Autore Topic: Cosentino a Salastampa: le vostre domande  (Letto 20192 volte)

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #60 il: 28 Maggio 2014, 07:13:07 pm »
Innanzitutto il proverbio dovrebbe essere Sioux, o sbaglio? :-D

(tre peli tiene o' puorc!)

Mah....mãori, sioux, "culuti", e cchi ci nni futta? Sempri cu.lu è.... :-)) :-))

Tornando al discorso dei "fondi" (o' puorc! tiene tre peli) ::) .

Concordo che non è il caso di anticipare i tempi. Ma discuterne fa bene, specie perchè stiamo parlando di una materia "deregolata".
Mi spiego meglio. Se una società decide di coprire uno o due ruoli con grossi giocatori il cui cartellino è in comproprietà con un fondo, se non vi sono "imposizioni" da parte del fondo nell'utilizzo dei calciatori, non credo che ciò possa apportare denni: se ben inseriti in un progetto tecnico portato avanti con competenza, possono fare fare un salto di qualità alla squadra.
I problemi nascerebbero quando, in mancanza di regole federali, un fondo iniziasse a detenere innumerevoli cartellini, o quando una società decidesse di fare la squadra con una maggioranza di giocatori ingaggiati con questo sistema.
Ma stiamo parlando di scenari che al momento non ci riguardano, e che mi pare non riguardino il calcio italiano.
Altro problema potrebbe sorgere quando il fondo, fidando della debolezza economica del sistema, si impadronisce dello "scouting" o del settore giovanile di una squadra, rifornendosi dei calciatori allevati nelle squadre minori (cosa che puntualmente accade in Sud America). Anche per ciò occorrono ferree regole federali.

In generale ritengo che la presenza anche nel mondo del calcio di attività "finanziarie" in cui l'utile, il profitto, non viene dall'attività prettamente sportiva ma da "attività speculativa" svolta tramite la carta dei contratti, forse sarà anche la storia di oggi (dove la finanza ha preso il sopravvento sulla produzione), ma proprio per questo a me non piace.  E anche per questo bisogna tenere alta la guardia.
« Ultima modifica: 28 Maggio 2014, 07:15:44 pm da vasco »

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #61 il: 28 Maggio 2014, 07:40:01 pm »
Caro Vasco,

non piace nemmeno a me. Ma la mia è un'opinione, una preferenza, che comunque non mi fa presagire scenari drammatici o dubbi sul futuro.

Ad ogni modo, non ci piace e siamo d'accordo.

Ma credo che questa nostra preferenza sia condivisa da qualsiasi tifoso del Catania che ne abbia seguito con attenzione gli ultimi 10 anni di storia. Siamo abituati a un modello di Società “virtuosa” che ha basato la propria costante crescita sui piccoli passi, su investimenti oculati e su plusvalenze (talvolta sorprendenti, altre volte minime. Comunque, sempre plusvalenze). Al netto di alcuni errori, come ad esempio alcune valutazioni non azzeccate, si può dire che con tanta pazienza e umiltà, abbiamo visto la squadra per otto anni in serie A, rischiando di retrocedere, ma mantenendo la categoria grazie a scelte oculatissime e ad errori non grossolani.

Fino a tre anni fa l'ipotesi di prendere un calciatore in prestito era remotissima, PLM voleva solo giocatori di proprietà, che non facevano fantasticare la tifoseria, ma che tutto sommato rendevano quello che dovevano, puntando sulla voglia di emergere di ognuno di loro.
Insomma, piccoli passi, categoria mantenuta, ottima Società per gli allenatori giovani o emergenti e qualche annata di buon calcio.
Il Catania gestito da PLM ha insegnato a molti catanesi la virtù della lungimiranza, del progettare, ma anche la virtù di non sparare sentenze prima che i giochi siano fatti.

Detto questo, se da una parte non mi fa fantasticare ciò di cui stiamo parlando, dall'altra mi guardo intorno tra serie A e serie B e mi rendo conto di come stia messo il campionato italiano e, probabilmente, per un motivo o per un altro ci sarà sempre qualcosa che all'inizio non ci convince.
Quel Catania non c'è più, fa parte di un ciclo che si è chiuso.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #62 il: 28 Maggio 2014, 07:40:35 pm »
Comunque ho visto ora che nahce i nostri cugini stanno parlando di questa storia della nuova frontiera dei fondi. Quindi non è una patologia catanese quella di non stare mai tranquilli.

