Autore Topic: Catania Calcio stagione 2013-2014  (Letto 29292 volte)

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #30 il: 07 Aprile 2014, 09:41:00 am »
Santo, la tua disamina e' lucida, la condivido in toto.
Anche a me piacerebbe Drago, ma non so cosa voglia fare realmente questa societa'.
In fondo non e' la retrocessione ad inquietare, ma la volonta' futura del Presidente.
Ha voglia o no di ricominciare?
Ha la forza di resettare e cominciare tutto di nuovo?

E' questo che interessa sapere.
Niente altro.

Per il resto..Io ci saro' come sempre ci sono stato.
Come si dice..

NSSS.
E sempre FORZA CATANIA ;-)

Offline THOR

  • Utente
  • *****
  • Post: 1331
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #31 il: 07 Aprile 2014, 10:15:37 am »
Ok,io direi di cominciare la prossima stagione in B facendo due cose molto semplici anzi 3

Il Presidente deve CHIARIRE una volta per tutte il programma futuro.Che potenzialita' ci sono per risalire subito per esempio.

Mettere fuori squadra con effetto immediato tutti quelli che non verranno confermati.Utilizzare quelli che saranno l'ossatura della prossima stagione.Ed utilizzare anche quei Primavera che possono interessare.

Mettere sotto contratto il nuovo tecnico per la prossima stagione.



carissimo santo, tralasci l'unico punto fondamentale per poter ripartire seriamente.
il presidente pulvirenti deve tornare a fare quello che faceva fino a due anni fa.
la squadra deve essere costruita e gestita da una persona competente come lo monaco,
gli altri non ci devono mettere mani se no fanno più danno della bomba atomica come
hanno fatto in questo campionato.
se non si riparte da questo punto fondamentale sono chiacchiere perse.



ni mancunu scecchi a fera!!!...ancora fissati cu Lomy ..a finemula!!

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #32 il: 07 Aprile 2014, 10:55:42 am »
Un tempo i vecchi cronisti di "nera" chiudevano i loro articoli sui delitti senza ancora un colpevole con "la polizia brancola nel buio". Sul delitto sportivo del Catania calcio si potrebbe dire:"la Società brancola nel buio".
Il problema vero é che qui l'autore del delitto (un infanticidio) é la stessa Societá e quindi, più che punire se stessa, dovrebbe ravvedersi dopo un profondo esame di coscienza.

E ora posso parlare di Maran. Per capire perché questi funzionava lo scorso anno mentre quest'anno ha fatto cilecca, bisogna andare alle origini della scelta di Maran dell'anno scorso. La sua scelta si inquadrava infatti perfettamente nella strategia di fondo del progetto sportivo del Catania dei sei anni precedenti: il Catania é una societá piccola e non può permettersi né di assecondare le richieste di un allenatore allestendo un squadra secondo i suoi desideri, né di soddisfare i capricci di un calciatore "superstar" facendo giocare la squadra per lui. TUTTI devono essere funzionali al progetto sportivo, tecnico in primo luogo, con un impianto di gioco ben preciso e collaudato negli anni, progetto di cui la dirigenaza societaria é artefice e custode.
Prima Lo Monaco con autoritá (controllava personalmente pure le cucine di TdG), poi Gasparin con autorevolezza (l'organizzazione innanzitutto) hanno attuato magistralmente questa filosofia gestionale perfetta per il Catania.
Maran, così come tutti gli allenatori che lo hanno preceduto in questi anni (giovani in fase di lancio o di rilancio, ma con esperienze significative alle spalle, tranne Atzori), avevano questa caratteristica: essere allineati ad una societá forte rappresentata dal suo Presidente e dall'AD che ne costituiva il braccio operativo.

La squadra di quest'anno, nella sua ossatura é la stessa di quella costruita con questa filosofia, quindi i suoi componenti sono quelli stessi che per anni sono stati "dominati" da questo modo di pensare e di gestire,  la squadra ed in genarale il progetto sportivo del Catania. Per questo Maran non poteva più funzionare, così come non poteva funzionare De Canio il quale,  nei mesi che é stato a Catania, credo che non abbia capito dov'era capitato.

Ai giocatori non é sembrato vero ad un certo punto di essere ora "a briglia sciolta" con un "capo" né autoritario né autorevole, ma "paternalistico" che ai primi di settembre ha gestito il caso Barrientos con la bontá del padre verso il figlio che sbaglia, accontendantolo nei limiti del possibile per tenerlo in famiglia anziché prenderlo a "calci sui denti" o accompagnarlo signorilmente alla porta.
In tutto ciò si é inserito come un bomba atomica la figura di Cosentino, un procuratore visto dalla "colonia argentina" in maniera diversa a seconda dei rapporti personali che ciascuno aveva avuto o aveva con lui: ora una garanzia per la carriera (e per l'ingaggio), ora una minaccia. Nonostante il bel dire del Presidente circa l'abbandono di Cosentino del suo vecchio mestiere di procuratore, é evidente che nessuno può crederci e nessuno ci crederá mai.

