Autore Topic: Catania-Ischia  (Letto 15078 volte)

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #30 il: 26 Settembre 2015, 10:54:12 am »

Sono assolutamente d'accordo con GP quando parla di benevolenza nei giudizi e sulla nostra tendenza ad accontentarci di poco. Ma questa è anche una virtù. Se si impegnano e se raggiungono i risultati pianificati, vediamo i calciatori del Catania migliori di quello che sono. Perché in fondo abbiamo avuto dei giocatori buoni, ma niente di che. Ancora adesso, quando sento parlare dei giocatori del Catania, si associano solo Mascara e Gomez (quelli sì che erano forti!, dicono) e in fondo questo è lo specchio di una realtà che trascende i nostri giudizi da tifosi; e anche se riflette un dato incompleto, forse è un giudizio più credibile.
Ieri ho visto una trentina di minuti del posticipo di serie A e ho rivisto con un po' di nostalgia Gomez, che in effetti è un ottimo calciatore, oggi un po' sottovalutato. Lo vedevo portare palla per trenta metri a testa alta e petto in fuori, come tutti voi ricorderete. Ecco, Gomez è stato uno dei calciatori migliori passati da Catania.
Devo dire che a me piaceva anche Barrientos. Nei due anni tra Montella e Maran ha fatto giocate cui non eravamo abituati.

Anche riguardo alla plusvalenze, sono  d'accordo con GP: tendiamo a sopravvalutarle. Ma in fondo è giusto così, perché è stato un lavoro difficile e ci ha permesso di fare otto anni di serie A. Le plusvalenze del Catania (eccetto quelle buone di Vargas e Martinez) erano adatte al nostro profilo e agli investimenti che la Società poteva permettersi. Quindi, ripeto quello che ho sempre detto, il lavoro di PLM, a mio parere, fu straordinario (su questo, caro GP, la pensiamo diversamente). Si tratta delle plusvalenze di una provinciale che ha fatto piccoli passi, anno dopo anno, ma senza grandi promesse (i grandi campioni li escludo a priori, non fanno parte del nostro profilo, siamo una provinciale). Ma forse è stato questo il vero segreto dei buoni risultati del Catania: la capacità di non fare montare la testa ai giocatori e di gestirli puntigliosamente. Infatti, uno dei giocatori migliori arrivati a Catania, cioè Maxi Lopez, il cui talento (il talento) non si discute, diede qualche problema.
Ma se dobbiamo parlare di vere plusvalenze, in Italia le ha fatte principalmente il Palermo, che aveva e ha un potenziale economico più adeguato a certi investimenti.

Lo Monaco ha portato a Catania i giocatori che poteva portare e ha costruito una squadra che ha fatto 8 anni di serie A e ha permesso alla Società di attingere dal barile, grattando fino in fondo per coprire tutti gli errori degli ultimi due anni.

 8-) ...perdonami Nelson...nell'assoluto rispetto delle tue opinioni...io di questo post ho capito solo che anche tu, come me frati Pippo, prima del duo PLV & PLM eri stato abituato con Angelo Moratti e Italo Allodi...poi per il resto fatico a comprenderlo, perchè dici tutto e poi il suo contrario  :-D

Ma alle mie domande non si è risposto...

1) ma un Lulli, uno Scarsella e compagni quali film pazzeschi ana fattu nella loro carriera rispetto ad un Parisi o un Rossetti, per cui sarebbe un azzardo che non ci possiamo permettere tentare di lanciarli nel calcio professionistico!?

2) E' vero o non è  vero che le cosiddette scommesse, plus valenze di poco valore annesse, dell'era PLM hanno creato il miglior Catania degli ultimi 30 anni e forse più!?....e ripeto, minnifu,tu di cosa hanno fatto a Udine, a Bergamo o men che meno a Palermo...come non ci dovrebbe interessare nulla se fuori dal quartiere di Cibali hanno fallito, a meno che non siamo i loro procuratori o dirigenti a cui entra qualcosa in banca!  8D :-D :-D
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #31 il: 26 Settembre 2015, 10:59:23 am »
orsù dunque, vendi il Catania!!

