Autore Topic: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!  (Letto 48427 volte)

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1920
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #315 il: 28 Agosto 2011, 08:00:44 pm »
:-D :-D :-D :-D

Sto leggendo e rileggendo l'articolo da te riportato...e non capisco...mi sforzo...te lo giuro!  :-D

Mi arrendo Nico!

Delle due una: o sono costretto (ahi quanto mi costa  ::) ) a dare ragione a Templare circa le mie doti cognitive...o siamo di fronte, dopo quella del povero tifoso a cui è stata negata la prelazione con sconto perchè fuori tempo massimo, all'ennesima sindrome lastimosa da signòlomonaco  :-D

Aiutatemi...vi prego...spiegatemi dov'è che la società nel caso di specie sta rendendo dura la vita del tifoso  8|  8D

A fotocopia...s'ha fari a fila e botteghini...qual'è u problema? no capiii...aiutoooo  :-D

Aiutiamo Fratello Gas.
Restiamo sempre nel seminato dell'articolo e quindi nel confronto con Parma.

La parte Lottomatica e' la stessa quindi tutto ok.

A Parma puoi andare biglietto in mano entro il 10/09 a ritirari i picciuli allo store.

A Catania hai solo tre giorni 29-31 Agosto per "consegnare la richiesta di rimborso dei tagliandi" quindi ancora niente picciuli...poi successivamente verra' comunicata (comu non si sapi) la data (e la procedura aggiungo io) per il ritiro dei famosi picciuli.
Quindi c'ha tunnari n'atra vota!!!

C'e', pare a me una, bella differenza...e non credo che a Parma facciano miracoli.

Faccio notare un ulteriore dettaglio...si puo' ritirare solo il proprio biglietto quindi se ho fatto il biglietto anche per mio figlio dobbiamo andare in due? Oppure devo andare dal notaio a fare autenticare una delega?
A Parma non si fa menzione di documenti e di titolarita' del biglietto...chissa'.

...si Gas...potevano farla piu' semplice.

Fozza Catania

Offline Papè Satàn

  • Utente
  • *****
  • Post: 1203
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #316 il: 28 Agosto 2011, 08:48:07 pm »
... a ritirari i picciuli allo store.

A Catania hai solo tre giorni 29-31 Agosto per "consegnare la richiesta di rimborso dei tagliandi" quindi ancora niente picciuli...poi successivamente verra' comunicata (comu non si sapi) la data (e la procedura aggiungo io) per il ritiro dei famosi picciuli.
A parte la curiosità di conoscere l'esiguo numero di biglietti emessi a Parma per una partita di campionato (e non amichevole) perdipiù già in odore di sciopero ...  :-P
Store  ;-) Ovvero magazzino, attività, contanti (più o meno il nostro Point) :-P
(Vecchi) Botteghini del Massimino, nessuna attività commerciale, solo abbonamenti e biglietteria (a tempo).

Vogliamo dare la possibilità di approvvigionare le casse della società della giusta quantità di denaro ?

Citazione
...si puo' ritirare solo il proprio biglietto quindi se ho fatto il biglietto anche per mio figlio dobbiamo andare in due? Oppure devo andare dal notaio a fare autenticare una delega?

Buona la battuta  =D>
Ma si sa che in ogni occasione è bastata una semplice delega su carta semplice accompagnata da fotocopia del documento del delegante.

Citazione
A Parma non si fa menzione di documenti e di titolarita' del biglietto...chissa'.
Come già ipotizzato si tratterà di una manciata di biglietti.
Nel caso dell'amichevole del Catania certamente i biglietti erano stati emessi in quantità più cospiqua.
Un biglietto di oggi (tanto nel calcio quanto nel cinema), al pari di un abbonamento, è contraddistinto dal cosiddetto "sigillo fiscale", il moderno equivalente del vecchio bollo SIAE di una volta posto a metà fra "matrice" e "figlia" di un biglietto.
Se il gestore di un avvenimento stacca ad esempio 5.000 biglietti e per motivi anche indipendenti dalla sua volontà l'evento non ha luogo, dovrà poi correttamente restituire il denaro, ma certamente necessiterà di una richiesta scritta a giustificazione dello storno.
Figuratevi se - al funzionario che eseguisse una verifica qualche tempo dopo - la sociètà potesse esibire a giustificazione del mancato versamento alla SIAE semplicemente ritagli di giornali e simili  8|
E' ovvio che per quella mole di numeri una richiesta scritta, unitamente a copia del documento dell'istante, è l'unica che possa evitare l'addebito di una frode fiscale.

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1920
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #317 il: 28 Agosto 2011, 11:51:22 pm »
... a ritirari i picciuli allo store.