Ciao Bua, intervengo per chiarire, visto che ne ho sicuramente parlato io sul topic relativo al Palermo. Da parte mia non è che si tratta di non essere tranquilli, direi piuttosto che non mi piace non sapere quale fine fanno i miei soldi.

Hai letto bene, i soldi miei, non di Zamparini, perché quello che non è chiaro ad alcuni miei concittadini è che se le quote societarie sono di Zamparini (erano in realtà, adesso appartengono formalmente ai figli), dal 2006 il nostro presidente ha trasformato in virtuosa la gestione societaria ovvero non mette più un euro di tasca sua, ma gestisce le entrate bilanciandole male che vada alla pari con le uscite. E le entrate derivano dal prodotto Palermo, dal suo bacino d'utenza, dal numero di abbonati stadio e di contatti televisivi, dal merchandising, quindi, indefinitiva, da noi tifosi. Zamparini a Venezia ha sperperato il proprio patrimonio personale, a Palermo, investimento iniziale a parte (da cui, comunque, in maniera diretta e indiretta è già abbondantemente rientrato) nella migliore delle ipotesi sperpera da quasi un decennio soldi non suoi e può permetterselo solo perché a Palermo, fosse a Bergamo o a Cagliari già avrebbe avuto seri problemi di solidità.

Tornando indietro, siccome dall'anno scorso a Palermo la vulgata giornalistica recita che i soldi sono finiti, che Zamparini imprenditore è in crisi, ma nessuno di questi soloni armati di carta, penna e iscrizione all'albo, si preoccupa minimamente di ricordare che il Palermo, come detto, va da solo (ah dimenticavo, unica eccezione Nino Randazzo, che a TRM l'altra volta su questo tema ha sbugiardato, facendolo peraltro incavolare di brutto, il cosiddetto senatore Vizzini), ho voluto approfondire l'argomento da te portato avanti, questo dei fondi di investimento e mi sono fatto un paio di idee in merito.

I fondi di investimento potrebbero essere una spiegazione alle scartine passate come meteore e pagate a peso d'oro, ma anche ai grandi campioni, acquistati soffiandoli a grandi club (Pastore, Cavani, etc.), e rivenduti presto, a prescindere dal discorso tecnico. Prendiamo l'ultimo caso Dybala: 12 milioni che però non compaiono da nessuna parte e spiegati con commissioni, tasse, coppi ri simienza all'aeroporto, etc... La stessa necessità, non appena ritornati in A, di silurare Perinetti e di prendere un avventuriero come Ceravolo, infilato in certi poco trasparenti giri, mi fa pensare che dietro possa esserci qualcosa di non particolarmente legato al gol o al tackle, ma alla finanza più spregiudicata.

Cosa implica questo? Tutto quello che hai più volte ricordato tu, dallo svilimento del fatto puramente tecnico (il risultato di squadra, a questo punto, viene dopo il risultato del singolo) al pericolo di ritrovarsi con il parco giocatori o buona parte di esso in leasing, trasformando alla fine questi fondi nei proprietari di fatto della società.

Tutto qui, per me non è preoccupazione patologica o immotivata, ma fare girare il cervello. Hai la mia stima.
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5544
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #63 il: 28 Maggio 2014, 08:18:08 pm »
Comunque ho visto ora che nahce i nostri cugini stanno parlando di questa storia della nuova frontiera dei fondi. Quindi non è una patologia catanese quella di non stare mai tranquilli.

Ciao Bua, intervengo per chiarire, visto che ne ho sicuramente parlato io sul topic relativo al Palermo. Da parte mia non è che si tratta di non essere tranquilli, direi piuttosto che non mi piace non sapere quale fine fanno i miei soldi.

