Autore Topic: Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino  (Letto 91068 volte)

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #390 il: 22 Luglio 2015, 02:01:29 pm »
Sulla cordata devo dire che non avevo capito che la soluzione sarebbe stata temporanea, non capisco il senso della cosa.
Comunque la questione è che Pulvirenti ha fatto capire chiaramente che vuole andare avanti, e fra le righe si capisce che pensa che con i risultati tutto sarà dimenticato.
A parte la speranza che i risultati arrivino davvero, faccio notare che era stato scritto a chiare lettere dal portavoce dell'ex presidente sul quotidiano locale che gli avvocati stavano lavorando ad una soluzione per scorporare tdg dal Catania in modo da agevolare la vendita, che era individuata come la via indispensabile per salvare il Catania. Io non ho pregiudizi, vorrei che mi spiegassero se e perché queste idee non sono più valide, piuttosto che lasciarle cadere nell'oblio senza spiegazioni.
Capisco che TdG valga tanto, ma è chiaro che se uno volesse comprare una squadra di Lega Pro probabilmente non vuole farlo a quelle cifre.
Sono abbastanza convinto che dopo la sentenza si potrà riprendere il discorso.
Purtroppo, nonostante la passione, non potrò abbonarmi finché non cambia proprietà perché non posso accettare che il carnefice si atteggi a vittima e non esca di scena dopo quello che ha combinato, anche se altri suoi colleghi lo hanno fatto.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #391 il: 22 Luglio 2015, 02:59:03 pm »
Gli avvenimenti degli ultimi tempi, complice la passione per questo sport e lo slancio emotivo con cui si segue, ha creato in me molta confusione ed ora ritengo utile, prima di tutto per me stesso, rimettere i pezzi sulla scacchiera al loro posto, condividendo con voi questa riflessione.

1. il Calcio non è soltanto uno sport, è anche uno spettacolo di cui fruiscono i tifosi che vanno allo stadio o che lo guardano in tv a pagamento. Il pubblico del calcio è composto non solo dai propri tifosi, ma anche da tutti quelli delle altre squadre. Non ho notizie fin ora di squadre o di campionati organizzati per il diletto e la fruizione di una sola persona, fosse anche uno sceicco arabo.
Conseguenza: il Presidente di una squadra di calcio, per i più diversi motivi, può decidere di fare a meno del proprio pubblico di tifosi, ma non può fare a meno del pubblico degli altri che è quello che genera gli introiti più alti, almeno in serie A ed in serie B, attraverso i diritti televisivi, che nel bilancio di una società costituiscono la percentuale maggiore delle entrate. Ciò non accade in serie C e nelle serie inferiori, dove questa percentuale è minima e il pubblico delle partite (=incassi dello stadio) è percentualmente più rilevante (ricordate le lamentele di Lo Monaco, non so se giuste o immotivate, per la presenza di pubblico del Messina?)
Conclusione: Pulvirenti dovrà sborsare di suo per la squadra in serie C, perché con gli introiti tv (anche se quest'anno saranno aumentati: guarda che c.lo) in ogni caso non riuscirà a coprire le spese di gestione. Se poi non riesce in qualche modo a ricucire con l'ambiente l'esborso sarà ancora maggiore.
Così si capisce anche la gravità dei fatti venuti alla luce che l'hanno visto protagonista: se viene messa in discussione la credibilità del sistema calcio, la sua "verità" sul campo, il pubblico televisivo crolla e gli introiti diminuiscono. Qui l'onore, la dignità, l'onestà e tutti gli altri aspetti morali c'entrano poco: si parla di money, di cose serie.....

