Autore Topic: Da Pellegrino a Sannino  (Letto 15407 volte)

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #15 il: 16 Settembre 2014, 01:11:34 am »
Citazione
Non mi fa impazzire, ho un ricordo pregresso di lui che me lo rende poco simpatico e dunque altro non aggiungo.

In taluni casi meglio essere antipatici, che essere "piacioni".




Antipatico? Magari!

Sono un estimatore di colui che è considerato il più antipatico, parlo di José Mourinho, che a me risulta molto simpatico, per la capacità di vincere le partite soprattutto fuori dal campo, contro l'ipocrisia, le frasi fatte e le critiche banali.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #16 il: 16 Settembre 2014, 01:16:40 am »
Il cambio di un allenatore é sempre una sconfitta non solo per l'allenatore esonerato, ma anche per la societá che lo ha scelto. Il cambio interrompe quella che, come giustamente sottolineato da Nelson, é la base di una gestione sportiva: la programmazione,  che coinvolge più attori: societá, allenatore, preparatore atletico, giocatori. Due mesi di lavoro andati in fumo visto che ora si deve riprendere tutto daccapo, quanto meno la parte che riguarda l'allenatore, i giocatori e, forse, il preparatore atletico.

Non so, e credo nessuno possa sapere a-priori, se Sannino é l'allenatore giusto per risolvere i problemi del Catania. Quello che per ora si può dire é che da un anno la societá non riesce ad operare in "sintonia" con un tecnico che riesca a far rendere la squadra per quella che vale. Perché, così come l'anno scorso il tasso tecnico sulla carta del Catania non era da retrocessione, ma tutto l'anno é trascorso ad inseguire la speranza di ritrovare la squadra arcigna e battagliera degli anni scorsi, anche quest'anno, nonostante alcune carenze in certi ruoli, il Catania sulla carta é una squadra d'alta classifica. E così é vista da tutti gli osservatori esterni. Poi, però, all'interno accade qualcosa che annulla tutto il potenziale tecnico della squadra. Questo qualcosa nessun allenatore é riuscito ad individuarlo e correggerlo. Nenche Pellegrino, che nelle ultime partite dello scorso campionato sembrava aver trovato il bandolo della matassa (ciò che forse ha determinato veramente la sua riconferma).

I dubbi sulla scelta di Sannino stanno tutti quì. Se  riuscirá dove i suoi colleghi hanno fallito sará l'allenatore giusto per una squadra d'alta classifica. Altrimenti continueremo a cercare il motivo per cui altre realtá sportive, meno attrezzate, riescono ad ottenere i risultati che il Catania continua ad inseguire come una chimera.

Straquoto.

E mi sono persino stufato di quotarti sempre.

Oltretutto, mi soffermo su ciò che ho evidenziato in grassetto.

Quei risultati raggiunti da squadre meno attrezzate, sono i medesimi risultati che raggiungevamo noi qualche anno fa, mentre altre squadre inseguivano la chimera.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #17 il: 16 Settembre 2014, 05:16:17 am »
speriamo che sannino faccia giocare l'unico regista presente in rosa.

federico moretti.

Moretti è stato ceduto al Vicenza.

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #18 il: 16 Settembre 2014, 09:37:47 am »

Ma per avere credibilita' ai miei occhi ci sono alcune cose che mi aspetto, da lui.
La prima mossa che dovrebbe ESIGERE e' mettere fuori rosa Leto.
Quindi, quindi dovrebbe escludere dalle convocazioni della prossima partita i seguenti giocatori: Castro, Monzon, Almiron.


 8-) :-D ...si, Marco...appoi in campo scinnemu ju e tu, chi dici!?  :-D

Certe scelte, semmai, andavano fatte a giugno...non ora...che non hai come sostituirli...adesso i giocatori si deve tentare di recuperali...altrimenti si fa come la mi.nchi.ata di cedere Federico Moretti in un centrocampo con gli uomini contati e prima che Sannino lo abbia valutato...

Ma poi Almiron, picchì!?...chi ti fici!?...i suoi sono solo problemi fisici, non mi risulta altro!?...

Va bè...faccio i miei migliori in bocca al lupo a mr. Sannino per il lavoro che lo attende...e altrattanto faccio con Maurizio Pellegrino, per cui cui nutrivo qualche remora...ma, per come intendo io il ruolo del tifoso, andava sostenuto...anche perchè speravo che il Dio del calcio, come spesse volte ha fatto con gente che all'apparenza non aveva ne arte e ne parte, gli desse una mano a svoltare la propria carriera...

Ciao

 
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #19 il: 16 Settembre 2014, 10:13:06 am »


...si, Marco...appoi in campo scinnemu ju e tu, chi dici!?

Dovessimo giocare al posto di un isterico recidivo e un infortunato cronico..faremmo la nostra figura Dario.
Dovessimo giocare al posto di un ala che non punta e non salta l'uomo o un "terzino" che si fa saltare sempre..

Ri faremmo la nostra figura Dario.

Sulla simpatia e antipatia..

Una piccola precisazione, per Nelson...

Capello a volte e' antipatico
Mourinho non e' antipatico.
E' SCORRETTO.
Gioca la partita fuori dal campo..

E vivaddio..FINALMENTE lo hanno capito un po' tutti, un sentito grazie a Pep Guardiola che gli ha scoperto il gioco.

Sannino a me sta benissimo per questa categoria...E non mi deve essere simpatico.. Non mi interessano i piacioni...Mi interessa chi prende queste SCAMORZE e li fa diventare una squadra..
Sperando glielo consentano..

Intelligenti pauca.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2456
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #20 il: 16 Settembre 2014, 10:32:29 am »
speriamo che sannino faccia giocare l'unico regista presente in rosa.

federico moretti.

Moretti è stato ceduto al Vicenza.

O non é stato giudicato all'altezza di giocare nel Catania nella serie cadetta, oppure i vari Escalante, Piermateri sono considerati superiori e in grado di coprire lo stesso ruolo. Del resto sono stati presi per giocare e per "lanciarli".

Io spero solo che Almirom risolva i suoi problemi fisici definitivamente e, con Sannino, ritrovi anche il piacere di giocare e di vincere.

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1959
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #21 il: 16 Settembre 2014, 10:33:24 am »
speriamo che sannino faccia giocare l'unico regista presente in rosa.

federico moretti.

Moretti è stato ceduto al Vicenza.

Si...e tra l'altro mi pare di aver capito che il Catania sta pagando parte del suo stipendio!...pero' abbiamo Calello!

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #22 il: 16 Settembre 2014, 01:47:08 pm »
Da Pellegrino a Sannino... cosa cambia?
Potrebbe cambiare tutto.
Potrebbe non cambiare nulla.
Sannino è il quinto allenatore in un anno... e ad oggi, nulla è cambiato.
Mi chiedo il perchè. Chiediamoci perchè.
Facendo un po' di ordine in tutto ciò che è accaduto ad oggi, abbiamo riconfermato calciatori che l' anno scorso hanno deluso ( Peruzzi, Monzon, Leto, Spolli, in parte Frison, che non aveva voglia di andare in B).
Abbiamo ceduto Lopez, meno male, perchè da noi era demotivato, Izco  (ottima plusvalenza), Bellusci, Barrientos, Bergessio, Lodi.
Fermo restando che la società ha i buoni motivi per cedere e acquistare, l' uno o l' altro, la cosa che non mi quadra è la programmazione nello sviluppo del gioco della formazione titolare.
E, qui, entrano in ballo molteplici fattori: le plusvalenze, gli accordi con altri club (...gli accordi che non si scrivono) la volontà degli atleti, i procuratori, l' ingaggio offerto....
ma, rimane una costante valida in tutte le società e le compagini: l' "ossatura" della squadra deve rimanere, se tieni i vecchi, oppure riparti da zero, acquistando con criterio "costruttivo"... o ti sogni la risalita, il cambio di serie.
Una delle cose che, è veramente incomprensibile, è la cessione di Lodi.
Simpatia o antipatia a parte. Solo ragionamento.
Da che mondo è mondo, nel calcio devi legare i reparti.
Abbiamo Rinaudo, ottimo elemento per grinta, tenacia e interdizione... non ha però i piedi fini dei lanci e del gioco ad un tocco, determinante per innescare la velocità. Rinaudo non può giocare in avanti, ma in posizione arretrata in centrocampo (deve fare quello che una volta faceva egregiamente Carboni, ma con tanta classe in più, che possiede).
Lodi, o chi per lui, diventa determinante, nel ruolo.
Rinaudo doveva coordinarsi con Lodi, più avanzato, che doveva innescare le fasce (Peruzzi o Monzon, visto che li abbiamo tenuti), le mezze punte (Rosina e Martinho) o servire direttamente la punta (Calaiò). Da qui è necessaria l' impostazione di difesa che, per questo motivo, doveva essere fatta da 3 difensori.
Perchè questo mio ragionamento?
Abbiamo ceduto Izco, che dava l' equilibrio necessario per giocare con il 4-3-3. Punto.
Non c' è da trovare alchimie. Il calcio oggi non è improvvisazione. Le regole tattiche sono conosciute da tutti e tutti si preoccupano di disinnescare le startegie degli avversari.
Quindi, se non hai gli uomini giusti, è inutile parlare di DNA da 4-3-3. In più, non abbiamo Bergessio, che da solo si trascinava 3 difensori, lasciando spazio a chi arrivava a rimorchio.
Occorreva cambiare strategia e Lodi, per come distribuiva il gioco ( e continua a distribuirlo a Parma) era pedina fondamentale per legare i reparti, dare le ripartenze e mettere in difficoltà le difese e le manovre avversarie... dovevano stare attenti a Lodi... o lo bloccavano con due uomini, per non farlo muovere, o rischiavano.
Hanno ceduto Lodi... e con chi lo hanno sostituito?
Quindi, strategicamente, togli Izco, per la plusvalenza, non compri nessuno per equilibrare l' assetto (Crapek non è ancora in grado, e ricordiamoci quanto tempo è stato necessario per far arrivare Izco a fare da equilibrista affidabile nel gruppo) e salti il 4-3-3; togli Lodi e non hai più il "legante" fra i reparti che permette altri moduli, e non prendi nessuno che sia in grado di fare quel lavoro, e poi, si lamentano di mancanza di equilibrio, di legame e di costruzione??? 8|
O sono sprovveduti o non conoscono le elementari regole del calcio... Pellegrino, in più, ha commesso errori imperdonabili, per formazioni, sostituzioni e costruzione dei fondamentali di gioco e la frittata è fatta.
Sannino?
Riuscirà ad impostare qualcosa con gli uomini che abbiamo, che ci permetta di fare il salto di categoria?
Me lo auguro, perchè, il fatto fondamentale è che noi dobbiamo risalire,ripeto, non dobbiamo fare un buon piazzamento in campionato. Perchè siamo in B, non in serie A.

