Autore Topic: Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino  (Letto 91046 volte)

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #465 il: 27 Luglio 2015, 02:19:52 pm »
Gaspare, il tuo ragionamento mette in fila i fatti ed è logico.
A me rimane tuttavia una perplessità: uno che ha appena subito la batosta della windjet ed ha un'azienda che funziona che produce utili e gloria decide di abbandonare il modello che ha dato grandi risultati, sportivi ed economici per passare a quello in cui l'AD "deve fare solo conti". E se è vero che Lo Monaco lo oscurava, Gasparin invece era stato molto rispettoso del suo ruolo di presidente e non aveva mai mancato di metterne in risalto la figura e i meriti.

Che logica ha tutto questo? C'é una logica un questi due anni? È forse la banale arroganza di imporre a tutti i costi la volontà del padrone, anche se palesemente errata? Se queste domande non trovano risposta, e non credo che la troveranno, ogni genere di film è possibile.

...la logica c'è, caro Vasco...e, secondo me, la scopriremo con l'evolvere dell'inchiesta sulla bancarotta di WJ...ripeto, il problema non era l'essere oscurati o meno dalle personalità dei vari A.D. (anzi...il suo modus operandi è sempre stato quello di farsi oscurare, far sembrare il suo ruolo quasi marginale...per poter muovere meglio i fili!)...ma tanto che questi non mettessero più occhi e bocca sui bilanci del Catania...

...secondo me...

Ciao

Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #466 il: 27 Luglio 2015, 07:45:43 pm »
Vorrei precisare che la storia del "caso Scarramella" del 1955 è paerecchio diversa, comunque si può facilemnte andare a leggere i giornali dell'epoca o le ricostruzioni storiche più o meno accurate sulle varie pubblicazioni rossazzurre. Curiosamente l'allora direttore de "La Sicilia" Candido Cannavò difese a penna tratt il Catania Allora come oggi, le conseguenze furono gravissime, e nel giro di qualche anno la società rischio di scomparire nelle mani di Michisanti, e poi fu Marcoccio a fare un vero e proprio miracolo non solo salvandola, ma riuscendo a costruire uan squadra da promozione nel 1959-'60.

Riguardo alle illazioni sul presidente, mi auguro che quelli che erano sono convinti si tratti di un prestanome non siano gli stessi che adombrano adesso il sospetto che sia talmente il proprietario da organizzare il finto passaggio di consegne alla holding svizzera e che ha finito i soldi. No, perché se uno ha finito i soldi ed ha un tesoretto all'estero magari da sfruttare per un esilio dorato in caso di accanimento della giustizia, di sicuro non lo fa rientrare adesso che ha la magistratura alle calcagna. Per cosa, per investire sul Catania?! O per pagare le tasse in Italia?!
Quindi credo che la holding svizzera non abbia a che fare con Pulvirenti (che fra l'altro a Renato Marletta lo detesta). Chiaramente se l'imprenditore è davvero quello di Adrano non ha i requisiti minimi di credibilità, avendo anche lui qualcosina da chiarire con la magistratura. E soprattutto chi è interessato al Catania deve presentarsi con nome, cognome e C.V. o stare nell'ombra finoa  cose fatte, non mandare improbabili intermediari a trattare.

Sul fatto che l'iscrizione al campionato non si concilierebbe con la volontà di venddere non sono d'accordo, perché la non iscrizione avrebbe fatto perdere in automatico a costo zero il parco giocatori, oltre al titolo sportivo. Semmai è la valutazione fuori mercato della società che dimostra che non non ha alcuna intenzione di passare la mano.

Infine il ruolo di Pulvireni nel passato ormai ha poca importanza, la cosa importante è che oramai è un altro Pulvirenti da quello che aveva almeno l'indubbio merito di scegliere i suoi collaboratori, e non mi sembra sia in grado nemmeno di imbastrie la preparazione tecnica della prossima stagione, sia essa di Lega Pro o di Serie D.