 Detto bonariamente

 8D ...l'illusione l'ho sempre lasciata a te...ed anche questa volta te la lascerò...come al solito, è solo questione di tempo  ;-)


P.S.: ...comunque vedo che a testa sempri nde calamari l'hai  ::) ...e stavolta pure neri, tu rissi ca non ma cunti giusta cu sta furia omofoba...VIZZIUSEDDU!!!  ::) 8D
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #32 il: 26 Settembre 2015, 11:45:31 am »
Tutto lecito, tutti d'accordo, ma... domani tutti a "ghittari schigghi" allo stadio, vero?
#STAMUAVVULANNU!

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #33 il: 26 Settembre 2015, 11:47:27 am »

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #34 il: 26 Settembre 2015, 12:21:59 pm »
Ferrigno, nell' intervista segnalata da Santo, precisa "se colmeranno le lacune" Rossetti, Parisi e Di Grazia diventeranno giocatori importanti. È questo il punto centrale. Del resto sono ragazzi di 20 anni o giù di lì.
Anche su questo una considerazione va fatta: in Italia, in generale, la "maturazione"  dei giocatori provenienti dalle giovanili avviene con troppa lentezza. In altri paesi europei (Germania ad es. o Olanda o la stessa Francia) l'età media delle squadre della massima serie è più bassa che in Italia, segno che qualcosa non funziona nel processo educativo (tecnicamente parlando) dei giovani calciatori.


Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #35 il: 26 Settembre 2015, 12:51:57 pm »

Sono assolutamente d'accordo con GP quando parla di benevolenza nei giudizi e sulla nostra tendenza ad accontentarci di poco. Ma questa è anche una virtù. Se si impegnano e se raggiungono i risultati pianificati, vediamo i calciatori del Catania migliori di quello che sono. Perché in fondo abbiamo avuto dei giocatori buoni, ma niente di che. Ancora adesso, quando sento parlare dei giocatori del Catania, si associano solo Mascara e Gomez (quelli sì che erano forti!, dicono) e in fondo questo è lo specchio di una realtà che trascende i nostri giudizi da tifosi; e anche se riflette un dato incompleto, forse è un giudizio più credibile.
Ieri ho visto una trentina di minuti del posticipo di serie A e ho rivisto con un po' di nostalgia Gomez, che in effetti è un ottimo calciatore, oggi un po' sottovalutato. Lo vedevo portare palla per trenta metri a testa alta e petto in fuori, come tutti voi ricorderete. Ecco, Gomez è stato uno dei calciatori migliori passati da Catania.
Devo dire che a me piaceva anche Barrientos. Nei due anni tra Montella e Maran ha fatto giocate cui non eravamo abituati.

Anche riguardo alla plusvalenze, sono  d'accordo con GP: tendiamo a sopravvalutarle. Ma in fondo è giusto così, perché è stato un lavoro difficile e ci ha permesso di fare otto anni di serie A. Le plusvalenze del Catania (eccetto quelle buone di Vargas e Martinez) erano adatte al nostro profilo e agli investimenti che la Società poteva permettersi. Quindi, ripeto quello che ho sempre detto, il lavoro di PLM, a mio parere, fu straordinario (su questo, caro GP, la pensiamo diversamente). Si tratta delle plusvalenze di una provinciale che ha fatto piccoli passi, anno dopo anno, ma senza grandi promesse (i grandi campioni li escludo a priori, non fanno parte del nostro profilo, siamo una provinciale). Ma forse è stato questo il vero segreto dei buoni risultati del Catania: la capacità di non fare montare la testa ai giocatori e di gestirli puntigliosamente. Infatti, uno dei giocatori migliori arrivati a Catania, cioè Maxi Lopez, il cui talento (il talento) non si discute, diede qualche problema.
Ma se dobbiamo parlare di vere plusvalenze, in Italia le ha fatte principalmente il Palermo, che aveva e ha un potenziale economico più adeguato a certi investimenti.

Lo Monaco ha portato a Catania i giocatori che poteva portare e ha costruito una squadra che ha fatto 8 anni di serie A e ha permesso alla Società di attingere dal barile, grattando fino in fondo per coprire tutti gli errori degli ultimi due anni.

