Autore Topic: Catania Calcio stagione 2013-2014  (Letto 29292 volte)

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #60 il: 08 Aprile 2014, 11:19:00 pm »
GP

non possiamo saperlo, lo sapremo sicuramente a fine campionato, io comunque resto del parere, che nonostante tutti gli errori, un allenatore autorevole e con le "palle", ci avrebbe fatto salvare, se sostenuto dalla società.

Ivan, scusa se mi intrometto: ma pensi che la società non abbia sostenuto Maran e De Canio? Secondo me a modo loro lo hanno fatto, ma nel modo sbagliato.

Diciamo che se fosse stato disponibile e ancora in circolazione un Carlo Mazzone sarebbe stato l'ideale per la nostra situazione. O un Sinisa Mihajlovic (che ieri ha annullato il riposo e ha fatto allenare la squadra alle 7 del mattino, così, tanto per ricordare alle signorine che la vita è fatta di sacrifici). Ma, a detta del Presidente, la società non lo ha neanche cercato.

Come dice GP la gestione di una società di calcio è qualcosa di molto complesso e le dinamiche relazionali che si innescano sono molto più complicate di altri ambienti. Serve l'esperienza degli anni, la capacità professionale e tanto pelo sullo stomaco per avere successo in un ambiente difficile.

A ciò si aggiungono gli errori (e ripeto non tocca a me tifoso, sapere le condizioni di un giocatore, il suo carattere e come preferisce giocare: io al massimo lo vedo su youtube) del mercato estivo e di gennaio ("peccato mortale non prendere un attaccante". cit. Pietro Lo Monaco).

Ma allora il problema non è l'allenatore o il preparatore atletico o la sfortuna carogna. Il problema è il "primo collaboratore" del presidente nonché vice-presidente, nonché colui che deve individuare le lacune tecniche della squadra e colmarle con giocatori adeguati. E poi li deve seguire nel loro ambientamento, nei loro problemi in squadra coi compagni. Ma questo Cosentino non lo ha saputo fare.
E allora, se vuole rimanere (o lo si vuole tenere) a Catania deve essere diretto da qualcuno sopra di lui, un DG, che deve avere il secondo mazzo di chiavi del Catania (il primo appartiene ovviamente al Presidente).
« Ultima modifica: 08 Aprile 2014, 11:31:04 pm da vasco »

Offline Xavier

  • Utente
  • **
  • Post: 58
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #61 il: 09 Aprile 2014, 09:49:15 am »
Grazie Caprarupens !

Ecco cosa ho letto :

Lettera aperta firmata dallo storico capo ultras della curva Nord, Michele Spampinato,

"Chiarimento riguardo la singolare coincidenza che ci sarebbe tra una nostra probabile retrocessione in B ed il recente accordo (dell’importo di 100 milioni di euro) tra l’Istituto del Credito Sportivo e la Lega di B inerente la costruzione di 5 o 6 nuovi stadi nel nostro Paese.
Chiarimento riguardo un’altra singolare coincidenza che ci sarebbe tra una nostra probabile retrocessione in B ed il maxi rimborso da parte della Lega di Serie A . Quanto può influire questo cosiddetto“paracadute di solidarietà”?

Non ne avevo mai sentito parlare di tutto cio', mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.


Offline franco-ct al nord

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #62 il: 09 Aprile 2014, 11:27:21 am »
Xavier,
a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca...
E chi lo sa?
Comunque, troppe cose strane sono successe quest'anno durante le nostre partite. Direi, cose incomprensibili.
Mia moglie, che ogni tanto mi fa compagnia davanti alla TV a vedere le partite (mischinedda chi spiritu di sacrificiu...) mi dice sempre: " ma non lo vedi che devono perdere per forza?"
Forse l'occhio non ammalato di "tifo" vede meglio e più lontano?
Saluti.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #63 il: 09 Aprile 2014, 01:48:10 pm »

.................

Non ne avevo mai sentito parlare di tutto cio', mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

 A me sembra molto, ma molto inverosimile. Una di quelle spiegazioni da "vuautri no sapiti comi stanu i cosi" ....perché "conoscere" i lati oscuri delle cose ci dona un'aurea particolare.