No..no Bua

Sono gli stessi,stesse persone



Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #467 il: 27 Luglio 2015, 08:44:06 pm »
Gaspare, il tuo ragionamento mette in fila i fatti ed è logico.
A me rimane tuttavia una perplessità: uno che ha appena subito la batosta della windjet ed ha un'azienda che funziona che produce utili e gloria decide di abbandonare il modello che ha dato grandi risultati, sportivi ed economici per passare a quello in cui l'AD "deve fare solo conti". E se è vero che Lo Monaco lo oscurava, Gasparin invece era stato molto rispettoso del suo ruolo di presidente e non aveva mai mancato di metterne in risalto la figura e i meriti.

Che logica ha tutto questo? C'é una logica un questi due anni? È forse la banale arroganza di imporre a tutti i costi la volontà del padrone, anche se palesemente errata? Se queste domande non trovano risposta, e non credo che la troveranno, ogni genere di film è possibile.

...la logica c'è, caro Vasco...e, secondo me, la scopriremo con l'evolvere dell'inchiesta sulla bancarotta di WJ...ripeto, il problema non era l'essere oscurati o meno dalle personalità dei vari A.D. (anzi...il suo modus operandi è sempre stato quello di farsi oscurare, far sembrare il suo ruolo quasi marginale...per poter muovere meglio i fili!)...ma tanto che questi non mettessero più occhi e bocca sui bilanci del Catania...

...secondo me...

Ciao

Ad onor del vero devo dire che la persona che è venuta a studiare i bilanci del Catania (siamo in epoca Lo Monaco, 2011), mi raccontava che era rimasta favorevolmente colpita del fatto che il Catania avesse messo tutti i documenti del bilancio dell'anno in corso e di quelli passati a sua disposizione oltre ad una stanza di TdG in cui poterseli studiare e consultare per bene, con tranquillità e con grande trasparenza, ci teneva a sottolineare. Disponibiità che, lamentava, non aveva trovato da altre parti ed in particolare nella società sua città.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #468 il: 27 Luglio 2015, 09:22:53 pm »
Gaspare, il tuo ragionamento mette in fila i fatti ed è logico.
A me rimane tuttavia una perplessità: uno che ha appena subito la batosta della windjet ed ha un'azienda che funziona che produce utili e gloria decide di abbandonare il modello che ha dato grandi risultati, sportivi ed economici per passare a quello in cui l'AD "deve fare solo conti". E se è vero che Lo Monaco lo oscurava, Gasparin invece era stato molto rispettoso del suo ruolo di presidente e non aveva mai mancato di metterne in risalto la figura e i meriti.

Che logica ha tutto questo? C'é una logica un questi due anni? È forse la banale arroganza di imporre a tutti i costi la volontà del padrone, anche se palesemente errata? Se queste domande non trovano risposta, e non credo che la troveranno, ogni genere di film è possibile.

...la logica c'è, caro Vasco...e, secondo me, la scopriremo con l'evolvere dell'inchiesta sulla bancarotta di WJ...ripeto, il problema non era l'essere oscurati o meno dalle personalità dei vari A.D. (anzi...il suo modus operandi è sempre stato quello di farsi oscurare, far sembrare il suo ruolo quasi marginale...per poter muovere meglio i fili!)...ma tanto che questi non mettessero più occhi e bocca sui bilanci del Catania...

...secondo me...

Ciao

Ad onor del vero devo dire che la persona che è venuta a studiare i bilanci del Catania (siamo in epoca Lo Monaco, 2011), mi raccontava che era rimasta favorevolmente colpita del fatto che il Catania avesse messo tutti i documenti del bilancio dell'anno in corso e di quelli passati a sua disposizione oltre ad una stanza di TdG in cui poterseli studiare e consultare per bene, con tranquillità e con grande trasparenza, ci teneva a sottolineare. Disponibiità che, lamentava, non aveva trovato da altre parti ed in particolare nella società sua città.

Per la cronaca LM in una recente e lunga intervista a quel pazzo di Rino Piccione ha fattro capire che se n'è andato per non dover firmare il bilancio.  La trovate su CataniaUnaFede.