A Catania hai solo tre giorni 29-31 Agosto per "consegnare la richiesta di rimborso dei tagliandi" quindi ancora niente picciuli...poi successivamente verra' comunicata (comu non si sapi) la data (e la procedura aggiungo io) per il ritiro dei famosi picciuli.
A parte la curiosità di conoscere l'esiguo numero di biglietti emessi a Parma per una partita di campionato (e non amichevole) perdipiù già in odore di sciopero ...  :-P
Store  ;-) Ovvero magazzino, attività, contanti (più o meno il nostro Point) :-P
(Vecchi) Botteghini del Massimino, nessuna attività commerciale, solo abbonamenti e biglietteria (a tempo).

Vogliamo dare la possibilità di approvvigionare le casse della società della giusta quantità di denaro ?

Citazione
...si puo' ritirare solo il proprio biglietto quindi se ho fatto il biglietto anche per mio figlio dobbiamo andare in due? Oppure devo andare dal notaio a fare autenticare una delega?

Buona la battuta  =D>
Ma si sa che in ogni occasione è bastata una semplice delega su carta semplice accompagnata da fotocopia del documento del delegante.

Citazione
A Parma non si fa menzione di documenti e di titolarita' del biglietto...chissa'.
Come già ipotizzato si tratterà di una manciata di biglietti.
Nel caso dell'amichevole del Catania certamente i biglietti erano stati emessi in quantità più cospiqua.
Un biglietto di oggi (tanto nel calcio quanto nel cinema), al pari di un abbonamento, è contraddistinto dal cosiddetto "sigillo fiscale", il moderno equivalente del vecchio bollo SIAE di una volta posto a metà fra "matrice" e "figlia" di un biglietto.
Se il gestore di un avvenimento stacca ad esempio 5.000 biglietti e per motivi anche indipendenti dalla sua volontà l'evento non ha luogo, dovrà poi correttamente restituire il denaro, ma certamente necessiterà di una richiesta scritta a giustificazione dello storno.
Figuratevi se - al funzionario che eseguisse una verifica qualche tempo dopo - la sociètà potesse esibire a giustificazione del mancato versamento alla SIAE semplicemente ritagli di giornali e simili  8|
E' ovvio che per quella mole di numeri una richiesta scritta, unitamente a copia del documento dell'istante, è l'unica che possa evitare l'addebito di una frode fiscale.

Sono un po' perplesso...perche' pochi biglietti? la prima di campionato in casa? sono davvero tutti abbonati a Parma? Mah!
Mentre quanti ne sono rimasti dopo l'amichevole e la coppa italia di biglietti da risarcire?

Store...Point...Botteghino...ancora a Catania tocca fare il collegamento biglietto-point e usiamo i botteghini...il merciandaising cu sapi chi e'?

Caro Pape'...insomma sei certo che questa procedura sia la migliore possibile? Boh???

Fozza Catania

Offline Papè Satàn

  • Utente
  • *****
  • Post: 1203
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #318 il: 29 Agosto 2011, 01:46:36 am »
Ufficialmente 7.559 abbonati a Parma ...
No, non è la migliore procedura possibile ...
Ma una richiesta di rimborso sottoscritta ha pienamente motivo di esistere, così come è pienamente lecito approntare un  fondo cassa di ... vogliamo mettere 1.000 tagliandi residui, 10.000 € da restituire agli aventi diritto.

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3859
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #319 il: 29 Agosto 2011, 01:55:07 am »
Sento puzza di bruciato.   8-)
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1920
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #320 il: 29 Agosto 2011, 08:57:36 am »
Sento puzza di bruciato.   8-)
chi ni scuddamu qualcosa n'do fucularu?
Perché questa puzza...ci dica!

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #321 il: 29 Agosto 2011, 11:43:38 am »

Store...Point...Botteghino...ancora a Catania tocca fare il collegamento biglietto-point e usiamo i botteghini...il merciandaising cu sapi chi e'?

Caro Pape'...insomma sei certo che questa procedura sia la migliore possibile? Boh???

Fozza Catania

Giò...quello dei limiti del merchandising è un altra cosa, non confondiamo il rimborso dei biglietti.
 
Nello specifico c'erano ben due possibilità di riutilizzare quei biglietti, Giò.

Si, credo anche io che questa procedura sia la migliore possibile in una città di furbi...anzi di "spetti"  ;-)

Ciao ;-)

 
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline THOR

  • Utente
  • *****
  • Post: 1331
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #322 il: 29 Agosto 2011, 04:35:52 pm »
L'Europa mi inquieta. Sciopero colpa di tutti"
   
Scritto da Redazione Lunedì 29 Agosto 2011 07:42



 CATANIA - Ascoltato nel corso di Sala Stampa, l'addì Lo Monaco parla dello sciopero dei calciatori, dei motivi che l'hanno reso inevitabile, dei colpevoli di ciò e dei mali che rischiano di far saltare il banco del calcio. Infine si parla di mercato, ribadito l'arrivo di Bergessio si penserà a sfoltire. Ultimo innesto un giovane in difesa ma non sarà Mori. Augustyn “dimenticato”, parte? E poi sull'Europa: “Mi farebbe piacere per la nostra gente ma..”


Clicca qui per vedere la registrazione dell'intervento di LM a Sala Stampa “Il vero motivo dello sciopero è stato il mancato accordo sulla firma dell'accordo collettivo. Bisognava evitarlo ma è stato inevitabile. Viviamo un momento gravissimo nel calcio italiano. E' una stortura che i calciatori possano dirsi lavoratori dipendenti ed aver gli stessi diritti di chi prende poche centinaia di euro. Per questo ci sarebbe da fermarsi un anno. Ed i presidente sono incapaci di gestire il calcio. Il nostro calcio, come l'economia mondiale, vive un momento di crisi. I giocatori non se ne accorgono e pretendono di far la vita di sempre. Sull'articolo 4 dicono che la tassa, se ci sarà, devono pagarla i giocatori in quanto soggetti individuali. De Laurentiis e Cellino mi fanno ridere, pontificano e vogliono fare i personaggi spettacolarizzando i calcio. Il calcio è una cosa seria per chi va allo stadio, per il movimento economico messo in moto. C'è tanta incapacità ed una forte divisione in Lega, ognuno pensa al proprio giardinetto. Anche grandi società, di questo passo, sono destinate a fare il botto.

“Catania, Napoli e Fiorentina hanno chiuso in attivo sì, ma il problema sono le persone che lavorano attorno al calcio che rischiano di saltare quando il banco salterà. Noi fatturiamo 30mln di fatturato e siam riusciti a far un centro sportivo. Riflettano tutti su cosa possano fare club con fatturati astronomici. Se mettiamo tutti i soldi nelle tasche dei giocatori si sottraggono al territorio su cui invece bisogna investire. O diamo un occhio anche al modello tedesco, sia per strutture che per organizzazione tecnica. Quando le televisioni taglieranno la spina andremo tutti a casa, nessuna società può sopravvivere senza pay-TV. Dahlia è scomparsa, sono rimasti Mediaset e Sky, sono un duopolio e potrebbero giocare al ribasso.

“Il sistema non avrebbe la forza di sopportare un'altra giornata di sciopero. Il problema è solo fittizio. L'articolo 7 è una grande fesseria. Nel vecchio accordo collettivo era previsto che i fuori rosa dovessero lavorare insieme al gruppo, anche negli allenamenti tattici. Oggi con rose di 30 giocatori cose simili non sono ammissibili, si lavora su 22 elementi, inevitabilmente gli altri non possono fare un lavoro identico. Il problema è il buonsenso. Sulla tassa s'è fatto un manicomio per qualcosa che ancora non esiste, ma in qualsiasi caso, sia al netto che al lordo deve esser pagata dal soggetto individuale, qualsiasi giuslavorista concorderebbe.

“Tommasi e l'AIC non dovevano minacciare, paventare lo sciopero. E' una mancanza di rispetto verso il lavoro e la gente che segue il calcio. Con le minacce non si risolve nulla. I giocatori se ne stanno fregando di tutto. Molti sono stranieri, al 20 d'ogni mese prendono i soldi e sono contenti. Ormai è una guerra tra le parti dove tutti parlano sui giornali e non tra loro, non per salvare il calcio dal crollo ma per far spettacolo. E se il calcio crollerà sarà per l'incapacità generale di tenerlo in piedi.

“Spinesi allenerà una nostra squadra giovanile. Lo aspettiamo. Con lui non abbiamo mai avuto problemi neanche da giocatore. Rimarrà sempre uno di noi, il Catania è casa sua, in caso la tassa ma solo per lui, la pago io.

“Siamo una squadra che deve salvarsi. Davanti abbiamo Maxi Lopez, Bergessio e Suazo, che vi garantisco tornerà ai livelli di un tempo. Ci siamo rinforzati, adesso dobbiamo sfoltire soprattutto a centrocampo. Dietro ci può servire ancora un giovane centrale ma non sarà Mori anche se l'abbiamo seguito con grande interesse. E' un discorso di mesi per lui. La squadra è già competitiva per l'obiettivo della salvezza. Se mi chiedete, io con questa squadra spero di vincere lo scudetto, però bisogna sapersi misurare con la realtà, per cui dico che la salvezza equivale allo scudetto per noi. Se poi dovessero arrivare cose diverse mi farebbe piacere per la gente, per tutti ma mi angoscerebbe: Sampdoria, Livorno, Empoli, Chievo Verona sono andate in Europa e sono retrocesse. Per sopportare e sfruttare l'Europa bisogna avere l'esperienza giusta. Non a caso noi le amichevoli le facciamo all'estero, per prendere l'abitudine ad affrontare le squadre straniere ma l'obiettivo resta la salvezza.

=D> =D> =D>

Bene questa volta, su queste dichiarazioni, mi alzo in piedi e plaudo a quanto detto dal Direttore! =D> =D>
Ottimo discorso con tanti fondamenti di assoluta verità....miiiii non è che mi viene la lomonachite???? ::) :-D


 


Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #323 il: 29 Agosto 2011, 06:29:50 pm »
“Catania, Napoli e Fiorentina hanno chiuso in attivo sì, ma il problema sono le persone che lavorano attorno al calcio che rischiano di saltare quando il banco salterà. Noi fatturiamo 30mln di fatturato e siam riusciti a far un centro sportivo. Riflettano tutti su cosa possano fare club con fatturati astronomici. Se mettiamo tutti i soldi nelle tasche dei giocatori si sottraggono al territorio su cui invece bisogna investire. O diamo un occhio anche al modello tedesco, sia per strutture che per organizzazione tecnica. Quando le televisioni taglieranno la spina andremo tutti a casa, nessuna società può sopravvivere senza pay-TV. Dahlia è scomparsa, sono rimasti Mediaset e Sky, sono un duopolio e potrebbero giocare al ribasso.


Nico...quoto in particolare questo passaggio perchè, che ci creda o meno, più o meno è sempre stata la mia idea di calcio ben prima che il Duo rilevasse il Catania, motivo per cui è stato assolutamente naturale il feeling nei confronti di questa Società...e motivo per cui nella mia vita è stato difficile trovare simpatie per le cosiddette grandi squadre... ;-)

Ciao
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline THOR

  • Utente
  • *****
  • Post: 1331
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #324 il: 29 Agosto 2011, 06:48:21 pm »
“Catania, Napoli e Fiorentina hanno chiuso in attivo sì, ma il problema sono le persone che lavorano attorno al calcio che rischiano di saltare quando il banco salterà. Noi fatturiamo 30mln di fatturato e siam riusciti a far un centro sportivo. Riflettano tutti su cosa possano fare club con fatturati astronomici. Se mettiamo tutti i soldi nelle tasche dei giocatori si sottraggono al territorio su cui invece bisogna investire. O diamo un occhio anche al modello tedesco, sia per strutture che per organizzazione tecnica. Quando le televisioni taglieranno la spina andremo tutti a casa, nessuna società può sopravvivere senza pay-TV. Dahlia è scomparsa, sono rimasti Mediaset e Sky, sono un duopolio e potrebbero giocare al ribasso.


Nico...quoto in particolare questo passaggio perchè, che ci creda o meno, più o meno è sempre stata la mia idea di calcio ben prima che il Duo rilevasse il Catania, motivo per cui è stato assolutamente naturale il feeling nei confronti di questa Società...e motivo per cui nella mia vita è stato difficile trovare simpatie per le cosiddette grandi squadre... ;-)

Ciao

assolutamente daccordo!.. ;-) =D>

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3859
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #325 il: 29 Agosto 2011, 09:01:46 pm »
L'Europa mi inquieta. Sciopero colpa di tutti"
   
Scritto da Redazione Lunedì 29 Agosto 2011 07:42



 CATANIA - Ascoltato nel corso di Sala Stampa, l'addì Lo Monaco parla dello sciopero dei calciatori, dei motivi che l'hanno reso inevitabile, dei colpevoli di ciò e dei mali che rischiano di far saltare il banco del calcio. Infine si parla di mercato, ribadito l'arrivo di Bergessio si penserà a sfoltire. Ultimo innesto un giovane in difesa ma non sarà Mori. Augustyn “dimenticato”, parte? E poi sull'Europa: “Mi farebbe piacere per la nostra gente ma..”


Clicca qui per vedere la registrazione dell'intervento di LM a Sala Stampa “Il vero motivo dello sciopero è stato il mancato accordo sulla firma dell'accordo collettivo. Bisognava evitarlo ma è stato inevitabile. Viviamo un momento gravissimo nel calcio italiano. E' una stortura che i calciatori possano dirsi lavoratori dipendenti ed aver gli stessi diritti di chi prende poche centinaia di euro. Per questo ci sarebbe da fermarsi un anno. Ed i presidente sono incapaci di gestire il calcio. Il nostro calcio, come l'economia mondiale, vive un momento di crisi. I giocatori non se ne accorgono e pretendono di far la vita di sempre. Sull'articolo 4 dicono che la tassa, se ci sarà, devono pagarla i giocatori in quanto soggetti individuali. De Laurentiis e Cellino mi fanno ridere, pontificano e vogliono fare i personaggi spettacolarizzando i calcio. Il calcio è una cosa seria per chi va allo stadio, per il movimento economico messo in moto. C'è tanta incapacità ed una forte divisione in Lega, ognuno pensa al proprio giardinetto. Anche grandi società, di questo passo, sono destinate a fare il botto.

“Catania, Napoli e Fiorentina hanno chiuso in attivo sì, ma il problema sono le persone che lavorano attorno al calcio che rischiano di saltare quando il banco salterà. Noi fatturiamo 30mln di fatturato e siam riusciti a far un centro sportivo. Riflettano tutti su cosa possano fare club con fatturati astronomici. Se mettiamo tutti i soldi nelle tasche dei giocatori si sottraggono al territorio su cui invece bisogna investire. O diamo un occhio anche al modello tedesco, sia per strutture che per organizzazione tecnica. Quando le televisioni taglieranno la spina andremo tutti a casa, nessuna società può sopravvivere senza pay-TV. Dahlia è scomparsa, sono rimasti Mediaset e Sky, sono un duopolio e potrebbero giocare al ribasso.

“Il sistema non avrebbe la forza di sopportare un'altra giornata di sciopero. Il problema è solo fittizio. L'articolo 7 è una grande fesseria. Nel vecchio accordo collettivo era previsto che i fuori rosa dovessero lavorare insieme al gruppo, anche negli allenamenti tattici. Oggi con rose di 30 giocatori cose simili non sono ammissibili, si lavora su 22 elementi, inevitabilmente gli altri non possono fare un lavoro identico. Il problema è il buonsenso. Sulla tassa s'è fatto un manicomio per qualcosa che ancora non esiste, ma in qualsiasi caso, sia al netto che al lordo deve esser pagata dal soggetto individuale, qualsiasi giuslavorista concorderebbe.

“Tommasi e l'AIC non dovevano minacciare, paventare lo sciopero. E' una mancanza di rispetto verso il lavoro e la gente che segue il calcio. Con le minacce non si risolve nulla. I giocatori se ne stanno fregando di tutto. Molti sono stranieri, al 20 d'ogni mese prendono i soldi e sono contenti. Ormai è una guerra tra le parti dove tutti parlano sui giornali e non tra loro, non per salvare il calcio dal crollo ma per far spettacolo. E se il calcio crollerà sarà per l'incapacità generale di tenerlo in piedi.

“Spinesi allenerà una nostra squadra giovanile. Lo aspettiamo. Con lui non abbiamo mai avuto problemi neanche da giocatore. Rimarrà sempre uno di noi, il Catania è casa sua, in caso la tassa ma solo per lui, la pago io.

“Siamo una squadra che deve salvarsi. Davanti abbiamo Maxi Lopez, Bergessio e Suazo, che vi garantisco tornerà ai livelli di un tempo. Ci siamo rinforzati, adesso dobbiamo sfoltire soprattutto a centrocampo. Dietro ci può servire ancora un giovane centrale ma non sarà Mori anche se l'abbiamo seguito con grande interesse. E' un discorso di mesi per lui. La squadra è già competitiva per l'obiettivo della salvezza. Se mi chiedete, io con questa squadra spero di vincere lo scudetto, però bisogna sapersi misurare con la realtà, per cui dico che la salvezza equivale allo scudetto per noi. Se poi dovessero arrivare cose diverse mi farebbe piacere per la gente, per tutti ma mi angoscerebbe: Sampdoria, Livorno, Empoli, Chievo Verona sono andate in Europa e sono retrocesse. Per sopportare e sfruttare l'Europa bisogna avere l'esperienza giusta. Non a caso noi le amichevoli le facciamo all'estero, per prendere l'abitudine ad affrontare le squadre straniere ma l'obiettivo resta la salvezza.

=D> =D> =D>

Bene questa volta, su queste dichiarazioni, mi alzo in piedi e plaudo a quanto detto dal Direttore! =D> =D>
Ottimo discorso con tanti fondamenti di assoluta verità....miiiii non è che mi viene la lomonachite???? ::) :-D


 


No caro Gaspare è per altri motivi che può avvenire la lomonachite ::), quando il Direttore dice o fa cose condivisibili, mi sembra corretto dargli il giusto merito, tant'è che su quanto detto anche io mi trovo in perfetta sintonia con il Direttore, e come sai, non sono certo essere aivibile alla categoria dei fan del signòlomonaco:-))
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

umastru

  • Visitatore
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #326 il: 30 Agosto 2011, 12:26:20 am »
L'Europa mi inquieta. Sciopero colpa di tutti"
   
Scritto da Redazione Lunedì 29 Agosto 2011 07:42



 CATANIA - Ascoltato nel corso di Sala Stampa, l'addì Lo Monaco parla dello sciopero dei calciatori, dei motivi che l'hanno reso inevitabile, dei colpevoli di ciò e dei mali che rischiano di far saltare il banco del calcio. Infine si parla di mercato, ribadito l'arrivo di Bergessio si penserà a sfoltire. Ultimo innesto un giovane in difesa ma non sarà Mori. Augustyn “dimenticato”, parte? E poi sull'Europa: “Mi farebbe piacere per la nostra gente ma..”


