Autore Topic: Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino  (Letto 90686 volte)

Offline franco-ct al nord

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #45 il: 23 Giugno 2015, 04:14:40 pm »
Come tutti, mi sono abbeverato anche io ascoltando lo stralcio delle intercettazioni rese note.
Non c'è molto da commentare o da supporre: trattasi di una prova schiacciante del fatto che Pulvirenti fosse al centro di una cricca di gentiluomini dediti alla combine sportiva col fine - in primis - di fare soldi lucrando sulle scommesse e - in secundis - salvare il Catania da una retrocessione altrimenti inevitabile.
Mi mette tristezza il tono di voce di Pulvirenti ed il suo evidente cipiglio nel voler portare a termine il suo piano: tristezza perché mi dà l'impressione di un uomo che ha visto - campionato durante - vedere sgretolarsi una squadra e dunque un progetto, il quale non sa fare altro che affidarsi a pratiche illecite per cercare di raddrizzare la situazione, ben conscio del fatto che una retrocessione in C darebbe luogo ad un cataclisma finanziario sulla società, con un centro sportivo ancora da finire di pagare.
Un uomo sconfitto che tenta di giocare l'ultima carta del mazzo: quella della disonestà, dell'infamia e della vergogna. Perché di questo stiamo parlando: di infamia e vergogna per tutti coloro i quali hanno l'elefantino tatuato nel cuore e che credono che dietro a 22 professionisti della pelota vi sia solo sudore, fatica ed agonismo e non una lurida e meschina messinscena.

Mi sento preso per il c.u.l.o., mi sento privato con la forza di un qualcosa che mi apparteneva, mi sento defraudato del mio sacrosanto diritto ad avere una squadra del cuore ed essere pronto a difenderla sempre e comunque.
Mi sento violentato moralmente ed affettivamente. E vedere le risatine e le facce tronfie di tanti romanisti che mi circondano e sentirmi deriso alle spalle come il figlio della solita terra sicula portatrice sana di malaffare e malcostume, costituisce il più oltraggioso attacco alla mia dignità ed alla mia buonafede di siciliano onesto.

Questo, caro Nino, non te lo perdonerò mai.
MAI.

Condivido pienamente il tuo stato d'animo.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5432
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #46 il: 23 Giugno 2015, 04:17:02 pm »
Pensare di essere gli unici puri in un mondo infestato da criminali era pure follia, come pensare di essere soli nell'universo.
A questo punto ho qualche dubbio sull'integrità mentale di Pulvirenti. Dopo che vai a fare una denuncia alla DIgos non ci pensi che ti mettano sotto controllo il telefono? Bah!
Per questo ho sempre predicato equilibrio, a meno che uno non viva a stretto contatto con una persona non può essere certo dell'onestà oltre il 90%.

Comunque, ripartiremo dal basso come al solito, chi se la sente, è ovvio.

« Ultima modifica: 23 Giugno 2015, 04:19:06 pm da bua »

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #47 il: 23 Giugno 2015, 04:17:48 pm »
Come tutti, mi sono abbeverato anche io ascoltando lo stralcio delle intercettazioni rese note.
Non c'è molto da commentare o da supporre: trattasi di una prova schiacciante del fatto che Pulvirenti fosse al centro di una cricca di gentiluomini dediti alla combine sportiva col fine - in primis - di fare soldi lucrando sulle scommesse e - in secundis - salvare il Catania da una retrocessione altrimenti inevitabile.
Mi mette tristezza il tono di voce di Pulvirenti ed il suo evidente cipiglio nel voler portare a termine il suo piano: tristezza perché mi dà l'impressione di un uomo che ha visto - campionato durante - vedere sgretolarsi una squadra e dunque un progetto, il quale non sa fare altro che affidarsi a pratiche illecite per cercare di raddrizzare la situazione, ben conscio del fatto che una retrocessione in C darebbe luogo ad un cataclisma finanziario sulla società, con un centro sportivo ancora da finire di pagare.
Un uomo sconfitto che tenta di giocare l'ultima carta del mazzo: quella della disonestà, dell'infamia e della vergogna. Perché di questo stiamo parlando: di infamia e vergogna per tutti coloro i quali hanno l'elefantino tatuato nel cuore e che credono che dietro a 22 professionisti della pelota vi sia solo sudore, fatica ed agonismo e non una lurida e meschina messinscena.

