Autore Topic: UNA VOLGARE SPECULAZIONE....  (Letto 12720 volte)

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 700
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #15 il: 19 Luglio 2006, 07:58:25 pm »
Bum!!! Dividiamo per 10 e forse ci siamo.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5505
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #16 il: 19 Luglio 2006, 08:36:59 pm »
Citazione da: "Testa Dura"
Sì, sì , quante storie, ma in un certo periodo i tifosi del ct erano scomparsi: tutti tifosi dell'Atletico, o delle solite Juve, Inter, Milan, ecc. ecc., se non dell'Acireale (ricordo le bandiere granata a Valverde e persino a Cerza per la promozione in b).
Ora tutti rivendicate una purezza originaria, ma i numeri vi danno torto. chi di voi era veramente a seguire il ct nell'eccellenza? Secondo me, nessuno, anche se ora parlate di fedeltà e di altro bla bla...
Io invece seguirò la mia umile cloaca (altro termine da aggiungere alle dolcezze riservatemi) dovunque e in qualunque serie e lo stesso faranno tutti i tifosi acesi. Avere allo stadio più presenze dell'anno scorso in C1: questo sarebbe il grande risultato e la grande vittoria (ammesso che si faccia la squadra).

Ti assicuro che c'eravamo (Santo, a Gangi almeno in 2500, con la Juveterranova 21000). Già al nostro ritorno in C2 l'atletico si è dovuto ridimensionare.
Tu che sei così solidale con gli atletisti, vorrei vedere come l'avresti presa  se Tabita o Proto avessero comprato l'Acireale invece del Mascalucia e della Leonzio per trasferirla a Catania e chiamarla Atletico.
Che a Valverde o a Cerza ci siano degli acesi non stupisce.
La cosa che infastidisce è che abbandonare il Catania per l'atletico e giudicato lecito in nome di non meglio precisati "ideali" e "valori" (che si riferiscano alla categoria superiore?) ma l'inverso no... Se non è malafede questa...
Ciao!

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #17 il: 19 Luglio 2006, 11:17:06 pm »
Testazza di ficurinia

Eccoti due stralci di articoli di quegli anni...


Da "Il Corriere dello Sport" del 5 novembre 1993
0-0 CONTRO IL PATERNÓ
Cibali in festa per il debutto nell’Eccellenza: ottomila tifosi, il sindaco, la banda. E un protagonista su tutti: Massimino
Catania, città a forma di cuore
Grande commozione e splendido show sugli spalti, perdonato anche Matarrese. Squadra viva, ma la gara non ha avuto storia
Dall’inviato Alberto Pagliari
CATANIA - Al cuore non si comanda. Il vero Catania è questo, non importa se lo hanno sbattuto tra i dilettanti. La gente ha risposto all’appello, la festa è di quelle che mozzano il fiato. Tre mesi hanno atteso, tre lunghissimi mesi senza mai perdere la fede. E alla prima chiamata di Massimino hanno risposto in tanti. Tribuna piena, curve con poche defezioni. Ottomila, forse di più. Una stima non è possibile farla visto che il presidente per richiamare a raccolta la sua gente ha concesso alle donne e ai ragazzi l’ingresso gratuito. Il prologo ha strappato anche qualche luccicone. La banda in campo, il drappo del Catania portato sotto le curve da una trentina di ragazzi perfino un quadro raffigurante l’ultimo Catania, quello dell’83, quando militava in serie A, portato in processione sotto la tribuna. [....]




Da "La Sicilia" del 14 maggio 1995
Scortata da 2500 tifosi, la squadra rossazzurra conquista vittoria e promozione sul campo madonita
Catania in gloria a Gangi

Nella ripresa Busetta e i suoi oltre ogni ostacolo
Trionfo finale per Massimino, il tecnico, gli atleti

Di Luigi prestinenza
GANGI – Come su una nuvola. Scortato da duemila e più tifosi, che hanno scatenato un chiasso infernale, e come ravvolto e trasportato dal loro entusiasmo, il Catania passa a Gangi, concludendo vittoriosamente il campionato con una promozione, il che non accadeva più dall’83, l’estate degli spareggi romani per la A. Passa superando una serie di handicap: il risultato obbligato di vittoria (ma poi l’antagonista Milazzo ha finito per pareggiare in casa), l’avversario pericolante e «disperato», ma soprattutto il disagio del campo, ristretto e con un fondo impossibile, che non si vede come possa essere omologato per un torneo con etichetta nazionale, sia pur di dilettanti. Dicono che di solito venga innaffiato, ciò che ieri non è avvenuto, non so se a bella posta: comunque giocarvi e organizzarvisi non è stato uno scherzo [....]