Clicca qui per vedere la registrazione dell'intervento di LM a Sala Stampa “Il vero motivo dello sciopero è stato il mancato accordo sulla firma dell'accordo collettivo. Bisognava evitarlo ma è stato inevitabile. Viviamo un momento gravissimo nel calcio italiano. E' una stortura che i calciatori possano dirsi lavoratori dipendenti ed aver gli stessi diritti di chi prende poche centinaia di euro. Per questo ci sarebbe da fermarsi un anno. Ed i presidente sono incapaci di gestire il calcio. Il nostro calcio, come l'economia mondiale, vive un momento di crisi. I giocatori non se ne accorgono e pretendono di far la vita di sempre. Sull'articolo 4 dicono che la tassa, se ci sarà, devono pagarla i giocatori in quanto soggetti individuali. De Laurentiis e Cellino mi fanno ridere, pontificano e vogliono fare i personaggi spettacolarizzando i calcio. Il calcio è una cosa seria per chi va allo stadio, per il movimento economico messo in moto. C'è tanta incapacità ed una forte divisione in Lega, ognuno pensa al proprio giardinetto. Anche grandi società, di questo passo, sono destinate a fare il botto.

“Catania, Napoli e Fiorentina hanno chiuso in attivo sì, ma il problema sono le persone che lavorano attorno al calcio che rischiano di saltare quando il banco salterà. Noi fatturiamo 30mln di fatturato e siam riusciti a far un centro sportivo. Riflettano tutti su cosa possano fare club con fatturati astronomici. Se mettiamo tutti i soldi nelle tasche dei giocatori si sottraggono al territorio su cui invece bisogna investire. O diamo un occhio anche al modello tedesco, sia per strutture che per organizzazione tecnica. Quando le televisioni taglieranno la spina andremo tutti a casa, nessuna società può sopravvivere senza pay-TV. Dahlia è scomparsa, sono rimasti Mediaset e Sky, sono un duopolio e potrebbero giocare al ribasso.

“Il sistema non avrebbe la forza di sopportare un'altra giornata di sciopero. Il problema è solo fittizio. L'articolo 7 è una grande fesseria. Nel vecchio accordo collettivo era previsto che i fuori rosa dovessero lavorare insieme al gruppo, anche negli allenamenti tattici. Oggi con rose di 30 giocatori cose simili non sono ammissibili, si lavora su 22 elementi, inevitabilmente gli altri non possono fare un lavoro identico. Il problema è il buonsenso. Sulla tassa s'è fatto un manicomio per qualcosa che ancora non esiste, ma in qualsiasi caso, sia al netto che al lordo deve esser pagata dal soggetto individuale, qualsiasi giuslavorista concorderebbe.

“Tommasi e l'AIC non dovevano minacciare, paventare lo sciopero. E' una mancanza di rispetto verso il lavoro e la gente che segue il calcio. Con le minacce non si risolve nulla. I giocatori se ne stanno fregando di tutto. Molti sono stranieri, al 20 d'ogni mese prendono i soldi e sono contenti. Ormai è una guerra tra le parti dove tutti parlano sui giornali e non tra loro, non per salvare il calcio dal crollo ma per far spettacolo. E se il calcio crollerà sarà per l'incapacità generale di tenerlo in piedi.

“Spinesi allenerà una nostra squadra giovanile. Lo aspettiamo. Con lui non abbiamo mai avuto problemi neanche da giocatore. Rimarrà sempre uno di noi, il Catania è casa sua, in caso la tassa ma solo per lui, la pago io.

“Siamo una squadra che deve salvarsi. Davanti abbiamo Maxi Lopez, Bergessio e Suazo, che vi garantisco tornerà ai livelli di un tempo. Ci siamo rinforzati, adesso dobbiamo sfoltire soprattutto a centrocampo. Dietro ci può servire ancora un giovane centrale ma non sarà Mori anche se l'abbiamo seguito con grande interesse. E' un discorso di mesi per lui. La squadra è già competitiva per l'obiettivo della salvezza. Se mi chiedete, io con questa squadra spero di vincere lo scudetto, però bisogna sapersi misurare con la realtà, per cui dico che la salvezza equivale allo scudetto per noi. Se poi dovessero arrivare cose diverse mi farebbe piacere per la gente, per tutti ma mi angoscerebbe: Sampdoria, Livorno, Empoli, Chievo Verona sono andate in Europa e sono retrocesse. Per sopportare e sfruttare l'Europa bisogna avere l'esperienza giusta. Non a caso noi le amichevoli le facciamo all'estero, per prendere l'abitudine ad affrontare le squadre straniere ma l'obiettivo resta la salvezza.

