto catanese che dice "niuru cu niuru non tingi"....insomma, si diventa arroganti, presuntuosi, vuccazzari e convinti possessori della Verità Divina proprio come l'A.D. 



Gaspare ... che dirti? Non penso d'essere mai stato vuccazzaro e neanche ho preteso un riconoscimento ufficiale da parte dei forensi tutti sulle mie opinioni, ho solo scritto in maniera "libera" il mio pensiero.
Pensiero che scaturisce non da voci di corridoio o da emittenti che amano tenere i microfoni aperti a disposizione del primo denigratore, ma semplicemente da quello a cui ho personalmente assistito.
Che poi la mia idea sia sbagliata e la tua giusta ci può stare, ma la cosa importante che io non ho mai avuto l'intenzione di cercare scontri con nessuno.
Credibile? Io di sicuro lo sono poichè non ho altro interesse al di fuori della mia squadra; parlo per il bene suo e tutto ciò che scrivo o intrapendo in questo senso lo faccio esclusivamente in veste di tifoso e nulla più.

Per me Lo Monaco è Lo Monaco, e non è né Sgarbi, né Berlusconi, né Travaglio, né Santoro, se lo attacco violentemente come dici tu, lo faccio perchè non reputo serio il modo come lui interagisca con l'ambiente!
Ma ti ripeto, può darsi che mi sbagli (e che male c'è?). In tutti casi mi assumo ogni responsabilità di quello che scrivo e sono pronto a riponderne in qualsiasi momento.
Questo sempre in nome della mia presunzione.... ;-)


Citazione
Infine, da quello che hai scritto fin'ora, ti ribadisco che nè tue nè tanto meno quelli che attaccate così violentemente Lo Monaco sareste tifosi che accetterebbero un retrocessione con lo stesso spirito con cui l'accettano ad Empoli, a verona o a Parma...


Gaspare io ho accettato "sportivamente" una radiazione dal calcio professionistico; ho accettato l'umiliazione di vedere la mia squadra costretta ingiustamente a giocare a Gravina, Ganci, ......; sono andato a seguire il Catania con tanto di sciarpa al collo nei polverosi campi del nostro entroterra, sopportando anche l'ironia di qualche acese(amico mio) che in quel momento rappresentava "il calcio che contava"; ho accettato persino l'arroganza dei Gaucci ..... e pensi che non avrei accettato un errore di percorso?

Quello che non accetto però è l'idea che qualcuno pensi che sia uno stupido o che consideri la mia opinione di tifoso irrilevante.

Detto questo non penso di aver espresso pensieri destabilizzanti o addirittura denigratori.
Sul centro sportivo sono d'accordissimo, solo penso che deve essere un progetto imprenditoriale che la società deve espletare nei giusti tempi, senza portarlo come imposizione nel rapporto coi tifosi! Tutto qua! Qual'è il problema?
Se poi per esprimere quest'elementari concetti devo avere preparazione e professionalità acquisita in materia, allora il discorso cambia! Ma qui sicuramente non sarò io a peccare di presunzione ...... ;-)!

Non si tratta di arrampicarmi su niente! E' una mia opinione e come tale può essere sbagliata: non ho nessun dono divino eccetto quello di sopportare un cugino ultras palermitano ...... ::)!

La politica Gaspare a Catania la conosciamo tutti: io aspetto ancora dal 1983 lo stadio a Pantano D'Arci della giunta Munzone (ti ricordi?). Io non mi aspetto nulla nè da Strano, nè da Scapagnini, Bianco o chicchessia; so quanto valgono i politici nostrani e questo non solo in tema sportivo!
Pulvirenti ha avuto il grande merito di rendersi indipendente da certe logiche, quello che in passato non è avvenuto con altri e le conseguenze le abbiamo vissute tutti (tu parli di Catania-Genoa: io mi ricordo un Catania-Cesena in serie A, stagione 1983, con il campo in terra battuta....). Io l'ho estromessa dalla mia passione, così come ho sempre distinto politica da sport! Per me allo stadio "NOI SIAMO IL CALCIO CATANIA" a prescindere dalle convinzioni religiose e politiche! Ma questo c'entra poco e niente!
Non penso che Pulvirenti abbia sposato la causa Calcio Catania nella speranza che la politica collaborasse attivamente con lui, ma son sicuro che la certezza che gli sportivi fossero dalla sua parte l'ha sempre avuta fin dall'inizio!
E qui ... ci ha azzeccato!

Detto questo mi auguro che di essere stato chiaro!
Arriposati
Ciao
NOI SIAMO IL CALCIO CATANIA
MALATO PO CATANIA