Autore Topic: XVIII giornata Cavese-Palermo  (Letto 2067 volte)

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8880
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
XVIII giornata Cavese-Palermo
« il: 07 Gennaio 2021, 01:14:24 pm »
Si ritorna in campo, che gioia.

Cava dei Tirreni rappresenta una delle mie prime delusioni calcistiche, una delusione durata una ventina d’anni e poi trasformatasi in un “talè...”. Correva l’anno 1984, era Primavera e il Palermo si giocava la permanenza in B dopo un girone d’andata in cui era stato pure in zona promozione. A Cava servivano punti, due in particolare e stavano pure arrivando grazie al solito gol di De Stefanis, difeso con in denti nel secondo tempo. Campo infuocato, giocatori avversari pronti a tutto, arbitro inadeguato al contesto, al 91’ Volpecina (mi pare) chiude lo spazio ad un attaccante campano che gli frana addosso da dietro, ma per l’arbitro è rigore. 1-1, un punto rubato che poi a fine anno si rivelerà decisivo e che non fu nemmeno un caso isolato in quella triste stagione.

Il Palermo era passato dalla conduzione tecnica di Giagnoni a quella del suo secondo, Graziano Landoni ed aveva fatto pure un paio di miracoli, come interrompere l’incredibile striscia dell’Atalanta di Sonetti con un eroico 2-0. Ora, si dà il caso che Graziano Landoni, dopo una vita dedicata al calcio, avesse mollato tutto per gestire un’attività commerciale nei pressi di quello che è stato il mio ultimo, ventennale, domicilio italiano.

Un giorno venne a casa mia per questioni di affari ed iniziammo a parlare di calcio. Quando ricordai quanto sfortunata fosse stata quella stagione, con tanti punti persi all’ultimo secondo, lui mi gelò dicendomi: “Ma se avevo giocatori che si vendevano le partite!”, e chiuse la discussione campionato 1983/84. Seguì quindi il mio sopracitato “Talè...”

Introduzione lunga. Me ne rendo conto e mi scuso di ciò. Tornando al presente mi dicono che Boscaglia si sia convertito definitivamente al 4-3-3, bene. Ma mi dicono pure che lo abbia già fatto da un paio di partite. Male. Perché onestamente io non me ne sono accorto o meglio, ho visto Odjer fare l’attaccante e Rauti giocare più sulla fascia, ma mi è sembrato qualcosa di molto diverso dal modulo utilizzato costantemente lo scorso anno dal vituperato Pergolizzi.
Sarà un mio limite.

Il mio 4-3-3 per sabato: Pelagotti; Accardi, Lancini, Somma, Crivello; Odjer, Martin, Luperini; Valente, Saraniti, Rauti.

Metterei sempre dentro Silipo e Lucca, ma, per motivi differenti, credo vadano ormai utilizzati in funzione anno prossimo, stando attenti a non deprimere troppo il primo e a non caricare di eccessive responsabilità il secondo.

Chiaramente Martin resterà un miraggio, me ne rendo conto, diciamo che al suo posto un Palazzi in forma potrebbe essere comprensibile, Broh assolutamente no. Ma mi aspetto di tutto, in negativo, ma anche in positivo, perché comunque Boscaglia in questa categoria rimane un assoluto fuoriclasse. Tocca a lui dimostrare di avere ragione se non su tutto almeno su gran parte delle cose che pensa e che chiede alla squadra di attuare.
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4923
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #1 il: 07 Gennaio 2021, 02:56:12 pm »
Metterei sempre dentro Silipo e Lucca, ma, per motivi differenti, credo vadano ormai utilizzati in funzione anno prossimo, stando attenti a non deprimere troppo il primo e a non caricare di eccessive responsabilità il secondo.

E, dato che siamo a gennaio, se Silipo chiedesse di essere ceduto? Dopo tutto è un giovane, ha già gli occhi di qualcuno puntati addosso e non gradirebbe tanto muffire in panchina. Dello stesso avviso, sicuramente, sarà il suo procuratore. A quell’età e con quel bagaglio tecnico che ti ritrovi devi pensare alla tua carriera, non a quella degli altri, devi giocare. Altro scontento potrebbe essere Floriano. Sono due ragazzi su cui come tifoseria avevamo grosse aspettative ma stiamo facendo a fine i tarallu (chi muriu senza tastallu ::)). Ed in più una domanda che mi è stata posta su FB sul mio post “Noi siamo il Palermo” e a cui non ho saputo rispondere: “chi è in questa squadra il leader, quello che le fa battere il cuore quando scende in campo, quello che la spinge a vedere la partita a tutti i costi, moglie, compagna, figli e lavoro incluso?” A pensarci bene non c’è, quelli che avrebbero dovuto esserlo non riescono a trovare spazio, non riescono ad emergere e chi gioca al loro posto sono dignitosi mestieranti senza gloria e senza infamia. E se non ci fosse la maglia di mezzo sarebbe come vedersi per l'ennesima volta la corazzata Kotiomkin di Fantozzi. 8-) 8-)
Però con Pergolizzi quel tipo di giocatore c'era (anche più di uno), mannaggia alla miseria.... 8-)

