Autore Topic: Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?  (Letto 1634 volte)

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #15 il: 05 Luglio 2021, 09:34:26 am »

Bisogna invece smettere di parlare di eventualità e concentrarsi sulla realtà dei fatti.
C'è un campionato da affrontare, cercando di farlo in modo dignitoso, e cercare a tutti i costi di rendere la società vendibile.
Quindi concentriamoci sul sorvegliare la proprietà, che per inciso deve ancora spiegare che ruolo avranno coloro che con il loro contributo (cioè gli imprenditori esternia SIGI) avranno in società e il piano d'azione.
E non mi risulta che sia ancora stata programmata una conferenza stampa con questo tipo di ordine del giorno.

Sulla questione della matricola ho espresso il mio modo pensiero in precedenza e non ci ritorno.

In effetti l'iscrizione al campionato non può essere visto come un punto di arrivo ma è IL PUNTO di partenza. Siamo consapevoli che senza pubblico allo stadio e relativi introiti e con il debito pregresso, la zavorra che pesa sul Catania è notevole.
Per ciò ritengo che l'aspetto "gestionale" in questo momento diventa decisivo sia sul piano sportivo che su quello economico: il successo sportivo allevierebbe e di molto il problema economico.

La coperta sembra però troppo corta: o si risana o si investe sulla squadra.
Probabilmente si dovrebbe investire sui giovani e sperare di trovare la quadra in un paio d'anni.
Poi non c'è alcuna garanzia di un futuro: ricordiamoci che il Trapani ha vinto un campionato senza società e un anno dopo è retrocesso e fallito.
Di sicuro concordo con te sulla necessità di investire su un manager, perché si stanno facendo figuracce in serie.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #16 il: 19 Ottobre 2021, 03:35:11 pm »
Purtroppo mi tocca riesumare questo post.
A quanto pare siamo ormai alla commedia dell'assurdo, con Nicolosi che afferma di non aver nemmeno letto lo statuto della SIGI, che l'obiettivo è finire la stagione ma sarà molto difficile iscriversi alla prossima.
Il progetto di affittare TdG è saltato e c'è stato un altro pignoramento.
Ricordo che in caso di un terzo imprevisto, molto probabile, scatterà l'esclusione dal campionato, epilogo imbarazzante, non mi soffermo a riflettere se più o meno di una mancata iscrizione.
Non credo nemmeno ci sia spazio per il fallimento pilotato paventato da una pseudo testata giornalistica, ma non ho certo voglia di prendermi una laurea in economia e commercio e un'altra in giurisprudenza per capire come potrebbe agire il tribunale, che finora ha fatto cose non spiegabili.

Una morale si può trarre.
Siamo alla parodia.
La Sigi è la parodia di una società di calcio.
Nicolosi è la parodia di un imprenditore.
Maugeri, beh, non sapevo chi fossequesta macchietta prima che entrasse in società e avrei voluto non saperlo mai.

Questi signori ci danno comunque il quadro delle presunte "potenzialità" di Catania.
In realtà tali potenzialità si limitano alla posizione geografica e al numero di potenziali tifosi-clienti.
Per il resto c'è l'inettitudine che contraddistingue la nostra imprenditoria, incapace di andare oltre affari di quartiere, è qualcosa di imbarazzante, che nel contesto del calcio di oggi, ci condanna ad una vita in periferia.


Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2376
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #17 il: 19 Ottobre 2021, 07:07:14 pm »

Questi signori ci danno comunque il quadro delle presunte "potenzialità" di Catania.
In realtà tali potenzialità si limitano alla posizione geografica e al numero di potenziali tifosi-clienti.
Per il resto c'è l'inettitudine che contraddistingue la nostra imprenditoria, incapace di andare oltre affari di quartiere, è qualcosa di imbarazzante, che nel contesto del calcio di oggi, ci condanna ad una vita in periferia.

Non pretendevamo e non pretendiamo una vita calcistica in centro (anche se c'eravamo e potevamo restarci: ma sul latte versano non si piange), ma una vita calcistica "dignitosa" in continuità con la storia calcistica della nostra città (quella extracalcistica l'abbiamo purtroppo dovuta subire).
La vicenda di SIGI conferma ancora una volta l'antico proverbio (e nei proverbi c'è saggezza e verità) che "a pignata 'ncumuni nun vudda mai".

Io non punterei tanto il dito contro Nicolosi, che nei limiti delle sue possibilità, sta facendo la sua parte. Né sulla sua leggerezza nel non aver letto lo Statuto (avrà avuto i suoi motivi o, colpevolmente ed ingenuamente si sarà fidato di coloro che glielo avevano proposto: in ogni caso è indice più di una generosa partecipazione che di una scelta imprenditoriale). E non punterei il dito su coloro che stanno contribuendo tirando fuori soldi veri.

Il comportamento da additare e stigmatizzare nella sua "pochezza" al limite del ridicolo è quello di chi si sta tirando indietro, adducendo attraverso pubbliche interviste, misteriose o poco comprensibili motivazioni. Scuse risibili più che altro.
Il grande limite di questa operazione è stata la presunzione: di potere andare avanti oltre l'entusiasmo iniziale ("a pignata...), oltre la chiarezza della situazione patrimoniale della Società, oltre la vera disponibilità economica, a dispetto di una progettualità che evidentemente non c'è stata. Trovare in breve tempo un acquirente era l'unico vero obiettivo da perseguire, il porto verso cui dirigere. Ora ci si trova in mezzo ad una tempesta senza adeguati mezzi per governare la nave.