Mi sento preso per il c.u.l.o., mi sento privato con la forza di un qualcosa che mi apparteneva, mi sento defraudato del mio sacrosanto diritto ad avere una squadra del cuore ed essere pronto a difenderla sempre e comunque.
Mi sento violentato moralmente ed affettivamente. E vedere le risatine e le facce tronfie di tanti romanisti che mi circondano e sentirmi deriso alle spalle come il figlio della solita terra sicula portatrice sana di malaffare e malcostume, costituisce il più oltraggioso attacco alla mia dignità ed alla mia buonafede di siciliano onesto.

Questo, caro Nino, non te lo perdonerò mai.
MAI.

Condivido pienamente il tuo stato d'animo.
..anch'io..
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #48 il: 23 Giugno 2015, 06:04:29 pm »
Guardiamo le cose positive:
abbiamo scoperto, finalmente, il ruolo di Delli Carri, vero uomo di fiducia di pulvirenti!
E abbiamo ascoltato la sua voce, certo, dalle intercettazioni, ma l' abbiamo ascoltata! ::)

Abbiamo capito perché non rilasciavano dichiarazioni alla stampa: erano sempre impegnati a parlare al telefono (intercettato, ovviamente)! ::)

Abbiamo anche scoperto perché, spesso, non erano presenti alle partite: avevano problemi con gli orari dei treni... treno delle 33... non si po sentiri !!! ::)


... ma andate a fanc,ulo... ca mancu a fari i latri fusturu boni...

...inchia a risossa... O mer.de.

Cerchiamo di ridere, che c' è veramente da piangere.





« Ultima modifica: 23 Giugno 2015, 06:06:14 pm da Catanisazzu »
#STAMUAVVULANNU!

Offline Caprarupens

  • Utente
  • *****
  • Post: 2016
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #49 il: 23 Giugno 2015, 06:30:52 pm »
Pensare di essere gli unici puri in un mondo infestato da criminali era pure follia, come pensare di essere soli nell'universo.
A questo punto ho qualche dubbio sull'integrità mentale di Pulvirenti. Dopo che vai a fare una denuncia alla DIgos non ci pensi che ti mettano sotto controllo il telefono? Bah!
Per questo ho sempre predicato equilibrio, a meno che uno non viva a stretto contatto con una persona non può essere certo dell'onestà oltre il 90%.

Comunque, ripartiremo dal basso come al solito, chi se la sente, è ovvio.

Secondo me gli e lo hanno pure detto visto che si trattava di Vittima (allora)  ma -alla catanese- idu si sentiva cchiù spettu da digos...
il treno parte alle 33 non si può sentire .... poi si corregge 3 e 33 ..... ma che pensa che quelli della digos hanno preso il diploma con la radio elettra e la laurea a Tirana?

Offline bonfanti58

  • Utente
  • ****
  • Post: 787
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #50 il: 23 Giugno 2015, 07:00:31 pm »
Non so cosa dire. Sono stanco e nauseato.
Avrei solo voglia di prendere un treno, un treno vero, e andarmene via, in un mondo più pulito.
A questo punto spero solo che una, tra le possibili, ingiustificabili motivazioni di quanto scoperto, sia stata quella di non dare un’altra delusione a noi tifosi, cercando in tutti i modi di salvare una squadra pericolante.

Quest’epilogo può essere un opportunità per ripartire tutti, per primi noi tifosi, con l’umiltà, il rispetto, l’amore, il giusto valore che  questo bellissimo gioco chiede e merita.
Il rosso come il fuoco dell'Etna L'azzurro come il cielo e il mare

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #51 il: 23 Giugno 2015, 09:04:49 pm »
..uno shock da cui ancora non mi sono ripreso...e nella testa mi rimuginano tante follie e molte cose non mi quadrano...mi chiedo:che senso ha che due compagni di merenda che hanno consumato un illecito sportivo appena qualche giorno prima si dividono senza nessuna ragionevole motivazione?...se, come si evince dalle intercettazioni, Delli Carri si era incaricato di  architettare le combine e di contattare gli squallidi personggi che brulicano nel mondo delle scommesse, non si capisce come Pulvirenti subito dopo la conclusione del campionato gli da il benservito...tutto ciò non è strano?...mi sarebbe sembrato più normale che dopo aver portato a buon fine il "lavoro" fosse stato trattato diversamente ...e i domiciliari a Cosentino che non risulta in nessuna delle intercettazioni che la procura di Catania ha reso pubbliche? come si spiega lo stesso provvedimento restrittivo adottato nei suoi confronti?
Che ne pensate?
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline Caprarupens