Tu puoi solo sognare un amore cosi' :D

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 700
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #18 il: 20 Luglio 2006, 09:32:38 am »
E allora? Ammesso e non concesso che le cifre citate siano vere (di solito i dati del ct sono pompati all'inverosimile) i presunti 2.500 tifosi a Gangi sono circa lo 0,5% della popolazione di ct e del suo hinterland e i presunti 8.000 il 2%. Fatte le proporzioni con il bacino di utenza, che si devono sempre fare, non è altro che l'equivalente di 250 tifosi dell'Acireale in trasferta (per una promozione!) o di 800 in casa senza pagare.
Come vedi non si tratta per niente di cifre elevate, che anzi dimostrano come il grosso della tifoseria catanese si fosse distaccato clamorosamente dal ct. Se il prossimo anno riusciremo a fare un campionato (pulvirenti permettendo) la tifoseria granata farà senz'altro di meglio.
Quanto alle osservazioni di bua, non replico più di tanto perché rispetto chi allora è rimasto fedele al ct, anche se la tifoseria dell'Atletico era per molti versi migliore e esprimeva la volontà di dare un'immagine presentabile a ct (che non aveva e continua a non avere, vi piaccia o no). Quello che dico è che, dati alla mano, ritengo statisticamente improbabile che tutti quelli che in questo forum si professano tifosi del ct "da sempre" lo siano effettivamente stati.
FORZA ACIREALE, comincio a pensare che le disgrazie di quest'anno siano l'inizio di nuove fortune.

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Missa cantata
« Risposta #19 il: 20 Luglio 2006, 09:55:14 am »
Santo e Gaspare....
Il buon Toto' diceva che ogni limite ha una pazienza.

Il mio limite e' stato superato abbondantemente.
Il buon Testa di Legno dovrebbe peritarsi di parlare di cose che sa.
Si sbizzarrisca sui trascorsi Acesi, fantastichi pure sul libero stato di Acilandia... Ma sulle presenze e sui numeri del Catania dall'Eccellenza alla A lui non sa un benemerito nulla. Quando non sai di cosa parli,
dovrestui stare zitto, invece Testa di Legno sproloquia, more solito.
E io sono stanco di leggere i suoi sproloqui!

A Catania non vinceremo mai il premio simpatia. Ma per questa squadra
"lassamu soddi a cuntari....."
Sarebbe ora che Testa di Legno ne prendesse atto. Invece di svolazzare puerilmente sui prati della provocazione gratuita ed offensiva!

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #20 il: 20 Luglio 2006, 10:24:03 am »
Marcuzzu te l'appoggio :D


Testazza di ficurinia, deciditi o abbiamo abbandonato la squadra in Eccellenza o eravamo in pochi :D .Basta che ti decidi :lol:


A Gangi eravamo 2500 perche' Gangi e' un piccolo paese di 2000 anime, e la gente era seduta sulla montagna per vedere la partita. 8000 persone per l'eccellenza quando in serie A ci sono medie di 600-7000 sono una gran bella cifra. Noi non siamo simpatici perche' proseguiamo per la nostra strada senza cercare simpatie. Siamo arroganti da 2700 anni, ma ci rispettano tutti. Fai una cosa, in Eccellenza portati Catania atletista, avrete bisogno di far numero :D

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Missa cantata
« Risposta #21 il: 20 Luglio 2006, 10:58:59 am »
Citazione da: "marco-69"
Santo e Gaspare....
Il buon Toto' diceva che ogni limite ha una pazienza.

Il mio limite e' stato superato abbondantemente.
Il buon Testa di Legno dovrebbe peritarsi di parlare di cose che sa.
Si sbizzarrisca sui trascorsi Acesi, fantastichi pure sul libero stato di Acilandia...Ma sulle presenze e sui numeri del Catania dall'Eccellenza alla A lui non sa un benemerito nulla. Quando non sai di cosa parli,
dovrestui stare zitto, invece Testa di Legno sproloquia, more solito.
E io sono stanco di leggere i suoi sproloqui!