Hai letto bene, i soldi miei, non di Zamparini, perché quello che non è chiaro ad alcuni miei concittadini è che se le quote societarie sono di Zamparini (erano in realtà, adesso appartengono formalmente ai figli), dal 2006 il nostro presidente ha trasformato in virtuosa la gestione societaria ovvero non mette più un euro di tasca sua, ma gestisce le entrate bilanciandole male che vada alla pari con le uscite. E le entrate derivano dal prodotto Palermo, dal suo bacino d'utenza, dal numero di abbonati stadio e di contatti televisivi, dal merchandising, quindi, indefinitiva, da noi tifosi. Zamparini a Venezia ha sperperato il proprio patrimonio personale, a Palermo, investimento iniziale a parte (da cui, comunque, in maniera diretta e indiretta è già abbondantemente rientrato) nella migliore delle ipotesi sperpera da quasi un decennio soldi non suoi e può permetterselo solo perché a Palermo, fosse a Bergamo o a Cagliari già avrebbe avuto seri problemi di solidità.

Tornando indietro, siccome dall'anno scorso a Palermo la vulgata giornalistica recita che i soldi sono finiti, che Zamparini imprenditore è in crisi, ma nessuno di questi soloni armati di carta, penna e iscrizione all'albo, si preoccupa minimamente di ricordare che il Palermo, come detto, va da solo (ah dimenticavo, unica eccezione Nino Randazzo, che a TRM l'altra volta su questo tema ha sbugiardato, facendolo peraltro incavolare di brutto, il cosiddetto senatore Vizzini), ho voluto approfondire l'argomento da te portato avanti, questo dei fondi di investimento e mi sono fatto un paio di idee in merito.

I fondi di investimento potrebbero essere una spiegazione alle scartine passate come meteore e pagate a peso d'oro, ma anche ai grandi campioni, acquistati soffiandoli a grandi club (Pastore, Cavani, etc.), e rivenduti presto, a prescindere dal discorso tecnico. Prendiamo l'ultimo caso Dybala: 12 milioni che però non compaiono da nessuna parte e spiegati con commissioni, tasse, coppi ri simienza all'aeroporto, etc... La stessa necessità, non appena ritornati in A, di silurare Perinetti e di prendere un avventuriero come Ceravolo, infilato in certi poco trasparenti giri, mi fa pensare che dietro possa esserci qualcosa di non particolarmente legato al gol o al tackle, ma alla finanza più spregiudicata.

Cosa implica questo? Tutto quello che hai più volte ricordato tu, dallo svilimento del fatto puramente tecnico (il risultato di squadra, a questo punto, viene dopo il risultato del singolo) al pericolo di ritrovarsi con il parco giocatori o buona parte di esso in leasing, trasformando alla fine questi fondi nei proprietari di fatto della società.

Tutto qui, per me non è preoccupazione patologica o immotivata, ma fare girare il cervello. Hai la mia stima.

Grazie Templare,
mi hai chiarito un po' le idee. Io quando c'è di mezzo la finanza vado in confusione a prescindere, anche per quello ho letto parecchio in proposito, ma cominciavo a sentirmi un complottista.
Qui da noi la situazione di Pulvirenti in un certo senso è simile, in proporzione a quella del capoluogo. Dopo l'investimento iniziale che ha fruttato il ripiano dei debiti di Gaucci e la creazione della squadra in grado di andare in A, si è campato grazie ai diritti TV e alle plusvalenze, i cui proventi  sono stati reinvestiti sul patrimonio immobiliare e meno su quello tecnico. Probabilmente l'obiettivo, a parte ovviamente fare soldi, è fare in modo che il Club possa andare avanti da solo, cosa che da noi non è automatica perché di abbonamenti ne facciamo pochi e trovare sponsor è un'impresa. Il marketing rossazzurro dalle poche notizie che ho è in caduta libera negli ultimi due anni (parlo di fatturato). Forse gli abbonamenti sky reggono.

