Autore Topic: CI HANNO RUBATO UN SOGNO  (Letto 3530 volte)

Offline alex10103

  • Utente
  • *****
  • Post: 2112
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: CI HANNO RUBATO UN SOGNO
« Risposta #15 il: 12 Novembre 2007, 11:35:23 am »
Concordo ancora una volta con Sergio, con la disgrazia di ieri il calcio non c'entra nulla, infatti a quanto pare, il poliziotto che ha sparato credeva di essere in presenza di una rapina all'autogrill
ed ha sparato per tentare di fermare l'auto di quelli che lui credeva fossero i rapinatori,
Si ed i rapinatori litigano tra di loro e si azzuffano in malo modo, magari per spartirsi la refurtiva...
Dai, smettiamola di cercare a qualunque costo alibi che non esistono e smettiamola di arrampicarci sugli specchi e diciamo le cose come stanno realmente e che il calcio, insieme alle Società ed agli enormi interessi che ruotano attorno, è il vero responsabile di tutto questo scempio!

Offline occasionale rosanero

  • Utente
  • *****
  • Post: 3596
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: CI HANNO RUBATO UN SOGNO
« Risposta #16 il: 12 Novembre 2007, 11:43:22 am »
Mah per quello che ho sentito mi è sembra una disgrazia.......

Per il resto......inutile girarci attorno.......queste cose sono solo la cassa di risonanza mediatica......di una malessere diffuso, di disprezzo diffuso per la vita.....questa è l' italia ....punto  e basta!!

Offline MALATO PO CATANIA

  • Utente
  • ****
  • Post: 941
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: CI HANNO RUBATO UN SOGNO
« Risposta #17 il: 12 Novembre 2007, 12:24:49 pm »
Citazione
"L’unica soluzione è LA GALERA.....

E invece si è optato per il DASPO, per la serie: "Delinqui dove vuoi, ma l'importante che non turbi lo spettacolo...."
E' assurdo che in un paese come il nostro non si riesca a punire certa delinquenza; è assurdo che non si riesca ad entrare in una curva e sedare ogni iniziativa violenta; è assurdo che la risposta delle Istituzioni debba ledere i diritti della gente onesta invece che perseguire i delinquenti; è assurdo ...!
Bisogna riflettere! Deve riflettere lo Stato nelle sue Istituzioni, perchè è assurdo che un ragazzo muoia per ... niente; deve riflettere la stampa, perchè in certi casi il buon senso dovrebbe prevalare su determinate esigenze (si è dato enfasi al titolo "poliziotto uccide un tifoso" quando ancora la dinamica non era chiara e non era accertata nessuna responsabilità: sarebbe stato più prudente e responsabile parlare di un grave incidente ai danni di un onesto cittadino invece di evidenziare i termini "poliziotto" e "tifoso"); deve riflettere soprattutto il calcio ed avere il coraggio se il caso di fare parecchi passi indietro, magari rinunciando alle televisioni che hanno palesemente trasformato un gioco in un prodotto commerciale ambito, facendo prevalere gli interessi su quello che doveva essere la linfa del sistema: il senso sportivo!
Che a Roma e a Bergamo ci fossero focolai di delinquenza non indifferenti lo sapevano da sempre, solo che a certe cose volutamente non si è dato risalto, pensate agli accoltellamenti o a i fischi nel minuto di silenzio per Filippo Raciti......e questo lascia riflettere sulla complicità che aleggia pericolosamente....!
Siamo al punto di partenza, evidentemente il 2/2 non è servito a niente e nessuno sente l'obbligo di fare autocritica. Ora sicuramente ci sarà la grande risposta, vieteranno alla gente per bene di andare a fare qualche gita fuori porta e penalizzeranno i tifosi bergamaschi corretti e la rispettiva società e poi .... si riparte come prima e più di prima: "THE SHOW MUST GO ON"!!!!!!
MALATO PO CATANIA



Offline ENZO

  • Utente
  • *****
  • Post: 2410
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: CI HANNO RUBATO UN SOGNO
« Risposta #18 il: 12 Novembre 2007, 01:54:06 pm »
Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla Bla ......................

Ho provato a scrivere un commento anch'io, ma credo che alla fine sono soltanto parole e nient'altro, fra qualche domenica tutto sarà dimenticato e un fatto nuovo distruggerà il vecchio.

SALUTI

PS: quello che è successo ieri secondo me è stato strumentalizzato dalla TV che lo ha voluto collocare sul fattore calcistico, aspettiamo l'esito delle indagini......... (questo almeno mi sento di scriverlo!!!!!) :^( :^(

Ciao a Tutti e................. FORZA PALERMOOOOOOO
LA  CAPITALE DEL CALCIO SICILIANO

Offline alex10103

  • Utente
  • *****
  • Post: 2112
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
L'ennesima buffonata è compiuta
« Risposta #19 il: 13 Novembre 2007, 10:19:21 am »
Proprio così ragazzi, l'ennesima buffonata è compiuta.
Qualcuno mi sa spiegare che cosa si risolve fermando i campionati di B, C, Dilettanti e impedendo le trasferte?
Cos'è, se ci fosse stata la serie A non si sarebbe fermata solo perchè le tv si sarebbero ribellate?
Ma per favore, è un autentico schifo!!!

Offline omegaone

  • Newbie
  • Post: 4
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: CI HANNO RUBATO UN SOGNO
« Risposta #20 il: 13 Novembre 2007, 01:56:33 pm »
Non ci sono molte cose da dire.Non servono tante parole.
Forse il titolo di questo topic racchiude meglio di ogni altra parola il mio pensiero,e chissà,forse anche quello di tanti altri.
Raciti non è il passato, è solo il triste presente.La triste attualità.La vera realtà di questo calcio italiano che NON VUOLE CAMBIARE.
Personalmente quello che domina in me oggi è un immenso senso di frustrazione.
Adesso ci sarà nuovamente la caccia al responsabile.Io dico soltanto che non c'è un responsabile,secondo me.
Tutti siamo responsabili: noi che spesso qui andiamo sopra le righe, o non accettiamo una mano tesa in senso di amicizia.Le società, le istitutizioni,calcistiche e non, i tifosi , chiaramente,quelli che,ANCORA UNA VOLTA,oggi nelle stanze dei bottoni stanno decidendo di far disputare questo giornata di campionato.
Un altro ragazzo morto,EPPURE NON BASTA.
QUANTI MORTI DOVREMO ANCORA VEDERE PERCHè FERMINO TUTTO?
QUANTE VITE DOVRANNO ANCORA ANDARSENE PERCHè SI METTE FINE A QUESTO SCEMPIO?
QUANTE FAMIGLIE DOVRANNO ANCORA SOFFRIRE PERCHè CHI DECIDE DECIDA SECONDO COSCIENZA?

IL CALCIO,quello bello visto ieri sera,E' ANCORA UNA VOLTA MORTO.








Saluto tutti, sono nuovo di questo forum e sono di Palermo.
Volevo soltanto sfogarmi circa l'incompetenza della FiGc e delle istituzioni che non sono state in grado di percepire quanto grave era la situazione, in relazione alla sicurezza pubblica, nella giornata di domenica.
Siamo d'accordo sul fatto che l'assassinio (perchè fino a prova contraria di assassinio si tratta) di Gabriele sia stato un evento che nulla ha a che vedere con il calcio...lo ritengo un fattaccio di cronaca e basta; ma purtroppo c'è chi ha collegato inopportunamente questa vicenda al calcio e per questo si ringraziano i giornali che "pubblicizzano" l'evento come -morto dopo una rissa tra Ultras-; i giornali fornendo questa "versione" sono riusciti a farlo diventare un evento strettamente legato ai fatti calcistici, il colpo di grazia è stato l'accertamento dell'assassinio da parte di un poliziotto della polstrada. Lì, la figc, avrebbe dovuto chiudere gli stadi e "disperdere" i tifosi prima ancora che gli stessi fossero arrivati nelle zone limitrofe. 
Gravissima presa per il culo i 10 minuti di lutto prima dell'inizio dei match.
Ritengo inutile le spiegazioni circa una eventuale difficoltà a sospendere 4 ore prima il campionato; d'altra parte come era stato per lazio milan si poteva procedere per gli altri campi da gioco; ritengo che Vi siano come al solito interessi economici dietro ad un'eventuale sospensione del campionato di A: sky, diritti TV, scommesse ecc.
La sospensione del campionato, in occasione della partita della Nazionale, mi fa sorridere e mi conferma quanto detto sopra.

Offline Moleskine

  • Utente
  • ***
  • Post: 317
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: CI HANNO RUBATO UN SOGNO
« Risposta #21 il: 13 Novembre 2007, 10:01:40 pm »
Ho letto tutti con molta attenzione,interesse e pazienza.
Vi esprimo la mia opinione.
Non ritengo giusto collocare quanto accaduto al di fuori del calcio.Per una semplice ragione che vado a spiegare.
Premetto però subito che nn voglio dare responsabilità a nessuno,xchè nn conosco la dinamica dei fatti, non ero li e perchè ci saranno le autorità competenti a stabilire tutto ( almeno si spera..).
Premetto che ritengo assurdo quello che ha combinato quel poliziotto, forse irragionevole e inspiegabile.Vorrei che per una volta il pugno duro fosse praticato anche contro le istituzioni,qualora si accertassero delle loro responsabilità.
So bene,come voi,che quanto accaduto è il frutto di un malessere generale che attanaglia questa società, troppo oppressa da insoddisfazioni e ingiustizie sociali.
Ma dire che quanto accaduto nn c'entra niente col calcio secondo me è troppo.
Quei ragazzi,signori miei,stavano scazzottandosi in un autogrill con delle sciarpe di squadre di calcio al collo.Quei ragazzi erano tifosi di squadre di calcio.Quello che facevano avviene,ripetutamente,tutte le domeniche in tantissimi autogrill, treni,stazioni,zone stadio, in tutta italia.
Forse nn si è capito che quello che è avvenuto domenica è qualcosa che puo avvenire tranquillamente ogni domenica.Ogni domenica in cui si gioca.
Il calcio c'entra perchè è una delle fonti che scatenano tutto ciò.Insieme agli altri mali e malesseri sociali.Ma il calcio,il modo in cui viene vissuto,è uno di questi mali.Non il pretesto.
Fermiamoci un attimo, vi invito ad una riflessione:come viene vissuto il calcio in italia?
DA MALATI.Da parte di tutti.
In primis dei dirigenti,sempre pronti alla guerra verbale.Proseguendo con i giornalisti,che sono spesso i primi a creare polemiche,tensioni,diverbi,ad usare nei giornali toni e terminologie che si avvicinano di piu alle guerre che ad una partita di calcio.
Gli allenatori,esasperati: dalla scena di Guidolin con la fiorentina,alle aggressioni di colantuono ai giornalisti,a Malesani - Di Carlo, etc etc, gesti folli che accadono,che sono accaduti.
Continuando con noi,tifosi civili.Si anche noi: io assisto ogni domenica,ogni domenica,ad almeno un litigio in gradinata.La civiltà,quasi sempre,consente di fermarsi prima del peggio.Ma succede anche questo.
QUESTO CALCIO, IN ITALIA,VIENE VISSUTO SOPRA LE RIGHE DA TUTTI.
NON C'è PIù SPIRITO SPORTIVO,NON C'è FAIR PLAY, A NESSUN LIVELLO.
TUTTI DOVREBBERO DARSI UNA CALMATA,TUTTI DOVREBBERO COMINCIARE A DARE IL BUON ESEMPIO.

Solo allora puoi emarginare, chiudendo in galera quei gruppi di facinorosi. Solo allora rinchiudere questi delinquenti significherà porre fine al problema.La repressione non risolve i problemi, li nasconde.Ma se nn risolvi il male alla radice, questo si ripresenta.
Perchè,a mio parere,finchè non si recupererà il senso dello sport,finchè dal primo protagonista all'ultimo dei tifosi,nn si comincerà a vivere questo calcio in maniera civile,pacifica,SPORTIVA, il problema si ripresenterà,xchè nasceranno nuovi delinquenti sulla scia di questa conduzione folle del calcio italiano.
Quelli vanno rinchiusi.Ma a me, questo calcio,non piace piu.Da anni.
Come ha detto un grande giornalista in questi giorni, solo un irragionevole amore per la mia squadra mi muove verso lo stadio.Ma LA PASSIONE NON C'è PIU.