  • Utente
  • *****
  • Post: 2016
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #52 il: 23 Giugno 2015, 09:34:45 pm »
..uno shock da cui ancora non mi sono ripreso...e nella testa mi rimuginano tante follie e molte cose non mi quadrano...mi chiedo:che senso ha che due compagni di merenda che hanno consumato un illecito sportivo appena qualche giorno prima si dividono senza nessuna ragionevole motivazione?...se, come si evince dalle intercettazioni, Delli Carri si era incaricato di  architettare le combine e di contattare gli squallidi personggi che brulicano nel mondo delle scommesse, non si capisce come Pulvirenti subito dopo la conclusione del campionato gli da il benservito...tutto ciò non è strano?...mi sarebbe sembrato più normale che dopo aver portato a buon fine il "lavoro" fosse stato trattato diversamente ...e i domiciliari a Cosentino che non risulta in nessuna delle intercettazioni che la procura di Catania ha reso pubbliche? come si spiega lo stesso provvedimento restrittivo adottato nei suoi confronti?
Che ne pensate?

GP le intercettazioni sembrano andare per quel verso, ad ogni modo il botto è stato forte  e vedremo gli sviluppi dell'inchiesta perchè anche a me ci sono delle cose che non convincono ma non voglio iniziare un processo mediatico;
Da quello che si è appreso (conferenza degli inquirenti e intercettazioni) pare che i vertici del CT ed 1 o 2 giocatori per squadra avversaria abbiano combinato i risultati e mi chiedo: è mai possibile che un allenatore non si accorga che un suo giocatore abbia dei comportamenti anomali? e se poi i giocatori sono 2?
Insomma aspettiamo gli sviluppi e poi commentiamo...

Quello che è sicuro che chi ci rimette veramente siamo noi popolo bue...

Offline U mastru

  • Utente
  • *****
  • Post: 1778
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #53 il: 23 Giugno 2015, 11:02:52 pm »
Come tutti, mi sono abbeverato anche io ascoltando lo stralcio delle intercettazioni rese note.
Non c'è molto da commentare o da supporre: trattasi di una prova schiacciante del fatto che Pulvirenti fosse al centro di una cricca di gentiluomini dediti alla combine sportiva col fine - in primis - di fare soldi lucrando sulle scommesse e - in secundis - salvare il Catania da una retrocessione altrimenti inevitabile.
Mi mette tristezza il tono di voce di Pulvirenti ed il suo evidente cipiglio nel voler portare a termine il suo piano: tristezza perché mi dà l'impressione di un uomo che ha visto - campionato durante - vedere sgretolarsi una squadra e dunque un progetto, il quale non sa fare altro che affidarsi a pratiche illecite per cercare di raddrizzare la situazione, ben conscio del fatto che una retrocessione in C darebbe luogo ad un cataclisma finanziario sulla società, con un centro sportivo ancora da finire di pagare.
Un uomo sconfitto che tenta di giocare l'ultima carta del mazzo: quella della disonestà, dell'infamia e della vergogna. Perché di questo stiamo parlando: di infamia e vergogna per tutti coloro i quali hanno l'elefantino tatuato nel cuore e che credono che dietro a 22 professionisti della pelota vi sia solo sudore, fatica ed agonismo e non una lurida e meschina messinscena.

Mi sento preso per il c.u.l.o., mi sento privato con la forza di un qualcosa che mi apparteneva, mi sento defraudato del mio sacrosanto diritto ad avere una squadra del cuore ed essere pronto a difenderla sempre e comunque.
Mi sento violentato moralmente ed affettivamente. E vedere le risatine e le facce tronfie di tanti romanisti che mi circondano e sentirmi deriso alle spalle come il figlio della solita terra sicula portatrice sana di malaffare e malcostume, costituisce il più oltraggioso attacco alla mia dignità ed alla mia buonafede di siciliano onesto.

