Autore Topic: Da Pellegrino a Sannino  (Letto 14869 volte)

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3910
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #30 il: 16 Settembre 2014, 05:54:01 pm »
Utilizzo degli Under 21

Catania-Lanciano 3-3
Catania 0.
Virtus Lanciano 3 - Pinato ’95 dall’inizio, Monachello ’94 e Cerri ’96 subentrati; In gol Pinato e Cerri.

Pro Vercelli-Catania 3-2
Catania 1 – Garufi subentrato.
Pro Vercelli 3 – Belloni ’94 dell’inizio, Bani e Liviero subentrati; in gol Belloni.

Perugia-Catania 1-0
Catania 0.
Perugia 5 – Provedel ’94, Galdaniga ’93, Verre ’94 e Fazzi ’95 dall’inizio, Parigini ’96 subentrato.

Ecco cosa mi aspetto che cambi da Pellegrino e Sannino!
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #31 il: 16 Settembre 2014, 05:58:26 pm »

Ti rispondo volentieri.
Io avevo una buona considerazione di Leto, ma il tempo passa e i fatti mi inducono ad avere un parere obiettivo su quanto di buono non ha fatto.
Lo scorso anno, carico di entusiasmo come tutti, mi esaltai nello scoprire alcune potenzialità di questo calciatore. Parliamo di capacità innate, cose che non puoi comprare al supermercato e che non puoi imparare con il lavoro e l'applicazione. Mi riferisco alla sua capacità di calciare il pallone in corsa. Poche volte ho visto giocatori con questa predisposizione, tant'è che azzardai un lontano paragone con gente come Recoba e Chevanton (ribadisco, capacità di calciare).
Molti calciatori possono allenarsi per ore, alla ricerca del giusto movimento e della giusta coordinazione, al fine di porre il piede d'appoggio vicino al pallone e colpire di collo piede. Ma a partita in corso, tutto ritorna difficile. Ecco,
Leto, nonostante la scarsa forma fisica, nonostante tutte le sue pecche, non ha bisogno di pensare a nulla, esegue con estrema facilità. Ma tu sai bene che un calciatore non può essere stimato solo per questo.
Quando arrivò a Catania e fu presentato ufficialmente, aveva un'aria un anticchia arrogante, parlava come se fosse stato convinto di venire a Catania. A tal proposito ho due cose da dire: 1) un calciatore che è reduce da un devastante infortunio, che ha rescisso (rescisso) a gennaio il contratto con la sua precedente squadra, che avrà bisogno di tempo per recuperare, dovrebbe apprezzare una squadra emergente che ha la fama di recuperare calciatori reduci da infortunio; 2) Oltretutto, il Catania non era una squadra di pellegrini, avevamo raggiunto l'ottavo posto ed eravamo noti per essere una Società virtuosa, senza grossi picchi ma senza pesanti tonfi. E stiamo parlando del campionato italiano.
Eviterò di approfondire ulteriormente.
Dico solo che abbiamo aspettato sfregandoci le mani, ma di fatto (di fatto), Leto a Catania ha solo fatto due bei gol, niente altro.  Nulla di personale, solo insoddisfazione per le sue prestazioni, alla stessa stregua delle tue insoddisfazioni riguardo a  Barrientos e Castro, che, di fatto, hanno fatto molto meglio di Sebastiàn Eduardo.
Il tempo passa, Leto non ha fatto nulla (ed è passato un anno, che è un arco di tempo immenso nella carriera di un calciatore), è arrivato insieme a un altro bidone sullo stesso carretto di Cosentino e il risultato è che dall'ottavo posto e dalla Società modello, ci ritroviamo in serie B e abbiamo sulle spalle il primo esonero.

GP, mi piace leggerti, molto, ma non riesco a credere che tu dia credito a teorie secondo cui Leto fosse il calciatore del Catania più richiesto nel calciomercato. No, non posso credere che tu ci creda. Innanzitutto ci sarebbe da capire come sono strutturati i contratti (annuali e con opzioni e cavilli di rinnovo) che sta facendo Cosentino. Ma non mi
soffermo su questo argomento perché non mi piace parlare di cose che non conosco. Ma di fatto, se qualcuno si è interessato, è stato principalmente per il più classico dei motivi: il saldo. O dobbiamo davvero credere che si era in procinto di fare un'asta per Frison, la fila per Monzon e la corsa a Leto? Io so solo che Lodi e Bellusci sono stati ceduti per delle cifre inferiori al valore dell'anno precedente e forse anche inferiori al reale valore dei giocatori stessi.
Ma lasciamo perdere questo argomento e passiamo alle tue domande: quali danni ha fatto Leto? Nessuno, proprio perché non ha fatto niente:

1) Dopo una stagione fallimentare e sotto certi aspetti ridicola (mi dispiace, ma è così, avevamo quasi la stessa squadra che l'anno prima aveva ottenuto un ottavo posto, che appariva persino striminzito, se pensiamo a quanti punti abbiamo perso all'ultimo minuto), ci siamo rivolti con tanto ottimismo alla nuova stagione; e devo dire che il numero di abbonati e la quantità di persone fiduciose è stata una dimostrazione di lungimiranza del pubblico rossoazzurro, ormai educato a un'idea di programmazione che ha imparato da otto anni di serie A e dalla definizione di “Società virtuosa”. Leto ha avuto tutti gli alibi, le scusanti e le giustificazioni dovute al recupero da un brutto infortunio e tutti si sono dimenticati delle modeste prestazioni dello scorso anno;

2) Ma inizia il campionato e scopriamo un Leto non ancora recuperato, decisamente appesantito e completamente fuori forma, al punto da non essere tra i titolari, nonostante le buoni intenzioni di Società e tecnico;

3) Il giocatore ha fondamentali tecnici non indifferenti, ma sembra essere non collocabile tatticamente. Dove lo mettiamo? Ma davvero dobbiamo credere alla barzelletta secondo cui fa l'esterno d'attacco coprendo il terzino di
competenza? Io lo vedo solo come seconda punta, ma non mi sognerei di metterlo al posto di Rosina e in copertura
dà meno garanzie di Castro. Infine, non è un calciatore che emerge per agonismo, detta in soldoni: Leto è uno di quelli che non corre. E non credo che sia necessario essere "l'uomo invisibile" e spiare a Torre del Grifo per capire che non è un trascinatore e nemmeno uno che fa gruppo.
Per concludere, stiamo tutti aspettando che faccia cose buone, recuperi definitivamente dall'infortunio e recuperi uno stato di forma evidentemente ancora carente. Siamo tutti tifosi di Leto, stiamo aspettando lui e saremo compiaciuti quando farà la differenza. Ma di fatto, usando una metafora che ci hai ricordato (giustamente), sono i maccheroni che saziano; e il piatto che fin ora ci ha servito Leto, è un piatto con pochi maccheroni schitti.



Capisco le tue dissertazioni, condividendole anche. Pero', se mi e' consentito, vorrei aggiugere,come ho gia'fatto altrove, che qualunque giocatore o qualunque uomo , in qualsiasi attivita' ,vanno visti e giudicati nel loro contesto....se una azienda e' efficiente e  ricava utile vuol dire che i meccanismi che la regolano funzionano perche' ognuno nel sistema concorre  a renderla efficiente e migliorabile....diversamente se il sistema nel suo insieme e' carente perche' i meccanismi non sono sincroni ,non e' il singolo ma  l'intero sistema che non funziona...poi nel caso specifico mi pare che concorrono altri fatti che ne hanno pregiudicato il suo mancato recupero.
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2453
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #32 il: 16 Settembre 2014, 06:11:31 pm »
Quoto  =D>
Se mi e' consentito aggiungerei un elemento non da poco, da non trascurare , come la mancanza di un allenatore che agisse in tutta autonomia e che avesse anche un forte ascendente sui giocatori....i giocatori vanno gestiti
dall'allenatore piu' che dalla sociefta', la quale,pero', deve dare appoggio incondizionato e sostenere tutti i provvedimenti tecnici e disciplicari che eventualmente dovessero riguardare l'organico a lui affidato.

Ricordi che fino a qualche lustro fa qualche allenatore andava in giro a controllare la vita notturna dei suoi giocatori?

Come no GP, ricordo benissimo quelle figure di allenatore paternalista.

I calciatori delle serie superiori da sempre hanno avuto guadagni superiori a quelli delle persone comuni e, particolare non da poco, percepiti per giocare al gioco preferito. Ciò ha posto  il calciatore fra i privilegiati  ed al contempo esposto al pericolo degli eccessi extracalcistici. Specie i calciatori non supportati da una solida struttura morale personale. Gli esempi a tutti i livelli di talenti calcistici sprecati sono tantissimi.

E la situazione non é migliorata di molto con il passaggio al professionismo. In ogni squadra c'é sempre il George Best di turno. Purtroppo però le figure di quegli allenatori dall'indole paternalistica sono diventate sempre più rare ed oggi quasi nessuno "controlla" personalmente la vita privata dei giocatori, affidandosi all'idea, spesso tradita, del professionismo dei calciatori, visti non più come giovani viziati.

Nel Catania però i problemi  - ormai credo che sia chiaro - riguardano l'interno della squadra nel suo insieme (e non il singolo calciatore) non diventata mai tale nonostante l'elevato (o quanto meno non scadente) valore individuale. Attendiamo il lavoro di Sannino e speriamo che nel giro di 4/5 partite possiamo avere la squadra che ci aspettavamo ad  inizio di stagione. Anche io non mi aspetto che la societá, sul versante della gestione dei calciatori, faccia altro da quello fatto fin ora. Il passato é passato e rivangarlo da parte nostra fino ad ora non ha portato a nulla (neanche quando c'era in ballo la serie A). Meglio prendere atto che oggi la questione é interamente nelle mani del nuovo tecnico.
« Ultima modifica: 16 Settembre 2014, 06:24:04 pm da vasco »

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #33 il: 16 Settembre 2014, 06:40:42 pm »
Intanto Sannino ha dichiarato: "non sono amico di nessuno men che meno dei calciatori, sono professionisti"...a buon intenditore poche parole.........e ora sutta cco vastuni a rumpirici l'ossa
« Ultima modifica: 16 Settembre 2014, 06:52:17 pm da GPalermo1954 »
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #34 il: 16 Settembre 2014, 09:14:35 pm »
Capisco le tue dissertazioni, condividendole anche. Pero', se mi e' consentito, vorrei aggiugere,come ho gia'fatto altrove, che qualunque giocatore o qualunque uomo , in qualsiasi attivita' ,vanno visti e giudicati nel loro contesto....se una azienda e' efficiente e  ricava utile vuol dire che i meccanismi che la regolano funzionano perche' ognuno nel sistema concorre  a renderla efficiente e migliorabile....diversamente se il sistema nel suo insieme e' carente perche' i meccanismi non sono sincroni ,non e' il singolo ma  l'intero sistema che non funziona...poi nel caso specifico mi pare che concorrono altri fatti che ne hanno pregiudicato il suo mancato recupero.

Le critiche sono piovute su molti calciatori. Sono stati sottolineati gli errori individuali di Spolli, è stata notata la fumosità di Castro, il costante ritardo di Leto (al di là dell'infortunio, che è sempre più lontano) ed è stato notato che molti giocatori, non pochi, fanno puntualmente gli stessi errori. Abbiamo solo due ipotesi, o considerarli definitivamente dei brocchi o lamentarci delle pessime prestazioni, sperando che rendano al più presto.

Io credo che il pubblico abbia avuto una temporanea delusione nel constatare che i giocatori che hanno deluso lo scorso anno, siano gli stessi che stanno deludendo quest'anno; e il metro di giudizio è sotto gli occhi di tutti, perché quest'anno c'è il contrasto con le buone prestazioni e il buon rendimento iniziale da parte dei nuovi (Rosina, Martinho, Calaiò) e dei soliti vecchi (Rinaudo).

Maran e Di Canio ricevettero delle critiche, Cosentino riceve delle critiche, Pellegrino ha ricevuto delle critiche e i giocatori ricevono le loro critiche.

C'è chi si diverte a criticare, a me invece non piace. Il sistema non sta funzionando e non è il caso di prendersela con il singolo, ma è anche vero che la differenza trai giocatori è evidente, alcuni sembrano in grado di rendere e altri sembra che continuino a girare a vuoto.

Ad ogni modo, vediamola come una fase di passaggio e puntiamo sul nuovo allenatore.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3910
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #35 il: 16 Settembre 2014, 09:24:25 pm »
Mi è arrivata la risposta ufficiale della Lega di serie B: Il Codice di Autoregolamentazione è, in effetti, un documento ad esclusivo uso dei Club.
Cordiali saluti.

Alla faccia della trasparenza! >:(
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2453
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #36 il: 16 Settembre 2014, 10:08:57 pm »

....ma è anche vero che la differenza trai giocatori è evidente, alcuni sembrano in grado di rendere e altri sembra che continuino a girare a vuoto.

Ad ogni modo, vediamola come una fase di passaggio e puntiamo sul nuovo allenatore.