2. Aspetto legato al precedente. Il pubblico deve essere consapevole che ciò che possiede è un bene immateriale: la passione, l'attaccamento ai colori, l'entusiasmo, e quello che è il vero onore, la correttezza e la sportività;  mentre i beni materiali (le strutture, il centro sportivo e/o lo stadio, i contratti dei calciatori, l'organizzazione) sono posseduti da un proprietario. I due mondi sembrano dipendenti l'uno dall'altro ma in effetti non lo sono. Il pubblico può decidere di utilizzare come meglio crede il proprio bene immateriale (es: sciopero del tifo), e la proprietà può fare altrettanto con i beni materiali che possiede.
Conseguenza: I tifosi, al di là delle reazioni emotive, a ben vedere non sono stati intaccati nel loro bene dalle condotte di Pulvirenti: tutto ciò che avevano, i loro beni immateriali, rimangono e soprattutto rimane la loro storia, grande, gloriosa e fino ad oggi ineguagliata nel mondo.
La proprietà invece con il suo agire ha messo in pericolo i propri beni materiali. E non poteva. Tuttavia il patrimonio del Catania è prima di tutto quello immobiliare, quello di valore certo, quello che fa sì che le azioni del Catania possedute dalla Finaria abbiano un grande valore. Di questo valore Pulvirenti non si può disfare facilmente: anche se volesse, non potrebbe "regalare" il Catania.
Conclusione: Pulvirenti con la sua condotta irresponsabile ha messo in difficoltà prima di tutto se stesso e i suoi beni. Non so quanto il rischio fosse calcolato e quanto sia stato fatto apposta (al riguardo ho il mio film) ma la certezza è che gli costerà un bel pò di quattrini, fra perdite di valore del patrimonio giocatori, mancati introiti da stadio e mancati introiti TV. E soprattutto una squalifica, forse a vita o almeno a 5 anni che non gli toglierà nessun avvocato.
Se non lo ha ancora capito, in questa condizione, gestire il Catania con competenza è fondamentale per limitare i danni. Lo ha fatto in passato, torni farlo in futuro. I ragazzi alle prime armi li lasci stare o li metta sotto qualcuno esperto a farsi le ossa.

3. Le istituzioni e la politica. Il loro ruolo è quello di consentire alla proprietà di fornire lo spettacolo calcistico e ai tifosi di fruirne predisponendo lo stadio, la sua manutenzione, le strade di accesso, l'ordine fuori dallo stadio ecc. ecc. Il ruolo di mediatori nella compravendita di una società sportiva è del tutto anomalo ed eccezionale.
Conseguenza: il ruolo di mediatore non è stato svolto bene, ancora una volta: qui il civismo e la responsabilità di un gruppo di 15 soggetti economici non ha alcun senso. Si tratta di un'impresa che produce spettacolo e come tale va trattata.
Conclusione
: se il Sindaco vuole continuare a rendersi utile ed ha contatti con il mondo del calcio, ricerchi ancora degli acquirenti che hanno la potenzialità economica per rilevare il Catania per quello che vale e la capacità manageriale e sportiva di gestirlo e di metterlo a frutto e poi lo proponga, prima di tutto all'attuale proprietà e poi al pubblico.

Questi, a mio avviso, i termini oggettivi degli avvenimenti degli ultimi tempi e le coordinate dentro cui muoversi in futuro.

« Ultima modifica: 22 Luglio 2015, 03:02:50 pm da vasco »

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #392 il: 22 Luglio 2015, 05:47:04 pm »
Sulla cordata devo dire che non avevo capito che la soluzione sarebbe stata temporanea, non capisco il senso della cosa.
Comunque la questione è che Pulvirenti ha fatto capire chiaramente che vuole andare avanti, e fra le righe si capisce che pensa che con i risultati tutto sarà dimenticato.
A parte la speranza che i risultati arrivino davvero
, faccio notare che era stato scritto a chiare lettere dal portavoce dell'ex presidente sul quotidiano locale che gli avvocati stavano lavorando ad una soluzione per scorporare tdg dal Catania in modo da agevolare la vendita, che era individuata come la via indispensabile per salvare il Catania. Io non ho pregiudizi, vorrei che mi spiegassero se e perché queste idee non sono più valide, piuttosto che lasciarle cadere nell'oblio senza spiegazioni.
Capisco che TdG valga tanto, ma è chiaro che se uno volesse comprare una squadra di Lega Pro probabilmente non vuole farlo a quelle cifre.
Sono abbastanza convinto che dopo la sentenza si potrà riprendere il discorso.
Purtroppo, nonostante la passione, non potrò abbonarmi finché non cambia proprietà perché non posso accettare che il carnefice si atteggi a vittima e non esca di scena dopo quello che ha combinato, anche se altri suoi colleghi lo hanno fatto.