Questo, caro Nino, non te lo perdonerò mai.
MAI.
Grazie per aver spiegato in maniera chiara il sentimento e lo stato d'animo di molti tifosi del Catania. =D> =D> =D>
"U Mastru"
P.S. Noi da sempre abbiamo nel nostro D.N.A la sofferenza, la fatica, una gioia avevamo, gioire per undici ragazzotti viziati in mutande e maglietta a striscie, non interessava la categoria, non importava neppure tanto vincere o perdere, a noi interessava l'impegno. Questi hanno distrutto tutto.

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1910
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #54 il: 23 Giugno 2015, 11:08:44 pm »
Come tutti, mi sono abbeverato anche io ascoltando lo stralcio delle intercettazioni rese note.
Non c'è molto da commentare o da supporre: trattasi di una prova schiacciante del fatto che Pulvirenti fosse al centro di una cricca di gentiluomini dediti alla combine sportiva col fine - in primis - di fare soldi lucrando sulle scommesse e - in secundis - salvare il Catania da una retrocessione altrimenti inevitabile.
Mi mette tristezza il tono di voce di Pulvirenti ed il suo evidente cipiglio nel voler portare a termine il suo piano: tristezza perché mi dà l'impressione di un uomo che ha visto - campionato durante - vedere sgretolarsi una squadra e dunque un progetto, il quale non sa fare altro che affidarsi a pratiche illecite per cercare di raddrizzare la situazione, ben conscio del fatto che una retrocessione in C darebbe luogo ad un cataclisma finanziario sulla società, con un centro sportivo ancora da finire di pagare.
Un uomo sconfitto che tenta di giocare l'ultima carta del mazzo: quella della disonestà, dell'infamia e della vergogna. Perché di questo stiamo parlando: di infamia e vergogna per tutti coloro i quali hanno l'elefantino tatuato nel cuore e che credono che dietro a 22 professionisti della pelota vi sia solo sudore, fatica ed agonismo e non una lurida e meschina messinscena.

Mi sento preso per il c.u.l.o., mi sento privato con la forza di un qualcosa che mi apparteneva, mi sento defraudato del mio sacrosanto diritto ad avere una squadra del cuore ed essere pronto a difenderla sempre e comunque.
Mi sento violentato moralmente ed affettivamente. E vedere le risatine e le facce tronfie di tanti romanisti che mi circondano e sentirmi deriso alle spalle come il figlio della solita terra sicula portatrice sana di malaffare e malcostume, costituisce il più oltraggioso attacco alla mia dignità ed alla mia buonafede di siciliano onesto.

Questo, caro Nino, non te lo perdonerò mai.
MAI.

Piena...quanto triste condivisione.

Offline cantarutti72

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #55 il: 23 Giugno 2015, 11:18:54 pm »
Come tutti, mi sono abbeverato anche io ascoltando lo stralcio delle intercettazioni rese note.
Non c'è molto da commentare o da supporre: trattasi di una prova schiacciante del fatto che Pulvirenti fosse al centro di una cricca di gentiluomini dediti alla combine sportiva col fine - in primis - di fare soldi lucrando sulle scommesse e - in secundis - salvare il Catania da una retrocessione altrimenti inevitabile.
Mi mette tristezza il tono di voce di Pulvirenti ed il suo evidente cipiglio nel voler portare a termine il suo piano: tristezza perché mi dà l'impressione di un uomo che ha visto - campionato durante - vedere sgretolarsi una squadra e dunque un progetto, il quale non sa fare altro che affidarsi a pratiche illecite per cercare di raddrizzare la situazione, ben conscio del fatto che una retrocessione in C darebbe luogo ad un cataclisma finanziario sulla società, con un centro sportivo ancora da finire di pagare.
Un uomo sconfitto che tenta di giocare l'ultima carta del mazzo: quella della disonestà, dell'infamia e della vergogna. Perché di questo stiamo parlando: di infamia e vergogna per tutti coloro i quali hanno l'elefantino tatuato nel cuore e che credono che dietro a 22 professionisti della pelota vi sia solo sudore, fatica ed agonismo e non una lurida e meschina messinscena.

Mi sento preso per il c.u.l.o., mi sento privato con la forza di un qualcosa che mi apparteneva, mi sento defraudato del mio sacrosanto diritto ad avere una squadra del cuore ed essere pronto a difenderla sempre e comunque.
Mi sento violentato moralmente ed affettivamente. E vedere le risatine e le facce tronfie di tanti romanisti che mi circondano e sentirmi deriso alle spalle come il figlio della solita terra sicula portatrice sana di malaffare e malcostume, costituisce il più oltraggioso attacco alla mia dignità ed alla mia buonafede di siciliano onesto.

