Autore Topic: Nonostante tutto... Forza Acireale  (Letto 332919 volte)

Offline Trunz

  • Utente
  • ***
  • Post: 368
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #675 il: 04 Marzo 2010, 06:59:35 pm »
Copio e incollo e metto tra virgolette un bellissimo articolo di Carmine Russo apparso su Forzacireale.it, che mi sembra riassumere magnificamente lo stato d'animo e le speranze di tutti i veri tifosi dell'Acireale.

Ve lo propongo tale e quale senza alcun commento:

"Cinque punti di vantaggio, cinque partite alla fine del campionato, cinque finali e un traguardo chiamato serie D. Prima il Belpasso, poi l'attesissimo scontro diretto contro il Noto. E' la resa dei conti. Forse altri anni avremmo già festeggiato la promozione, ma il destino dell'Acireale è sempre quello di soffrire e sudare tutte le sue vittorie, la storia ce lo insegna: mai nessuno ha regalato niente all'Acireale, tutto è stato conquistato passo dopo passo tra sacrifici e anche delusioni. Per questo non è bastato un grande Acireale che ha vinto 20 partite su 25, l'unica squadra che non ha mai perso in campionato, che ha il miglior attacco con 56 gol, la miglior difesa con 7 gol. Numeri da capogiro. Serve un Acireale perfetto.

In tal senso ritorna attuale il motto che ha accompagnato l'ultima impresa della squadra granata, nel 2003 a Catanzaro: non basta essere bravi, bisogna essere i migliori. E' proprio vero! Bisogna essere i migliori, più forti di tutto e tutti, più forti di chi con i soldi crede di poter comprare tutto, più forti di chi ogni notte sogna il clamoroso sgambetto all'Acireale, più forti della sfortuna. Noi siamo l'Acireale e per questo saremo più forti.

Uniamo insieme tutte le forze, sosteniamo la squadra a partire da Domenica nella partita in casa contro il Belpasso, così come a Paternò e anche meglio. Riempiamo lo stadio già prima del riscaldamento dei nostri ragazzi e facciamo sentire il nostro calore, facciamo capire che noi ci crediamo veramente. Raccontiamo a tutti che quest'anno c'è un gruppo che vuole a tutti i costi raggiungere questo traguardo, che ci mette cuore, rispetto e professionalità. Ci sarà da sudare e da non abbassare la guardia, rimaniamo tutti compatti, tutti concentrati per un unico obiettivo.

Domenica tutti allo stadio!"


Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 674
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #676 il: 10 Marzo 2010, 07:32:27 pm »
Bella citazione, Trunz, e ha portato fortuna (mi dispiace per le cucche ::) ::)).
Non basta essere bravi, bisogna essere i migliori. Già! Mi hai ricordato quello che è il motto della nostra tifoseria, quello che ci ha sostenuto nei momenti difficili, quello che tuttora è il nostro marchio di fabbrica.
Per gli altri è sufficiente essere bravi (magari arrivano terzi e vengono promossi per ripescaggio), per noi è necessario essere i primi in tutto e per tutto, perché sappiamo che non avremo mai sponsor politici e federali, mai arbitri equi, mai stampa condiscendente.
Per vincere un campionato (e ancora tocchiamo ferro) abbiamo bisogno di vincerlo con dieci punti di vantaggio.
E' sempre stato così, è la nostra storia, è per questo che ogni acese ha nel suo DNA un attaccamento viscerale ai colori granata e di tutto il resto non ci importa nulla.
Fu così ai tempi della serie D, quando dovemmo vincere il campionato nonostante l'handicap di una penalizzazione di cinque punti totalmente fuori da ogni logica, basata su testimonianze palesemente inventate e logicamente assurde. Fu così per la promozione in serie B, quando il Perugia, ormai quasi fuori dalla lotta, vi rientrò letteralmente spinto dagli arbitri generosamente stipendiati (in modo spudorato e lo sapeva tutta la serie C, e meno male che nel caso Senzacqua Gaucci venne preso con le mani nella marmellata in modo inequivocabile). Ricordiamo tutti l'indecoroso spareggio di Foggia con l'Acireale, ridotto dal compiacente Treossi in otto contro undici, che riusciva lo stesso a mantenere il pareggio, tanto che per abbatterci fu necessario un gol segnato in posizione irregolare. Ricordiamo anche il successivo, anch'esso indecoroso, tentativo di penalizzare anche noi, per fortuna fallito miseramente.
Abbiamo dovuto sempre sudare ogni passaggio di serie, contro tutto e contro tutti, e quando invece siamo stati in difficoltà, perché sono venuti al pettine i nodi del buco creato nel giugno 2004, ci hanno scaraventato addirittura in Promozione, sperando di chiuderci lì e di buttare via la chiave. Li ricordo quelli che ci vedevano già in fila per il Cibali....
Invece siamo ancora qui, a gioire e soffrire per la nostra squadra  , l'unica.
Forse già domenica prossima saremo promossi, forse no, non ha importanza. Non si sa nemmeno dove la gara si farà (con centocinquanta biglietti per i fifosi acesi, quando se ne prevedono più di duemila!!! :-D :-D) e se potremo parteciparci (pur di esserci ho rinviato due viaggi di lavoro all'estero e poi magari sarà tutto a vuoto), ma anche questo non ha più molta importanza.
Quello che conta è che l'Acireale esiste, è vivo e vegeto e sta per avvicinarsi alle categorie che le competono. Non ci facciamo illusioni. Il prossimo anno (in D, ritocco ferro...) faremo fatica ad essere promossi, non tanto perché la serie sia veramente più difficile (la squadra attuale, l'abbiamo già detto, sarebbe già da primato, e la società è di una solidità e organizzazione senza confronti, tra i dilettanti e non), quanto perché incontreremo squadre di maggiore peso politico. Come al solito troveremo chi ci metterà i bastoni tra le ruote e saremo antipatici a tutti, perché siamo gli alfieri di un calcio old style, dove conta merito e sudore e non soldi e loschi traffici, e ne siamo fieri. Ma non importa, saremo i migliori e saremo più forti di tutto questo. Ci rivedranno, molto presto, tutti quelli che hanno sperato di non ritrovarci più. Lo sappiamo, ne siamo sempre più certi.
Grazie a tutti, granata, per i momenti che ci state regalando dopo tante traversie.
Forza Acireale.

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #677 il: 11 Marzo 2010, 11:49:42 am »
Li ricordo quelli che ci vedevano già in fila per il Cibali....

 :-D

Pensa tu..io invece ricordo quelli che da Aci pretendevano che noi Catanesi andassimo in fila al...Tupparello ::)

La gente e' piu' strana di quanto tu possa pensare Picchiatello..

Si avvicina la vostra festa..Quest'anno lo spumante non vi restera' in frigo, avrete motivo di berne ::)

Prosit!!

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #678 il: 11 Marzo 2010, 12:58:42 pm »
Li ricordo quelli che ci vedevano già in fila per il Cibali....

 :-D

Pensa tu..io invece ricordo quelli che da Aci pretendevano che noi Catanesi andassimo in fila al...Tupparello ::)

La gente e' piu' strana di quanto tu possa pensare Picchiatello..

Si avvicina la vostra festa..Quest'anno lo spumante non vi restera' in frigo, avrete motivo di berne ::)

Prosit!!

Io ricordo uno striscione. A Roma, contro la Cremonese, nel giugno del 1983. Recitava: "Forza Catania, Acireale è con te".

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 674
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #679 il: 11 Marzo 2010, 01:53:19 pm »
quote author=bua link=topic=331.msg35128#msg35128 date=1268305122]
Li ricordo quelli che ci vedevano già in fila per il Cibali....

