Autore Topic: La squadra operaia vā in paradiso.  (Letto 942 volte)

umastru

  • Visitatore
La squadra operaia vā in paradiso.
« il: 21 Settembre 2008, 04:41:17 pm »
Ciao a tutti.
Ebbene sė, abbiamo una signora squadra di calcio! qualche pregevole individualitā tanti onesti operai della pelota, ma soprattutto un gruppo unito.
Prima di inoltrarmi nella disamina della partita, da siciliano all'estero (Ormai cosi ci fanno sentire i leghisti ) voglio esprimere la mia gratitudine a questo gruppo dirigente che tra errori di comunicazione con i media e situazione abbientale che oggettivamente definire difficile č un eufemismo, č riuscita a creare questo piccolo miracolo  che č il Catania calcio. Dopo gli anni artigianali e passionali del cavaliere e decine di furbetti del quartierino finalmente abbiamo una societā sana.
Tornando al pallone, finalmente tra i pali abbiamo un portiere che dā sicurezza alla difesa. Deciso nelle uscite, sia alte che basse, Bizzari non sarā Buffon, ma almeno rende la vita pių serena a Stovini e compagnia cantante, con il risultato di meno nervosismo e relativa diminuzione di cartelini gialli e rossi.
Vi stupirō, mi č piaciuto pure "peri i chiummu" Sardo, d'accordo sbagliera ancora molti cross, ma ci mette l'anima, e tranne gli ultimi venti minuti a destra non č che gli orobici abbiano fatto sfracelli.
Il resto del reparto difensivo ormai č una certezza, anche se Sabato non č che mi abbia fatto impazzire.
A centrocampo l'unico che non mi ha convinto č stato Carboni ma forse non stava bene, e con l'ingresso di Biagianti le cose sono andate a posto.
D'avanti o di riffa o di raffa un gol lo facciamo sempre chiunque sia in campo tutti bravi, forse il solo Peppino ha quel soffio di follia in pių nelle giocate e quella vocazione al  sacrificio che lo porta a raddoppiare in tutti gli angoli del campo (Occhio Beppe, cosė scoppi presto).
Rivedere Baiocco finalmente sereno e non l'isterico di fine campionato, credo che sia un merito di Zenga, come sia un suo merito avere creato un gruppo coeso, molto unito che conosce i suoi limiti, č gioca sempre al meglio delle sue possibilitā, adattandosi all'avversario cercando di limitare i danni con le big ma giocando sempre a viso aperto.
Ariciao.
"U Mastru"
P.S. Mentre scrivo, l'inter ha giā rifilato tre gol al  Toro, forse č meglio rivalutare la sconfitta della scorsa domenica.
P.S.2 forse questa č la volta che la squadra operaia ci vā in paradiso.