I motivi dell'inverosimiglianza sono semplici e sono nei fatti.
- La retrocessione comporta in ogni caso  un danno economico patrimoniale e quindi é da stupidi cercarla, specie per una societá ben assestata per la serie A. 
- La vetrina giocatori, quella che ti fa fare le plus-valenze grazie al lavoro di scouting, é quella della serie A. Almeno che non hai Zeman in panchina e il c.......lo di avere un Verratti in squadra (e una buona stampa nazionale che lo incensa).
- La strategia delle plus-valenze dalla valorizzazione dei giocatori (quella grazie alla quale é stato realizzato TdG) a cui é legata, a mio parere, la presenza di Cosentino, viene quindi ad essere in gran parte compromessa.
- Un debito (quello col credito sportivo, che non é fondo perduto) é sempre un debito e deve essere sostenibile nel tempo e gli introiti dei diritti televisivi della serie A saranno sempre superiori a quelli della serie B.
- Nessuno assicura una immediata risalita e per avere una concreta possibilitá di farcela bisognerá impiegare bene, con competenza, quel tesoretto (il famoso paracadute) concesso alle squadre retrocesse proprio per evitare il fallimento dovuto alla riduzione secca delle entrate.
- Poco senso avrebbe lo stadio nuovo e la squadra in prima divisione.

Questo secondo me il quadro logico che escluderebbe quella ipotesi.
Però, onestamente, devo dire che quest'anno al Catania c'é stato ben poco di logico nelle scelte della societá nel corso dell'anno. E allora qualunque spiegazione può diventare plausibile, anche quelle dei "bene informati".

Carusi  ;-), l'annata del Catania si spiega con due sole parole: incompetenza e presunzione. Su questo si dovrá lavorare per avere un buon futuro (e pure lo stadio).
« Ultima modifica: 09 Aprile 2014, 02:00:13 pm da vasco »

Offline ivan

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #64 il: 09 Aprile 2014, 03:18:46 pm »
Vasco,
chiarisco il concetto, quando si è sostituito un allenatore con un altro, non si può permettere ai giocatori di fare di tutto per esonerarlo, e mi riferisco a Di Canio, che sicuramente non è l'ultimo arrivato e non è uno morbido, ma probabilmente si è reso conto abbastanza presto dell'ostilità dei giocatori e del fatto che la società non era abbastanza forte da sostenerlo, da qui il suo atteggiamneto, non certo allegro, da molti ctiticato.
Cosa avrebbe invece dovuto fare, secondo me, la società, come già avevo scritto durante il mercato di gennaio, una mini rivoluzione, cedendo o, se non ci riusciva, mettendo fuori squadra, tutte le mele marce, che sicuramente sa meglio di noi quali sono,  sostituendole con giocatori, magari presi dalla serie B, che sicuramente peggio non avrebbero fatto, come nel primo anno di gestione, per intenderci ai tempi dei vari vugrinec ferrante e compagnia bella, facendo così capire che l'allenatore rimaneva al suo posto e chi non era d'accordo poteva fare le valige.
Questo è secondo me l'errore più grave fatto quest'anno dalla società, non tanto il mercato estivo, perchè può capitare a tutti di sbagliare alcuni giocatori, ma non aver saputo porre rimedio ad una situazione che già a fine dicembre era chiara a tutti e quando ancora nonostante tutto nulla era compromesso per salvare la stagione.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #65 il: 09 Aprile 2014, 03:36:09 pm »
Vasco,
chiarisco il concetto, quando si è sostituito un allenatore con un altro, non si può permettere ai giocatori di fare di tutto per esonerarlo, e mi riferisco a Di Canio, che sicuramente non è l'ultimo arrivato e non è uno morbido, ma probabilmente si è reso conto abbastanza presto dell'ostilità dei giocatori e del fatto che la società non era abbastanza forte da sostenerlo, da qui il suo atteggiamneto, non certo allegro, da molti ctiticato.
Cosa avrebbe invece dovuto fare, secondo me, la società, come già avevo scritto durante il mercato di gennaio, una mini rivoluzione, cedendo o, se non ci riusciva, mettendo fuori squadra, tutte le mele marce, che sicuramente sa meglio di noi quali sono,  sostituendole con giocatori, magari presi dalla serie B, che sicuramente peggio non avrebbero fatto, come nel primo anno di gestione, per intenderci ai tempi dei vari vugrinec ferrante e compagnia bella, facendo così capire che l'allenatore rimaneva al suo posto e chi non era d'accordo poteva fare le valige.
Questo è secondo me l'errore più grave fatto quest'anno dalla società, non tanto il mercato estivo, perchè può capitare a tutti di sbagliare alcuni giocatori, ma non aver saputo porre rimedio ad una situazione che già a fine dicembre era chiara a tutti e quando ancora nonostante tutto nulla era compromesso per salvare la stagione.