Offline LUIS

  • Utente
  • ****
  • Post: 893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #469 il: 27 Luglio 2015, 11:14:03 pm »
Gaspare, il tuo ragionamento mette in fila i fatti ed è logico.
A me rimane tuttavia una perplessità: uno che ha appena subito la batosta della windjet ed ha un'azienda che funziona che produce utili e gloria decide di abbandonare il modello che ha dato grandi risultati, sportivi ed economici per passare a quello in cui l'AD "deve fare solo conti". E se è vero che Lo Monaco lo oscurava, Gasparin invece era stato molto rispettoso del suo ruolo di presidente e non aveva mai mancato di metterne in risalto la figura e i meriti.

Che logica ha tutto questo? C'é una logica un questi due anni? È forse la banale arroganza di imporre a tutti i costi la volontà del padrone, anche se palesemente errata? Se queste domande non trovano risposta, e non credo che la troveranno, ogni genere di film è possibile.

.la logica c'è, caro Vasco...e, secondo me, la scopriremo con l'evolvere dell'inchiesta sulla bancarotta di WJ...ripeto, il problema non era l'essere oscurati o meno dalle personalità dei vari A.D. (anzi...il suo modus operandi è sempre stato quello di farsi oscurare, far sembrare il suo ruolo quasi marginale...per poter muovere meglio i fili!)...ma tanto che questi non mettessero più occhi e bocca sui bilanci del Catania...
...secondo me...

Ciao





.......................e bravo al tenente gaspare kojak ............... ::)

 
« Ultima modifica: 27 Luglio 2015, 11:18:46 pm da LUIS »

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #470 il: 28 Luglio 2015, 01:20:52 pm »

Ad onor del vero devo dire che la persona che è venuta a studiare i bilanci del Catania (siamo in epoca Lo Monaco, 2011), mi raccontava che era rimasta favorevolmente colpita del fatto che il Catania avesse messo tutti i documenti del bilancio dell'anno in corso e di quelli passati a sua disposizione oltre ad una stanza di TdG in cui poterseli studiare e consultare per bene, con tranquillità e con grande trasparenza, ci teneva a sottolineare. Disponibiità che, lamentava, non aveva trovato da altre parti ed in particolare nella società sua città.

 8D ...appunto Vasco...epoca Lo Monaco 2011  :-D :-D
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #471 il: 28 Luglio 2015, 05:15:55 pm »

.......................e bravo al tenente gaspare kojak ............... ::)

 ::)  :-D ...attia!!...vedi che i capelli ce li ho ancora...una leggera stempiatura, a vicchiania, ma ce li ho...  8D


Ciao Luigi...nemmeno nell'immaginario del tuo noto e contaggioso ottimismo  ::) potevi immaginare un epilogo simile, vero!?  8D ::)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #472 il: 29 Luglio 2015, 01:20:17 pm »
In tutta questo circuluacquestre sembra passata in secondo piano la questione della vendita della società. Leggo di incarichi ad uno studio legale di valutare le offerte e della fantomatica "fiduciaria" svizzera pronta a rilevare il Catania, oltre che del "solito" Lo Monaco, sempre pronto, sempre disponibile, come donna innamorata.
Conclusione: solo chiacchiere. E forse sarà così ancora a lungo. Intanto pare che una delle variabili per l'attribuzione della pena sportiva al Catania sia proprio la persistenza della vecchia proprietà o il passaggio ad altri.
Pulvirenti avrebbe potuto cogliere l'occasione e dimostrare di essere ancora capace di fare l'imprenditore, nominando con la "copertura" del Sindaco, una dirigenza di alto profilo con il compito di gestire il Catania da qui al cambio di proprietà, salvaguardando il suo patrimonio economico e al tempo stesso quello sportivo. Non è stato così. E non sappiamo ancora quali saranno gli effetti di questa scelta sulla sentenza di condanna del Catania.