Riguardo i giornalisti qui si tende a difendere a prescindere la società per il dogma che alternative a Pulvirenti non ne abbiamo (e credo sia verissimo) e che comunque abbiamo ottenuto risultati senza precedenti (vero pure questo). Poi penso che il manico coltello dei diritti televisivi locali sia dalla parte del presidente più che di Telecolor o Antenna Sicilia, e che questo giochi un ruolo sulla linea editoria (spero di non offendere nessuno con quella mi asupposizione).
Di sicuro nessuno si sogna di andare alla camera di commercio e verificare la proprietà della società, ma sono abbastanza certo che sia in toto di Pulvirenti e della moglie. Ciò non esclude che ci siano aiuti esterni anche se non so bene con quali meccanismi si possano incanalare nelle casse della società.
Detto questo, come ho sempre sperato che la mia squadra non diventasse satellite di altre per non vivere di luce riflessa, ora spero che non diventi proprietà dei fondi di investimento.
« Ultima modifica: 28 Maggio 2014, 08:21:02 pm da bua »

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #64 il: 28 Maggio 2014, 08:34:15 pm »
..........

Quel Catania non c'è più, fa parte di un ciclo che si è chiuso.


Anche su questo siamo perfettamente daccordo.

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #65 il: 29 Maggio 2014, 03:47:10 am »
..........................................
Anche Lo Monaco fu autore di clamorosi flop: pensiamo ad Atzori per esempio, oppure a Giampaolo. Solo che in quelle occasione ebbe l'abilità e la "fortuna" (soprattutto!!) di trovare soluzioni!
......................................

La fortuna arride a chi è abile!!! (......antico proverbio mãori).

Personalmente concordo totalmente con quanto scritto da Bua. Guardiamo al futuro senza per questo dimenticare questo pezzo di storia negativo....ma molto negativo, perchè accaduto in uno dei campionati con la quota salvezza più bassa che si ricordi.
Indipendentemente da come ciascuno di noi la pensa, sarà Cosentino "a condurre le danze" e credo che nella fase di mercato lo fara molto bene, da grande operatore qual egli é. Gli interrogativi sono tutti rimandati al campionato, alle partite "vere" quelle che verranno dopo la "ventilata" tournée in america, quando Davide potrà stropicciarsi gli occhi e............ ;-) :-))

..........darici du cuzzati a Cusintinu su mi capita a tiru!

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5544
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #66 il: 29 Maggio 2014, 10:25:16 am »
..........................................
Anche Lo Monaco fu autore di clamorosi flop: pensiamo ad Atzori per esempio, oppure a Giampaolo. Solo che in quelle occasione ebbe l'abilità e la "fortuna" (soprattutto!!) di trovare soluzioni!
......................................

La fortuna arride a chi è abile!!! (......antico proverbio mãori).

Personalmente concordo totalmente con quanto scritto da Bua. Guardiamo al futuro senza per questo dimenticare questo pezzo di storia negativo....ma molto negativo, perchè accaduto in uno dei campionati con la quota salvezza più bassa che si ricordi.
Indipendentemente da come ciascuno di noi la pensa, sarà Cosentino "a condurre le danze" e credo che nella fase di mercato lo fara molto bene, da grande operatore qual egli é. Gli interrogativi sono tutti rimandati al campionato, alle partite "vere" quelle che verranno dopo la "ventilata" tournée in america, quando Davide potrà stropicciarsi gli occhi e............ ;-) :-))

..........darici du cuzzati a Cusintinu su mi capita a tiru!

Dice che ha spostato la residenzaa da Miami a Taormina!

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #67 il: 29 Maggio 2014, 10:53:05 am »

Riguardo i giornalisti qui si tende a difendere a prescindere la società per il dogma che alternative a Pulvirenti non ne abbiamo (e credo sia verissimo) e che comunque abbiamo ottenuto risultati senza precedenti (vero pure questo). Poi penso che il manico coltello dei diritti televisivi locali sia dalla parte del presidente più che di Telecolor o Antenna Sicilia, e che questo giochi un ruolo sulla linea editoria (spero di non offendere nessuno con quella mi asupposizione).
Di sicuro nessuno si sogna di andare alla camera di commercio e verificare la proprietà della società, ma sono abbastanza certo che sia in toto di Pulvirenti e della moglie. Ciò non esclude che ci siano aiuti esterni anche se non so bene con quali meccanismi si possano incanalare nelle casse della società.
Detto questo, come ho sempre sperato che la mia squadra non diventasse satellite di altre per non vivere di luce riflessa, ora spero che non diventi proprietà dei fondi di investimento.