A Catania non vinceremo mai il premio simpatia. Ma per questa squadra
"lassamu soddi a cuntari....."
Sarebbe ora che Testa di Legno ne prendesse atto. Invece di svolazzare puerilmente sui prati della provocazione gratuita ed offensiva!





No Marco... diciamo le cose come stanno e non facciamo i soliti catanesi che ribaltano la realtà: Testa di Scecco non provoca gratuitamente e non offende! :roll:

Lo ha già scritto e questo continuare a non dire la verità è davvero sintomo di quanto degradante, falso e abbietto ci sia nel catanese... soprattutto in Pulvirenti :lol:  :lol:  :lol:

Detto questo, cercando di essere seri (con un tizio simile è difficile, ma ci proviamo!), Marco, la stanchezza nasce dal fatto che si cerca di dialogare con un essere mononeuronico :shock:

Non ci vuole molto per accorgersene o hai bisogno che la ASL di Acireale ti mandi il suo certificato medico!!??  :lol:  :lol:  :lol:  8)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Missa cantata
« Risposta #22 il: 20 Luglio 2006, 11:04:33 am »
Citazione da: "marco-69"
Santo e Gaspare....
Il buon Toto' diceva che ogni limite ha una pazienza.

Il mio limite e' stato superato abbondantemente.
Il buon Testa di Legno dovrebbe peritarsi di parlare di cose che sa.
Si sbizzarrisca sui trascorsi Acesi, fantastichi pure sul libero stato di Acilandia...Ma sulle presenze e sui numeri del Catania dall'Eccellenza alla A lui non sa un benemerito nulla. Quando non sai di cosa parli,
dovrestui stare zitto, invece Testa di Legno sproloquia, more solito.
E io sono stanco di leggere i suoi sproloqui!

A Catania non vinceremo mai il premio simpatia. Ma per questa squadra
"lassamu soddi a cuntari....."
Sarebbe ora che Testa di Legno ne prendesse atto. Invece di svolazzare puerilmente sui prati della provocazione gratuita ed offensiva!




No Marco... diciamo le cose come stanno e non facciamo i soliti catanesi che ribaltano la realtà: Testa di Scecco non provoca gratuitamente e non offende! :roll:

Lo ha già scritto  e questo continuare a non dire la verità è davvero sintomo di quanto di degradante, falso e abbietto ci sia nel catanese... soprattutto in Pulvirenti :lol:  :lol:  :lol:

Detto questo, cercando di essere seri (con un tizio simile è difficile, ma ci proviamo!), Marco, la stanchezza nasce dal fatto che si cerca di dialogare con un essere mononeuronico :shock:

Non ci vuole molto per accorgersene o hai bisogno che la ASL di Acireale ti mandi il suo certificato medico!!??  :lol:  :lol:  :lol:  8)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5505
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #23 il: 20 Luglio 2006, 12:14:51 pm »
Ricordo, non per rispondere a chi nega l'evidenza, ma come per non dimenticare le nostre recenti vicissitudini, anche i 20.000 di Catania-Turris 0-0 per i play-off persi nel 96-97 (lo stadio non aveva le tribune agibili, ed eravamo tutti schiacciati in curva, è stato pure pericoloso), i 25.000 di Catania-FC Messina Peloro del 25 aprile 1999, i 21.000 di Catania-JuveTerranova nella gara che ci diede il punto del sospirato ritorno in C1, ma anche i 400 della trasferta (ininfluente) a Trieste nell'ultima gara esterna della stagione 2003-2004.
Non parlo poi dei tristi play-off per la B del 2001 e di quel Catania-Taranto del 2002. O ancora, lo stesso anno, il 3-0 allo stesso taranto il 10.03.2002, quando la curva nord rispose con ironia da oscar ai pesanti insulti-bestemie subite da S. Agata nella gara d'andata.

Ho anche un vago ricordo il Tupparello semideserto al secondo anno in B con tanti mugugni perché allora la squadra locale lottava per salvarsi, ma deve essere una proiezione della mia fantasia.