La "pista svizzera" porta diritti diritti verso una nebulosa di cui non si conosce la natura e la composizione, e di incertezze non ne abbiamo nessun bisogno: misteri, delitti e nebulose in questi ultimi due anni hanno segnato la storia del Catania e non sentiamo proprio il bisogno di ripetere l'esperienza. Che male c'è a presentarsi e dire "mi chiamo Biondi, abito ad Adrano o a Milano, nella vita faccio questo lavoro, ed insieme a questi soci vogliamo rilevare il Catania perchè abbiamo un progetto sportivo". No grazie!  Di misteri ne abbiamo piene le tasche. Iniziare in questo modo e la peggiore cosa che possa fare un aspirante proprietario del Catania che dovrebbe ridare serietà al progetto sportivo e serenità all'ambiente.

Il sempre pronto Lo Monaco è la soluzione del noto proverbio "megghiu u tintu canusciutu ca u bonu a canusciri". Non mi entusiasma perchè i ritorni sono sempre difficili e scontano l'inevitabile paragone con il passato, quando le cose sono riuscite bene anche grazie alla buona sorte (che comunque occorre meritarsi) non sempre disponibile a dispensare gioie e piaceri. Anche questa al momento è una soluzione con delle incognite, perchè è chiaro che Lo Monaco da solo a Catania non ce la può fare e quindi avrebbe bisogno dell'apporto economico di altre entità ancora tutte da capire. Ha dalla sua perte la storia a Catania, certamente positiva, e una visone inclusiva delle forze economiche e non del territorio, attorno al fenomeno calcio con centro di gravità a TdG. Anche in questo caso l'amore/odio che ne hanno contraddistinto il periodo catanese, non assicurerebbe automaticamente la ripresa dell'entusiasmo tra i tifosi, ma sarebbe probabilmente questione di tempo perchè cu ti fa ridiri ti fa chiangiri e cu ti fa chiangiri ti fa ridiri.

La soluzione dei 15 imprenditori, la "cartata", da soli è tramontata. Rimane la prosecuzione con questa proprietà: impossibile se non come soluzione d'attesa, per evitare nuove avventure. Quantu ci vulissi unu comu u  Cavaleri.

« Ultima modifica: 29 Luglio 2015, 01:28:47 pm da vasco »

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #473 il: 29 Luglio 2015, 02:49:10 pm »
Ottima sintesi Vasco.
Ritengo che hai ragione quando dici che ogni discorso serio possa farsi solo dopo la sentenza di primo grado. E bisogna vedere se Pulvirenti è davvero così pazzo da crede che un eventuale buon inizio di campionato possa permetterlgi di stare ancora in sella.
Devo dire che la storia di Biondi e Marletta mi ha fatto cadere i cabasisi. Ma io dico, uno ti chiede di fare l'intermediario per acquistare un'azienda e tu nemmeno ti informi su quale asttvità imprenditoriale fa?  Perché Marletta ha detto proprio di non sapere di cosa si occupi. A parte che questo Massimo Biondi ha problemi con la giustizia quindi non ha i requisiti per subentrare (oppure li ha proprio per questo, questione di punti di vista), mi pare evidente che stia solo facendosi un po' d pubblicità.
Lo Monaco invece smentisce continuamente e pare voglia fare solo l'AD, qualora i nuovi proprietari glielo permettano. Io sarei favorevole perché mi pare l'unico che possa gestire come si deve TdG, tuttavia la pensiero delle sue conferenze stampa mi viene l'orticaria. In generale poi non mi piaccionop i cavalli di ritorno.
Io spero ancora in idee più affascinanti, tipo quella di Mimmo Costanzo, ma credo proprio ceh finoa lal sentenza non si saprà nulla dia ttendibile.

Ma poi non ci sono delle agenzie che di lavoro fanno proprio quello di trovare potenziali acquirenti?