Questo, caro Nino, non te lo perdonerò mai.
MAI.
Dì perlomeno ai romanisti che quanto avvenuto a Catania è acqua limpida di sorgente rispetto alle montagne di sterco che ha caratterizzato la loro recente storia. Dalle fideiussioni false al vergognoso decreto spalmadebiti emanato con la benedizione del padrino con la gobba (pace all' anima sua). E se poi ti citano il 2 febbraio tu rispondigli "Ciro Esposito". Il disastro di pulvirenti farà ahimè proliferare anche gli ominicchi siculo strisciati
« Ultima modifica: 23 Giugno 2015, 11:21:53 pm da cantarutti72 »
"più tifi strisciato, più sei un siciliano rinnegato !! fuckinmiju "

Offline Diegos

  • Utente
  • *****
  • Post: 1395
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #56 il: 24 Giugno 2015, 12:12:37 am »
Come tutti, mi sono abbeverato anche io ascoltando lo stralcio delle intercettazioni rese note.
Non c'è molto da commentare o da supporre: trattasi di una prova schiacciante del fatto che Pulvirenti fosse al centro di una cricca di gentiluomini dediti alla combine sportiva col fine - in primis - di fare soldi lucrando sulle scommesse e - in secundis - salvare il Catania da una retrocessione altrimenti inevitabile.
Mi mette tristezza il tono di voce di Pulvirenti ed il suo evidente cipiglio nel voler portare a termine il suo piano: tristezza perché mi dà l'impressione di un uomo che ha visto - campionato durante - vedere sgretolarsi una squadra e dunque un progetto, il quale non sa fare altro che affidarsi a pratiche illecite per cercare di raddrizzare la situazione, ben conscio del fatto che una retrocessione in C darebbe luogo ad un cataclisma finanziario sulla società, con un centro sportivo ancora da finire di pagare.
Un uomo sconfitto che tenta di giocare l'ultima carta del mazzo: quella della disonestà, dell'infamia e della vergogna. Perché di questo stiamo parlando: di infamia e vergogna per tutti coloro i quali hanno l'elefantino tatuato nel cuore e che credono che dietro a 22 professionisti della pelota vi sia solo sudore, fatica ed agonismo e non una lurida e meschina messinscena.

Mi sento preso per il c.u.l.o., mi sento privato con la forza di un qualcosa che mi apparteneva, mi sento defraudato del mio sacrosanto diritto ad avere una squadra del cuore ed essere pronto a difenderla sempre e comunque.
Mi sento violentato moralmente ed affettivamente. E vedere le risatine e le facce tronfie di tanti romanisti che mi circondano e sentirmi deriso alle spalle come il figlio della solita terra sicula portatrice sana di malaffare e malcostume, costituisce il più oltraggioso attacco alla mia dignità ed alla mia buonafede di siciliano onesto.

Questo, caro Nino, non te lo perdonerò mai.
MAI.
Dì perlomeno ai romanisti che quanto avvenuto a Catania è acqua limpida di sorgente rispetto alle montagne di sterco che ha caratterizzato la loro recente storia. Dalle fideiussioni false al vergognoso decreto spalmadebiti emanato con la benedizione del padrino con la gobba (pace all' anima sua). E se poi ti citano il 2 febbraio tu rispondigli "Ciro Esposito". Il disastro di pulvirenti farà ahimè proliferare anche gli ominicchi siculo strisciati

Figurati fa anche proliferare i falli.ti acesi quindi capirai  gli ominicchi siculo strisciati... Salutoni,

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #57 il: 24 Giugno 2015, 12:20:14 am »
Casorezzo (MI), 23 Giugno 2015
Caro Vasco,
a onor del vero, un'accusa per frode sportiva per me, che nel 1955 non ero ancora nato, è una novità assoluta che non ho mai vissuto. Stammi bene,
Marco Tullio

Marco non mi riferito al merito dell'accusa ma alla "passione" vissuta nell'estate del  1993 quando fu la carta bollata dei tribunali a dominare la cronaca e non lo sport. Proprio come accadrà questa estate.
Ti ringraziò per l'augurio ma non riesco proprio a stare bene. Sono sconvolto come tutti voi.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 3101
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
  • La continuità nella discontinuità
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #58 il: 24 Giugno 2015, 11:16:32 am »
Casorezzo (MI), 24 Giugno 2015
Cari miei,
 purtroppo la botta si sente ancora e fa male perché è imprevista: mai mi sarei immaginato di dovere affrontare una situazione simile. L'anno scorso, quando i risultati sportivi erano insistentemente negativi, per soperchieria andavo in giro con vari distintivi della squadra e , a retrocessione avvenuta, ho continuato a farlo, perché la sconfitta rientrava nel gioco e da tifoso potevo infischiarmene dei dardi dell'avversa fortuna. Ma ora è diverso, perché è stato compromesso il nostro onore sportivo e non posso certo menare vanto dello stato di cose che si è venuto a creare.
 Stamattina, a mente lievemente più lucida, posso confermare che mi sento ancora il fango addosso e che non è possibile scrollarlo via. Bisognerà subire la pena per la condotta criminale di Pulvirenti & soci e aspettarsi una misura esemplare senza recriminazioni. "Dio ha dato, Dio ha tolto. Benedetto sia il suo nome". Ciò non toglie che anch'io, come molti altri, ho rilevato alcune stranezze nei risultati delle indagini, almeno per quanto sono stati divulgati dai mezzi d'informazione:
a) Quando qualcuno compra, c'è qualcuno che vende e cinque giocatori avversari sono pochi per accomodare cinque partite;
b) La partita Catania-Avellino è stata vinta grazie a un rigore di Calaiò e difesa con i denti tanto che ho rischiato l'infarto più volte, visto che non mi sembrava che l'Avellino ci stesse a perdere: posso credere che si sia trattato di combine?
c) La partita contro il Trapani aveva destato i sospetti delle società di scommesse perché vi erano grosse puntate sul vantaggio degli ospiti dopo la fine primo tempo e sul risultato finale con più goal a vantaggio del Catania: è possibile che sia stato sufficiente subornare Terlizzi senza la complicità del resto della squadra?
d) La partita Catania-Livorno è finita 1-1: è questo il risultato combinato o l'imbroglio è sfumato per il rigore all'ultimo istante concesso ai labronici?
e) Pulvirenti comprava soltanto le partite o le vendeva anche? Infatti la sconfitta contro il Cittadella dà molto da pensare, e non si tratta dell'unico caso;
f) Pulvirenti ha fatto davvero tutto questo per evitare la retrocessione o soltanto per intascare il denaro delle scommesse?
 La mia impressione è che la faccenda non sia stata completamente scoperchiata per timore che salti il banco: così invece le responsabilità sono definite e ci sono dei colpevoli che pagheranno davvero o riusciranno a farla franca parzialmente o del tutto, mentre sicuramente, a livello sportivo, sarà il Calcio Catania a scontare le conseguenze. Quel che temo è che chi scamperà a queste vicende sia proprio Cosentino, dal momento che non mi consta che sia stato intercettato. Avete, infine, notato che il famigerato Catania-Juventus dell'ottobre 2012, occultato a bella posta in questi anni, è stato riesumato da stampa e TV, perché finalmente c'è un argomento di peso da opporre per chiudere la bocca alle giuste proteste di  chi vi ha riconosciuto un torto incancellabile? Prepariamoci, se abbiamo ancora un futuro, a inghiottire soprusi senza battere ciglio, perché noi saremo per sempre quelli del 2015. Tristemente vostro,
Marco Tullio
Nuovo Catania, nuovo nome

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Mandato di arresto per Pulvirenti e Cosentino
« Risposta #59 il: 24 Giugno 2015, 12:00:52 pm »
Ciascuno di noi vive questo momento con una partecipazione emotiva diversa e con una diversa razionalità, com'è normale che avvenga. Da parte mia non riesco ad identificarmi con le malefatte di una dirigenza che non rappresenta i miei valori. E nessuno mi venga a dire che mi stavano bene quando vincevano: a me stavano bene quando si comportavano da sportivi, e lo sport include anche le sconfitte e le retrocessioni. 
Il fango é loro, non dei tifosi. Noi ne subiremo purtroppo le conseguenze, per responsabilità oggettiva del fatto di altri.