 :-D

Pensa tu..io invece ricordo quelli che da Aci pretendevano che noi Catanesi andassimo in fila al...Tupparello ::)

La gente e' piu' strana di quanto tu possa pensare Picchiatello..

Si avvicina la vostra festa..Quest'anno lo spumante non vi restera' in frigo, avrete motivo di berne ::)

Prosit!!

Io ricordo uno striscione. A Roma, contro la Cremonese, nel giugno del 1983. Recitava: "Forza Catania, Acireale è con te".

[/quote]

Caro Bua, i tempi cambiano, la gente capisce. Non so se sia vera la circostanza dello striscione, io non c'ero, ma indubbiamente per circa una generazione gli acesi avevano un po' perso il loro senso di identità e di appartenenza, e abbiamo pagato caro tutto ciò.
Poi, io dico fortunatamente, le cose sono cambiate e ora non c'è più un acese che si autodefinisca catanese.
Sul piano sportivo il punto di svolta fu la promozione in B e la costatazione dell'aperta ostilità catanese (certo non vi siete mai sognati di fare uno striscione "Forza Acireale, Catania è con te" e se non c'è reciprocità...), poi il caso pulvirenti e la provocazione del fallimento dell'Acireale ha definitivamente tagliato i ponti; su ogni altro piano il discorso sarebbe troppo lungo, lo faremo un'altra volta.
Ciao!

Forza Acireale

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #680 il: 11 Marzo 2010, 05:25:40 pm »
quote author=bua link=topic=331.msg35128#msg35128 date=1268305122]
Li ricordo quelli che ci vedevano già in fila per il Cibali....

 :-D

Pensa tu..io invece ricordo quelli che da Aci pretendevano che noi Catanesi andassimo in fila al...Tupparello ::)

La gente e' piu' strana di quanto tu possa pensare Picchiatello..

Si avvicina la vostra festa..Quest'anno lo spumante non vi restera' in frigo, avrete motivo di berne ::)

Prosit!!

Io ricordo uno striscione. A Roma, contro la Cremonese, nel giugno del 1983. Recitava: "Forza Catania, Acireale è con te".


Caro Bua, i tempi cambiano, la gente capisce. Non so se sia vera la circostanza dello striscione, io non c'ero, ma indubbiamente per circa una generazione gli acesi avevano un po' perso il loro senso di identità e di appartenenza, e abbiamo pagato caro tutto ciò.
Poi, io dico fortunatamente, le cose sono cambiate e ora non c'è più un acese che si autodefinisca catanese.
Sul piano sportivo il punto di svolta fu la promozione in B e la costatazione dell'aperta ostilità catanese (certo non vi siete mai sognati di fare uno striscione "Forza Acireale, Catania è con te" e se non c'è reciprocità...), poi il caso pulvirenti e la provocazione del fallimento dell'Acireale ha definitivamente tagliato i ponti; su ogni altro piano il discorso sarebbe troppo lungo, lo faremo un'altra volta.
Ciao!

Forza Acireale

[/quote]

Ho la foto dello striscione. Ne abbiamo fatti di carini comunque, capolavori di solidarietà o ironia. Certo, proprio l'inverso sarebbe suonato ridicolo, visti i solitamente diversi scenari delle due consorelle..
Comunque è vero: le cose cambiano, la gente si evolve. Poi c'è chi rimane al medioevo e chi si trastulla col negazionismo storico.
La storia per fortuna però, la fanno i fatti, a prescindere dalle interpretazioni di comodo.

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 674
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #681 il: 11 Marzo 2010, 06:20:09 pm »
Ho la foto dello striscione. Ne abbiamo fatti di carini comunque, capolavori di solidarietà o ironia. Certo, proprio l'inverso sarebbe suonato ridicolo, visti i solitamente diversi scenari delle due consorelle..