La squadra, orfana dell'autoritá o dell'autorevolezza ha iniziato a seguire la sua strada, boicottando il lavoro del "sergente di ferro" De Canio, che toglieva dal campo un giocatore al primo errore, per chiedere (non so se esplicitamente) il ritorno "dell'amico" Maran. Lo stile di gestione amichevole di questi dei rapporti coi giocatori é stato premiato nelle prime partite del ritorno (Inter, Parma, Lazio), ma poi altre dinamiche che non sappiamo devono essere subentrate:arrivo persino a pensare ad un nuovo cambio di preparazione atletica e di allenamento rispetto a De Canio, che ha riportato indietro la squadra. Certamente non poteva essere Orazio Russo colui che doveva cogliere queste dinamiche interne allo spogliatoio ed intervenire con tutta la forza della Societá per correggerle.

La nuova cacciata di Maran mi sembra quindi un gesto al tempo stesso di resa davanti a questa situazione e di punizione della squadra. Non penso che a Pellegrino siano stati dati dei compiti particolari, da "ispettore", da valutatore, che avrebbero senso solo con la nuova figura dirigenziale dell'AD.

Certo il nuovo ruolo dato a Caniggia non fa intravedere nulla di buono all'orizzonte, con la conferma di Cosentino quale vice-presidente esecutivo. Purtroppo se non si prenderá coscienza di questo macigno sulla strada del Catania saranno tempi ancora più bui, altro che risalita.
« Ultima modifica: 07 Aprile 2014, 11:21:30 am da vasco »

Offline Xavier

  • Utente
  • **
  • Post: 58
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #33 il: 07 Aprile 2014, 01:42:14 pm »
Ciao carusi,

Dopo la figuraccia che abbiamo fatto ieri e dopo aver ben capito che l'anno prossimo si giocherà di sabato, mi sono fatto il film di questa desastrosa stagione.

Ecco la Saga Avanti per la b 2013-2014 :

Licenzare Gasparin che aveva fatto un buon lavoro.
Sostituire Gasparin da Cosentino. Un procuratore non è e non pùo fare il direttore generale come un francese non sa fare gli arancini.
Il mercato in uscita ( Lodi in cambio e Gomez per solo 6 millioni) ed in entrata ( il greco, cosi scarso che non ne voleva nessuno, Monzon considerato in Francia, paese che ha scoperto il calcio nel solo '98 un incapace, Leto : scomessa perduta ecc...) e quello di gennaio assolutamente scandaloso con il solo ingaggio di Fedato per l'attaco più scarso della serie a.
La scelta degli allenatori. De Canio e poi il ritorno di Maran. E posso aggiungere che se si voleva andare in europa ( mi sembra l'aver sentito a mezza parola di Pulvy e Cosentino) allora la confirmazione di Maran in inizio di stagione era anche sbagliata.
La squadra : Barrientos, giocatore che ritengo da un bel tempo sopravalutato. Lui è il calcio ? Mah... Calcetto si ! In ogni modo, se è cosi forte com'è possibile che dopo 3 o 4 anni sia ancora qua a Catania ?
Spolli, l'anno di troppo, era lui la pluvalenza da fare.
Legrottaglie, quando sei un campione, devi sapere quando lasciare il posto alla nuova generazione.
Andujar, Il gran portiere, quello che diceva che meritava meglio di Catania e poi un paio di giorni dopo ci faceva perdere 2 punti contro la juve. Quest'anno si doveva giocare il posto di titulare in nazionale argentina...

Pe tutto cio', serie b strameritata, vabbè l'anno prossimo mi guardero' le partite il sabato sul pc perche come se dice : non per fama ma per fede  8D

Liotro Let's Go !

Dimenticavo, una cosa mi fa daverro male : che scendiamo mentre questa serie a sia cosi scarsa.







Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #34 il: 07 Aprile 2014, 05:12:58 pm »
Le notizie di uscite si susseguono: via Orazio Russo, via Maran. Adesso via anche il prof. De Bellis, difeso in TV solo qualche mese addietro dal Presidente che aveva dato tutto la colpa della preparazione sbagliata a Maran.

MA a quando LA NOTIZIA vera, quella della PARTENZA di colui che DEVE assolutamente ANDARE VIA e tornarsene in Argentina, se si vuole ricostruire un progetto sportivo serio e senza equivoci?