Il problema è che a questi giocatori non ci sono alternative. Quindi possiamo solo sperare che il sistema inizi a funzionare e che il nuovo allenatore porti tutta la squadra ad un livello uniforme di rendimento.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 3130
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
  • La continuità nella discontinuità
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #37 il: 16 Settembre 2014, 10:31:18 pm »
Casorezzo (MI), 16 Settembre 2014
Cari forensi,
mi sto convincendo che Sannino sia l'uomo giusto, perché solo una persona schietta e sicura di sé, appena giunta a Catania,  può rilasciare la seguente dichiarazione:Sono rimasto stupito da questa chiamata: l'ultima volta che sono entrato al Massimino c'era uno stadio pieno di "B": adesso il Catania è in B, quant'è strana la vita eh?. Mi piace chi non si dà pena di accattivarsi la piazza ad ogni costo. Molto meglio così. Cordialmente,
Marco Tullio
Nuovo Catania, nuovo nome

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5536
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #38 il: 17 Settembre 2014, 09:02:04 am »
Trovo scandaloso che Leto  non sia stato multato dopo la sceneggiata di sabato. Una palese mancanza di rispetto nei confronti di...tutti, specialmente perché non è la prima volta. Roba da rescissione del contratto, visto l'inconsistenza del suo contributo alla causa da quando è qui.
Ma fa parte della scuderia dell'AD e quindi può permetterselo.
Ecco perché non sono ottimista.

P.S.: "multo chi non si impegna, non chi si arrabbia".
Allora non hai che l'imbarazzo della scelta.

« Ultima modifica: 17 Settembre 2014, 09:28:13 am da bua »

Offline U mastru

  • Utente
  • *****
  • Post: 1778
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #39 il: 17 Settembre 2014, 09:18:14 am »
Trovo scandaloso che Leto  non sia stato multato dopo la sceneggiata di sabato. Una palese mancanza di rispetto nei confronti di...tutti, specialmente perché non è la prima volta. Roba da rescissione del contratto, visto l'inconsistenza del suo contributo alla causa da quando è qui.
Ma fa parte della scuderia dell'AD e quindi può permetterselo.
Ecco perché non sono ottimista.

Ps.S.: "multo chi non si impegna, non chi si arrabbia".
Allora non hai che l'imbarazzo della scelta.
=D> =D> =D> =D> =D>
"U Mastru"

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5536
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #40 il: 17 Settembre 2014, 09:40:42 am »
Trovo scandaloso che Leto  non sia stato multato dopo la sceneggiata di sabato. Una palese mancanza di rispetto nei confronti di...tutti, specialmente perché non è la prima volta. Roba da rescissione del contratto, visto l'inconsistenza del suo contributo alla causa da quando è qui.
Ma fa parte della scuderia dell'AD e quindi può permetterselo.
Ecco perché non sono ottimista.

Ps.S.: "multo chi non si impegna, non chi si arrabbia".
Allora non hai che l'imbarazzo della scelta.
=D> =D> =D> =D> =D>
"U Mastru"

Non riesco a non accanirmi perché Leto mi pare l'equivalente moderno del Fresi del 2005.
Solo che Fresi è stato cacciato alla prima sessione utile, mentre Leto mantiene le stimmate del campione inesploso da aspettare.

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #41 il: 17 Settembre 2014, 10:50:46 am »
Trovo scandaloso che Leto  non sia stato multato dopo la sceneggiata di sabato. Una palese mancanza di rispetto nei confronti di...tutti, specialmente perché non è la prima volta. Roba da rescissione del contratto, visto l'inconsistenza del suo contributo alla causa da quando è qui.
Ma fa parte della scuderia dell'AD e quindi può permetterselo.
Ecco perché non sono ottimista.

Ps.S.: "multo chi non si impegna, non chi si arrabbia".
Allora non hai che l'imbarazzo della scelta.
=D> =D> =D> =D> =D>
"U Mastru"

Non riesco a non accanirmi perché Leto mi pare l'equivalente moderno del Fresi del 2005.
Solo che Fresi è stato cacciato alla prima sessione utile, mentre Leto mantiene le stimmate del campione inesploso da aspettare.

un paragone che non c'entra per niente...scusa, ma non ti sembra di esagere? Le cose vanno male,e' evidente ed e' sotto gli occhi di tutti. Vuol dire anche che le colpe sono molteplici e il tutto va rivisto, ma senza sparare nel mucchio o prendere a prestesto un fatto che esula dal risultato della partita e/o dal rendimento di tutto il gruppo....ma secondo te, un giocatore che viene sostituito dopo appena cinque minutï dall'inizio del secondo tempo ,come doveva reagire di fronte all'errore e all'inadeguatezza della decisione del suo allenatore? Ti ricordo, tra l'altro che prima della sostituzione non era stato tra i peggiori, anzi.
Ora puntare il dito ancora su Cosentino  perche' ha voluto riportare il gesto nell'ambito di una normale reazione nervosa di fronte a un errore palese del suo allenatore  da parte tua e di quelli che la pensano alla stessa maniera mi pare eccessivamente pretestuoso.
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5536
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #42 il: 17 Settembre 2014, 11:03:32 am »
Trovo scandaloso che Leto  non sia stato multato dopo la sceneggiata di sabato. Una palese mancanza di rispetto nei confronti di...tutti, specialmente perché non è la prima volta. Roba da rescissione del contratto, visto l'inconsistenza del suo contributo alla causa da quando è qui.
Ma fa parte della scuderia dell'AD e quindi può permetterselo.
Ecco perché non sono ottimista.