Concordo in pieno.

Purtroppo la situazione non era chiara a chi doveva prendere le decisioni o consigliare. E io mi chiederei anche com'é che ad un certo punto sono venute fuori delle "mele marce" in un gruppo fino all'anno prima affidabile?
La domanda  ci riporta inesorabilente allo stesso punto, quello cruciale!!!

Offline Caprarupens

  • Utente
  • *****
  • Post: 2016
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #66 il: 09 Aprile 2014, 04:34:18 pm »

.................

Non ne avevo mai sentito parlare di tutto cio', mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

 A me sembra molto, ma molto inverosimile. Una di quelle spiegazioni da "vuautri no sapiti comi stanu i cosi" ....perché "conoscere" i lati oscuri delle cose ci dona un'aurea particolare.

I motivi dell'inverosimiglianza sono semplici e sono nei fatti.
- La retrocessione comporta in ogni caso  un danno economico patrimoniale e quindi é da stupidi cercarla, specie per una societá ben assestata per la serie A. 
- La vetrina giocatori, quella che ti fa fare le plus-valenze grazie al lavoro di scouting, é quella della serie A. Almeno che non hai Zeman in panchina e il c.......lo di avere un Verratti in squadra (e una buona stampa nazionale che lo incensa).
- La strategia delle plus-valenze dalla valorizzazione dei giocatori (quella grazie alla quale é stato realizzato TdG) a cui é legata, a mio parere, la presenza di Cosentino, viene quindi ad essere in gran parte compromessa.
- Un debito (quello col credito sportivo, che non é fondo perduto) é sempre un debito e deve essere sostenibile nel tempo e gli introiti dei diritti televisivi della serie A saranno sempre superiori a quelli della serie B.
- Nessuno assicura una immediata risalita e per avere una concreta possibilitá di farcela bisognerá impiegare bene, con competenza, quel tesoretto (il famoso paracadute) concesso alle squadre retrocesse proprio per evitare il fallimento dovuto alla riduzione secca delle entrate.
- Poco senso avrebbe lo stadio nuovo e la squadra in prima divisione.

Questo secondo me il quadro logico che escluderebbe quella ipotesi.
Però, onestamente, devo dire che quest'anno al Catania c'é stato ben poco di logico nelle scelte della societá nel corso dell'anno. E allora qualunque spiegazione può diventare plausibile, anche quelle dei "bene informati".

Carusi  ;-), l'annata del Catania si spiega con due sole parole: incompetenza e presunzione. Su questo si dovrá lavorare per avere un buon futuro (e pure lo stadio).

quoto le tue conclusioni e ne aggiungo una lapalissiana: alla fine di qualsiasi campionato le tre squadre più scarse vanno in B. Enella serie A-Tim una di queste tre (verdetto del campo) è il Catania. C'est la vie!

Offline ivan

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #67 il: 09 Aprile 2014, 09:47:20 pm »
Xavier,
intanto approfitto anch'io per darti il benvenuto, quelle domande che hai riportato,
sono talmente banali e prive di senso, da non meritare alcuna risposta, e sono sicuro che la società non gliela darà.

Il credito sportivo non ha bisogno di un accordo con la lega per concedere un finanziamento, chi vuole fare lo stadio, che sia in serie A o in serie B, se vuole può farlo benissimo basta presentare un progetto valido e garanzie di solvibilità, e ottiene un finanziamento, infatti non mi pare che per TDG ci sia voluto un accordo. e come ha bene detto Vasco, si tratta sempre di un prestito che comunque bisogna restituire e non di un fondo perduto, e poi con 100mln. per 5/6 stadi che ci fanno? solo i plastici.

Il cosidetto paracadute per chi retrocede è comunque nettamente inferiore agli introiti che si perdono per i diritti TV, senza considerare il deprezzamento dei giocatori, perdita di sponsor è tutto il resto, quindi sostenere che è conveniente scendere
è da idioti, allora come mai tutte le squadre lottano per restare anzichè per scendere?


Saverio, ascuta a mmia chissi su sulu personaggi ca cianu a testa sulu pi farisi u sciampu.

ciao.

Offline LUIS

  • Utente
  • ****
  • Post: 893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #68 il: 09 Aprile 2014, 10:04:24 pm »

.................