Bua ma anche se i risultati sul campo cominciano ad arrivare, come facciamo ad essere sicuri che sono acquisiti in modo leale, senza aggiustamenti da dietro le quinte come quelli tentati, o commessi (ancora mancu u sapemu) da mister stamu avvulannu e soci?
Per me Pulvirenti ha perso ogni credibilità, e anche se lui ha annunciato un resettamento totale dei quadri societari e tecnici, e ci racconta che lui si defilerà dal Calcio Catania 1946 (cunnutu a ccu ci criri), secondo me invece ci sarà sempre lui dietro le quinte a dirigere le fila della società con un'amministrazione fantoccio fatta di gente che pende dalle sue labbra (Milazzo, Bonanno, ecc.).
Nella conferenza di lunedì (che io ho ascoltato due volte per non lasciarmi sfuggire alcun particolare) l'ex presidente ha detto che lui dice sempre la verità (cunnutu a ccu ci criri n'auttra vota), ma poi alla domanda di una giornalista ha affermato di non sapere che il suo telefono era sotto controllo della polizia dopo aver denunciato di essere stato minacciato di morte (cunnutu a ccu ci criri ppa tezza e ppa quatta vota).
Insomma io sono d'accordo che bisogna aspettare un acquirente serio, ma la mia sensazione, che è anche la sensazione di molti, è che Pulvirenti la società non la vuole cedere nemmeno se questo acquirente serio si presentasse alle porte di Torre del Grifo. Pulvirenti sembra essere animato da un desiderio di rivalsa, se non di vendetta come ha detto Catanisazzu, nei confronti dell'intera piazza catanese e ciò potrebbe portare l'infame malpassoto a reiterare i reati commessi pur di raggiungere gli obbiettivi che si prefigge.
Come si fa ad affidarsi ancora a un personaggio del genere?

Sempri
STAMU AFFUSSANNU

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #393 il: 22 Luglio 2015, 07:25:43 pm »
la questione è che Pulvirenti ha fatto capire chiaramente che vuole andare avanti, e fra le righe si capisce che pensa che con i risultati tutto sarà dimenticato.

 8D ...quando consigliavo  tutti di andare in giro per la città...nel cuore...tra i mercati, al centro...lo dicevo perchè vi rendeste conto che non esiste solo il web...in giro, credetemi, già il Capostazione è stato in gran parte assolto...la frase tipo è: "min.chia e chi fici!?...ciccau d'accattarisi i pattiti come siccattunu tutti pi savvari u Catania...inkia teni accura! astura senza Puvvirenti jucaumo co Canicattì" ...a maggior ragione dopo la genialata del duo Piadena, Bianco - Girlando e i capitani coraggiosi con le pezze al cu.lo  :-D :-D ...ma d'altronde di cosa stiamo parlando? Della roccaforte elettorale del berlusconismo ieri...e del renzismo oggi...il senso di legalità che serpeggia in città (che comunque io amo come si ama un figlio o una madre... o mio padre prototipo del catanese tipico, che ho amato tantissmo!) è palpabile in ogni angolo...dal posteggiare l'auto...al rispetto delle file, della pulizia e del decoro urbano...dall'abusivismo commerciale ritenuto sacrosanto...alla ricerca dell'amicu bonu magari per andarti a tagliare i capelli...
Quindi caro Bua...ci pò calari a pasta, che al ritorno dei risultati positivi il tutto verrà metabolizzato!  8D

faccio notare che era stato scritto a chiare lettere dal portavoce dell'ex presidente sul quotidiano locale che gli avvocati stavano lavorando ad una soluzione per scorporare tdg dal Catania in modo da agevolare la vendita, che era individuata come la via indispensabile per salvare il Catania. Io non ho pregiudizi, vorrei che mi spiegassero se e perché queste idee non sono più valide, piuttosto che lasciarle cadere nell'oblio senza spiegazioni.
Capisco che TdG valga tanto, ma è chiaro che se uno volesse comprare una squadra di Lega Pro probabilmente non vuole farlo a quelle cifre.

