Autore Topic: Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?  (Letto 25771 volte)

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« il: 22 Aprile 2015, 10:07:04 am »
” I membri della curva nord chiedono a Pulvirenti di cedere la squadra. Dopo la sconfitta a Pescara, che ha minato il progetto dell’immediato ritorno in serie A, due diversi gruppi di imprenditori hanno presentato offerta d’acquisto. Un primo incontro, a Roma, è già avvenuto. Pulvirenti deciderà di vendere? L’obiettivo oggi, a fronte di nuovi sviluppi, è conservare la categoria

“Dopo la sconfitta maturata sul campo del Pescara, che ha minato il progetto di un immediato ritorno in serie A, qualcosa si è però mosso. Per quanto discreto, l’interesse di due diversi gruppi imprenditoriali ha portato sul tavolo del Catania due proposte di acquisto. In particolare, l’offerta di una di queste ha suscitato quantomeno l’attenzione del club. MeridioNews è venuto a conoscenza di un incontro tra le parti, svoltosi a Roma alla fine del marzo scorso, al quale erano presenti il presidente Pulvirenti e l’amministratore delegato Pablo Cosentino. Sul tavolo di uno studio legale della capitale è stata poggiata l’offerta base per trattare l’acquisto delle quote del Catania e sono state discusse anche le questioni Torre del Grifo (il centro sportivo inaugurato nel maggio del 2011 e costato al Catania circa 60 milioni di euro) e stadio nuovo."



...dunque, la notizia della settimana è questa...sarà vera o non sarà vera?

...come è ovvio, su radio e web si è scatenato il dibattito...da un lato la fazione dei "cani ca non canusciunu pattruni" solo la Maglia...picchì tanto i risultati cascunu do cielu...pronti addirittura a stappare bottiglie di champagne per la "dipartita" do Mappassotu  8-)

....dall'altro i "grilli parlanti" prudenti che ci vorrebbero vedere chiaro...che ricordano che questo Mappassotu, nonostante nelle ultime 2 stagioni ne abbia combinate più di un elefante in una cristalleria, ha messo su il Catania più attrezzato e vincente degli ultimi 30 anni...

...inutile dirvi che il sottoscritto è un grillo parlante senza se e senza ma...per due semplicissimi motivi:
Premesso che l'adagio tutti sono utili e nessuno è indispensabile, nel calcio, è applicabile anche a Pulvirenti...premesso pure che attualmente con lui sono incaz.zato come una iena del Bangladesh...passo ai punti:

1) ...fosse vera la notizia, fosse vero l'incontro romano, queste 2 cordate...su "cordate" o "lazzate"!?...chi sono, chi c'è!? ...vorrei sommessamente far notare che siamo il Catania, no il Milan o l'Inter...e non è nemmeno una questione di autoctonia o alloctonia...quindi, nomi e garanzie!

2) ...io ricordo cosa successe l'ultima volta in cui un presidente "tifoso" fu costretto, a furor di popolo, a cedere le quote societarie ad una mirabolante "cordata" che ben presto si rivelau na "lazzata"....non vorrei rivivere quei tempi...

Voi da che parte state!?
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1919
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #1 il: 22 Aprile 2015, 10:39:16 am »
” I membri della curva nord chiedono a Pulvirenti di cedere la squadra. Dopo la sconfitta a Pescara, che ha minato il progetto dell’immediato ritorno in serie A, due diversi gruppi di imprenditori hanno presentato offerta d’acquisto. Un primo incontro, a Roma, è già avvenuto. Pulvirenti deciderà di vendere? L’obiettivo oggi, a fronte di nuovi sviluppi, è conservare la categoria

“Dopo la sconfitta maturata sul campo del Pescara, che ha minato il progetto di un immediato ritorno in serie A, qualcosa si è però mosso. Per quanto discreto, l’interesse di due diversi gruppi imprenditoriali ha portato sul tavolo del Catania due proposte di acquisto. In particolare, l’offerta di una di queste ha suscitato quantomeno l’attenzione del club. MeridioNews è venuto a conoscenza di un incontro tra le parti, svoltosi a Roma alla fine del marzo scorso, al quale erano presenti il presidente Pulvirenti e l’amministratore delegato Pablo Cosentino. Sul tavolo di uno studio legale della capitale è stata poggiata l’offerta base per trattare l’acquisto delle quote del Catania e sono state discusse anche le questioni Torre del Grifo (il centro sportivo inaugurato nel maggio del 2011 e costato al Catania circa 60 milioni di euro) e stadio nuovo."