 8-) ...a me non risulta che la redazione di Corner sia appiattita acriticamente su posizioni filosocietarie...però, se me lo scrivi tu sono abbastanza certo che sarà così...  ;-)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #68 il: 29 Maggio 2014, 11:15:58 am »

Riguardo i giornalisti qui si tende a difendere a prescindere la società per il dogma che alternative a Pulvirenti non ne abbiamo (e credo sia verissimo) e che comunque abbiamo ottenuto risultati senza precedenti (vero pure questo). Poi penso che il manico coltello dei diritti televisivi locali sia dalla parte del presidente più che di Telecolor o Antenna Sicilia, e che questo giochi un ruolo sulla linea editoria (spero di non offendere nessuno con quella mi asupposizione).
Di sicuro nessuno si sogna di andare alla camera di commercio e verificare la proprietà della società, ma sono abbastanza certo che sia in toto di Pulvirenti e della moglie. Ciò non esclude che ci siano aiuti esterni anche se non so bene con quali meccanismi si possano incanalare nelle casse della società.
Detto questo, come ho sempre sperato che la mia squadra non diventasse satellite di altre per non vivere di luce riflessa, ora spero che non diventi proprietà dei fondi di investimento.

 8-) ...a me non risulta che la redazione di Corner sia appiattita acriticamente su posizioni filosocietarie...però, se me lo scrivi tu sono abbastanza certo che sarà così...  ;-)
A quali....con assoluta certezza confermo la posizione super partes di Corner e dei suoi conduttori.....non posso fare nomi...fonte certa,riservata e privata..
Andare alla Camera di Commercio e verificare le quote azionarie mi sembra la cosa piu' semplice che si possa fare...però non escludi ...ma che però non sai bene....quali loschi affari si possano nascondere...ma si cunvintu?
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #69 il: 29 Maggio 2014, 02:05:17 pm »
..........................................
Anche Lo Monaco fu autore di clamorosi flop: pensiamo ad Atzori per esempio, oppure a Giampaolo. Solo che in quelle occasione ebbe l'abilità e la "fortuna" (soprattutto!!) di trovare soluzioni!
......................................

La fortuna arride a chi è abile!!! (......antico proverbio mãori).

Personalmente concordo totalmente con quanto scritto da Bua. Guardiamo al futuro senza per questo dimenticare questo pezzo di storia negativo....ma molto negativo, perchè accaduto in uno dei campionati con la quota salvezza più bassa che si ricordi.
Indipendentemente da come ciascuno di noi la pensa, sarà Cosentino "a condurre le danze" e credo che nella fase di mercato lo fara molto bene, da grande operatore qual egli é. Gli interrogativi sono tutti rimandati al campionato, alle partite "vere" quelle che verranno dopo la "ventilata" tournée in america, quando Davide potrà stropicciarsi gli occhi e............ ;-) :-))

..........darici du cuzzati a Cusintinu su mi capita a tiru!

Dice che ha spostato la residenzaa da Miami a Taormina!

.....Davide, allora, visto che è così non ti  preoccupare di altro  ::) : vediti le partite del Catania (se ci saranno) e stai tranquillo.... Cusintinu è cosa nostra 8D

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5544
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #70 il: 29 Maggio 2014, 02:58:05 pm »

Riguardo i giornalisti qui si tende a difendere a prescindere la società per il dogma che alternative a Pulvirenti non ne abbiamo (e credo sia verissimo) e che comunque abbiamo ottenuto risultati senza precedenti (vero pure questo). Poi penso che il manico coltello dei diritti televisivi locali sia dalla parte del presidente più che di Telecolor o Antenna Sicilia, e che questo giochi un ruolo sulla linea editoria (spero di non offendere nessuno con quella mi asupposizione).
Di sicuro nessuno si sogna di andare alla camera di commercio e verificare la proprietà della società, ma sono abbastanza certo che sia in toto di Pulvirenti e della moglie. Ciò non esclude che ci siano aiuti esterni anche se non so bene con quali meccanismi si possano incanalare nelle casse della società.
Detto questo, come ho sempre sperato che la mia squadra non diventasse satellite di altre per non vivere di luce riflessa, ora spero che non diventi proprietà dei fondi di investimento.