 8-) ...perdonami Nelson...nell'assoluto rispetto delle tue opinioni...io di questo post ho capito solo che anche tu, come me frati Pippo, prima del duo PLV & PLM eri stato abituato con Angelo Moratti e Italo Allodi...poi per il resto fatico a comprenderlo, perchè dici tutto e poi il suo contrario  :-D

Ma alle mie domande non si è risposto...

1) ma un Lulli, uno Scarsella e compagni quali film pazzeschi ana fattu nella loro carriera rispetto ad un Parisi o un Rossetti, per cui sarebbe un azzardo che non ci possiamo permettere tentare di lanciarli nel calcio professionistico!?

2) E' vero o non è  vero che le cosiddette scommesse, plus valenze di poco valore annesse, dell'era PLM hanno creato il miglior Catania degli ultimi 30 anni e forse più!?....e ripeto, minnifu,tu di cosa hanno fatto a Udine, a Bergamo o men che meno a Palermo...come non ci dovrebbe interessare nulla se fuori dal quartiere di Cibali hanno fallito, a meno che non siamo i loro procuratori o dirigenti a cui entra qualcosa in banca!  8D :-D :-D
...e tu non rispondi alle nostre....almeno non le contestualizzi e scivoli in una visione generale che non c'entra niente col discorso di partenza..che brutto vizio  ;-)
Premesso che non soffro della sindrome di sudditanza verso chicchessia e che non ne ho mai fatto una questione di categoria ne ,parimenti, una questione di  giocatori , anche perchè gente come Mascara , Spinesi,Baiocco, Stovini, Marchese,Caserta,Corona,Biagianti,Martinez, Gomez,Vargas, Lopez per finire a tutti quelli che dalle serie più basse della storia catanese ci hanno portato nelle categorie che ci competono mi hanno rappresentato degnamente e  nel mio immaginario sono i migliori. E ti assicuro che per me non c'è bisogno che facciano fimmi e mancu documentari . Questo il pensiero del tifoso che è differente dal contesto tecnico reale. Premesso ancora che per me Andujar è stato uno dei peggiori portieri passati da Catania (o debbo ricordarti, caro beddu fratuzzu Dario, la lunga disputa che ho avuto con te su questo forum? tu grande sostenitore delle sue qualità , io grande denigratore-accusatore dell'argentino che si meritò a furor di popolo l'epiteto di "citofono". Gioca bene il pallone coi piedi poi...feti comu na cattata di masculini
Pure io ero contento delle giocate del Pitu Barrientos, ma da qui a farlo passare per fuoriclasse  ce ne corre, ma assai: all'epoca fu il giocatore costato di più, lo abbiamo aspettato tre anni , e i risultati...si contano sulle dita di una mano...a meno che non si voglia far passare il pensiero che era lui " a muovere " la squadra e non viceversa...
Per finire, continuo fermamente ad essere convinto che gli esperimenti dei vari Di Grazia , Parisi et Co sono dovuti , più che ad una effettiva valenza tecnica, a una esigenza della ricerca della condizione fisica e di affiatamento ...credo che, a raggiunta preparazione fisica,faranno molta panchina , ma con questo non voglio sminuirne le ne le capacità ne la prospettiva futura...nutro invece molte aspettative su Barisic e Rossetti..
E con questo spero di essere stato chiaro...sono considerazioni che spero siano smentite, almeno in parte...
Un abbraccio
« Ultima modifica: 26 Settembre 2015, 01:00:12 pm da GPalermo1954 »
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #36 il: 26 Settembre 2015, 01:02:11 pm »
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #37 il: 26 Settembre 2015, 01:44:16 pm »
E' perche'?

Tutti i giocatori sono di proprieta' a parte 1 o 2.

La verita' caro Gp e Nelson e' che i ragazzi(attenzione,se ricordate bene io sono stato per anni molto ma molto critico...il peggiore....sul settore giovanile)non possono essere giudicati in 1 o 2 partite.Ognuno di loro ha carattere e stili di vita diversa.Puoi vedere il tocco di palla,ma anche quello se sotto pressione e non sereno riesce male,i fattori sono tanti.E' nessuno,tranne chi li vede tutti i giorni e lo fa di mestiere puo' azzardare un giudizio anticipato.