=D> =D> =D>

Bene questa volta, su queste dichiarazioni, mi alzo in piedi e plaudo a quanto detto dal Direttore! =D> =D>
Ottimo discorso con tanti fondamenti di assoluta verità....miiiii non è che mi viene la lomonachite???? ::) :-D

Controllato con il termometro? Tu qualche linea di febbre la tieni di sicuro. ::) ::) ::) ::)
"U Mastru"

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #327 il: 30 Agosto 2011, 09:45:37 am »
Thor ed Aldo, io non critico le vostre opinioni o, a volte, le vostre prese di posizione, ma la strategia di lo Monaco e Pulvirenti, non può che essere quella che a dichiarato in questa intervista...  è stata sempre chiara.
Perchè, con pochi soldi in cassa per gli acquisti, si è pensato a costruire il centro sportivo?
Perchè non si sono investiti i benedetti 60 mln di euri solo nella rosa ed inseguire i piazzamenti in coppa?
Lasciando perdere le uscite del Direttore, che fanno parte del suo carattere (considerate, però, quanti insulti prende in pubblico ed ad ogni partita), potete darmi una risposta?
#STAMUAVVULANNU!

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #328 il: 30 Agosto 2011, 09:58:15 am »
L'Europa mi inquieta. Sciopero colpa di tutti"
   
Scritto da Redazione Lunedì 29 Agosto 2011 07:42



 CATANIA - Ascoltato nel corso di Sala Stampa, l'addì Lo Monaco parla dello sciopero dei calciatori, dei motivi che l'hanno reso inevitabile, dei colpevoli di ciò e dei mali che rischiano di far saltare il banco del calcio. Infine si parla di mercato, ribadito l'arrivo di Bergessio si penserà a sfoltire. Ultimo innesto un giovane in difesa ma non sarà Mori. Augustyn “dimenticato”, parte? E poi sull'Europa: “Mi farebbe piacere per la nostra gente ma..”


Clicca qui per vedere la registrazione dell'intervento di LM a Sala Stampa “Il vero motivo dello sciopero è stato il mancato accordo sulla firma dell'accordo collettivo. Bisognava evitarlo ma è stato inevitabile. Viviamo un momento gravissimo nel calcio italiano. E' una stortura che i calciatori possano dirsi lavoratori dipendenti ed aver gli stessi diritti di chi prende poche centinaia di euro. Per questo ci sarebbe da fermarsi un anno. Ed i presidente sono incapaci di gestire il calcio. Il nostro calcio, come l'economia mondiale, vive un momento di crisi. I giocatori non se ne accorgono e pretendono di far la vita di sempre. Sull'articolo 4 dicono che la tassa, se ci sarà, devono pagarla i giocatori in quanto soggetti individuali. De Laurentiis e Cellino mi fanno ridere, pontificano e vogliono fare i personaggi spettacolarizzando i calcio. Il calcio è una cosa seria per chi va allo stadio, per il movimento economico messo in moto. C'è tanta incapacità ed una forte divisione in Lega, ognuno pensa al proprio giardinetto. Anche grandi società, di questo passo, sono destinate a fare il botto.

“Catania, Napoli e Fiorentina hanno chiuso in attivo sì, ma il problema sono le persone che lavorano attorno al calcio che rischiano di saltare quando il banco salterà. Noi fatturiamo 30mln di fatturato e siam riusciti a far un centro sportivo. Riflettano tutti su cosa possano fare club con fatturati astronomici. Se mettiamo tutti i soldi nelle tasche dei giocatori si sottraggono al territorio su cui invece bisogna investire. O diamo un occhio anche al modello tedesco, sia per strutture che per organizzazione tecnica. Quando le televisioni taglieranno la spina andremo tutti a casa, nessuna società può sopravvivere senza pay-TV. Dahlia è scomparsa, sono rimasti Mediaset e Sky, sono un duopolio e potrebbero giocare al ribasso.

“Il sistema non avrebbe la forza di sopportare un'altra giornata di sciopero. Il problema è solo fittizio. L'articolo 7 è una grande fesseria. Nel vecchio accordo collettivo era previsto che i fuori rosa dovessero lavorare insieme al gruppo, anche negli allenamenti tattici. Oggi con rose di 30 giocatori cose simili non sono ammissibili, si lavora su 22 elementi, inevitabilmente gli altri non possono fare un lavoro identico. Il problema è il buonsenso. Sulla tassa s'è fatto un manicomio per qualcosa che ancora non esiste, ma in qualsiasi caso, sia al netto che al lordo deve esser pagata dal soggetto individuale, qualsiasi giuslavorista concorderebbe.