#STAMUAVVULANNU!

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3910
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #23 il: 16 Settembre 2014, 02:04:37 pm »
speriamo che sannino faccia giocare l'unico regista presente in rosa.

federico moretti.

Moretti è stato ceduto al Vicenza.

Si...e tra l'altro mi pare di aver capito che il Catania sta pagando parte del suo stipendio!...pero' abbiamo Calello!

Se permettete, per quel che mi è possibile, cerco di fare un pò di chiarezza sulla questione Moretti, premettendo che nella mia ricostruzione normativa, pur avendo alla base documenti ufficiali, ci possano essere delle imprecisioni, penso lievi, perchè non essendo riuscito a mettere le mani sul Codice di Autoregolamentazione che si son date le società di serie B, devo fidarmi di quello che si riesce a trovare sul web, da altre fonti ritenute affidabili.

Moretti è stato ceduto, perchè DOVEVA essere ceduto, in quanto, a questo punto della stagione, non POTEVA essere utilizzato dato che non era stato inserito nella lista degli Over 21. Per lo stesso motivo, fino a gennaio, non potrà essere utilizzato Terracciano che, per consentire il tesseramento di Anania non è stato inserito in lista.

Per la stagione in corso, il Codice di Autoregolamentazione, prevede che le rose possano essere composte da 20 over, di cui due cosiddetti giocatori "bandiera" con quattro anni di tesseramento nella società, nel nostro caso Capuano e Spolli, gli unici tra i vecchi che possedevano questo requisito, e da un numero libero di under 21 (nati dall'anno 1993 in poi).

Questi nominativi dovevano essere inseriti in una lista che andava consegnata nei primi giorni di settembre (non conosco la data precisa) e da quel momento loro e solo loro potevano essere schierati. A gennaio queste liste potranno essere liberamente ricompilate, sempre nel  rispetto del numero massimo di over 21 consentiti.

A questo punto Moretti e Sciacca, e fino ad un certo momento anche Cani, avrebbero potuto allenarsi con gli altri ma non giocare ecco perché con Sciacca, che non aveva mercato, è stata scelta la risoluzione consensuale, mentre Moretti è stato ceduto al Vicenza, ed in quest'ottica non mi meraviglia che il Catania debba pagargli parte dell'ingaggio in quanto il favore è reciproco. La cosa fa comprendere anche il mancato utilizzo dei tre nel precampionato.

Alla luce di quanto sopra, in questo momento la società può solo tagliare giocatori, ma non inserirne altri seppur svincolati fino a gennaio, sicuramente per quanto riguarda gli over 21, mentre qualche dubbio, non suffragato da nulla, se non dalla logica, però avrei che la stessa rigidità si applichi agli under 21, sia già tesserati della società, sia svincolati.
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #24 il: 16 Settembre 2014, 02:13:00 pm »

Se permettete, per quel che mi è possibile, cerco di fare un pò di chiarezza sulla questione Moretti, premettendo che nella mia ricostruzione normativa, pur avendo alla base documenti ufficiali, ci possano essere delle imprecisioni, penso lievi, perchè non essendo riuscito a mettere le mani sul Codice di Autoregolamentazione che si son date le società di serie B, devo fidarmi di quello che si riesce a trovare sul web, da altre fonti ritenute affidabili.