...probabilmente sono stati proprio i legali che glielo hanno sconsigliato...del resto il Capostazione appena ammanettato mentre lo portavano in questura, disse che avrebbe dimostrato la sua totale estraneità ai fatti che gli imputavano...poi, invece, con i suoi avvocati concordò quella confessione soft  :-D ...
Comunque da quello che ricordo io...lo sentivo dire a Lo Monaco...il Catania con TdG diventava a tutti gli effetti una società patrimonializzata, in modo da potersi mettere a riparo da fallimenti...lo scorporo evidentemente non può essere fatto...e, aggiungo io, FORTUNATAMENTE...per cui a prescindere da quale categoria si giochi il valore non cambia... 

Sono abbastanza convinto che dopo la sentenza si potrà riprendere il discorso.

...ne sono convinto anche io...e di dirò di più...è una mia sensazione, magari mi sbaglio...il compratore lo porterà lo stesso Capostazione...e chi vuol capire capisca  8D

Purtroppo, nonostante la passione, non potrò abbonarmi finché non cambia proprietà perché non posso accettare che il carnefice si atteggi a vittima e non esca di scena dopo quello che ha combinato, anche se altri suoi colleghi lo hanno fatto.

...devo essere sincero...qui sono molto dibattuto...tra cuore e coerenza morale....  8-)
« Ultima modifica: 22 Luglio 2015, 07:28:27 pm da GASPARE »
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #394 il: 22 Luglio 2015, 07:56:00 pm »
Intanto la giustizia sportiva sembra sia già pronta con i deferimenti per il calcio scomesse.

http://www.gazzetta.it/Calcio/22-07-2015/catania-teramo-altri-5-c-rischio-retrocessione-120657608053.shtml

Io spero che Pulvirenti venga radiato a vita, accussì su ppi casu ndo so ciriveddu sta pinsannu di tunnari a fari u prisirenti fra na para di anni, comu a so cumpari Preziosi, sta fissa sa leva da testa subbitu subbitu.


Per il nostro Catania la retrocessione in Lega Pro senza penalizzazione mi sembra il giusto dazio da pagare.

Sempri
FOZZA GIUSTIZIA SPORTIVA

Offline ENZO

  • Utente
  • *****
  • Post: 2399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #395 il: 22 Luglio 2015, 08:19:14 pm »

........................ e soprattutto rimane la loro storia, grande, gloriosa e fino ad oggi ineguagliata nel mondo.


Però questa la vorrei gentilmente spiegata !!!
 8| 8| 8| 8|

Saluti
Enzo
Ciao a Tutti e................. FORZA PALERMOOOOOOO
LA  CAPITALE DEL CALCIO SICILIANO

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4870
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #396 il: 22 Luglio 2015, 08:35:19 pm »

........................ e soprattutto rimane la loro storia, grande, gloriosa e fino ad oggi ineguagliata nel mondo.


Però questa la vorrei gentilmente spiegata !!!
 8| 8| 8| 8|

Saluti
Enzo

Ed io il grande e gloriosa

P.S. Non c'è bisogno del termometro. Anche leggendo il forum si capisce che c'è un afa pericolosa. ::)
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #397 il: 22 Luglio 2015, 08:53:57 pm »
Enzo, Sergio, per voi non c'è bisogno di spiegazioni: siete "antichi". ;-) A qualcuno più giovane bisognerebbe spiegare, fare conoscere, non a voi.... ::) ::) .

Offline ENZO

  • Utente
  • *****
  • Post: 2399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #398 il: 22 Luglio 2015, 09:02:23 pm »
Enzo, Sergio, per voi non c'è bisogno di spiegazioni: siete "antichi". ;-) A qualcuno più giovane bisognerebbe spiegare, fare conoscere, non a voi.... ::) ::) .

ahhhhh era un trucco per attrarre  i più giovani !!!!
 ::) ::) ::) ::) ::) ::)

Saluti
Enzo
Ciao a Tutti e................. FORZA PALERMOOOOOOO
LA  CAPITALE DEL CALCIO SICILIANO

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #399 il: 22 Luglio 2015, 10:52:01 pm »
Enzo, Sergio, per voi non c'è bisogno di spiegazioni: siete "antichi". ;-) A qualcuno più giovane bisognerebbe spiegare, fare conoscere, non a voi.... ::) ::) .

ahhhhh era un trucco per attrarre  i più giovani !!!!
 ::) ::) ::) ::) ::) ::)