Ps.S.: "multo chi non si impegna, non chi si arrabbia".
Allora non hai che l'imbarazzo della scelta.
=D> =D> =D> =D> =D>
"U Mastru"

Non riesco a non accanirmi perché Leto mi pare l'equivalente moderno del Fresi del 2005.
Solo che Fresi è stato cacciato alla prima sessione utile, mentre Leto mantiene le stimmate del campione inesploso da aspettare.

un paragone che non c'entra per niente...scusa, ma non ti sembra di esagere? Le cose vanno male,e' evidente ed e' sotto gli occhi di tutti. Vuol dire anche che le colpe sono molteplici e il tutto va rivisto, ma senza sparare nel mucchio o prendere a prestesto un fatto che esula dal risultato della partita e/o dal rendimento di tutto il gruppo....ma secondo te, un giocatore che viene sostituito dopo appena cinque minutï dall'inizio del secondo tempo ,come doveva reagire di fronte all'errore e all'inadeguatezza della decisione del suo allenatore? Ti ricordo, tra l'altro che prima della sostituzione non era stato tra i peggiori, anzi.
Ora puntare il dito ancora su Cosentino  perche' ha voluto riportare il gesto nell'ambito di una normale reazione nervosa di fronte a un errore palese del suo allenatore  da parte tua e di quelli che la pensano alla stessa maniera mi pare eccessivamente pretestuoso.

Non è la prima volta. Pre me va multato, come minimo.
Come dice Ferguson se c'è qualcuno che pensa di stare sopra l'allenatore la squadra è finita.
Ergo il tecnico va rispettato in ogni caso.
Evidentemente la dirigenza non ci credeva più.
Varrebbe anche se fossimo a punteggio pieno.

Offline MALATO PO CATANIA

  • Utente
  • ****
  • Post: 941
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #43 il: 17 Settembre 2014, 11:53:03 am »
Permettimi ma questa è dietrologia bella e buona.....
Nessuno conosce determinate dinamiche ed i motivi del gesto di Leto e comunque, queste sono cose che lasciano il tempo che trovano...
La situazione in casa Catania è particolare e non tutti la sanno gestire allo stesso modo.
A mio avviso Leto è patrimonio in cui credere e scommettere; è un giocatore importante che non sta attraversando un buon periodo e va supportato, non demolito...
In tutti i casi un giocatore che s'incazza dopo una sostituzione è sicuramente uno che ha voglia di restare in campo. E questo è già tanto...
Trovo molto più scorretto il pressapochismo di Spolli in queste prime tre partite che il suo gesto ..
L'errore più grande che una società potesse commettere sarebbe quello di gestire i propri tesserati tenendo conto dell'umore della piazza.
Sul fatto che poi il ragazzo non abbia reso, vorrei farvi notare che lo stesso è stato impiegato in diversi ruoli e spesso come sostituto.
Io sono del parere che non appena troverà un tecnico che lo impieghi per le sue caratteristiche darà il suo prezioso contributo..
Ricordiamoci di gente come Vargas e Martinez....

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2453
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #44 il: 17 Settembre 2014, 12:49:06 pm »
Non ho mai creduto alle multe come collante di una squadra. Esse al massimo possono sottolineare un errore, un comportamento sbagliato. In ogni caso, chi gestisce una squadra deve mettere ben in chiaro le regole, anche comportamentali e lo deve fare da subito, senza ammettere eccezioni. Altrimenti si corre il rischio di fare quella min.chiata del Codice Etico prandelliano. Nel Catania questo percorso é stato fatto? Non lo sappiamo.

In ogni caso, quando una squadra condivide un progetto tecnico-tattico (ciò che la tiene insieme e la rende vincente), ciascuno é in grado di autovalutarsi, di giudicare da sé stesso se il proprio apporto sia stato quello previsto nelle varie situazioni di gioco o se vi sia stato un vuoto colpevole che ha messo in difficoltá tutti gli altri compagni. Un allenatore di polso e carismatico riesce ad inculcare tutto ciò nei suoi calciatori. E le amichevoli pre-campionato servono soprattutto a questo.
In ciò il Catania é fin quì mancato ed inaugurare l'era Sannino suggerendo/anticipando le regole che egli dovrá condividere con la squadra non sarebbe un buon inizio.