Non ne avevo mai sentito parlare di tutto cio', mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

 A me sembra molto, ma molto inverosimile. Una di quelle spiegazioni da "vuautri no sapiti comi stanu i cosi" ....perché "conoscere" i lati oscuri delle cose ci dona un'aurea particolare.

I motivi dell'inverosimiglianza sono semplici e sono nei fatti.
- La retrocessione comporta in ogni caso  un danno economico patrimoniale e quindi é da stupidi cercarla, specie per una societá ben assestata per la serie A. 
- La vetrina giocatori, quella che ti fa fare le plus-valenze grazie al lavoro di scouting, é quella della serie A. Almeno che non hai Zeman in panchina e il c.......lo di avere un Verratti in squadra (e una buona stampa nazionale che lo incensa).
- La strategia delle plus-valenze dalla valorizzazione dei giocatori (quella grazie alla quale é stato realizzato TdG) a cui é legata, a mio parere, la presenza di Cosentino, viene quindi ad essere in gran parte compromessa.
- Un debito (quello col credito sportivo, che non é fondo perduto) é sempre un debito e deve essere sostenibile nel tempo e gli introiti dei diritti televisivi della serie A saranno sempre superiori a quelli della serie B.
- Nessuno assicura una immediata risalita e per avere una concreta possibilitá di farcela bisognerá impiegare bene, con competenza, quel tesoretto (il famoso paracadute) concesso alle squadre retrocesse proprio per evitare il fallimento dovuto alla riduzione secca delle entrate.
- Poco senso avrebbe lo stadio nuovo e la squadra in prima divisione.

Questo secondo me il quadro logico che escluderebbe quella ipotesi.
Però, onestamente, devo dire che quest'anno al Catania c'é stato ben poco di logico nelle scelte della societá nel corso dell'anno. E allora qualunque spiegazione può diventare plausibile, anche quelle dei "bene informati".

Carusi  ;-), l'annata del Catania si spiega con due sole parole: incompetenza e presunzione. Su questo si dovrá lavorare per avere un buon futuro (e pure lo stadio).



sono d'accordissimo.
tantissima incompetenza accompagnata da altrettanta presunzione.
« Ultima modifica: 09 Aprile 2014, 10:14:18 pm da LUIS »

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #69 il: 10 Aprile 2014, 12:06:24 am »
......
Prima Lo Monaco con autoritá (controllava personalmente pure le cucine di TdG), poi Gasparin con autorevolezza (l'organizzazione innanzitutto) hanno attuato magistralmente questa filosofia gestionale perfetta per il Catania.
.......
Ai giocatori non é sembrato vero ad un certo punto di essere ora "a briglia sciolta" con un "capo" né autoritario né autorevole, ma "paternalistico" che ai primi di settembre ha gestito il caso Barrientos con la bontá del padre verso il figlio che sbaglia, accontendantolo nei limiti del possibile per tenerlo in famiglia anziché prenderlo a "calci sui denti" o accompagnarlo signorilmente alla porta.
......
La squadra, orfana dell'autoritá o dell'autorevolezza ha iniziato a seguire la sua strada, .....

Caro Vasco, leggendo la tua ottima disanima su quello che è stato il decorso della stagione 2013/14 del Catania, mi è venuto in mente un video che ho visto l'estate scorsa su YouTube e che già a quel tempo mi fece sorgere più di un dubbio sul lassismo e sulla superficialità con cui è stato effettuato il ritiro estivo a TdG, e su quale fosse la mentalità dei giocatori del Catania nell'affrontare l'imminente campionato di Serie A senza un direttore o amministratore delegato a gestire lo spogliatoio.

http://www.youtube.com/watch?v=njtIgAeE0oc

In questo video riconosco in ordine sparso Freire, Rolin, Castro, Bergessio, Izco, Almiron, Andujar, Spolli e con il tanto rimpianto Papu Gomez a capo della banda dei fannulloni. Non riesco a identificare uno di loro, ma mi sembra che sia Alvarez. È un video filmato a TdG durante il ritiro estivo prima dell'inizio del campionato. In pratica quasi tutta la colonia argentina a fare baldoria piuttosto che allenarsi.

Ma pensate che un festino del genere avrebbe avuto luogo tra le mura di TdG con un Lo Monaco o Gasparin a sorvegliare i corridoi del nostro centro sportivo?

Qualcuno nel forum ha detto che quest'anno saremmo retrocessi anche con Marchese e Gomez in squadra, e vedendo come il Papu si stava preparando per la stagione, e considerando pure la scarsa qualità delle sue prestazioni con il Metalist, direi proprio che ha ragione.