...dunque, la notizia della settimana è questa...sarà vera o non sarà vera?

...come è ovvio, su radio e web si è scatenato il dibattito...da un lato la fazione dei "cani ca non canusciunu pattruni" solo la Maglia...picchì tanto i risultati cascunu do cielu...pronti addirittura a stappare bottiglie di champagne per la "dipartita" do Mappassotu  8-)

....dall'altro i "grilli parlanti" prudenti che ci vorrebbero vedere chiaro...che ricordano che questo Mappassotu, nonostante nelle ultime 2 stagioni ne abbia combinate più di un elefante in una cristalleria, ha messo su il Catania più attrezzato e vincente degli ultimi 30 anni...

...inutile dirvi che il sottoscritto è un grillo parlante senza se e senza ma...per due semplicissimi motivi:
Premesso che l'adagio tutti sono utili e nessuno è indispensabile, nel calcio, è applicabile anche a Pulvirenti...premesso pure che attualmente con lui sono incaz.zato come una iena del Bangladesh...passo ai punti:

1) ...fosse vera la notizia, fosse vero l'incontro romano, queste 2 cordate...su "cordate" o "lazzate"!?...chi sono, chi c'è!? ...vorrei sommessamente far notare che siamo il Catania, no il Milan o l'Inter...e non è nemmeno una questione di autoctonia o alloctonia...quindi, nomi e garanzie!

2) ...io ricordo cosa successe l'ultima volta in cui un presidente "tifoso" fu costretto, a furor di popolo, a cedere le quote societarie ad una mirabolante "cordata" che ben presto si rivelau na "lazzata"....non vorrei rivivere quei tempi...

Voi da che parte state!?

Gas...era dopo la sconfitta di Pescara...adesso dopo questi ultimi risultati positivi credo e soprattutto spero che il presidente abbia ancora voglia di farci tornare e stare nel mondo del calcio nazionale.
Gli 11 mila abbonamenti dello scorso hanno testimoniano che la città ha questa volontà...un buon finale di campionato e una attenta campagna acquisti possono far si che questo risultato di abbonamenti possa ripetersi dimostrando che questa città e i suoi tifosi (anche quelli in giro per l'italia...e cosi mi ci metto pure io...) meritano la massima serie.

...poi se le vinciamo davvero tutte...ma tutte tutte...

Fozza Catania

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #2 il: 22 Aprile 2015, 11:37:41 am »
...è vero Gio, quanto scrivi...la notizia è vecchia di qualche mese...ma è tornata di attualità proprio adesso, non so a che pro...e qui a Catania è partito il dibattito...
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #3 il: 22 Aprile 2015, 12:36:58 pm »
...................................
Voi da che parte state!?


Io sto dalla parte dei grilli parlanti, come te Gaspare. E condivido le tue perplessitá e i tuoi distinguo.

E aggiungo, senza fare alcuna dietrologia, che non mi piace che la notizia sia stata ripresa proprio adesso, nel momento più delicato della stagione, quando la questione salvezza si può chiudere e, toccando ferro, qualche altro spiraglio si potrebbe aprire.

Come ho giá scritto in un altro post, la chiarezza (anche del ruolo della proprietá) é uno dei punti della svolta di questa stagione e intorpidire le acque con queste ipotesi non fa certo il bene del Catania.

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #4 il: 22 Aprile 2015, 01:53:54 pm »
...................................
Voi da che parte state!?


Io sto dalla parte dei grilli parlanti, come te Gaspare. E condivido le tue perplessitá e i tuoi distinguo.