Eh no, caro Bua, qui casca l'asino, uno striscione del genere, di supporto all'Acireale, non l'avete fatto non perché sarebbe sembrato ridicolo, ma perché la sola idea dell'Acireale in B quando il Catania era in Eccellenza vi faceva accapponare la pelle... ::).
La verità è semplice. Voi pretendete che gli acesi tifino o almeno simpatizzino per il Catania (e se non succede apriti cielo, come abbondantemente avete dimostrato in questo forum) ma non vi sognate nemmeno lontanamente di ricambiare il favore, anzi, se del caso, agite esattamente al contrario. Quello che succede nel calcio, poi, è replicato pari pari in ogni altro ambito della Società civile. Tutto è dovuto al "capoluogo", che non restituisce niente in cambio.
E poi vi stupite che gli altri vogliano tagliare i ponti. Io mi stupisco, invece, che a tale consapevolezza sia arrivata solo Acireale e non anche gli altri centri della "provincia di Catania" (non dovevano abolirle, le province?). Certo, noi ci siamo arrivati prima perché abbiamo un'identità distinta, una nobile tradizione, un particolare orgoglio, ma anche gli altri prima o poi ci arriveranno, se non altro perché Catania va spopolandosi e inevitabilmente nelle varie Gravina, San Gregorio, ecc., finirà per allentarsi il legame, attualmente ancora presente, con l'origine catanese (nella classe di mio nipote, ad Acireale, metà degli alunni vengono dall'hinterland catanese, perché Acireale è meglio collegata e le scuole hanno miglior fama; chissà se nel futuro si sentiranno catanesi come i padri. Intanto, so che almeno uno di questi bambini vuole venire domenica a Noto e venerdì tiferà Inter).
Chi vivrà vedra. Ciao!
Forza Acireale

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #682 il: 11 Marzo 2010, 06:55:59 pm »
Ho la foto dello striscione. Ne abbiamo fatti di carini comunque, capolavori di solidarietà o ironia. Certo, proprio l'inverso sarebbe suonato ridicolo, visti i solitamente diversi scenari delle due consorelle..


Eh no, caro Bua, qui casca l'asino, uno striscione del genere, di supporto all'Acireale, non l'avete fatto non perché sarebbe sembrato ridicolo, ma perché la sola idea dell'Acireale in B quando il Catania era in Eccellenza vi faceva accapponare la pelle... ::).
La verità è semplice. Voi pretendete che gli acesi tifino o almeno simpatizzino per il Catania (e se non succede apriti cielo, come abbondantemente avete dimostrato in questo forum) ma non vi sognate nemmeno lontanamente di ricambiare il favore, anzi, se del caso, agite esattamente al contrario. Quello che succede nel calcio, poi, è replicato pari pari in ogni altro ambito della Società civile. Tutto è dovuto al "capoluogo", che non restituisce niente in cambio.
E poi vi stupite che gli altri vogliano tagliare i ponti. Io mi stupisco, invece, che a tale consapevolezza sia arrivata solo Acireale e non anche gli altri centri della "provincia di Catania" (non dovevano abolirle, le province?). Certo, noi ci siamo arrivati prima perché abbiamo un'identità distinta, una nobile tradizione, un particolare orgoglio, ma anche gli altri prima o poi ci arriveranno, se non altro perché Catania va spopolandosi e inevitabilmente nelle varie Gravina, San Gregorio, ecc., finirà per allentarsi il legame, attualmente ancora presente, con l'origine catanese (nella classe di mio nipote, ad Acireale, metà degli alunni vengono dall'hinterland catanese, perché Acireale è meglio collegata e le scuole hanno miglior fama; chissà se nel futuro si sentiranno catanesi come i padri. Intanto, so che almeno uno di questi bambini vuole venire domenica a Noto e venerdì tiferà Inter).
Chi vivrà vedra. Ciao!
Forza Acireale

