Autore Topic: Nonostante tutto... Forza Acireale  (Letto 340453 volte)

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #90 il: 04 Agosto 2006, 11:03:40 am »
[cut]
Una quindicina di anni fa la serie D era infestata da una "gang" di ricattatori, che cercavano di ottenere vantaggi dalle squadre più forti del torneo, Acireale "in primis", minacciando di denunciare illeciti sportivi ovviamente del tutto inventati. L'Acireale non ha accettato il ricatto e, come purtroppo spesso avviene per gli onesti, ha finito per pagare dazio. Assolutamente ridicola, tra l'altro, la seconda penalizzazione, in quanto si riferiva a un Marsala - Acireale 1-5 (prima di campionato) che certo l'Acireale non aveva bisogno di "appattare" visto che il Marsala era nettamente più debole avendo iniziato il campionato con una formazione largamente incompleta e piena di ragazzini.[/quote]

Beh, questo è tutto da dimostrare, evidentemente qualcuno ha indagato e ha tratto delle conclusioni: bisogna rispettare i giudici. Anche io potrei dirti che il caso Scaramella è stato un ricatto, ma questo non toglie che sia una brutta pagina.

Citazione da: "Testa Dura"
Quanto poi agli incidenti causati dalla tifoseria, non è vero che tutti abbiano scheletri nell'armadio in qualche modo paragonabili, e non è proprio il caso di fare di tutta l'erba un fascio: l'Acireale ne ha decisamente causati pochi, se non nessuno, e ha anzi stupito numerose tifoserie avversarie, anche al nord, per il sostegno nutrito in trasferta (caratteristico del tifo acese: le spedizioni in trasferta sono persino più numerose di quelle in casa), per la correttezza e la qualità del tifo, anche sotto l'aspetto coreografico, che è decisamente da serie superiore (alla C1). Innumerevoli, da questo punto di vista, i messaggi dei tifosi avversari ai siti acesi e notevole il recupero in termini d'immagine anche per la Sicilia tutta, che ora andrà ahimé perso.  
Certo altrettanto non si può dire per il ct (è una sigla automobilistica, non un nome di città), che ha un palmarès di scontri con tifosi avversari, di incidenti di vario genere, di rapine agli autogrill, di traghetti messi a soqquadro, assolutamente enorme e di cui, per di più gran parte della tifoseria mena addirittura vanto (della serie ci rispettano perché ci temono). Inoltre, presentarsi in giro con gente come pulvirenti e lomonaco, era quanto meno molto imbarazzante anche per noi, ed era uno dei motivi per cui anche nella stagione migliore ad Aci li tenevamo molto a distanza.
Noi invece vorremmo essere rispettati per aver dimostrato di essere civili; gli altri lo fanno, ma voi da quest'orecchio non ci sentite, sia pure con qualche lodevole eccezione, che forse è la tua.
Ciao.


Beh, come ti ripeto, sugli incidenti non posso negare che sono fra le pagine più negative della nostra storia, tuttavia ci sono anche pagine molto belle, come ad es., l'esodo per lo spareggio per evitare la C2 in quel di Cosenza (2-0 contro la Nocerina nell'88) o i 400 che sono andati a Trieste a chiusura del campionato 03-04 per una partita senza nulla in palio, o le ironiche risposte alle bestemmie contro SAgata in occasione delle gare ciontro il Taranto nel 2001-02, e potrei continuare. Della tifoseria dell'Acireale non posso parlare perché non ho mai seguito quella squadra, ma certo che numericamente non credo possa competere al di là delle improbabili percentuali in cui ti diletti talvolta. Comunque, vorrei sapere cosa si diceva ad Aci di Pulvirenti e Lo Monaco quando erano alla guida della società, ma naturalmente non lo si saprà mai.
Certo che il rispetto dell'avversario non lo si impara da un giorno all'altro, ma alle scuole elementari, quando si comincia ad abituarsi alla convivenza civile, e in ambiente ultrà la mentalità in proposito è decisamente distorta, senza eccezioni.
Al di là della discussione di adesso, penso che parli dell'Acireale senza alcuno spirito critico: tutto quello che fate voi è meritevole di ammirazione (e.g., ripartire dai dilettanti), mentre tutto quello che facciamo noi è disprezzato (e.g., ripartire dai dilettanti), tutte le vostre sconfitte sono frutto di oscuri complotti e mai di inferiorità sportiva (naturalmente al contrario delle nostre), insomma, non è proprio un modo di porsi che può favorire un maggiore rispetto (che comunque secondo me è dovuto a qualunque interlocutore) da parte del prossimo. Io comunque non ho niente contro id te o la tua città o la tua squadra e condivido per i miei colori la speranza di diventare esempio di civiltà, anche se la strada è lunga. Per tutti.
Ciao!

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #91 il: 04 Agosto 2006, 11:49:00 am »
Perché "improbabili" proporzioni?
Acireale conta 50.000 abitanti: come può raggiungere i valori assoluti di città molto più grandi? Il criterio più corretto per dimensionare la partecipazione di una città agli eventi sportivi è ovviamente quello di rapportare i tifosi al bacino d'utenza.
In ogni caso, e sono cifre vere (se ti interessa qualche foto c'è ora un interessante front in forzacireale.it), la città di Acireale è stata capace di mobilitare 6.000 (:!:) persone a Salerno per lo spareggio con il Pisa, dato in diretta sulla Rai. I pisani, pur essendo Pisa più grande e più vicina a Salerno erano almeno mille di meno. A Foggia c'erano 5.000 acesi, a Ancona più di 3.000, e poi ad Avellino, Catanzaro, ecc., ecc., ecc. Tutte trasferte concluse senza incidenti, salvo scaramucce a cz a causa di tifosi avversari.
Quanto alla pagina illeciti sportivi, ti ho fatto un esempio che mostra quanto le ipotesi fossero risibili. Poi, purtroppo, se un soggetto tesserato afferma di avere ricevuto "avances", anche se del tutto falso o quanto meno illogico, per la giustizia sportiva, specie quella di una volta, c'è poco da fare.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #92 il: 04 Agosto 2006, 11:52:09 am »
Citazione da: "Testa Dura"
[cut] Tutte trasferte concluse senza incidenti, salvo scaramucce a cz a causa di tifosi avversari.[cut].


come dicevo, è sempre colpa di qualcun'altro :D .

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #93 il: 04 Agosto 2006, 12:09:47 pm »
Citazione da: "Testa Dura"
Perché "improbabili" proporzioni?
Acireale conta 50.000 abitanti: come può raggiungere i valori assoluti di città molto più grandi? Il criterio più corretto per dimensionare la partecipazione di una città agli eventi sportivi è ovviamente quello di rapportare i tifosi al bacino d'utenza.
[cut]


A parte gli scherzi, con questo ragionamento una città di un milione di abitanti dovrebbe portare in trasferta 100.000 persone (cosa che non ho mai visto) per raggiungere le quote di 5.000 o 6000 di cui sei così orgoglioso! Forse una media di tutte le presenze allo stadio in tutta la storia di una squadra avrebbe più senso.
Per questo dico che l'idea delle proporzioni è insensata, fermo restando che le cifre che riporti sono di tuto rispetto, esattamente come lo sono i 2500 di Gangi che non erano di più solo perché c'era un'unica tribunetta nello stadio locale (più una collina pure piena di nostri supporters, per un totale di 4000 catanesi, fonte "Il Corriere dello Sport").
Riguardo la tua giustificazione degli illeciti, chiunque potrebbe giustificare la propria squadra allo stesso modo (e infatti nessuna società ha mai ammesso degli illeciti), il buon senso dice che almeno non dovresti esprimere giudizi del tutto opposti per casi simili (mi riferisco al caso Scaramella).
Questo solo per farti capire che non bisogna riempire di eccessivi significati certe cifre e certi eventi.
Ciao!

