Autore Topic: Palermo-Torino  (Letto 10425 volte)

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Palermo-Torino
« Risposta #75 il: 18 Settembre 2007, 03:01:26 pm »
La difesa a tre a me non piace perchè poi finisce che diventano cinque gli uomini in difesa. Io preferisco una squadra più propositiva.Dellafiore mi è stato chiesto più volte come se dovesse essere lui il salvatore della patria. Noi avevamo in rosa Barzagli, Biava, Zaccardo, Rinaudo e Cossentino, Dellafiore è un giocatore su cui il Palermo punta e invece di fargli fare un campionato a singhiozzo, siamo stati tutti d'accordo di mandarlo a giocare a Torino

Eh no caro Stefano.....io penso che avendo in Rosa Barzagli Rinaudo e Zaccardo.....e non volendo sacrificare  Diana......forse proprio la difesa a 3 dovresti provare......ma non lo farai mai!!!


Già, perchè é vero che poi in difesa gli uomini diventano veramente cinque e mi sembra di potere dire dopo tre mesi di "studio" che Colantuono può avere tutti i difetti di questo mondo, tranne quello di essere un catenacciaro. Del resto uno dei primi a fare una zona diversa dai quattro in linea in Italia fu Nevio Scala ed il gioco del suo Parma si chiamava 5-3-2 perchè c'erano tre difensori centrali e due terzini fluidificanti.

Oggi é più di moda parlare di 3-5-2, ma alla fine non credo ci sia tanta differenza dal modulo di Scala.
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.