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #474 il: 29 Luglio 2015, 07:02:37 pm »
A parte che questo Massimo Biondi ha problemi con la giustizia quindi non ha i requisiti per subentrare (oppure li ha proprio per questo, questione di punti di vista)

 :-D ::) ...ah, ecco...bravo...il fra parentesi mi ha anticipato...no, perchè continuo a sostenere che in questo calcio qui, l'unica differenza fra il Capostazione e gli altri presidenti...sono solo delle buone e sicure schede telefoniche  8D
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #475 il: 30 Luglio 2015, 09:09:59 am »
A parte che questo Massimo Biondi ha problemi con la giustizia quindi non ha i requisiti per subentrare (oppure li ha proprio per questo, questione di punti di vista)

 :-D ::) ...ah, ecco...bravo...il fra parentesi mi ha anticipato...no, perchè continuo a sostenere che in questo calcio qui, l'unica differenza fra il Capostazione e gli altri presidenti...sono solo delle buone e sicure schede telefoniche  8D

Per me invece la differenza sta nella fedina penale più o meno pulita. Dico: una cosa se la delinquenza è presunta, altra cose  se è certificata. Ma poco importa per ora.

Tornando alla vendita della società, come ebbi modo di anticiparvi qualche tempo fa, un problema è il contenzioso con gli eredi di Turi Massimino, che hanno avuto la meglio in tribunale e che avrebbe potuto essere forse gestito senza arrivare a tanto e far lievitare i costi:

http://catania.meridionews.it/articolo/35582/catania-una-sentenza-complica-la-vendita-quote-e-soldi-a-eredi-di-turi-massimino/

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #476 il: 30 Luglio 2015, 10:16:50 am »
..........l'unica differenza fra il Capostazione e gli altri presidenti...sono solo delle buone e sicure schede telefoniche  8D

................. e circa 200/300 grammi di ciriveddu in più  :^(

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #477 il: 30 Luglio 2015, 01:28:41 pm »

Tornando alla vendita della società, come ebbi modo di anticiparvi qualche tempo fa, un problema è il contenzioso con gli eredi di Turi Massimino, che hanno avuto la meglio in tribunale e che avrebbe potuto essere forse gestito senza arrivare a tanto e far lievitare i costi:

http://catania.meridionews.it/articolo/35582/catania-una-sentenza-complica-la-vendita-quote-e-soldi-a-eredi-di-turi-massimino/

...attenzione Bua...conosco per relato la situazione...qui il Capostazione aveva da gestire ben poco...in quanto sono crediti risalenti al 1990/91...c'era ancora Angelo Massimino...poi i suoi eredi (Angelo Russo etc.)...e infine i Gaucci...  8-)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #478 il: 30 Luglio 2015, 03:04:13 pm »

Tornando alla vendita della società, come ebbi modo di anticiparvi qualche tempo fa, un problema è il contenzioso con gli eredi di Turi Massimino, che hanno avuto la meglio in tribunale e che avrebbe potuto essere forse gestito senza arrivare a tanto e far lievitare i costi:

http://catania.meridionews.it/articolo/35582/catania-una-sentenza-complica-la-vendita-quote-e-soldi-a-eredi-di-turi-massimino/

...attenzione Bua...conosco per relato la situazione...qui il Capostazione aveva da gestire ben poco...in quanto sono crediti risalenti al 1990/91...c'era ancora Angelo Massimino...poi i suoi eredi (Angelo Russo etc.)...e infine i Gaucci...  8-)

Esatto, quindi era meglio risolverla prima possibile, magari 10 anni fa, visto che avevano tentato di trovare un compromesso.
Ad ogni modo, a prescindere dalla colpa, è un ostacolo di cui mai si era parlato e che incide sui conti.

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4870
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #479 il: 30 Luglio 2015, 09:50:05 pm »
E bisogna vedere se Pulvirenti è davvero così pazzo da crede che un eventuale buon inizio di campionato possa permetterlgi di stare ancora in sella.

Certo che lo pensa. E secondo me ha pure ragione. Se ti rimonta la squadra, e i risultati dovessero arrivare, stai tranquillo che la grande massa, anche se poco alla volta, 10 oggi, 100 domani e altri 100 dopodomani, se ti riporta la squadra in B, tutto finirà nel dimenticatoio. Rimarranno solo i puritani ad oltranza che magari non mancheranno di qualche "sputazzella" di perbenismo quando capiterà qualche piccolo incidente di percorso ma, se risultati positivi (ed anche immediati) ci saranno, la riconciliazione sarà semplicemente conseguenziale. Il tifo è il tifo, è come il cuore di Pascal che ha le sue ragioni che la ragione non conosce.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO