Autore Topic: Luciano, Gioia MIA.....  (Letto 2301 volte)

sonar

  • Visitatore
Luciano, Gioia MIA.....
« il: 22 Maggio 2006, 02:24:31 pm »
LUCIANO, GIOIA MIA...
Sempre il caso Reggina-Juventus. Il presidente dell’Associazione italiana arbitri, Tullio Lanese, chiama Moggi. Discutono sugli episodi della partita. Sembrano aver fretta tutti e due.
MOGGI: Cinque minuti... Il presidente degli arbitri usa toni molto confidenziali.
LANESE: Gioia, ho avuto una riunione qua, un minuto…
MOGGI: Cosa è successo?
LANESE: La storia dei fumatori, perché dobbiamo distribuire la circolare, la disposizione di Carraro a tutti gli arbitri di tutte le categorie. Il riferimento è per gli allenatori che non possono fumare in panchina.
LANESE: Ti avevo chiamato perché ieri ho visto questo stronzo del papà.
MOGGI: Eh…
LANESE: Lui addirittura vorrebbe più di quanto si è detto… Io ho detto: guarda io intanto c’è sta cosa se tu eri presente, faccio in modo di farti salire al 100%, per altre cose ne parliamo più in là. Perché gli ho fatto capire che non se le merita, non si fa, perché mi ha rotto i coglioni, guarda io... perché dopo quello che ho visto in tv ero incazzato come una belva.
MOGGI: E' una cosa incredibile. Era una cosa incredibile.
LANESE: Lo so, non mi dire. Io so tutto, l’osservatore è un mio amico e mi ha detto che ti ha visto entrare. Mi ha detto: "Io che devo fare?". Tu, gli ho detto, non c’eri e ti fai i cazzi tuoi. Lanese ridacchia: Giusto?
MOGGI: Gliene ho dette di tutti i colori...
LANESE: Lo so, lo so. So tutto, gioia...
MOGGI: A lui, agli assistenti…
LANESE: La prossima settimana vengo perché ti voglio parlare personalmente. Senti ho bisogno di una cortesia. Oggi…
MOGGI: Ma... Tieni conto che io mercoledì sono a Messina con la Nazionale.
LANESE: Ah, vieni… e stiamo insieme, vieni a casa mia, caso mai...
MOGGI: Ci organizziamo.
LANESE: Stiamo un po’ a casa mia che è meglio, guarda.
MOGGI: Va bene, va…
LANESE: Ti volevo dire, la c’è un mio amico. Gli puoi dare un paio di magliette per miei figli?
MOGGI: Si, hai voglia, hai voglia. Ti giuro sui miei figli.

Da quanto sopra, si evince in modo inequivocabile, da chi  dipendeva la carriera degli arbitri.
Chi dava di conseguenza il potere a: " Luciano Gioia mia!!!"

PS. Non potevo mai credere che i Buddaci  sono persino peggio dei Trunzopolitani. :shock:

sonar

  • Visitatore
Luciano, Gioia MIA.....
« Risposta #1 il: 23 Maggio 2006, 06:14:08 am »
A conferma di quanto desunsi nel precedente post.

 PREMESSA

La presente indagine trova la sua genesi nella dettagliata delega d’indagine conferita da Codesta A.G. in data 15.07.2004 relativa alla verifica dei rapporti intercorrenti tra due arbitri sottoposti ad indagine - PALANCA Luca e GABRIELE Marco - nell’ambito dell’inchiesta su ipotesi di scommesse illegali perpetrate da calciatori professionisti e la società di calcio del MESSINA, nonché tra i predetti e la società operante nel settore della gestione dei calciatori denominata GEA WORLD.
Sotto il profilo temporale va evidenziato che la struttura associativa facente capo a MOGGI Luciano opera da lungo tempo e con identiche strategie e metodi criminali.
In particolare il legame di MOGGI con i vertici della FIGC e dell’associazione arbitri rappresenta <<il fondamento dei suoi disegni criminali e del suo stesso potere>>; già numerose volte, nel corso degli anni, tali cointeressenze hanno originato vicende giudiziarie - sia ordinaria che sportiva - pur senza mai riuscire a di-svelare compiutamente l’allarmante intreccio di cui lo stesso — unitamente ai suoi più stretti sodali — è ritenuto responsabile e che per gli elevatissimi livelli di connivenza e di organicità, rappresenta la migliore garanzia per il superamento di ogni ostacolo.

Da : TGCOM--22/05/06


PS. Ho la vaga impressione che qualche Buddace emigrerà a Santo Dimingo, e non certo per la tropicalizzazione dello Stretto.