Come al solito fingi di non capire. Del Licata e dell'Acireale e del Castelsangro ci importava poco, come di tutte le le altre squadre. E come importava poco agli acesi nel 1983. Trattasi, nlaal migliore dlel e ipotesi, di arribbattuti, ma in realtà probabilmente erano solo acesi che si identificavano nella madrepatria, come la maggioranza di quelli di oggi. Insomam eranonostri tifosi. Poi sappiamo bene che in Eccellenza ci siamo finiti per un abuso di potere e che quando eravamo entrambe in C1 non c'era storia in fatto di tifo. In ogni caso quelle annate furono l'eccezione, in un contesto in cui la regola era una lontananza siderale fra le due formazioni. Proprio come nel caso di Licata, Virescit e Castelsangro. Oggi ci fa smpatia il Gallipoli, a non è che ha senso fare uno striscione di sostegno, non ti pare.
Comunque massimo rispetto e tanti in bocca al lupo a voi e attutte le formazioni della province etneee e siciliane.
Ciao,
 

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 674
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #683 il: 11 Marzo 2010, 07:36:37 pm »
acesi che si identificavano nella madrepatria, come la maggioranza di quelli di oggi. :-D :-D :-D

Questa è proprio bella (è chiaro che è pura provocazione!!). Quindi, secondo te, gli acesi avrebbero Catania come madrepatria e in maggioranza (anche oggi!!!) tiferebbero per il Catania :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D
Ma in che mondo vivi??? Ti risparmio le notizie storiche su Acireale e sul suo scarso legame storico con Catania, malgrado la vicinanza fisica perché questi discorsi li ho fatti più volte e li conosci benissimo, fai solo finta di non saperli (massì, il solito discorso della Valdemone e della Val di Noto, lo sai, lo sai..., altro che madrepatria).
Oggi, poi, per trovare ad Acireale un tifoso del Catania, nonostante la vostra serie A che sulla carta dovrebbe fare richiamo, bisogna cercarlo col lanternino. Al massimo puoi trovare un certo numero di indifferenti al calcio. La massa tifa solo Acireale, e per lo più anche contro il Catania (specularmente a voi, checché diciate). Non è sempre stato così, però. Prima del 1990, all'incirca, gli acesi tifavano compattamente Acireale, ma in una certa parte simpatizzavano anche per il Catania (ma sempre come seconda squadra, o terza). Poi le simpatie per il Catania sono regredite e dopo pulvirenti totalmente scomparse e trasformatesi in aspra contrapposizione. Di recente emerge qualche ammorbidimento, e prevale un atteggiamento di indifferenza per il Catania. Ma di tifosi del Catania, a parte gente originaria delle vostre parti, ti assicuro che non ce n'è proprio, così come non ci sono catanesi che tifano per l'Acireale. E' molto più facile trovare qualcuno che tifi per la Juve, o per l'Inter, o per il Palermo (ultima moda). E'una cosa innaturale, in fondo, sbagliavano quelli di prima, casomai. Diversa è la ripartizione del tifo nei paesi limitrofi, dove i due tifi sono da sempre nettamente separati. Ad Acicatena, per esempio, tifa Acireale la maggioranza degli autoctoni e della gente del centro cittadino, mentre nelle frazioni di recente espansione la massa tifa Catania, anche perché viene da lì). Ad Acicastello prevale il tifo catanese, ma c'è un'accanita componente di tifosi dell'Acireale (specie a Acitrezza) e così via. Ho ancora una casa tra Maugeri e Aci sant'Antonio, e anche da quelle parti, seppure in minoranza, ci sono tifosi acesi. Tutto è stato comunque rimescolato dalla forte immigrazione di gente da Catania, ma come ti ho anticipato, chissà come la penseranno le future generazioni. Si staccheranno da voi? Oppure no? Quien sabe? Secondo me l'identità di Catania, con la fuga verso le cittadine vicine e l'assenza di collegamenti con il centro è seriamente a rischio. Fateci caso. Non è un caso che i più accaniti antiacesi sono in realtà abitanti di paesi tra Aci e Catania. E' un problema di identità minacciata. tale e quale al nostro, se ci pensi.     