A me Parisi e' piaciuto piu' di garufo.Mentre Di Grazia mi ha lasciato perplesso.Ma e' troppo presto.

Ci sono ragazzi che sono partiti fortissimo per poi sparire dopo aver illuso tutti.Gatti,Bigica per citarne due a caso.

Non sono ne' fenomeni e ne bidoni.Sono ragazzi,mi astengo da qualsiasi giudizio preventivo.

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #38 il: 26 Settembre 2015, 03:18:40 pm »

Sono assolutamente d'accordo con GP quando parla di benevolenza nei giudizi e sulla nostra tendenza ad accontentarci di poco. Ma questa è anche una virtù. Se si impegnano e se raggiungono i risultati pianificati, vediamo i calciatori del Catania migliori di quello che sono. Perché in fondo abbiamo avuto dei giocatori buoni, ma niente di che. Ancora adesso, quando sento parlare dei giocatori del Catania, si associano solo Mascara e Gomez (quelli sì che erano forti!, dicono) e in fondo questo è lo specchio di una realtà che trascende i nostri giudizi da tifosi; e anche se riflette un dato incompleto, forse è un giudizio più credibile.
Ieri ho visto una trentina di minuti del posticipo di serie A e ho rivisto con un po' di nostalgia Gomez, che in effetti è un ottimo calciatore, oggi un po' sottovalutato. Lo vedevo portare palla per trenta metri a testa alta e petto in fuori, come tutti voi ricorderete. Ecco, Gomez è stato uno dei calciatori migliori passati da Catania.
Devo dire che a me piaceva anche Barrientos. Nei due anni tra Montella e Maran ha fatto giocate cui non eravamo abituati.

Anche riguardo alla plusvalenze, sono  d'accordo con GP: tendiamo a sopravvalutarle. Ma in fondo è giusto così, perché è stato un lavoro difficile e ci ha permesso di fare otto anni di serie A. Le plusvalenze del Catania (eccetto quelle buone di Vargas e Martinez) erano adatte al nostro profilo e agli investimenti che la Società poteva permettersi. Quindi, ripeto quello che ho sempre detto, il lavoro di PLM, a mio parere, fu straordinario (su questo, caro GP, la pensiamo diversamente). Si tratta delle plusvalenze di una provinciale che ha fatto piccoli passi, anno dopo anno, ma senza grandi promesse (i grandi campioni li escludo a priori, non fanno parte del nostro profilo, siamo una provinciale). Ma forse è stato questo il vero segreto dei buoni risultati del Catania: la capacità di non fare montare la testa ai giocatori e di gestirli puntigliosamente. Infatti, uno dei giocatori migliori arrivati a Catania, cioè Maxi Lopez, il cui talento (il talento) non si discute, diede qualche problema.
Ma se dobbiamo parlare di vere plusvalenze, in Italia le ha fatte principalmente il Palermo, che aveva e ha un potenziale economico più adeguato a certi investimenti.

Lo Monaco ha portato a Catania i giocatori che poteva portare e ha costruito una squadra che ha fatto 8 anni di serie A e ha permesso alla Società di attingere dal barile, grattando fino in fondo per coprire tutti gli errori degli ultimi due anni.

 8-) ...perdonami Nelson...nell'assoluto rispetto delle tue opinioni...io di questo post ho capito solo che anche tu, come me frati Pippo, prima del duo PLV & PLM eri stato abituato con Angelo Moratti e Italo Allodi...poi per il resto fatico a comprenderlo, perchè dici tutto e poi il suo contrario  :-D

Nessun problema, Gaspare.
Nel mio post ho detto di essere d'accordo con GP sui seguenti argomenti:

- nulla da dire sui calciatori che abbiamo avuto a Catania, che ci hanno rappresentato degnamente e hanno ottenuto risultati di cui siamo molto soddisfatti e orgogliosi. Tuttavia, mettendo da parte il ruolo di tifosi e affrontando il discorso da una prospettiva diversa, non è uno scandalo e non è una follia dire che in fondo abbiamo avuto buoni giocatori, ma niente di che. Questo non vuol dire essere abituati a Moratti che prende Cristiano Ronaldo e Bale, significa semplicemente esprimere un'opinione che tutto sommato è credibile e rispecchia quello che pensano tutti coloro che non sono coinvolti dalla passione del tifo. L'argomento non ha un'importanza cruciale, ne stiamo solo parlando. Non c'è alcuna contraddizione, caro Gaspare, stiamo solo contestualizzando;