Ora al di là di tutta la bravura di Boscaglia, possiamo dirlo che però, per la rosa che avevamo già a disposizione, forse avremmo dovuto puntare su un profilo diverso? Sono pochissimi i superstiti dello scorso anno, Pelagotti, che non è un granchè e qualche altro. E se quest'anno abbiamo dovuto rifare tutta la rosa titolare, temo che per l’anno prossimo, sempre con Boscaglia, si dovranno rivedere tutte le riserve. A sto punto, Silipo e Floriano che te li tieni a fare (e rimarranno anche l'anno prossimo a fare panchina?)? Forse ci voleva un allenatore diverso, magari meno di grido ma più adeguato a quanto avevamo già in casa. O forse con questo novo modulo (neanch’io in verità ho visto cambiamenti) chissà......
« Ultima modifica: 07 Gennaio 2021, 03:20:35 pm da Sergio »
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #2 il: 08 Gennaio 2021, 09:58:46 am »
Affronteremo una squadra che non abbiamo mai battuto in trasferta, vedremo se verrà confermato o sfatato questo tabù.
Boscaglia cambia modulo? si lo aveva fatto anche nelle partite precedenti ma continuando a schierare Broh,che per me può fare solo panchina, e tenendo fuori l'unico giocatore che abbiamo capace di dare un minimo di geometrie a centrocampo, ovvero Martin.
Boscaglia predilige giocatori fisici e di grande corsa, d'accordo, ma qualcuno che abbia i piedi buoni lo devi avere in mezzo.
Sergio dici che, al netto delle qualità di Boscaglia, forse dovevano prendere un allenatore più adatto, e più adattabile aggiungerei io, agli uomini a disposizione? può essere.
Io rimango convinto del fatto che questo sia solo un anno di adeguamento e preparazione per il prossimo che invece sarà decisivo o quasi.
Vedremo.
« Ultima modifica: 08 Gennaio 2021, 10:00:42 am da turiddu »

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4923
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #3 il: 08 Gennaio 2021, 04:48:09 pm »
Sergio dici che, al netto delle qualità di Boscaglia, forse dovevano prendere un allenatore più adatto, e più adattabile aggiungerei io, agli uomini a disposizione? può essere.
Io rimango convinto del fatto che questo sia solo un anno di adeguamento e preparazione per il prossimo che invece sarà decisivo o quasi.
Vedremo.

Per l’anno prossimo punti individuati già da adesso. Punta di peso che non abbia bisogno di 10 occasioni da gol per farne uno solo, quindi via Saraniti. Bene Lucca se si allargasse le spalle e si concentrasse solo su cosa c’è da fare in campo.
Se Boscaglia vuole insistere col suo modulo preferito, uno sguardo va anche ai trequartisti.
Kanoutè promosso, Valente rimandato, Rauti quasi bocciato. Non può essere quello il suo ruolo che è una seconda punta o punta di movimento.
Tra i due centrali, Broh non si è rivelato all’altezza. Valente è ancora ingiudicabile, si salva Odjer. Martin non rientra nelle grazie di Boscaglia perché i due dietro devono anche saper difendere e con la Turris, Martin si è lasciato passare l’attaccante davanti. Di Luperini si dice che giochi fuori ruolo, a me è parso un combattente a tutto campo ma sembra che da lui si pretendano lampi di genio.
Dietro, togliendo Almici che sembra l’unica certezza, mi sembra ci sia tutto da rivedere. Non credo che l’anno prossimo si possano riproporre ancora Crivello e Accardi. Bene Marconi, deludente Somma, Corrado oggetto misterioso. Martin potrebbe andare via già adesso se trovasse una squadra, e si portasse via Doda perché la sua voglia di farsi buttare fuori contro la Casertana, il suo voler arrecare danno alla squadra, non li ho capiti. Infine un portiere. Quello attuale finora ci costa almeno 3 o 4 punti in meno.
Insomma, con questo scenario l’anno prossimo non occorrono quei 3 o 4 elementi che ti alzano il livello, ci vorrà tre quarti di squadra nuova, sia dovrà correggere l’11 titolare e rivedere tutte le riserve, oltre a risolvere i numerosi equivoci tattici, Luperini e Rauti su tutti. Di Silipo e Floriano ne ho scritto già ieri. Floriano è più avanti con l’età, l’anno prossimo avrà ancora un anno in più e volendo si potrebbe accontentare di essere un gregario qualunque. Ma a Silipo ci vugghi u sangu e quello attuale è un anno di carriera perso.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4923
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #4 il: 09 Gennaio 2021, 10:19:31 am »
Oggi partita importantissima per prendere coscienza delle sorti del nostro destino.
La Cavese è una squadra modesta, lo dice anche la classifica che la vede in ultima posizione con appena 8 punti. In casa non mai vinto, ha un solo pareggio e 7 sconfitte, ed ha segnato appena 2 gol. Un po’ meglio fuori casa ma noi oggi si gioca a Cava.
Tre, come sempre, le possibilità: vittoria, mezza sconfitta, sconfitta piena.
Una vittoria darebbe solo 3 punti e un briciolo di serenità. Inutile costruirci sopra chissà che o che tutti i problemi siano stati risolti, perché l’avversario è sin troppo modesto. Se non vinci contro queste squadre che speranze puoi avere di raddrizzare, anche parzialmente, questo campionato?
Una mezza sconfitta (ossia il pareggio) susciterebbe già parecchi mugugni, i problemi della squadra rimangono (campionato anonimo di mezza classifica e squadra incapace di trovare il punto di svolta), uno 0-0 stigmatizzerebbe ancor di più l’atavico problema del gol, un 2-2 certificherebbe che la nostra difesa è tutt’altro che affidabile e se ripasso in rassegna i gol balordi che abbiamo preso in queste prime 16 gare qualcosa che non va, dietro c’è di sicuro.
Una sconfitta, anche 1-0, con una gara giocata sotto tono, senza mordente (tipo Foggia), sarebbe un grosso campanello d’allarme da non sottovalutare, significherebbe, secondo me, che la squadra non crede più in quello che fa, non segue più il suo allenatore (o lo segue male) e dovrebbe essere quest’ultimo a risponderne. E’ una evenienza a cui è meglio non pensarci perché il problema non sarebbe di facile soluzione, Boscaglia secondo me è un intoccabile. E se si torna indietro con la memoria al periodo nero di Pergolizzi che malgrado tutto rimase al suoi posto, figuriamoci quanto possa essere utopistico, surreale, l’idea di sostituire Boscaglia.
Insomma la partita di oggi come minimo è delicatissima, al limite del fondamentale, il Palermo ha quasi tutto da perdere, guai a tornare da Cava a mani vuote, si potrebbe creare una situazione un po’ troppo difficile da gestire. Speriamo bene!
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #5 il: 09 Gennaio 2021, 04:22:43 pm »
Primo tempo terminato:Io credo che sarebbe molto meglio non andare ai playoff. Non abbiamo una squadra in grado di vincerli e sarebbe solo una perdita di tempo. Non sono convinto inoltre che ai playoff ci arriviamo se fatichiamo pure a battere l'ultima in classifica. Semplicemente siamo una squadra da metà classifica e nulla più. Per quest'anno questa è la zita. A me va benissimo.
Adesso vediamo cosa succede nella ripresa, io butterei nella mischia subito saraniti.