Saluti
Enzo

Ci sei arrivato..  :-))
Quando qualche.....carusazzu avrà la curiosità di sapere, io e, credo anche qualcuno più anziano di me, gli racconteremo.... ::) ::) ::) .
Ciao


Offline MALATO PO CATANIA

  • Utente
  • ****
  • Post: 941
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #400 il: 23 Luglio 2015, 12:08:03 pm »
E' veramente nauseante vedere certi personaggi che non dovrebbero neanche poter accedere ad un ufficio comunale improvvisarsi giudici...:ora secondo taluni il Catania dovrebbe essere radiato, secondo altri lega Pro, altri serie D.....tutto in funzione del ruolo di Pulvirenti.
Il Catania deve ripartire dalla serie B perché il 99,9% delle partite giocate in tutti questi anni sono state combinate. E questo lo sanno benissimo!!
Ci sono varie Procure che indagano e centinaia di nomi di calciatori, dirigenti, squadre, dalla serie A ai dilettanti, iscritti nel registro degli indagati. Di cosa stiamo parlando?
Se ammettono che Pulvirenti abbia acquistato delle partite, ammetteranno pure che ci sia stato qualcuno che le abbia vendute e poiché qui si tratta di almeno 5 partite (le intercettazioni sono chiarissime!!), il campionato risulta ampiamente falsato, e quindi da ripetere....
Riguardo le presunta cordata a cui non ho mai creduto, dico semplicemente che se Bianco vuole davvero fare qualcosa per il CALCIO CATANIA, intervenga nelle giuste sedi e con i giusti referenti per un giudizio...giusto!!
Il CALCIO CATANIA non è un rottame come Parma, Brescia, Varese, ma una società con i bilanci in regola, quindi non va svenduta ma tutelata. Pulvirenti deve andare via ed ha l'obbligo morale di consegnare la società in mani serie! Un vero tifoso farebbe questo......
 

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #401 il: 23 Luglio 2015, 01:23:51 pm »
E' veramente nauseante vedere certi personaggi che non dovrebbero neanche poter accedere ad un ufficio comunale improvvisarsi giudici...:ora secondo taluni il Catania dovrebbe essere radiato, secondo altri lega Pro, altri serie D.....tutto in funzione del ruolo di Pulvirenti.
Il Catania deve ripartire dalla serie B perché il 99,9% delle partite giocate in tutti questi anni sono state combinate. E questo lo sanno benissimo!!
Ci sono varie Procure che indagano e centinaia di nomi di calciatori, dirigenti, squadre, dalla serie A ai dilettanti, iscritti nel registro degli indagati. Di cosa stiamo parlando?
Se ammettono che Pulvirenti abbia acquistato delle partite, ammetteranno pure che ci sia stato qualcuno che le abbia vendute e poiché qui si tratta di almeno 5 partite (le intercettazioni sono chiarissime!!), il campionato risulta ampiamente falsato, e quindi da ripetere....
Riguardo le presunta cordata a cui non ho mai creduto, dico semplicemente che se Bianco vuole davvero fare qualcosa per il CALCIO CATANIA, intervenga nelle giuste sedi e con i giusti referenti per un giudizio...giusto!!
Il CALCIO CATANIA non è un rottame come Parma, Brescia, Varese, ma una società con i bilanci in regola, quindi non va svenduta ma tutelata. Pulvirenti deve andare via ed ha l'obbligo morale di consegnare la società in mani serie! Un vero tifoso farebbe questo......
 


Malato, la verità è che nessuno di noi ha letto gli atti, né siamo esperti di diritto sportivo. Lo stesso vale per i giornalisti. Tuttavia sappiamo come funziona la giustizia sportiva, che spesso è approssimativa, ma è anche vero che non puoi sentenziare che il 99.9% delle gare è combinata e quindi è tutto a posto. Ci vogliono le prove. La tentata combine da parte del Catania è acclarata per la confessione di Pulvirenti e di solito è punita con la retrocessione. Se si dimostrerà che il tentativo non è andato a buon fine si potrà sperare in una pena mitigata, ma dubito che ci si possa aspettare di stare in B.
Le altre squadre, se si dovesse accertare il coinvolgimento di tesserati, cosa che eventualmente avverrà in autunno, rischiano meno perché si tratterebbe di responsabilità oggettiva. Nel nostro caso c'è un dirigente coinvolto, nessun dirigente di altre squadre lo è. La giustizia sportiva è sempre stata più severa in questi casi.
Poi bisognerebbe essere furbi e usare un po' di politica. Hanno fatto capire che avrebbero gradito un segnale di discontinuità. Non una vendita, che in tempi brevi sarebbe irrealistica, ma almeno un nuovo CDA fatto di persone nuove. Invece Pulvirenti, nella sua deriva autodistruttiva, ha voluto dare segnali opposti.