“Tommasi e l'AIC non dovevano minacciare, paventare lo sciopero. E' una mancanza di rispetto verso il lavoro e la gente che segue il calcio. Con le minacce non si risolve nulla. I giocatori se ne stanno fregando di tutto. Molti sono stranieri, al 20 d'ogni mese prendono i soldi e sono contenti. Ormai è una guerra tra le parti dove tutti parlano sui giornali e non tra loro, non per salvare il calcio dal crollo ma per far spettacolo. E se il calcio crollerà sarà per l'incapacità generale di tenerlo in piedi.

“Spinesi allenerà una nostra squadra giovanile. Lo aspettiamo. Con lui non abbiamo mai avuto problemi neanche da giocatore. Rimarrà sempre uno di noi, il Catania è casa sua, in caso la tassa ma solo per lui, la pago io.

“Siamo una squadra che deve salvarsi. Davanti abbiamo Maxi Lopez, Bergessio e Suazo, che vi garantisco tornerà ai livelli di un tempo. Ci siamo rinforzati, adesso dobbiamo sfoltire soprattutto a centrocampo. Dietro ci può servire ancora un giovane centrale ma non sarà Mori anche se l'abbiamo seguito con grande interesse. E' un discorso di mesi per lui. La squadra è già competitiva per l'obiettivo della salvezza. Se mi chiedete, io con questa squadra spero di vincere lo scudetto, però bisogna sapersi misurare con la realtà, per cui dico che la salvezza equivale allo scudetto per noi. Se poi dovessero arrivare cose diverse mi farebbe piacere per la gente, per tutti ma mi angoscerebbe: Sampdoria, Livorno, Empoli, Chievo Verona sono andate in Europa e sono retrocesse. Per sopportare e sfruttare l'Europa bisogna avere l'esperienza giusta. Non a caso noi le amichevoli le facciamo all'estero, per prendere l'abitudine ad affrontare le squadre straniere ma l'obiettivo resta la salvezza.

=D> =D> =D>

Bene questa volta, su queste dichiarazioni, mi alzo in piedi e plaudo a quanto detto dal Direttore! =D> =D>
Ottimo discorso con tanti fondamenti di assoluta verità....miiiii non è che mi viene la lomonachite???? ::) :-D


 


No caro Gaspare è per altri motivi che può avvenire la lomonachite ::), quando il Direttore dice o fa cose condivisibili, mi sembra corretto dargli il giusto merito, tant'è che su quanto detto anche io mi trovo in perfetta sintonia con il Direttore, e come sai, non sono certo essere aivibile alla categoria dei fan del signòlomonaco:-))

 :-D :-D

Peccato che hai quotato un post di me frati Nico Thor...non sono io ad aver parlato di lomonachite  :-D ::)

E poi se mi consenti, carissimo Aldo, visto che siamo in argomento...continuo a non capire perchè uno deve stare attento a dare ragione al Direttore pure quando dice cose di una disarmante verità (non è la prima volta che lo fa!) altrimenti rischia la lomonachite, la filosocietarietà o sciocchezze del genere? 8D  :-D
Personalmente io tutti questi schemi mentali non me li sono mai fatti. Io dico/scrivo quello che penso...sentendomi molto più libero di chi sta, spesso per principio, contro...

Come ho già scritto prima: è stato molto facile per me entrare in sintonia con la filosofia calcistica di questa Società perchè bene o male (ci sono delle cose che dovrebbero essere migliorate...la comunicazione ed il marketing, per dirne una!) è la stessa che ho io...
E poi, anche questo è un concetto che ho scritto più volte, penso che chiunque fa bene per Catania...che faccia calcio o altro, politica compresa...dovrebbe essere sostenuto senza se e senza ma, e giudicato dai risultati...qualunque nome, colore, religione, sesso abbia...

Del resto ci sono i FATTI e i NUMERI che danno ragione al Direttore...a meno che vogliamo far passare pure loro per malati di Lomonachite?

Ciao Aldo  ;-)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Caro Direttore...( fatti e misfatti fino al 31 Agosto)..!!
« Risposta #329 il: 30 Agosto 2011, 11:42:57 am »
Thor ed Aldo, io non critico le vostre opinioni o, a volte, le vostre prese di posizione, ma la strategia di lo Monaco e Pulvirenti, non può che essere quella che a dichiarato in questa intervista...  è stata sempre chiara.
Perchè, con pochi soldi in cassa per gli acquisti, si è pensato a costruire il centro sportivo?
Perchè non si sono investiti i benedetti 60 mln di euri solo nella rosa ed inseguire i piazzamenti in coppa?
Lasciando perdere le uscite del Direttore, che fanno parte del suo carattere (considerate, però, quanti insulti prende in pubblico ed ad ogni partita), potete darmi una risposta?

Perché il centro sportivo resta, mentre i giocatori dopo un paio d'anni migrano verso piazze più ambiziose. Meglio rinviare i propositi di qualificazione europee ma incrementare il valore patrimoniale della società e dotarsi di un'opera giudicata strategica. Il tempo dirà se lo sarà.