Insomma, lascia perdere questi argomenti, Bua, perché sono molto più preparato, mi pare. Mi fa comunque piacere che hai abbandonato atteggiamenti di chiusura. Penso che almeno con te si possa ripristinare un civile confronto, come d'altronde era una volta (non so perché in seguito hai preso la strata di l'acitu. Certo non per colpa mia, visto che ti ho sempre rispettato).

Ciao!

Forza Acireale

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #684 il: 11 Marzo 2010, 07:51:27 pm »
Come dicevo, ognuno vive nlmondo che preferisce.
Io preferisco la realtà, tu la fantasia.
 ;-)

Offline Trunz

  • Utente
  • ***
  • Post: 368
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #685 il: 11 Marzo 2010, 10:25:17 pm »
Scusa Bua, ma questa volta è più vicino alla realtà Testa Dura, forse perché tu non conosci bene la realtà di Acireale.

Ad Acireale, non c'è dubbio, i tifosi dell'Acireale predominano largamente. Chi tifa per altre squadre, tifa generalmente per le strisciate del nord. Testa dice che ci sono tifosi del Palermo, io non ne conosco anche se molti simpatizzano. Certo tifosi del Catania non ce ne sono molti. Qualcuno che simpatizza però c'è ancora, anche se Testa ha ragione ce n'erano molti di più una volta, ma la rottura c'è stata molto tempo prima del caso Pulvirenti.
La maggioranza secondo me comunque non tifa contro il Catania , ma ha indifferenza per il Catania e antipatia per Pulvirenti e Lo Monaco.

Fuori Acireale il discorso è più complesso. Conosco bene Aci Catena ed è più o meno come dice Testa. L'Aci Catena poi non ha avuto presa. Da altre parti non saprei, dovrebbero essere molti di più i tifosi del Catania.

Quanto ai discorsi sociologici di Testa, li trovo interessanti e qualcosa di vero c'è. Aci Catena è cresciuta da ottomila abitanti a trentamila che gravitano per lo più su Acireale. Certo, Catania ha perso centomila abitanti negli utlimi decenni e non è chiaro se questo ha esteso la sua influenza o rischia di perderla. Certo Catania aveva maggiore prestigio negli anni settanta, io ho più di quarant'anni, che oggi. Ma la squadra in serie A ha il suo peso. Paradossalmente, però,le traversie dell'Acireale hanno rafforzato la compattezza del tifo acese. Ma la maggioranza comunque sta secondo me davanti alla televisione a guardare l'Inter.

Speriamo di festeggiare già Domenica, anche se è assurda la limitazione a cento biglietti. Io ci vado lo stesso. Comuqnue auguri anche al Noto, che praticamente ha mezza squadra che ha giocato nell'Acireale di C!! Essere quasi in porto con tanto avversario è un onore. E c'è anche un Vittoria molto più forte di quello che l'anno scorso era retrocesso!



Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #686 il: 12 Marzo 2010, 12:15:38 am »
Trunz,
parlo in base alle persone di Aci che conosco. Saranno una decina, almeno una metà parla della squadra della cittanina ironicamnte, ma non si interessa molto di calcio, l'altra metà ha simpatia per il Catania.
Sarà un campione poco significativo, o forse chi lavora in città ha la mente più aperta da chi vive chiuso in paese.
Ad ogni modo, sono restio a trarre conclusioni di questo ttipo, perché ritengo che le idee dei singoli individui non possano enon debbano comprotare la classificazione di interi popoli.
Comunque il calcio è un gioco e andrebbe preso meno sul serio.
Ciao,
A.

Offline Trunz

  • Utente
  • ***
  • Post: 368
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #687 il: 12 Marzo 2010, 08:44:22 am »
Bua, sei poco carino quando parli di Acireale come un paese per di più con presunta mentalità chiusa che si apre solo quando viene a lavorare in città.