E aggiungo, senza fare alcuna dietrologia, che non mi piace che la notizia sia stata ripresa proprio adesso, nel momento più delicato della stagione, quando la questione salvezza si può chiudere e, toccando ferro, qualche altro spiraglio si potrebbe aprire.

Come ho giá scritto in un altro post, la chiarezza (anche del ruolo della proprietá) é uno dei punti della svolta di questa stagione e intorpidire le acque con queste ipotesi non fa certo il bene del Catania.
...d'accordo su tutto....voglio aggiungere che , fermo restando che i conti si fanno alla fine e che le somme si tireranno valutando anche le minkiate fatte a ripetizione dalla società, non mi trovo d'accordo sul protagonismo dell'articolista ne per i modi ne per i tempi...e poi chi può stabilire che i fatti siano realmente accaduti?...solo pubblicità immondizia...hanno ottenuto quello che volevano ,l'importante era parlarne...
   
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline U mastru

  • Utente
  • *****
  • Post: 1778
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #5 il: 22 Aprile 2015, 02:28:28 pm »
Da Grillo parlante affermo che visto che il Catania ha ripreso a vincere, Qualche manina ha fatto un bel mucchietto di materiale fecale davanti ad un ventilatore e lo ha acceso.
Un'abitudine che a Catania hanno in tanti.....
"U Mastru"

Offline garreccio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1756
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #6 il: 22 Aprile 2015, 03:04:07 pm »
Pulvirenti senza se e senza ma.
E' un imprenditore: può sbagliare una volta, non credo due... 8D

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #7 il: 22 Aprile 2015, 03:16:34 pm »
Come sempre si dice, chi lascia il vecchio per il nuovo sa quel che lascia ma non sa quel che trova, quindi è ovvio che la prudenza dovrebbe essere d'obbligo.
Non sono d'accordo nello specifico sul lavoro del giornalista, che non conosco, perché si tratta di una testata solitamente affidabile onesta e indipendente, peraltro guidata da quel Luigi D'Angelo che fu fra i pionieri di Pianeta Catania, ergo è uno che mai e poi mai nuocerebbe al Catania per un finto scoop (se non fai nomi e non dici molto di più di quanto si può sentire più o meno ogni giorno in qualunque bar ormai da anni e non dai dettagli significativi che scoop è?).
Se si fosse voluto destabilizzare lo si sarebbe fatto  ad inizio di aprile, quando queste voci sono diventate più insistenti e la squadra non dava segni di vita. Mi pare che di recente a Bari, a Cagliari, a Bologna, a Roma, a Genova blucerchiata e penso ovunque, si sia parlato sempre apertamente di trattative in corso, con colpi di scena a raffica, senza che nessuno vedesse in questo l'avvio di  una macchina del fango.

Diciamo che non mi piacerebbe leggere la notizia su La Sicilia solo a cose fatte, come avvenne per il passaggio ai Gaucci, ma poco importa alla fine.
Ricordo che in quell'occasione mi ricordai poi che dal barbiere, nel gennaio del 2000, avevo sentito un attempato signore dire che sapeva che si erano già firmate le carte per il passaggio di proprietà e avevo pensato che fosse la solita cavolata.

Comunque basterà avere la pazienza di aspettare qualche mese e sapremo se la notizia è vera. In caso affermativo ci vorrà altro tempo da attendere pure la risposta del campo che ci dirà se la notiza è buona o meno.
Personalmente ribadisco che non si può chiedere ad un Cosentino di risolvere i problemi che lui stesso ha creato. Non so se la ripresa attuale e il buon finale che si prospetta siano frutto del suo lavoro, migliorato grazie all'esperienza, o del contributo più fattivo di Delli Carri o di Moggi, di certo l'eventuale buon finale di stagione non deve farci appannare la mente, cosa a mio avviso avvenuta un anno fa.
Purtroppo l'odiosa evoluzione del calcio moderno ha costretto i tifosi a occuparsi di finanza e quindi è normale che ora ci si chieda se, qualora fosse necessaria una ricapitalizzazione (magari fra un anno) perché siamo rimasti impigliati al campionato di B e quindi niente introiti aggiuntivi, Pulvirenti abbia la forza di farla o se il risultato sportivo della prossima stagioen possa diventare vitale per la società, cosa che personalmente mi impedirebbe di godermi serenamente lo spettacolo del sabato.

Io sono ottimista: penso che come esistevamo prima di Pulvirenti e continueremo ad esistere anche dopo. D'altra parte, quando fra mille anni il nostro presidente passerà a miglior vita il problema di una nuova proprietà si porrà.
A mio avviso al momento, lo dicevo in altri post, i numeri dicono che la piazza rossazzurra è appetibile per chi volesse investire, grazie ai tanti abbonati, soprattutto  ahi me, abbonati Sky. E la cosa potrebbe attirare imprenditori seri, magari non catanesi ma che già operano sul territorio. L'importante è, nel caso, non accoglierli con preconcetti, né come salvatori della Patria come avvenne con i Gaucci, né con diffidenza come qualcuno fece con Pulvirenti.

Infine faccio notare che se la cosa avverrà sarà per volontà dello stesso Pulvirenti, che qualora restasse in sella lo farà, ritengo, perché consapevole di avere i mezzi per farlo e sono fiducioso che abbia imparato dagli errori clamorosi di queste due stagioni, sebbene per me il "caso Cosentino" è in tutto e per tutto simile al "caso Ventrone": dovrebbe essere rimosso ma c'è ostinazione nel lasciarlo al suo posto.
« Ultima modifica: 22 Aprile 2015, 03:28:03 pm da bua »

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #8 il: 22 Aprile 2015, 04:00:31 pm »
Bua il problema non è Pulvirenti. Tutti sappiamo in che condizioni acquistò il Catania, con un solo giocatore a contratto, e cosa, con competenza, passione, professionalità, riuscirono a fare insieme a PLM in appena due anni. E da allora ce la siamo giocata sempre (tranne negli ultimi due anni meno l'ultimo mese). A me vivere sportivamente una vicenda sportiva di questo tipo anche in futuro va bene: costruire da zero è esaltante. La cosa importante, per me, è sapere di essere nelle mani di persone competenti, appassionate, professionali, dotate dell'esperienza giusta per fare il loro lavoro. Queste sono le qualità che contano e di ciò a Catania abbiamo la prova provata.

A mio parere il problema vero sta, come adombri fra le righe del tuo post, altrove, nel ruolo dell'AD attuale. Però,  me però non vale la pena di parlarne adesso, nel pieno di una sfida che potrebbe avere esiti impensabili appena un mese fa.

Sappiamo che per i giornalisti vale solo la notizia. Ma per un giornalista che vuole veramente bene al Catania deve "valere" anche la valutazione degli effetti, (che in ogni caso penso non ci saranno), che una notizia come questa può avere, su una ritrovata (e fragile) solidità di ambiente, centrata sul ruolo della proprietà. Sarò troppo integralista però in questa fase non riesco a stare dalla parte di giornalisti che ancora non hanno capito che il Catania appena un mese fa, ha rischiato seriamente di "sparire" dal calcio che conta.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #9 il: 22 Aprile 2015, 04:11:51 pm »
Bua il problema non è Pulvirenti. Tutti sappiamo in che condizioni acquistò il Catania, con un solo giocatore a contratto, e cosa, con competenza, passione, professionalità, riuscirono a fare insieme a PLM in appena due anni. E da allora ce la siamo giocata sempre (tranne negli ultimi due anni meno l'ultimo mese). A me vivere sportivamente una vicenda sportiva di questo tipo anche in futuro va bene: costruire da zero è esaltante. La cosa importante, per me, è sapere di essere nelle mani di persone competenti, appassionate, professionali, dotate dell'esperienza giusta per fare il loro lavoro. Queste sono le qualità che contano e di ciò a Catania abbiamo la prova provata.

A mio parere il problema vero sta, come adombri fra le righe del tuo post, altrove, nel ruolo dell'AD attuale. Però,  me però non vale la pena di parlarne adesso, nel pieno di una sfida che potrebbe avere esiti impensabili appena un mese fa.