Che dire? Visto che i nostri giocatori sembrano non aver futuro nel mondo del calcio, magari riusciranno a sfondare nel mondo della musica.

Sempri
FOZZA CATANIA
« Ultima modifica: 10 Aprile 2014, 12:33:41 am da Davide da Miami »

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #70 il: 10 Aprile 2014, 03:49:11 pm »
Visto che abbiamo parlato di allenatori.......
Ieri sera vedere giocare l'Atletico Madrid di Diego Simeone era un piacere. Hanno messo sotto il Barcellona di brutto, pressando, chiudendo le fasce e facendo muro a centrocampo per poi ripartire rapidamente con tutto l'organico. Nessuno dei suoi giocatori si è risparmiato in questo elastico e tutti facevano la fase offensiva e difensiva con la stessa concentrazione ed intensità agonostica. Quando si dice che nel calcio moderno il solo correre non serve: non bisogna correre a vuoto. E quanto conta un allenatore che ti sprona per 100 minuti.

Non mi sono mai piaciuti i rimpianti, ma le cose buone del passato da cui imparare per il futuro. Simeone a Cataniia non mi ha entusiasmato quanto Mihajolvic, ma devo ammettere che quanto a carattere, già a Catania aveva fatto vedere di che pasta era fatto. Ed adesso avendo migliorato il suo acume tattico, è diventato un grandissimo allenatore. E fa piacere che in un tempo non tanto remoto, il Calcio Catania ha saputo sceglierlo per guidare la nostra squadra. Non era una secolo fa ma appena tre anni fa.....e il Presidente è lo stesso di allora....qualche altro....no!
Spero che il Catania ritrovi questa competenza e che Simeone vinca la coppa.
« Ultima modifica: 10 Aprile 2014, 03:57:43 pm da vasco »

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #71 il: 10 Aprile 2014, 05:00:25 pm »
Anche a me non aveva fatto granche' impressione...anzi.
Ho visto la gara di andata e quella di ritorno di ieri sera e mi sono convinto che...anche a friggere un uovo ci vuole fortuna.
Nella gara di andata ha subito lo strapotere tecnico e di possesso palla del Barca e nell'unica azione di attacco ha trovato il jolly con il tiro della domenica di Deco (ex Juve) impattandola sull'uno a uno.
Nelle due gare e' emerso che ,secondo la mia opinabilissima concezione del calcio, Simeone ha trasferito, unitamente alla grinta e alla fisicità che lo caratterizzavano da calciatore, solo  una disposizione difensiva impeccabile nelle distanze fra i reparti e uno spirito di gruppo davvero encomiabile....tutto il resto tanto correre e... un gran cu lo  ;-)
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2460
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #72 il: 10 Aprile 2014, 08:00:28 pm »

E ti pare poco? Senza quello non si va da nessuna parte :-)) .
Non ho visto la gara di andata, ma ieri sera hanno meritato il passaggio del turno: oltre al goal all'inizio hanno colpito due volte i legni ed hanno fatto una partita intensa di agonismo e di corsa intelligente. Certo avevano d'avanti il Barcellona non la squadra del dopolavoro.........
« Ultima modifica: 10 Aprile 2014, 08:02:47 pm da vasco »

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3910
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #73 il: 10 Aprile 2014, 10:40:09 pm »
È vero l'Atletico difende non bene, ma benissimo, ma quando contrattacca lo fa con 4/5 giocatori che vanno a mille!
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline Xavier

  • Utente
  • **
  • Post: 58
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Catania Calcio stagione 2013-2014
« Risposta #74 il: 10 Aprile 2014, 11:32:58 pm »
Grazie Ivan del benvenuto.

Condivido il vostro pensiero.

Tuttavia, anche se Pulvirenti è catanese ed a dimostrato da tanti anni di essere un bravo presidente, quest'anno ha commesso  tanti errori, cosi' tanti che sono ansioso per il futuro, e aspetto con timore quali misure saranno adottate alla fine di questa imbarassante stagione. Comminciando con il turista da Miami.

Purtroppo quest'anno si concluderà con la retrocessione in b del nostro amato Catania e senza nessuna satisfazione. Quindi, non aspettero' più niente di questo Catania e dei suoi musicisti argentini tranne una sola cosa. Non cambierà niente, ma voglio una vittoria contro i giallorossi. Una sola satisfazione, spero di non domandare troppo.