Infine una menzione per i creditori "vicini alla vecchia gestione" (sarebbe interessante che uscissero pubblicamente nomi e cognomi; non capisco la reticenza a parlarne, visto che gli atti giudiziari dovrebbero essere pubblici) che hanno avanzato istanza di pignoramento sottraendo cospicue somme di denaro alla gestione ordinaria.
Dopo tutto quello che ha combinato la "vecchia gestione", pure questo. Nel mondo della finanza questi soggetti li chiamano "sciacalli". Mai termine fu più appropriato.
« Ultima modifica: 19 Ottobre 2021, 07:13:22 pm da vasco »

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #18 il: 22 Ottobre 2021, 05:17:32 pm »
Arriva anche la messa in mora dei giocatori.
Atto dovuto ma anche molto grave, poiché potrebbe innescare l'effetto domino spingendo altri creditori a bussare alla porta del Catania.
Inutile dire che è utopistico sperare che la SIGI sia in grado di non cannare nessuna delle rimanenti scadenze, avendone fallite finora due su tre.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #19 il: 04 Novembre 2021, 01:10:51 pm »
è triste questa atmosfera di rassegnazione, senza che nessuno provi, o riesca, a squarciare il velo di silenzio che circonda la Sigi...

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3698
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #20 il: 04 Novembre 2021, 07:51:25 pm »
Sembriamo, e forse lo siamo, in attesa dell’ineluttabile.

FOZZA CATANIA!
FORZA CATANIA! SEMPRE.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #21 il: 05 Novembre 2021, 10:10:01 am »
Ferraù ha mandato una PEC con un ultimatum: ricapitalizzazione o libri in tribunale.
Forse la seconda opzione è l'unica speranza di salvare la categoria, ma non so se sia tecnicamente possibile.

Tutti responsabili, da Pulvirenti all'ultimo socio della SIGI (Izco?)...
Una vergogna da non dimenticare.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #22 il: 06 Novembre 2021, 06:16:54 pm »
La procura ha chiesto il fallimento, visto che SIGI ha dimostrato di non essere in grado di ridurre i debiti che anzi potrebbero crescere.
Potrebbe non essere una notizia nefasta.
Credo ci possa essere uno spiraglio per fallire e rinascere senza retrocedere, che sarebbe ben più importante rispetto al salvare la matricola.

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3698
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #23 il: 07 Novembre 2021, 09:36:03 am »
La strada, teoricamente, ci sarebbe, ma è stretta, stretta, stretta ………
FORZA CATANIA! SEMPRE.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #24 il: 07 Novembre 2021, 11:56:09 am »
La strada, teoricamente, ci sarebbe, ma è stretta, stretta, stretta ………

Credo che se anche subentrasse qualcuno, dovrebbe garantire per questa e la prossima stagione, quindi immettere un bel po' di liquidità, immagino almeno 4 milioni di euro.
E' quasi impossibile che qualcuno lo faccia.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2376
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #25 il: 08 Novembre 2021, 10:13:33 pm »
La strada, teoricamente, ci sarebbe, ma è stretta, stretta, stretta ………

Credo che se anche subentrasse qualcuno, dovrebbe garantire per questa e la prossima stagione, quindi immettere un bel po' di liquidità, immagino almeno 4 milioni di euro.
E' quasi impossibile che qualcuno lo faccia.


Chiunque dovesse subentrare, sarebbe ben consapevole di questa situazione e dovrebbe avere la solidità finanziaria per garantire creditori e gestione ordinaria (in attesa della prossima stagione; anche se ci sarebbe una bella base su cui poter programmare già a partire da gennaio)


Impossibile? Dipende...in primo luogo dall'obiettivo che vuole raggiungere l'ipotetico subentrante.
Certamente allo stato delle cose e a lume di logica sembrerebbe impossibile. Ma finché c'è vita c'é speranza. Sembrava impossibile che Pulvirenti riducesse il Catania in questo stato... Perché l'impossibile dovrebbe essere sempre in negativo?
A breve avremo risposta.


Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #26 il: 10 Novembre 2021, 05:19:48 pm »
Ancora misteriose sponsorizzazioni da parte di società estere che non vogliono far sapere chi sono e che ci salvano dal rischio di  non pagare gli stipendi.
In arrivo così 200 keuro adesso e un milione in successive due rate da parte di una compagnia inglese che lavora nell'energia.

Resta la spada di Damocle del tribunale.
Sapranno i Sigini spiegare la loro strategia ed essere convincenti?

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3698
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #27 il: 13 Novembre 2021, 11:15:42 am »


Resta la spada di Damocle del tribunale.
Sapranno i Sigini spiegare la loro strategia ed essere convincenti?

Penso e spero che, dopo diciotto mesi di vaneggiamenti e questue, il Tribunale non si accontenti di ulteriori parole, ma esiga una documentazione stringente che dimostri la solvibilità del Calcio Catania spa. In un mondo normale il tempo delle chiacchiere e della paraculagine dovrebbe essere finito.

 In un mondo normale dico, ma Catania è ancora mondo normale? E, purtroppo, non mi riferisco solo al calcio.
FORZA CATANIA! SEMPRE.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5296
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Gli ultimi giorni del Calcio Catania 1946?
« Risposta #28 il: 19 Novembre 2021, 04:08:11 pm »
A quanto pare il tribunale ha concesso tempo fino al 21 dicembre. O meglio, si è preso tempo per valutare con una perizia la situazione patrimoniale della società.
Non voglio essere disfattista, ma mi sembra un non voler scegliere e non volersi farsi carico della decisione di staccare la spina, considerato che la situazione della società dovrebbe essere ben nota.
Ad ogni modo, a quanto pare il sogno che il miracolo salvezza si avveri ha adesso una data di scadenza, che non è il 21 ma il 16 dicembre, giorno in cui si dovranno saldare una serie di spettanze.
Se per quella data ci sarà in sella ancora SIGI sarà proprio finita.