Sappiamo che per i giornalisti vale solo la notizia. Ma per un giornalista che vuole veramente bene al Catania deve "valere" anche la valutazione degli effetti, (che in ogni caso penso non ci saranno), che una notizia come questa può avere, su una ritrovata (e fragile) solidità di ambiente, centrata sul ruolo della proprietà. Sarò troppo integralista però in questa fase non riesco a stare dalla parte di giornalisti che ancora non hanno capito che il Catania appena un mese fa, ha rischiato seriamente di "sparire" dal calcio che conta.

Appunto, non è che l'hanno pubblicata un mese fa, forse perché è l'incontro di cui parlano che sarebbe avvenuto qualche mese fa, magari ne hanno avuto notizia adesso. In ogni caso, non vedo quale sia il problema che potrebbe sorgere nell'ambiente dal sapere che potrebbe esserci un cambio al vertice, che visto il valore della società non potrebbe avvenire senza un interlocutore credibile. Il Bari lo scorso anno ha fatto la sua rimonta in pieno passaggio di mano, per dirne una.

Offline franco-ct al nord

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #10 il: 22 Aprile 2015, 04:59:46 pm »
Anche io sto col Malpassotu...purchè rinsavisca.
Come dici tu, Gaspare, troppi gli errori fatti in questi ultimi due anni, senza contare le lunghe assenze e i lunghissimi silenzi.
Ma qualche segno di ripresa lo sta dando anche lui. Pertanto, sto ancora con lui. Certo che di soddisfazioni ce ne ha date, ma io ne voglio ancora.
Saluti e Fozza Catania.

Offline bonfanti58

  • Utente
  • ****
  • Post: 788
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #11 il: 22 Aprile 2015, 06:06:22 pm »
Anch’io mi tengo stretto Pulvirenti. Il primo banale motivo che mi viene in mente? Mai vista - e di anni ne ho tanti - una campagna acquisti ampia e sontuosa come quella dello scorso Gennaio.
Se potessi, però, dargli un umile consiglio, gli direi: fatti vedere, mettici la faccia, sempre, nella buona e soprattutto nella cattiva sorte. Comunica le tue emozioni, come hai sempre fatto fino a un anno e mezzo fa. Fai sentire ai tifosi che c’è un amico, che può anche sbagliare, ma che gioisce e patisce con loro. Un semplice amico, non un padrone, né un re di denari.
Saluti a tutti
Il rosso come il fuoco dell'Etna L'azzurro come il cielo e il mare

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3856
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #12 il: 22 Aprile 2015, 07:01:07 pm »
Io sto sempre, e solo, dalla parte del Catania, per cui la mia opinione sul problema è semplice, se ne ha ancora voglia, e possibilità, resti, altrimenti, se deve comportarsi come negli ultimi due anni, tolga il disturbo.
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline LUIS

  • Utente
  • ****
  • Post: 893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #13 il: 22 Aprile 2015, 08:14:55 pm »
Anch'io sto solo dalla parte del Catania.
Se c'è la voglia e "soprattutto" se le possibilità economiche lo permettono, bene, in caso contrario se la permanenza di pulvirenti significa ancora "poggiarsi" su cosentino ed il suo entourage, allora, a mio modesto parere, è auspicabile un cambio al vertice societario, anche se, purtroppo, questa ultima soluzione la vedo molto problematica, considerando il centro sportivo del catania.
   

Offline THOR

  • Utente
  • *****
  • Post: 1331
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Pulvirenti cede o non cede? ...to be or no to be!?
« Risposta #14 il: 22 Aprile 2015, 08:36:33 pm »
Io sto sempre, e solo, dalla parte del Catania, per cui la mia opinione sul problema è semplice, se ne ha ancora voglia, e possibilità, resti, altrimenti, se deve comportarsi come negli ultimi due anni, tolga il disturbo.

Disamina perfetta e condivisibile! ..gli ultimi due campionati veramente assurdi condotti e gestiti in maniera inconcepibile, i silenzi la conferma di un disastro!