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Provocazione
« Risposta #24 il: 20 Luglio 2006, 12:46:30 pm »
Gaspare, in questo forum abbiamo esempi a bizzeffe di provocatori tollerati. La Redazione da ampia liberta' di pensiero a tutti.
Addirittura dà spazio alle loro proteste, dimentica del veleno che loro per primi sputano.
Qui, da un anno circa, un cerebroleso infanga un'intera comunita', la piu' numerosa presente su questo pubblico forum.

Ma non ricordo nessuna presa di posizione da parte della Redazione.
Liberta' di pensiero e di opinione.
Solo che la liberta' di opinione spesso e' travalicata in liberta' di diffamazione. E a me questo non sta bene. Per il resto Gaspare lasciagli scrivere che abbiamo una squadretta, che retrocederemo in B, che siamo schiavi di Pulvirenti..... Tutte cavolate, i primi a saperlo, nel loro delirio epatico, sono proprio loro.

Ma vilipendere anche Catania e i Catanesi con messaggi razzisti e xenofobi... Gaspare, a questo si DEVE dare un taglio. Netto!

Offline CATANIA ATLETISTA

  • Utente
  • *
  • Post: 40
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #25 il: 20 Luglio 2006, 02:30:25 pm »
Citazione da: "Testa Dura"
E allora? Ammesso e non concesso che le cifre citate siano vere (di solito i dati del ct sono pompati all'inverosimile) i presunti 2.500 tifosi a Gangi sono circa lo 0,5% della popolazione di ct e del suo hinterland e i presunti 8.000 il 2%. Fatte le proporzioni con il bacino di utenza, che si devono sempre fare, non è altro che l'equivalente di 250 tifosi dell'Acireale in trasferta (per una promozione!) o di 800 in casa senza pagare.
Come vedi non si tratta per niente di cifre elevate, che anzi dimostrano come il grosso della tifoseria catanese si fosse distaccato clamorosamente dal ct. Se il prossimo anno riusciremo a fare un campionato (pulvirenti permettendo) la tifoseria granata farà senz'altro di meglio.
Quanto alle osservazioni di bua, non replico più di tanto perché rispetto chi allora è rimasto fedele al ct, anche se la tifoseria dell'Atletico era per molti versi migliore e esprimeva la volontà di dare un'immagine presentabile a ct (che non aveva e continua a non avere, vi piaccia o no). Quello che dico è che, dati alla mano, ritengo statisticamente improbabile che tutti quelli che in questo forum si professano tifosi del ct "da sempre" lo siano effettivamente stati.
FORZA ACIREALE, comincio a pensare che le disgrazie di quest'anno siano l'inizio di nuove fortune.


Concordo con te che l'immagine della tifoseria del 46 e' pessima in tutta italia... anche da questa constatazione nasceva l'idea nobile del dottor Franco Proto... il voler riportare le famiglie allo stadio, il cercar di non aver piu' paura di 4 balordi con magliette xenofobe e che richiamano ad uno dei periodi piu' degradanti dell'Italia (il ventennio). La Catania civile e per bene aderi' subito all'iniziativa e da qui la fama che noi atletisti ci portiamo dietro, e cioe' di salvaguardare i valori piu' sinceri e genuini della societa' catanese, vilmente offesi dalla tifoseria del 46, che si e' pure macchiata di episodi nefasti che purtroppo tutti conosciamo....

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Redazione
« Risposta #26 il: 20 Luglio 2006, 02:39:19 pm »
"... La Catania civile e per bene aderi' subito all'iniziativa e da qui la fama che noi atletisti ci portiamo dietro, e cioe' di salvaguardare i valori piu' sinceri e genuini della societa' catanese, vilmente offesi dalla tifoseria del 46, che si e' pure macchiata di episodi nefasti che purtroppo tutti conosciamo..."

La Redazione non ha nulla da dire di fronte a questo scempio?
Non ha nulla da aggiungere alle farneticazioni, al qualunquismo, al disprezzo che trasuda questo POST?

La censura esiste solo per Mauro Spina?

Contenti voi, ma a io di un forum siffatto non so cosa farmene!