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #94 il: 04 Agosto 2006, 12:13:54 pm »
Se è così che ci vuoi fare? Abbiamo problemi solo con ct e cz e sempre perchè veniamo aggrediti. Noi siamo una tifoseria pacifica, espressione di una città mite e tranquilla: se ben ricordo, l'ultimo omicidio ad Acireale risale ad almeno cinque/sei anni fa (commesso da una donna di Canicattì) e gli avvocati penalisti hanno vita grama (mio cognato non a caso ha aperto lo studio a ct). Per una città delle dimensioni di Acireale, comunque non trascurabili, si tratta di ben poco, è roba da Svizzera! Non mi pare proprio che possiate vantare statistiche similari e la tifoseria tiene il passo.
Non voglio comunque fare di tutta l'erba un fascio, anche nei confronti dei catanesi. Ben diverso, se mi consenti, è l'atteggiamento dei tifosi dell'Atletico Catania, che esprimono un tifo abbastanza d'èlite e sono molto meno aggressivi, come emerge anche dalle pagine di questo forum.
Un saluto.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #95 il: 04 Agosto 2006, 12:33:04 pm »
Citazione da: "Testa Dura"
Se è così che ci vuoi fare? Abbiamo problemi solo con ct e cz e sempre perchè veniamo aggrediti. Noi siamo una tifoseria pacifica, espressione di una città mite e tranquilla: se ben ricordo, l'ultimo omicidio ad Acireale risale ad almeno cinque/sei anni fa (commesso da una donna di Canicattì) e gli avvocati penalisti hanno vita grama (mio cognato non a caso ha aperto lo studio a ct). Per una città delle dimensioni di Acireale, comunque non trascurabili, si tratta di ben poco, è roba da Svizzera! Non mi pare proprio che possiate vantare statistiche similari e la tifoseria tiene il passo.
Non voglio comunque fare di tutta l'erba un fascio, anche nei confronti dei catanesi. Ben diverso, se mi consenti, è l'atteggiamento dei tifosi dell'Atletico Catania, che esprimono un tifo abbastanza d'èlite e sono molto meno aggressivi, come emerge anche dalle pagine di questo forum.
Un saluto.


La provincia è sempre più tranquilla della metropoli, proprio perché controllare un territorio più piccolo e dove non ci sono interessi economici è più semplice. A parte che negli anni '80 si diceva addirittura che la mafia non esisteva a Catania perché non c'erano molti omicidi, ma la mafia c'era. Riguardo alla Svizzera, beh, è decisamente più ordinata di Acireale  o Catania.
Riguardo la tifoseria, anche quella della Palestro, della Virtus e del Real S.Cristoforo sono tranquille e d'elite, ma non ci vuole molo a capire la difefrenza con la nostra. E comunque sempre catanesi sono.

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #96 il: 04 Agosto 2006, 01:33:39 pm »
"La provincia è sempre più tranquilla della metropoli..... Riguardo alla Svizzera, beh, è decisamente più ordinata di Acireale  o Catania".

Mah, non mi sembra per niente vero: pensa ad altre città o paesi della vostra provincia. La Svizzera sarà anche più ordinata di Acireale (ma Aci lo è molto più di ct) ma non ho parlato di ordine e pulizia, bensì di statistiche sulla criminalità (non è che in Svizzera siano poi nell'oro, tra droga, mafia e riciclaggio hanno il loro daffare).


"Riguardo la tifoseria, anche quella della Palestro, della Virtus e del Real S.Cristoforo sono tranquille e d'elite".

Non ho idea: ma lche c'entra? L'Atletico faceva più di diecimila spettatori al Cibali e aveva nei fatti sostituito il ct per vari anni. ho visto un'amichevole Atletico - Acireale (con l'Acireale in B) e mi era sembrata la solita folla del Cibali, ma un bel po' più selezionata.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #97 il: 04 Agosto 2006, 02:38:53 pm »
Citazione da: "Testa Dura"

[...]
Non ho idea: ma lche c'entra? L'Atletico faceva più di diecimila spettatori al Cibali e aveva nei fatti sostituito il ct per vari anni. ho visto un'amichevole Atletico - Acireale (con l'Acireale in B) e mi era sembrata la solita folla del Cibali, ma un bel po' più selezionata.

Quella dell'atletico è tutta un'altra storia. CI sono un sacco di "sportivi" che vanno allo stadio per seguire l'evento (vedi i play-off per la B, che sono stati le uniche occasione in cui l'atletico ha fatto un pubblico in media con quello abituale del Catania, non certo nelle mamichevoli). Sono quelli che tu chiami "elite". I tifosi veri sono un'altra cosa, sono quelli che contestavano Proto perché non volevano che rubasse la squadra ai lentinesi, quando ancora il Catania era fuori dai ranghi federali e nessuno sapeva del ricorso la TAR.
Comunque, per stessa ammimissione di Proto, all'indomani del nostro ritorno in C2 siamo tornati ad essere la prima realtà cittadina.
Ciao!