Palazzi, Tavecchio, Abodi avrebbero volentieri chiuso entrambi gli occhi, tanto è vero che avevano ignorato la denuncia di Federbet, quindi cerchiamo di ricordarci che c'è un colpevole chiaro per questa situazione difficilissima in cui è stato messo il Catania. E non è Palazzi, non è la gazzetta del cavolo, e nemmeno lo sfigato che su Facebook parla a sproposito di radiazione (non prevista per i club).
Sarebbe bastato non sentirsi intoccabili, forse anche non confessare, e forse l'avremmo sfangata.
Di fronte all'evidenza di intercettazioni e confessione non vedo come si possa pretendere clemenza.
Poi gli avvocati fanno miracoli, chissà!

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #402 il: 23 Luglio 2015, 01:25:03 pm »
E' veramente nauseante vedere certi personaggi che non dovrebbero neanche poter accedere ad un ufficio comunale improvvisarsi giudici...:ora secondo taluni il Catania dovrebbe essere radiato, secondo altri lega Pro, altri serie D.....tutto in funzione del ruolo di Pulvirenti.
Il Catania deve ripartire dalla serie B perché il 99,9% delle partite giocate in tutti questi anni sono state combinate. E questo lo sanno benissimo!!
Ci sono varie Procure che indagano e centinaia di nomi di calciatori, dirigenti, squadre, dalla serie A ai dilettanti, iscritti nel registro degli indagati. Di cosa stiamo parlando?
Se ammettono che Pulvirenti abbia acquistato delle partite, ammetteranno pure che ci sia stato qualcuno che le abbia vendute e poiché qui si tratta di almeno 5 partite (le intercettazioni sono chiarissime!!), il campionato risulta ampiamente falsato, e quindi da ripetere....
Riguardo le presunta cordata a cui non ho mai creduto, dico semplicemente che se Bianco vuole davvero fare qualcosa per il CALCIO CATANIA, intervenga nelle giuste sedi e con i giusti referenti per un giudizio...giusto!!
Il CALCIO CATANIA non è un rottame come Parma, Brescia, Varese, ma una società con i bilanci in regola, quindi non va svenduta ma tutelata. Pulvirenti deve andare via ed ha l'obbligo morale di consegnare la società in mani serie! Un vero tifoso farebbe questo......
 


 =D> =D> =D>  ...e ho detto tutto!


#unpodiamorproprioinpiunonguastaechecazzo
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #403 il: 23 Luglio 2015, 02:09:58 pm »
E' veramente nauseante vedere certi personaggi che non dovrebbero neanche poter accedere ad un ufficio comunale improvvisarsi giudici...:ora secondo taluni il Catania dovrebbe essere radiato, secondo altri lega Pro, altri serie D.....tutto in funzione del ruolo di Pulvirenti.
..............................................
 

Quoto totalmente il post di MALATO anche quello che non ho riportato.......e aggiungo qualche considerazione personale.

Continua la campagna per la punizione esemplare da infliggere al Catania orchestrata dal giornale innominabile mancu bonu ppi 'ncartari u masculinu. Il giornalista o ha un contatto diretto con Palazzi, il quale sarebbe  fortemente desideroso di far sapere a tutto il mondo quanto è duro e spietato (.......Sartana perdona.... io no!!!) oppure sta procedendo per congetture del tutto astruse.