- Sono d'accordo con GP quando ridimensiona certi argomenti, senza sminuirne l'importanza. Si parla troppo facilmente di plusvalenze geniali. Posto che il Catania fece due plusvalenze pesanti (Vargas e Martinez), parliamone pure ed elogiamo il lavoro di PLM (io l'ho sempre fatto, come te, Gaspare). Tuttavia, circoscriviamolo alla nostra realtà, perché è eccezionale per la nostra realtà, ma non generalizziamo. Tu dirai che non te ne frega niente di tutto il resto (e posso essere d'accordo con te), ma anche in questo caso, si sta contestualizzando e si sta affrontando il discorso da una prospettiva diversa. Questo per dire solo che a volte si considera geniale il lavoro di PLM (e io stesso talvolta eccedo in questi elogi per una sorta di riconoscenza del tifoso), ma credo che con una nuova opportunità e con un dirigente illuminato, a Catania si possa fare anche meglio.
Nello specifico:
1) con la cessione di Vargas, fece una nuova squadra: arrivarono Carboni, Ledesma (una delusione), Llama, Alvarez e, a gennaio, Potenza e Capuano (pagato una cifra spropositata). Questo dovrebbe dimostrare come riusciva a valorizzare ogni operazione di calciomercato. Ma, obiettivamente , tutti questi erano solo onesti giocatori, alcuni persino deludenti. PLM è stato un grande, ma non come talent scout, bensì per la sua capacità di gestire la Società e il gruppo;
2) con la cessione di Martinez è partito il progetto Torre del Grifo e sono arrivati a Catania Gomez e Martinho, successivamente Lodi e Bergessio. Si può notare il salto di qualità, che è evidente. Ne siamo tutti soddisfatti, ma vale il discorso contestualizzato: un ottimo lavoro, ma non esageriamo, è una genialità nel nostro contesto e comparato alla nostra storia calcistica e, ahinoi, al nostro presente.

Non ero d'accordo con GP riguardo a PLM e credo fosse chiaro.

Non ero d'accordo con GP riguardo a Barrientos. Ma leggendo il post che ha scritto questa mattina, sono d'accordo con lui anche su questo argomento. Se anche lui ha apprezzato le giocate di un giocatore che per due anni è stato funzionale alla squadra, formando un tridente apprezzato oggettivamente anche fuori Catania (Gomez-Barrientos-Bergessio), allora siamo d'accordo, perché se da una parte mi sta bene che si dica "il calcio" (un po' di colore e fumo piace a tutti i tifosi, anche a me), dall'altra ricordo ancora le mie risate quando leggevo qua e là (qui compreso) certi paragoni leggendari in cui si diceva che Messi faceva la panchina a Barrientos e che se non fosse stato per gli infortuni... Avaia, Gaspare, a volte concedici di ridimensionare certe minchiate. Tifosi si, ma...

Ma alle mie domande non si è risposto...

1) ma un Lulli, uno Scarsella e compagni quali film pazzeschi ana fattu nella loro carriera rispetto ad un Parisi o un Rossetti, per cui sarebbe un azzardo che non ci possiamo permettere tentare di lanciarli nel calcio professionistico!?

2) E' vero o non è  vero che le cosiddette scommesse, plus valenze di poco valore annesse, dell'era PLM hanno creato il miglior Catania degli ultimi 30 anni e forse più!?....e ripeto, minnifu,tu di cosa hanno fatto a Udine, a Bergamo o men che meno a Palermo...come non ci dovrebbe interessare nulla se fuori dal quartiere di Cibali hanno fallito, a meno che non siamo i loro procuratori o dirigenti a cui entra qualcosa in banca!  8D :-D :-D