 8-) ...a me non risulta che la redazione di Corner sia appiattita acriticamente su posizioni filosocietarie...però, se me lo scrivi tu sono abbastanza certo che sarà così...  ;-)
A quali....con assoluta certezza confermo la posizione super partes di Corner e dei suoi conduttori.....non posso fare nomi...fonte certa,riservata e privata..
Andare alla Camera di Commercio e verificare le quote azionarie mi sembra la cosa piu' semplice che si possa fare...però non escludi ...ma che però non sai bene....quali loschi affari si possano nascondere...ma si cunvintu?

Non ho parlato di loschi affari. Ho detto che qualcuno potrebbe usare il proprio conto corrente qualora servisse liquidità, come diceva di fare LM che si vantava di aver saldato qualche stipendio. Io fossi stato un giornalista sarei andato a verificare alla camera di commercio quando la leggenda metropolitana avviata da Criscitiello ha cominciato a prendere piede.
Corner è sicuramente meglio di Salastampa, e infatti ha pagato con l'embargo degli ospiti più volte, ma sempre molto prudente. Per esempio c'è sempre Melo Russo a sostenere acriticamente la società. D'altra parte, non avendo più interlocutori non possono fare molto. Quella volta che Pulvirenti in studio disse che Cosentino è una risorsa, per dire, io mi sarei fatto spiegare esattamente cosa si intendesse, invece di accontentarmi dello slogan.

Comunque il Cagliari è andato agli USA, il Genoa va verso i cinesi, non credo ci dovremo preoccupare se il Catania passasse agli argentini. Non dico che sia già adesso degli argentini, dico che pottrebeb succedere in futuro. Ma non perché conosco un amico del barbiere del magazziniere. E' una mia deduzione logica che esprimo liberamente e che sono certo non influisce sull'andamento della borsa o sulla stabilità della società. :-D
« Ultima modifica: 29 Maggio 2014, 02:59:47 pm da bua »

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #71 il: 29 Maggio 2014, 04:02:28 pm »
Corner è sicuramente meglio di Salastampa, e infatti ha pagato con l'embargo degli ospiti più volte, ma sempre molto prudente. Per esempio c'è sempre Melo Russo a sostenere acriticamente la società. D'altra parte, non avendo più interlocutori non possono fare molto. Quella volta che Pulvirenti in studio disse che Cosentino è una risorsa, per dire, io mi sarei fatto spiegare esattamente cosa si intendesse, invece di accontentarmi dello slogan.

...mah...continuo a non seguirti Bua.. o meglio a non capirti!

Comunque...permettimi di dirti...che...o sarai un pò distratto o il tuo televisore si blocca nel momento clou (capita tante volte cu sto kaiser di dtg terrestre, cun.nutu cu u puttau  ::) )...non mi pare che la famosa reazione di PLV a suon di cabarettista, sia scaturita per un eccesso di prudenza da parte di Vagliasindi...e quando, sempre PLV, definì una risorsa Cosentino, Angelo Patanè gli chiese in che senso...sentendosi rispondere che lo avrebbe visto più in là nel tempo (cosa doveva fare Patanè, secondo te, di altro!?...l'interrogatorio a lampada in faccia tipo CSI!!??)... 8-) ...ma sono state tante altre le puntate in cui lo staff del direttore Micale non ha risparmiato critiche alla Società...a chiunque l'abbia rappresentata...tanto che, come ricordi, questo è il secondo "embargo", dopo quello dei tempi di PLM, che subiscono...dunque non capisco cose intenda dire tu per molta prudenza, a meno che devo prendere atto che la confondi con il buon senso...

Gli ospiti, poi...sono un altro segno che la trasmissione è veramente indipendente...c'è Melo Russo...ma c'è Massimiliano Vinti o Campanella, che mi sembrano abbastanza "disfattisti"...anche a noi che interveniamo come pubblico non ci viene imposto cosa si può o non si può domandare...tutto è lecito ed ogni opinione viene rispettata, tranne, chiaramente, le offese...