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #98 il: 08 Agosto 2006, 11:57:24 am »
Nell'amichevole che ti ho citato, comunque, c'erano almeno 6-7000 spettatori.
Comunque apprezzo il fatto che ammetti pure tu che fino a quanto il ct non è tornato in C2 l'Atletico era diventato nei fatti la prima realtà della tua città.
Ribadisco che rispetto chi è sempre rimasto fedele al ct, ma si tratta di una sparuta minoranza, tra cui, poi, si annidano non poche pecore nere.
Spero comunque che, grazie all'azione di disturbo di pulvirenti, che continua ad occuparsi di noi nella logica "divide et impera" (ma perché non si dedica solo al suo ct in serie A? Siamo proprio la sua ossessione!) non finisca per dividersi anche la tifoseria acese.

Mauro Spina

  • Visitatore
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #99 il: 08 Agosto 2006, 12:30:09 pm »
Citazione da: "Testa Dura"
Spero comunque che, grazie all'azione di disturbo di pulvirenti, che continua ad occuparsi di noi nella logica "divide et impera" (ma perché non si dedica solo al suo ct in serie A? Siamo proprio la sua ossessione!) non finisca per dividersi anche la tifoseria acese.



 :lol:  :lol:  :lol:  :lol: Continuano le barzellette :lol:  :lol:  :lol: mi stai facendo ridere a crepapelle stamattina Testa Leggia :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:

Oltri i tuoi continui e ossessivi monologhi sulla geografia, la storia, la matematica, l'algebra, la fisica, la trigonometria piana e solida di Acireale :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol: ...adesso c'è pure che siete l'ossessione di Pulvirenti, non il contrario (soprattutto per te e quelli come te che ad Acireale SIETE MINORANZA!!)  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:

Incredibile che individuo :lol:  :lol:  :lol:  :lol: vive in un mondo tutto suo :lol:  :lol:  :lol:  :lol:
Ma dì la verità, qualcuno te la fa fare una passeggiata fuori ogni tanto!?  :lol:  :lol:  :lol:  :lol: ...magari a guinzaglio!?  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:

Ah dimenticavo :roll:  :lol:  :lol: ...io sarei un tifoso acitano mancato!?  :lol:  :lol:  :lol:  :lol: ...UN MITO STAI DIVENTANDO PER ME, UN VERO MITO!!

Offline cataniapiu'

  • Utente
  • ***
  • Post: 207
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #100 il: 08 Agosto 2006, 01:04:06 pm »
LA VERA MISSIONE DI TESTA DI.....:
SOLLAZZARE I CATANESI.
E ORA SI E' FATTO ANCHE IL "COMPARE" ATLETISTA...SEMU PESSI.

ASCOLTATEMI, ANDATE IN VACANZA ( SE POTETE ) FATE RIPOSARE IL VOSTRO UNICO "NEURONE" , COMPRENSIBILMENTE " ESAUSTO ".

ALTRIMENTI...CI FARETE MORIRE.....DALLE RISATE  :lol:  :lol:  :lol:  :roll:  :D  :D  :twisted:  :?  :o  :shock:  :)  :D  :twisted:

E SI, E' PROPRIO UN'ESTATE DIVERTENTE (con voi )

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #101 il: 08 Agosto 2006, 03:23:38 pm »
Citazione da: "Testa Dura"
Comunque apprezzo il fatto che ammetti pure tu che fino a quanto il ct non è tornato in C2 l'Atletico era diventato nei fatti la prima realtà della tua città..Ribadisco che rispetto chi è sempre rimasto fedele al ct, ma si tratta di una sparuta minoranza, tra cui, poi, si annidano non poche pecore nere.