1) Sono un convinto sostenitore di Rossetti, ma proprio convinto, quindi ti prego di non generalizzare e non farmi passare per uno che snobba i giovani del vivaio. Abbiamo solo detto che si era un po' esagerato quando si parlava di Parisi (soprattutto lo scorso anno) e abbiamo alluso alle prestazioni di Di Grazia, senza tirare conseguenze affrettate.
Hai citato Lulli, forse è un caso. Lulli è un giocatore tecnicamente limitato, ma è un medianaccio generoso e tosto. Anche se non ha i piedi dei nostri giovani più promettenti, è un giocatore funzionale alla squadra. Ad ogni modo, Gaspare, Lulli e Scarsella non c'entrano. L'interrogativo che ho posto si basa sul passaggio dalle giovanili al professionismo. Nella maggior parte dei casi, a una buona carriera nelle giovanili non corrisponde una buona carriera nel professionismo, quindi possiamo farci un'idea solo quando li vedremo in campo. Abbiamo dimostrato un'accortezza ammirevole, sia io sia GP, sia tanti altri che hanno visto le partite e hanno delle idee in merito. Non abbiamo stroncato nessuno, tuttavia non si parla di calcio giovanile, ma di professionismo e sarebbe lecito esprimere dei pareri cui abbiamo solo alluso. Quindi, come puoi notare, non siamo stati severi, ma c'erano tutti i presupposti per dire che uno dei giovani ha giocato male. Ma male... Mi fermo qui.

2) è verissimo e non capisco perché me lo fai notare. Ho detto le stesse cose.
Ho citato il Palermo proprio per sottolineare che la pensiamo alla stessa maniera. PLM non poteva investire più di 3 MLN per un calciatore. Se non ricordo male, in tempi non sospetti, voleva Pastore, ma non poteva investire su un calciatore che ne costava 6 (correggetemi se sbaglio, potrei ricordare male).
Facciamo un esempio recente: Dybala, plusvalenza mostruosa di 'sti tempi: ma è anche vero che per portarlo in Italia spesero 11 MLN (correggetemi se sbaglio). PLM non avrebbe mai potuto investire 11 MLN per un giocatore di (vera) prospettiva. Quindi, in base alle sue possibilità, dissi, dico e ripeto, fece un lavoro eccellente.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #39 il: 26 Settembre 2015, 03:57:17 pm »
E' perche'?

Tutti i giocatori sono di proprieta' a parte 1 o 2.

La verita' caro Gp e Nelson e' che i ragazzi(attenzione,se ricordate bene io sono stato per anni molto ma molto critico...il peggiore....sul settore giovanile)non possono essere giudicati in 1 o 2 partite.Ognuno di loro ha carattere e stili di vita diversa.Puoi vedere il tocco di palla,ma anche quello se sotto pressione e non sereno riesce male,i fattori sono tanti.E' nessuno,tranne chi li vede tutti i giorni e lo fa di mestiere puo' azzardare un giudizio anticipato.

A me Parisi e' piaciuto piu' di garufo.Mentre Di Grazia mi ha lasciato perplesso.Ma e' troppo presto.

Ci sono ragazzi che sono partiti fortissimo per poi sparire dopo aver illuso tutti.Gatti,Bigica per citarne due a caso.

Non sono ne' fenomeni e ne bidoni.Sono ragazzi,mi astengo da qualsiasi giudizio preventivo.

Ok, buttiamo le carte a terra:

- Come ha già detto GP (sempre d'accordo, eh?), Rossetti e Barisic sembrano giocatori veramente buoni. Se non avrà problemi fisici e se riuscirà a mantenere il giusto equilibrio tra convinzione nei propri mezzi e la necessaria umiltà, Barisic ha tutte le carte in regola per diventare un buon giocatore. Rossetti ha già dimostrato di essere un buon giocatore e può solo migliorare. Certe cose non sono casuali. Al suo esordio, giocando in un Catania pessimo e inguardabile (Catania-Carpi), si vedeva che cercava il dialogo con i compagni, si vedeva rientrare a metà campo per prendere palla. A Padova, il Catania giocò una partita pietosa, sotto di tre gol entra in campo e procura il calcio di rigore. Poi contro il Bari, entra in campo, tocca solo un pallone: capisce le intenzioni del compagno, taglia la difesa avversaria, riceve l'assist, marca il portiere e fa gol. Nella partita seguente, entra in campo, tira al volo e la palla va sulla traversa. Insomma, questo era subito sul pezzo, in serie B e in un Catania che giocava male. Chiaramente, non si possono tirare le conclusioni, ma si possono analizzare gli esordi sui dati di fatto;