Comunque il Cagliari è andato agli USA, il Genoa va verso i cinesi, non credo ci dovremo preoccupare se il Catania passasse agli argentini. Non dico che sia già adesso degli argentini, dico che pottrebeb succedere in futuro. Ma non perché conosco un amico del barbiere del magazziniere. E' una mia deduzione logica che esprimo liberamente e che sono certo non influisce sull'andamento della borsa o sulla stabilità della società. :-D

...come già scritto a Sergio...lo stesso PLV a domanda specifica, ha risposto di non poter escludere che avvenga pure a Catania...personalmente, nonostante la delusione per questa evitabilissima retrocessione, spero che la proprietà rimanga per sempre catanese, che per me è un vanto...ma se così non dovesse essere, me ne farò una ragione...l'importante che i loro interessi combacino con quelli del tifoso...

p.s.: ...non mi permetterei mai di accomunarti a quei tifosi che hanno l'abitudine di riferire cose "de relato"...però devo ammettere che questa retrocessione l'hai presa peggio di me  :-D
« Ultima modifica: 29 Maggio 2014, 04:09:11 pm da GASPARE »
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5544
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #72 il: 29 Maggio 2014, 04:18:23 pm »
Sì, Gaspare, l'ho presa proprio male, ma ormai ho metabolizzato!
Infatti rifletto a voce alta, ma sono sereno.
Comunque Corner ammetto di vederlo poco, forse ho dei ricordi offuscati di quelle ospitate di Pulvirenti. La reazione di Vagliasindi invece la ricordo come uno dei pochi momenti della stagione da ricordare.

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #73 il: 29 Maggio 2014, 05:12:25 pm »
..........................................
Anche Lo Monaco fu autore di clamorosi flop: pensiamo ad Atzori per esempio, oppure a Giampaolo. Solo che in quelle occasione ebbe l'abilità e la "fortuna" (soprattutto!!) di trovare soluzioni!
......................................


La fortuna arride a chi è abile!!! (......antico proverbio mãori).

Personalmente concordo totalmente con quanto scritto da Bua. Guardiamo al futuro senza per questo dimenticare questo pezzo di storia negativo....ma molto negativo, perchè accaduto in uno dei campionati con la quota salvezza più bassa che si ricordi.
Indipendentemente da come ciascuno di noi la pensa, sarà Cosentino "a condurre le danze" e credo che nella fase di mercato lo fara molto bene, da grande operatore qual egli é. Gli interrogativi sono tutti rimandati al campionato, alle partite "vere" quelle che verranno dopo la "ventilata" tournée in america, quando Davide potrà stropicciarsi gli occhi e............ ;-) :-))

..........darici du cuzzati a Cusintinu su mi capita a tiru!

Dice che ha spostato la residenzaa da Miami a Taormina!

.....Davide, allora, visto che è così non ti  preoccupare di altro  ::) : vediti le partite del Catania (se ci saranno) e stai tranquillo.... Cusintinu è cosa nostra 8D

Pensateci voi allora Vasco.....e non vi scuddati di darici du cuzzati pi mia.
A proposito.....se lo incontrate a Cosentino ditegli che lo salutano alcuni suoi conoscenti del ristorante "Rincon Argentino" di Miami i quali parlando del Calcio Catania sempre mi dicono "Ustedes no saben con quien tienen que ver", che tradotto in catanese significa "Vuautri no sapiti cu cu aviti a chi fari".

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosentino a Salastampa: le vostre domande
« Risposta #74 il: 29 Maggio 2014, 07:06:33 pm »
...........................................................
Pensateci voi allora Vasco.....e non vi scuddati di darici du cuzzati pi mia.
A proposito.....se lo incontrate a Cosentino ditegli che lo salutano alcuni suoi conoscenti del ristorante "Rincon Argentino" di Miami i quali parlando del Calcio Catania sempre mi dicono "Ustedes no saben con quien tienen que ver", che tradotto in catanese significa "Vuautri no sapiti cu cu aviti a chi fari".

Ie su dui.......
Ecco spiegato il motivo per cui Cosentino ha scelto Pellegrino per allenare il Catania: fra i due c'è....affinità........... Tu no sai cu su i chistiani!!! ::)