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #6 il: 09 Gennaio 2021, 05:35:59 pm »
Partita terminata con una vittoria ottenuta sul filo di lana. Il Palermo fatica troppo per andare in rete, è avvilente veder sprecare due-tre palle gol a partita. Oggi abbiamo sbagliato di tutto e c'è voluto un avversario in 10 per sbloccare il risultato. L'unica scusante è che si giocava su un campo di patate.
Che dire? siamo in C e forse le partite e la qualità delle squadre sono queste, ma io una punta di razza la prenderei, diversamente ci stiamo solo allenando e passando il tempo. Andiamo avanti.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8880
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #7 il: 09 Gennaio 2021, 05:37:08 pm »
Considerazioni in stile paragrafico:

1) non vincere oggi contro una non-squadra di calcio sarebbe stato un incubo.
2) manca qualità in avanti e per qualità intendo gente che se tira con il suo piede prende la palla invece che terra o aria.
3) mi auguro per Boscaglia che Lucca il rigore lo abbia calciato perché gli altri 10 non se la sentivano.
4) l’allenatore continua a non convincermi. Il cambio Martin-Palazzi una tragedia, Valente, migliore in campo, il primo ad uscire, poi, in una partita come questa dove metti palloni dentro a iosa, fai uscire Lucca invece di affiancargli Saraniti, per poi, dieci minuti dopo, cambiare modulo e mettere dentro Santana, che oggi è soltanto un ologramma del giocatore di vent’anni fa. Non so.
5) migliore in campo l’arbitro: ben pettinato, fisico aitante, mascella quadrata, mille sorrisi. Che non capisca nulla di calcio, nel mondo attuale, è solo un dettaglio che non pregiudica la prestazione.

Per il prossimo anno, se si vuole puntare ad un torneo non anonimo, servono i seguenti titolari: un centrale di difesa, un terzino sinistro, un regista (se Boscaglia si convince ad usare il 4-3-3), una punta esterna che veda la porta, un centravanti che abbia piedi buoni. Fra tutti questi almeno un leader in campo. Che manca come il pane.

Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #8 il: 10 Gennaio 2021, 12:50:24 pm »
Templare il commento sul migliore in campo è esilarante, contende il podio al commento sul  conpaesano con madre di Montelepre. =D> :-D
Sulla partita, sul Palermo, sulle prospettive presenti e future siamo perfettamente d'accordo.
Andiamo avanti.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8880
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:XVIII giornata Cavese-Palermo
« Risposta #9 il: 10 Gennaio 2021, 04:33:49 pm »
Templare il commento sul migliore in campo è esilarante, contende il podio al commento sul  conpaesano con madre di Montelepre. =D> :-D
Sulla partita, sul Palermo, sulle prospettive presenti e future siamo perfettamente d'accordo.
Andiamo avanti.

😉😊
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.