- Parisi è un giocatore adeguato alla rosa del Catania. Credo sia un'opinione molto rispettosa. Ma cosa dovrei dire di più senza dover leggere le continue puntualizzazioni? Non c'è bisogno di vedere altre 20 partite. Non è un talento, punto. Sono convinto che sia adatto a questa squadra e si giocherà un posto. Ma non è detto che sia meglio di Garufo, dovrà dimostrarlo. Auguri a lui;

- E ora affrontiamo il tema più delicato: Di Grazia.
Premetto che il Catania di quest'anno non è quello dello scorso anno. Il Catania di quest'anno, sebbene sia ancora in ritardo con la preparazione e con l'affiatamento, è una squadra forte e l'ossatura è composta da giocatori nettamente più forti di quelli del Monopoli (ma lo avete visto il Monopoli? Secondo me faticherebbe anche in serie D).
Due partite da titolare, non sono scampoli di gioco in cui non si può esprimere un parere. Eppure, non siamo stati severi e abbiamo glissato. Ma se proprio si insiste e dobbiamo sorbirci la morale, diciamo la verità: abbiamo giocato due partite in dieci. Quando è entrato Falcone, la partita è cambiata (e Falcone è un onesto giocatore che ci ha garantito di giocare in 11).
Ecco, l'ho detto, mi dispiace, scusate. Ma i calciatori non fanno beneficenza né volontariato: stiamo parlando di calcio professionistico, il sogno di tutti i giovani calciatori. Quindi, non siamo in debito con nessuno e non siamo obbligati a tacere. Abbiamo evitato di esprimere un parere oggettivo solo per simpatia e tifo nei confronti di un ragazzo catanese cui auguriamo di fare carriera. Ma avere un'opportunità del genere è un privilegio, non un sacrificio. E quando sei un professionista che gioca in pubblico in una professione fatta proprio per il pubblico, sei esposto a valutazione e - se è il caso - anche a critiche.
Nessuna severità, ma solo benevolenza, fin ora. Perché il calciatore professionista riceve elogi e critiche.
Ora, essendo stato costretto a dire che le due prestazioni sono state pessime, mi auguro che il ragazzo abbia altre opportunità e faccia bene. Quindi, non preparate i vostri "telavevodettoio", perché siamo tutti tifosi dei Di Grazia, Parisi e Rossetti. Quando le prestazioni sono buone, siamo tutti contenti. Se le prestazioni non sono buone, finitela con gli alibi, le giustificazioni, l'età e bla bla bla. Non sono buone, punto. Questo è calcio professionistico.

P.S.: Santo, io mi ricordo anche le lunghe conversazioni dello scorso anno. Ma te lo ricordi Garufi? Dai...
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline ivan

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #40 il: 26 Settembre 2015, 05:07:07 pm »
Intanto Rossetti, che anch'io ho apprezzato quando è sceso in campo nello scorso campionato, finora non ha giocato neanche un minuto ed oggi, mi pare,  non è stato neanche convocato, che abbia problemi fisci?

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #41 il: 26 Settembre 2015, 07:17:29 pm »
Su una cosa mi pare che ci sia unità di vedute: ai giovani vanno concesse altre possibilità. Starà a loro giocarsele nel migliore dei modi. Il compito di promuoverli o bocciarli è dell'allenatore.

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #42 il: 26 Settembre 2015, 07:40:31 pm »
 8D ...carusi......Nelson e GP in particolare...giriamola come la vogliamo...ma alla fine siamo alle solite...
A parole, siamo tutti bravi a dare fiducia ai giovani...come appena si passa ai fatti, iniziano i mal di stomaco....

...e allora, visto che si è messa in ballo la mancanza di cultura sportiva che porterebbe ad accontentarsi di poco....vi dico, che ce n'è anche molto poca...o nulla...nel non capire che i giovani vanno aspettati e incoraggiati....non bocciati alla prima o alla seconda uscita ed al primo stop sbagliato...con la motivazione, da barzelletta, che non ce lo potremmo permettere...