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5505
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #27 il: 20 Luglio 2006, 02:53:15 pm »
Citazione da: "CATANIA ATLETISTA"

Concordo con te che l'immagine della tifoseria del 46 e' pessima in tutta italia... anche da questa constatazione nasceva l'idea nobile del dottor Franco Proto... il voler riportare le famiglie allo stadio, il cercar di non aver piu' paura di 4 balordi con magliette xenofobe e che richiamano ad uno dei periodi piu' degradanti dell'Italia (il ventennio). La Catania civile e per bene aderi' subito all'iniziativa e da qui la fama che noi atletisti ci portiamo dietro, e cioe' di salvaguardare i valori piu' sinceri e genuini della societa' catanese, vilmente offesi dalla tifoseria del 46, che si e' pure macchiata di episodi nefasti che purtroppo tutti conosciamo....


Non è un'idea molto originale, tutti vorremmo poter andare allo stadio con le famiglie, la tua interpretazione mi sembra alquanto estremista: su migliaia di persone, non puoi evitare che ci siano degli idioti, che sono quelli che, avendo seri problemi identificano la propria ragione di vita nella propria squadra di calcio, e vivono ogni sconfitta come un'umiliazione, riempendola di significati che una partita di calcio non può avere. Molto più facile limitare i danni (ma ricordo contestazioni anche un po' violente pure da parte degli atletisti) se si decide di creare un elite un po' snob ed escludere magari i ceti popolari dal tifo. Secondo me la strada giusta è un'altra, ed è quella di investire sulle scuole elementari, cercando di estirpare una mentalità sbagliata e diffusa fra tutte le tifoserie. Il vostro contributo in proposito, e lo dico come critica costruttiva, non è molto grande, dal momento che parlate con tono alquanto demagogico e razzista dei vostri stessi concittadini (e magari parenti). Forse non vi rendete conto di quanta violenza ci sia nei vostri interventi e in quelli di Testa Dura. Sembrerebbe quasi che siate voi stessi vittima di una mentalità troppo estremista.
Se visiti il mio sito (ma forse ne abbiamo già parlato) vedrai che c'è una pagina nera, dedicata a molte delle umiliazioni che ci siamo procacciati causando incidenti allo stadio che io ritengo siano le peggiori sconfitte per squadra e città. L'ho fatto perché ritengo che a Catania, la gran maggioranza dei cittadini non sia violenta, e che ci sia la possibilità di diventare, come tifoseria, un modello di civiltà. Credo che sia una strada molto più saggia e costruttiva che etichettare la maggioranza dei catanesi (cioè quelli che tifano Catania) come delinquenti vittime di sottocultura in nome di presunti e mai meglio definiti valori o ideali.
Ciao!

Offline CATANIA ATLETISTA

  • Utente
  • *
  • Post: 40
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #28 il: 20 Luglio 2006, 03:01:15 pm »
Citazione da: "bua"
Citazione da: "CATANIA ATLETISTA"

Concordo con te che l'immagine della tifoseria del 46 e' pessima in tutta italia... anche da questa constatazione nasceva l'idea nobile del dottor Franco Proto... il voler riportare le famiglie allo stadio, il cercar di non aver piu' paura di 4 balordi con magliette xenofobe e che richiamano ad uno dei periodi piu' degradanti dell'Italia (il ventennio). La Catania civile e per bene aderi' subito all'iniziativa e da qui la fama che noi atletisti ci portiamo dietro, e cioe' di salvaguardare i valori piu' sinceri e genuini della societa' catanese, vilmente offesi dalla tifoseria del 46, che si e' pure macchiata di episodi nefasti che purtroppo tutti conosciamo....