Qui si continua a "brancolare nel buio".......

Offline Francesco ( Rovigo)

  • Utente
  • ****
  • Post: 547
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #35 il: 07 Aprile 2014, 06:00:31 pm »
Signori una cosa alla volta :-))
Il primo passo che auspicavo era proprio una presa di coscienza della societa' che questo campionato era finito e che si dovesse necessariamente cambiare pagina; in quest' ottima la soluzione del traghettatore ( perché non ho alcun dubbio che sara' effettivamente cosi') e' la piu' logica, come altrattanto logica e' la scelta  di affidare questo incarico ad un tecnico che conosca sia i giocatori della prima squadra che quelli della primavera. D' ora in avanti e' chiaro che i risultati saranno decisamente meno importanti e secondo il mio punto di vista dovranno essere utilizzati solo quei giocatori che abbiano un barlume di possibilita' di rimanere in loco, integrati dai ragazzi della primavera che finalmente avremo la possibilita' di vedere esordire.
E' chiaro, che come Vasco e come tanti altri amici, mi aspetto un direttore tecnico che conosca il campionato italiano, i giocatori italiani  e soprattutto i giocatori della serie inferiore.
Capiremo a breve quindi, il ruolo di Cosentino perché con quanto ho auspicato sopra, non ci azzecca alcunche'.


Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #36 il: 07 Aprile 2014, 06:22:19 pm »
Le notizie di uscite si susseguono: via Orazio Russo, via Maran. Adesso via anche il prof. De Bellis, difeso in TV solo qualche mese addietro dal Presidente che aveva dato tutto la colpa della preparazione sbagliata a Maran.

La notizia del licenziamento di De Bellis mi sorprende moltissimo.
Ma come, non era il miglior preparatore atletico d'Italia, voluto anche da Inter, Torino e mezza Serie A? Non era Maran che aveva istruito De Bellis a effettuare una preparazione atletica che si è poi rivelata catastrofica per la squadra?
Mahhh e cu ci capisci cosa.

Offline Caprarupens

  • Utente
  • *****
  • Post: 2016
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #37 il: 07 Aprile 2014, 07:32:13 pm »
Ciao carusi,

Dopo la figuraccia che abbiamo fatto ieri e dopo aver ben capito che l'anno prossimo si giocherà di sabato, mi sono fatto il film di questa desastrosa stagione.

Ecco la Saga Avanti per la b 2013-2014 :

Licenzare Gasparin che aveva fatto un buon lavoro.
Sostituire Gasparin da Cosentino. Un procuratore non è e non pùo fare il direttore generale come un francese non sa fare gli arancini.
Il mercato in uscita ( Lodi in cambio e Gomez per solo 6 millioni) ed in entrata ( il greco, cosi scarso che non ne voleva nessuno, Monzon considerato in Francia, paese che ha scoperto il calcio nel solo '98 un incapace, Leto : scomessa perduta ecc...) e quello di gennaio assolutamente scandaloso con il solo ingaggio di Fedato per l'attaco più scarso della serie a.
La scelta degli allenatori. De Canio e poi il ritorno di Maran. E posso aggiungere che se si voleva andare in europa ( mi sembra l'aver sentito a mezza parola di Pulvy e Cosentino) allora la confirmazione di Maran in inizio di stagione era anche sbagliata.
La squadra : Barrientos, giocatore che ritengo da un bel tempo sopravalutato. Lui è il calcio ? Mah... Calcetto si ! In ogni modo, se è cosi forte com'è possibile che dopo 3 o 4 anni sia ancora qua a Catania ?
Spolli, l'anno di troppo, era lui la pluvalenza da fare.
Legrottaglie, quando sei un campione, devi sapere quando lasciare il posto alla nuova generazione.
Andujar, Il gran portiere, quello che diceva che meritava meglio di Catania e poi un paio di giorni dopo ci faceva perdere 2 punti contro la juve. Quest'anno si doveva giocare il posto di titulare in nazionale argentina...

Pe tutto cio', serie b strameritata, vabbè l'anno prossimo mi guardero' le partite il sabato sul pc perche come se dice : non per fama ma per fede  8D

Liotro Let's Go !

Dimenticavo, una cosa mi fa daverro male : che scendiamo mentre questa serie a sia cosi scarsa.