...perchè poi alla fin fine il vero gap incolmabile tra Catania ed altre realtà simili, nel centro-nord in particolare...non sta solo negli anni consecutivi in A e B...e nemmeno negli investimenti onerosi...no...sta proprio in questo, nella mentalità...

Ripeto...non si capisce come mai il Milan può fare esordire in A, prima Descilio e ora Calabria a 18/19 anni...e inveci cca stamu facennu a mumenti un caso di stato per Parisi terzino destro in Lega Pro... :-D
Qui (non sul Forum, sia chiaro...intendo in città o su altri spazi web!) ci sono stati tifosi...ce per altro si definiscono di anrica data...che hanno liquidato sprezzanti gli attuali giocatori come "fumeri" e questa una "squadra per andare dritti in D", non solo senza averla mai vista in campo, ma perchè loro...attenzione...non conoscevano nessuno di questi giocatori....capito!?...

...siccome, io, grande tifoso sololamaglia e come tale grande competente (picchì, cosi giusti, abituatu a campioni tipo Naccari, Piperissa, Ferrier, De Martis e Cordone)..no sacciu cu è Bastrini o cu è Nunzella...ti assicuro che questa è una squadra che fa schifo  8| :-D ...e poi però li vedi fare la morale sull'arroganza e la presunzione del Capostazione...  :-D

Allora...fino a quando avremo questa mentalità da "triacapasta"...da "ma tu u sai cu su i chistiani!!?", (che è poi la stessa del tifoso strisciato, che ha bisogno del top player per sentirsi tifoso vero!)...non solo strada ne faremo sempre meno degli altri...e la storia dal 46 ad oggi lo testimonia...ma dimostriamo che non abbiamo imparato proprio nulla da ciò che è successo in questi due ultimi anni...dove i Cosentino e i Moggi con i loro top player con tanto di pedigree da Champion's, se non fossero stati fermati da una sezione Penale...ci avrebbe pensato una Fallimentare...con conseguenze ben peggiori di una Lega Pro con -9 di penalizzazione...

Si,  domani tutti allo stadio...biglietto comprato (biglietto, no abbonamento!) ad incitare questi ragazzotti belli!!!
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #43 il: 26 Settembre 2015, 07:46:05 pm »
Intanto Rossetti, che anch'io ho apprezzato quando è sceso in campo nello scorso campionato, finora non ha giocato neanche un minuto ed oggi, mi pare,  non è stato neanche convocato, che abbia problemi fisci?

Sì, Ivan. Un acciacco.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania-Ischia
« Risposta #44 il: 26 Settembre 2015, 07:50:42 pm »
Su una cosa mi pare che ci sia unità di vedute: ai giovani vanno concesse altre possibilità. Starà a loro giocarsele nel migliore dei modi. Il compito di promuoverli o bocciarli è dell'allenatore.

Vabbè, certo.

Nessuna bocciatura, caro Vasco, e mi dispiace doverlo dire e sottolineare. Credevo non fosse il caso.

Abbiamo commentato la partita e nessuno ha fatto riferimenti alle prestazioni dei giovani che vengono dal vivaio, perché, come dicevamo, siamo tifosi e tendiamo ad avere un atteggiamento parziale e molto partigiano nei confronti dei ragazzi del nostro settore giovanile.

Anche i giornalisti hanno evitato qualsiasi commento. E sono d'accordo con loro. Al massimo, qualcuno che gioca con le pagelle, ha dato un 5, senza sprofondarsi in bocciature o giustificazioni.

Una o due partite deludenti sono "una e due partite deludenti", nient'altro che questo. Abbiamo scelto di non dirlo, ma se proprio se ne deve parlare, se ne parla; ed è la verità. Tutto qui e nient'altro.

Ma le promozioni e le bocciature (?!?) non c'entrano niente. Noi non siamo così importanti.
Ma purtroppo, citando una parola fuori contesto, ca non c'intrava nenti, hai fatto sviluppare un discorso sulla bocciatura: CVD. Guarda il post successivo, si parla proprio di "bocciatura".

Con la stima di sempre.

Un salutone.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)