Non è un'idea molto originale, tutti vorremmo poter andare allo stadio con le famiglie, la tua interpretazione mi sembra alquanto estremista: su migliaia di persone, non puoi evitare che ci siano degli idioti, che sono quelli che, avendo seri problemi identificano la propria ragione di vita nella propria squadra di calcio, e vivono ogni sconfitta come un'umiliazione, riempendola di significati che una partita di calcio non può avere. Molto più facile limitare i danni (ma ricordo contestazioni anche un po' violente pure da parte degli atletisti) se si decide di creare un elite un po' snob ed escludere magari i ceti popolari dal tifo. Secondo me la strada giusta è un'altra, ed è quella di investire sulle scuole elementari, cercando di estirpare una mentalità sbagliata e diffusa fra tutte le tifoserie. Il vostro contributo in proposito, e lo dico come critica costruttiva, non è molto grande, dal momento che parlate con tono alquanto demagogico e razzista dei vostri stessi concittadini (e magari parenti). Forse non vi rendete conto di quanta violenza ci sia nei vostri interventi e in quelli di Testa Dura. Sembrerebbe quasi che siate voi stessi vittima di una mentalità troppo estremista.
Se visiti il mio sito (ma forse ne abbiamo già parlato) vedrai che c'è una pagina nera, dedicata a molte delle umiliazioni che ci siamo procacciati causando incidenti allo stadio che io ritengo siano le peggiori sconfitte per squadra e città. L'ho fatto perché ritengo che a Catania, la gran maggioranza dei cittadini, non sia violenta, e che ci sia la possibilità di diventare, come tifoseria, un modello di civiltà. Credo che sia una strada molto più saggia e costruttiva che etichettare la maggioranza dei catanesi (cioè quelli che tifano Catania) come delinquenti vittime di sottocultura in nome di presunti e mai meglio definiti valori o ideali.
Ciao!

Io ho gia' visitato il tuo sito e ti avevo pure fatto i complimenti per la sua obiettivita'... come da sempre leggo i tuoi interventi in questo forum, trovandoli spesso interessanti e ben argomentati. Noto pero' che da un po' di tempo la tua dialettica ha intrapreso una deriva violentemente anti-atletista, visto che ci hai definiti con il classico nomignolo di "aribbattuti" e tante altre ingenerose esternazioni nei nostri confronti ed in quelli di Franco Proto. Dov'e' andata a finire la tua obiettivita? Ciao.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5505
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
UNA VOLGARE SPECULAZIONE....
« Risposta #29 il: 20 Luglio 2006, 03:24:30 pm »
[quote="CATANIA ATLETISTA]Io ho gia' visitato il tuo sito e ti avevo pure fatto i complimenti per la sua obiettivita'... come da sempre leggo i tuoi interventi in questo forum, trovandoli spesso interessanti e ben argomentati. Noto pero' che da un po' di tempo la tua dialettica ha intrapreso una deriva violentemente anti-atletista, visto che ci hai definiti con il classico nomignolo di "aribbattuti" e tante altre ingenerose esternazioni nei nostri confronti ed in quelli di Franco Proto. Dov'e' andata a finire la tua obiettivita? Ciao.[/quote]
Hai ragione, ultimamente ho risposto a tono, ma solo perché "quando ci vuole ci vuole": non puoi accusare con quel tono violento i tuoi concittadini, gettare ombre su vittorie nitidi e pulite che ci hanno proiettato in Serie A "insieme ad una serie di valori positivi" (cito "la domenica sportiva"). E se permetti, sale il sangue agli occhi nel sentirsi rimproverare (o mettere in dubbio) di aver seguito la propria squadra nei dilettanti, sopportati mille soprusi con dignità, quando proprio gli atletisti l'hanno abbandonata in quei momenti. Con le mie risposte velenose (ma non certo violente e pesanti come le tue o quelle di testa dura) ho voluto fare capire quello che si prova a sentirsi accusare in quel modo.
Mi piacerebbe, invece, che ti compiacessi del fatto che Pulvirenti abbia concretizzato un sogno, costruendo l'ultimo successo su risorse siciliane e tante scommesse locali (Marino, Russo, Anastasi, Mascara, Marchese, Lucenti) e stia proseguendo su questa strada. Mi sembra che anche Proto parlava di radicamento sul territorio (pur non facendo nulla per concretizzare questo propposito).
Non tollero, e te lo ripeto, visto che in uno dei miei primi post la mia richiesta ti deve essere sfuggita, che si butti fango, in malafede su successi così sofferti e  meritati, che sento anche un po' miei proprio per l'attaccamento alla bandiera (che rimane identica a se stessa, mentre gli uomini passano) che fra l'altro sono costati la vita a Massimino e a tanti tifosi tuoi concittadini. Insomma, rispetto è quello che chiedo perché io te l'ho dato finché lo hai meritato: se vuoi parlare dei fatti di casa d'altri, almeno informati e parlane con obbiettività e con tono più umile, invece di sputare sentenze.
Ciao!