Evidentemente non conosci bene Acireale, che è una città, non solo perché lo è ufficialmente. E'una piccola città, ma è una città, e la mentalità non ha ninente da invidiare a centri più grandi. Anche la vicinanza a una città grande come Catania, in fondo, ci rende meno provinciali, questo lo riconosco.

E' con queste scortesie che vi giocate le simpatie degli acesi. Poi, sei proprio tu ad avere generalizzato sulla base di una decina di persone.

Inoltre, quando parli con un acese - di Acireale acireale o dei dintorni? - non dimenticare mai la tipica ipocrisia acese, che è un nostro tipico difetto, di assecondare sempre l'interlocutore di fronte. Magari le stesse persone te le trovi ad Acireale con le sciarpette "Odio Catania" e cretinate del genere.

Ciao.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5399
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #688 il: 12 Marzo 2010, 09:23:00 am »
Infatti stavo facendo il vostro gioco  :-))

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 674
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #689 il: 12 Marzo 2010, 09:49:18 am »
Trunz,
parlo in base alle persone di Aci che conosco. Saranno una decina, almeno una metà parla della squadra della cittanina ironicamnte, ma non si interessa molto di calcio, l'altra metà ha simpatia per il Catania.
Sarà un campione poco significativo, o forse chi lavora in città ha la mente più aperta da chi vive chiuso in paese.


Chi vive chiuso in paese.... ::) :-D ::) :-D ::) :-D
Mah! Certo che Bua da un po' di tempo le spara proprio grosse. Io sono in questo momento in Toscana, ho un'agenda per la prossima settimana che mi porta a Londra e La Hulpe (Belgio), parlo correntemente francese e inglese (e acitanu), ma mi devo sentir dire paesano da uno che - senza offesa - non conosce bene, a quanto pare, nemmeno le località a nord della sua città, benché vi sia letteralmente fuggita tutta la borghesia ex catanese (lo sai che il reddito dichiarato pro-capite a San Gregorio o a Sant'Agata Li Battiati è circa il doppio di quello di Catania?) e nondimeno, questo sì in puro stile catanese, discetta e pontifica e dichiara che gli altri vivono nella fantasia.
E meno male che ammette che il suo è un campione poco significativo. Bua, gioia mia, la verità è che siete voi che vivete chiusi in un paesone, che però - ed è un'aggravante - crede di essere una metropoli. Ad Acireale, almeno, non ci sopravvalutiamo e sappiamo benissimo di far parte - forse immeritatamente - della periferia dell'impero.
Forse ha proprio ragione Templare: Non cambierete mai.
Stammi bene e Forza Acireale.

n.b. Caro Trunz, a te un applauso e un appunto. L'applauso è legato alla difesa a spada tratta della nostra città (altre volte eri stato più tiepidino, o no?) e alla notazione sull'ipocrisia acese che - è vero! - è uno dei nostri grandi difetti. Qualche mese fa, a un matrimonio, ho parlato del Catania con uno di quelle parti e, alla fine, tanto per togliermelo di torno, che era più appiccicoso di 'na larunghia, gli ho fatto tanti auguri per il Catania, e le solite scemenze politicamente corrette tipo è una squadra siciliana e così via. Poi, appena mi sono allontanato, mi sono detto: Testa sei proprio un fasullo, vergonati, poi quel poverino va a dire in giro che gli acesi sostengono il Catania!
L'appunto, invece, sui tuoi soliti facili riconoscimenti. A stare vicino a Catania si diventa più provinciali, e mi fermo qui!

Vi saluto perché devo lavorare, sennò non riesco a tornare a casa e andare domenica a Noto. Bye, bye.

Forza Acireale.

« Ultima modifica: 12 Marzo 2010, 09:52:02 am da Testa Dura »