Xavier, intanto Benvenuto anche da parte mia.
Se anche da un'osservatore d'oltralpe viene fornita un'analisi così lucida  e condivisibile come la tua, la mia domanda è:
"Al Catania ci sono o ci fanno?"
Vabene Maran, ha tutte le colpe di questo mondo col senno di poi ma siamo sicuri che avendo messo 10/11mi di giocatori della primavera, perdendo, non avrebbe ricevuto le stesse critiche?
Si -mi direte voi- ma la partita dura 90 minuti e la gestisce l'allenatore.
Ed anche questo è vero ma se su 27/30 giocatori ne trovi 22/25 senza nessuno stimolo, hai voglia di fare cambiamenti:la zita questa è.
E se nessuno delle teste pensanti fa una - dico - una mossa per cambiare il corso delle cose che messaggio lancia ai 22/25 giocatori sfa.vati?
Questo campionato è scadente ma il Calcio Catania quest'anno ha dimostrato coi fatti che di tutte le squadre scadenti è stata la più scadente. PUNTO!
Io non penso mai ad una strategia societaria mirata alla discesa in serie cadetta come letto da qualche parte da lettere aperte di supetifosi che fanno analisi economiche degne della..... mia preparazione economica (più che scarsa totalmente assente)..... perchè in qualsiasi impresa si fanno le mosse che mirano sempre ad aumentare la competitività e le risorse  di questa.
Fugato questo "vento di calunnia" per me la realtà è moooolto più semplice: a livello societario non hanno saputo gestire l'emergenza che una volta diventata tale gli è sfuggita di mano portando la squadra, ed i componenti di questa che ne sono i primi responsabili per scarsa professionalità, ad una discesa sempre più ripida ed irrimontabile.
L'allenatore come al solito paga per tutti ma i veri responsabili sono altri.
Parafrasando Harvey Keitel in Pulp Fiction occorreva un signore che bussava alla porta del Calcio Catania e diceva: "Salve! sono l'uomo che risolve i problemi."

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #38 il: 07 Aprile 2014, 08:35:54 pm »
Vasco,ti rispondo su un punto.NESSUNA SOCIETA' IN ITALIA ASSECONDA IL TECNICO.

Gli unici che ci erano riusciti furono Capello e Mourinho ma con societa' che all'epoca buttavano i soldi

Lo stesso Conte si e' lamentato ripetutamente picchi ci vinnunu i iucaturi per fare cassa e non gli prendono quelli che vuole lui.


Maran era scadente anche l'anno scorso,chi mi conosce sa che lo ripeto da gennaio 2013.Non mi ha deluso o sorpreso.Ha fatto quello che mi aspettavo.

Gli errori sono da altre parti.


Marco,infatti voglio che finalmente Pulvirenti faccia un discorso razionale sulle prospettive future,che include anche  chiarimenti economici.Perche' si sono sempre vantati di non aver paura di una retrocessione anzi di avere le potenzialit' per risalire subito

Ecco.

Che parlino chiaro.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #39 il: 07 Aprile 2014, 09:05:15 pm »

Vasco,ti rispondo su un punto.NESSUNA SOCIETA' IN ITALIA ASSECONDA IL TECNICO.
.............................................................

Santo, forse nessuna società fa fare la "lista della spesa" al tecnico, ma molte società stabiliscono il progetto tecnico ed il tipo di giocatori idoneo, insieme al tecnico. A Catania invece si è sempre consegnata "chiavi in mano" la squadra all'allenatore, il quale ha servito "la minestra" cucinata da altri. Fin quando il "cuoco" é stato all'altezza tutto ok, quanto meno per raggiungere la salvezza. 

Quest'anno invece ni fici acitu, anche perché né Maran né De Canio, sono stati capaci di ribollire la minestra o di insaporirla a modo loro. Sono daccordo anch'io: gli errori, prima che nel tecnico, sono da altre parti.

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #40 il: 07 Aprile 2014, 09:06:06 pm »
Sembra sia stato licenziato anche il preparatore atletico.Ma non ho certezze al riguardo

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #41 il: 07 Aprile 2014, 09:43:22 pm »
Si ufficiala.Fatto fuori pure il preparatore atletico


Torna Petralia,uomo fidato di Marino.

Offline ivan

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #42 il: 07 Aprile 2014, 09:47:59 pm »
L'importante è che non torni Marino per il prossimo campionato.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #43 il: 07 Aprile 2014, 09:59:40 pm »
L'importante è che non torni Marino per il prossimo campionato.

Un ritorno di Marino e tutto il resto rimane com'é?

Non mi sorprenderebbe. Nun ci stanu capennu cchiù nenti. :^(


Offline katane64

  • Utente
  • ***
  • Post: 388
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #44 il: 07 Aprile 2014, 11:41:35 pm »
Un giorno, forse, capirò questa diffidenza nei confronti di Marino. Un allenatore che ci ha portato in serie A giocando alla grande e che, non fosse stato per Farina, era in posizione Champions. D'accordo, ha fetuto altrove, ma anche il signor Guidolin, Udinese a parte. A ognuno la sua casa