Palazzi non è un giudice ma un "procuratore" federale, che dopo aver accertato i fatti illeciti avanza le sue richieste di condanna che saranno accettate, respinte, modificate da un Tribunale sportivo alla fine di un regolare processo

Il Processo sportivo è pur sempre un "processo" e non può svolgersi al di fuori dai principi generali dell'ordinamento giuridico italiano ed in ogni caso DEVE avere i caratteri della "giuridicità": terzietà del giudice, diritto di difesa, equità della condanna.
Non esistono quindi sentenze "parziali", a "rate" oggi condanno uno e domani, se saranno accertati i fatti, condannerò per lo stesso fatto gli altri. La condanna avviene solo ed esclusivamente sulla base dell'accertamento del fatto illecito

L'accertamento in questo caso è semplice: Pulvirenti ha confessato di aver compiuto atti volti ad alterare gli esiti di alcune competizioni sportive. Ma questi atti si fermano al semplice tentativo (egualmente punito) senza l'alterazione del risultato finale (stando a quanto è emerso dalle cronache giornalistiche e dalle dichiarazioni della Procura di Catania). Se invece avesse accertato l'esito positivo della combine e l'illecito compiuto dalle altre squadre e dai giocatori, avrebbe il DOVERE di mandare a processo anche questi.
SU QUESTO e solo su questo si svolgerà il processo sportivo. NON ESISTONO sentenze A RATE su fatti accertati a rate. Altri sviluppi in seguito all'accertamento di altri fatti, comporterebbero un nuovo processo.

E qui, con buona pace del giornale innominabile, ci fermiamo. E qui si ferma anche Palazzi, il quale può chiedere tutte le condanne che vuole (....Sartana perdona io no......: ma essendo un uomo di diritto dubito che si spingerà oltre il principio dell'equità e della gradualità della pena), ma, in ogni caso, dovrà anch'egli sottostare al giudizio di un tribunale che giudicherà secondo diritto.

Chiarito tutto ciò, mi sembra fin troppo evidente che il responsabile di tutto ciò è Pulvirenti: e chi altri se no? In due anni ha distrutto il Catania, lui e il suo amico argentino al quale rivolge ancora parole dolci.....Ed è fin troppo patetico voler ricordare in conferenza stampa i successi dei suoi anni di presidenza, quasi a voler bilanciare con il momento che stiamo attraversando: i successi erano sportivi, e avrebbero dovuto esserlo anche gli insuccessi. Quello che stiamo vivendo invece (a partire dall'avvento di Cosentino di due anni fa) non ha nulla di sportivo ma è una storia meschina di affari e basta.

Deve sparire...ma non deve sparire il Catania...in mano all'avventuriero o alla "cartata" di turno. Se avesse avuto la lungimiranza (ma credo anche la sensibilità) di optare per una soluzione all'americana, un blind trust, probabilmente oggi tutta la situazione sarebbe più lieve, anche nei confronti dei tifosi, e si potrebbe aspettare più serenamente un compratore serio. Invece dobbiamo sorbirci questo brodino acido fino in fondo....al momento non si vedono all'orizzonte altre soluzioni. Speriamo arrivino presto.
« Ultima modifica: 23 Luglio 2015, 02:38:33 pm da vasco »

Offline MALATO PO CATANIA

  • Utente
  • ****
  • Post: 941
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #404 il: 23 Luglio 2015, 02:33:32 pm »
Giusto Bua, io non ho elementi per dire che il 99,9% delle partite sono combinate, come nessuno può dire che il tentativo di combine non è andato a buon fine!
Il dato di fatto sono le intercettazioni e i risultati delle partite! Tradotto significa che ciò che dice Pulvirenti è irrilevante....
avrebbe potuto anche negare non cambiava nulla.
Sul fatto che poi il gotha del calcio avrebbe chiuso un occhio nel caso in cui ci fosse un chiaro segnale di cambiamento, permettimi ma è un vero e proprio atto di prepotenza.
La giustizia deve essere...giustizia e non può basarsi su nessun preconcetto!! Pulvirenti va radiato? Bene, che lo radino!
La squadra va retrocessa? Che la retrocedano! Al di là di questo nessuna richiesta, nessuna pressione.
Se si deve dare esempio di legalità e trasparenza, si deve innanzitutto commissariare la FIGC, cacciare via Conte, vietare le scommesse, non permettere alle squadre con bilanci in perdita di iscriversi ai campionati...Il minimo!