Certo, perché era l'unica realtà professionistica in quel momento, pertanto la prima realtà calcistica cittadina. Ma non è durato, per il semplice motivo che chi la reggeva non ha saputo concretizzare il proprio "progetto". Qualunque altra interpretazione è un alibi risibile. Ad ogni modo, ti ripeto che c'erano 8000 persone all'esordio in Eccellenza e nei dilettanti facevamo senza fatica più spettatori dei nostri coinquilini, e su questo non puoi certamente saperne più di me perché immagino fossi impegnato a seguire le sorti della tua squadra. Quindi non parlare di sparuta minoranza.
A parte che qualunque sportivo condannerebbe senza appello certe operazioni di cui si rese protagonista l'atletico, quali ad es. l'acquisto del titolo di una società di Lentini (e in origine di Mascalucia) e il trasferimento e il cambio di nome della stessa.

Citazione da: "Testa Dura"
Spero comunque che, grazie all'azione di disturbo di pulvirenti, che continua ad occuparsi di noi nella logica "divide et impera" (ma perché non si dedica solo al suo ct in serie A? Siamo proprio la sua ossessione!) non finisca per dividersi anche la tifoseria acese.


Mi sà che siete voi che siete ossessionati da lui!-)

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #102 il: 08 Agosto 2006, 03:39:27 pm »
Veramente dietro l'operazione Virtus CT - Acireale (che io non approvo) c'è proprio pulvirenti, che per qualche strana ragione (qualche interpretazione peraltro l'avrei) non vuole lasciarci in pace, creando divisioni al nostro interno. Vada ad occuparsi del ct, a meno che non abbia altro in mente (la Roma?).

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #103 il: 09 Agosto 2006, 12:16:49 pm »
Purtroppo ce l'ha fatta....

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 688
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Nonostante tutto... Forza Acireale
« Risposta #104 il: 11 Agosto 2006, 01:51:34 pm »
Post serio.

E' finito l'annus horribilis per i tifosi acesi. Sarei un mentitore se non dicessi che avevo capito già da un paio d'anni come sarebbe andata a finire. Era chiaro che pulvirenti aveva interesse a fare sopravvivere per un paio di anni l'Acireale per evitare di essere coinvolto nelle procedure fallimentari, ma a quanto pare le ciambelle non gli sono riuscite col buco. Ci sarà chi se ne occuperà e forse ci sarà un po' di giustizia.

Ora ci toccherà girovagare per i campi di promozione (noi che non avevamo mai conosciuto neppure l'eccellenza!). Il declino dell'Acireale riflette il declino di un'intera città, che ha accettato supinamente di sottomettersi all'arrogante vicino, non reclamando i suoi diritti e facendo in modo che ci si approfittasse della nostra mitezza (si ccè 'u muru vasciu s'apparanu i manu). Abbiamo delegato ad altri la nostra squadra, la nostra città, il nostro futuro e questi sono i risultati: Acireale in promozione, Terme allo sfascio, Pozzillo con la canna d'ossigeno, Carnevale incredibilmente sconosciuto in raffronto alla sua bellezza, fuori dalle città Unesco del barocco, fuori dal giro degli operatori turistici e persino dei locali alla moda, commercio e agricoltura a terra.
Tutti hanno arraffato dalla vacca grassa e generosa, lasciandoci le briciole e a volte nemmeno quelle.
Forse il bagno di sangue di quest'anno può farci bene. Lo choc della squadra precipitata tra i dilettanti può svegliare quanti avevano mollato. Ma non sarà facile riprendersi. Non sarà facile che la tifoseria resti compatta alle prime difficoltà - e ce ne saranno, inevitabilmente - con squadre di cui non conoscevamo nemmeno l'esistenza. Non si pensi che ritornare in alto avendo tutti contro possa essere facile. Nessuno avrà la mano gentile con noi, e la stessa Lega - legata ai noti centri di potere - lo ha già fatto capire, non conecedendoci nemmeno l'ingresso nell'eccellenza, che non veniva negato a nessuno.
Dovremo vincerli i campionati, perché se arriveremo secondi o terzi (vero ct?) nessuno ci ripescherà, perchè si ha piacere che il nostro blasone venga appannato, perché abbiamo osato metterci contro i padroni del vapore e rifiutare una comoda C1 al loro servizio.
Il coraggio si paga: dobbiamo esserne coscienti e pronti a pagare fino in fondo. Se ne saremo capaci, rinasceremo più forti.