Moretti è stato ceduto, perchè DOVEVA essere ceduto, in quanto, a questo punto della stagione, non POTEVA essere utilizzato dato che non era stato inserito nella lista degli Over 21. Per lo stesso motivo, fino a gennaio, non potrà essere utilizzato Terracciano che, per consentire il tesseramento di Anania non è stato inserito in lista.

Per la stagione in corso, il Codice di Autoregolamentazione, prevede che le rose possano essere composte da 20 over, di cui due cosiddetti giocatori "bandiera" con quattro anni di tesseramento nella società, nel nostro caso Capuano e Spolli, gli unici tra i vecchi che possedevano questo requisito, e da un numero libero di under 21 (nati dall'anno 1993 in poi).

Questi nominativi dovevano essere inseriti in una lista che andava consegnata nei primi giorni di settembre (non conosco la data precisa) e da quel momento loro e solo loro potevano essere schierati. A gennaio queste liste potranno essere liberamente ricompilate, sempre nel  rispetto del numero massimo di over 21 consentiti.

A questo punto Moretti e Sciacca, e fino ad un certo momento anche Cani, avrebbero potuto allenarsi con gli altri ma non giocare ecco perché con Sciacca, che non aveva mercato, è stata scelta la risoluzione consensuale, mentre Moretti è stato ceduto al Vicenza, ed in quest'ottica non mi meraviglia che il Catania debba pagargli parte dell'ingaggio in quanto il favore è reciproco. La cosa fa comprendere anche il mancato utilizzo dei tre nel precampionato.

Alla luce di quanto sopra, in questo momento la società può solo tagliare giocatori, ma non inserirne altri seppur svincolati fino a gennaio, sicuramente per quanto riguarda gli over 21, mentre qualche dubbio, non suffragato da nulla, se non dalla logica, però avrei che la stessa rigidità si applichi agli under 21, sia già tesserati della società, sia svincolati.

Ah...ok Aldo...non lo sapevo...ti ringrazio per la precisazione...allora ritiro la "mi.nch.iata" della cessione  :-D

Giò...io Calello non lo sottovaluerei...vediamo fra qualche partita e poi parliamo  ;-)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #25 il: 16 Settembre 2014, 02:40:55 pm »
Scusate

Ma Escalante ,Garufi,Calello e Chrapek chi vi ficiunu?ppi quali motivo non dovrebbe essere ottimi centrocampisti?


aaaaa veru....per 2 partite cosi e cosi'.

Capito

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1959
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #26 il: 16 Settembre 2014, 02:42:51 pm »

Se permettete, per quel che mi è possibile, cerco di fare un pò di chiarezza sulla questione Moretti, premettendo che nella mia ricostruzione normativa, pur avendo alla base documenti ufficiali, ci possano essere delle imprecisioni, penso lievi, perchè non essendo riuscito a mettere le mani sul Codice di Autoregolamentazione che si son date le società di serie B, devo fidarmi di quello che si riesce a trovare sul web, da altre fonti ritenute affidabili.

Moretti è stato ceduto, perchè DOVEVA essere ceduto, in quanto, a questo punto della stagione, non POTEVA essere utilizzato dato che non era stato inserito nella lista degli Over 21. Per lo stesso motivo, fino a gennaio, non potrà essere utilizzato Terracciano che, per consentire il tesseramento di Anania non è stato inserito in lista.

Per la stagione in corso, il Codice di Autoregolamentazione, prevede che le rose possano essere composte da 20 over, di cui due cosiddetti giocatori "bandiera" con quattro anni di tesseramento nella società, nel nostro caso Capuano e Spolli, gli unici tra i vecchi che possedevano questo requisito, e da un numero libero di under 21 (nati dall'anno 1993 in poi).

Questi nominativi dovevano essere inseriti in una lista che andava consegnata nei primi giorni di settembre (non conosco la data precisa) e da quel momento loro e solo loro potevano essere schierati. A gennaio queste liste potranno essere liberamente ricompilate, sempre nel  rispetto del numero massimo di over 21 consentiti.

A questo punto Moretti e Sciacca, e fino ad un certo momento anche Cani, avrebbero potuto allenarsi con gli altri ma non giocare ecco perché con Sciacca, che non aveva mercato, è stata scelta la risoluzione consensuale, mentre Moretti è stato ceduto al Vicenza, ed in quest'ottica non mi meraviglia che il Catania debba pagargli parte dell'ingaggio in quanto il favore è reciproco. La cosa fa comprendere anche il mancato utilizzo dei tre nel precampionato.

Alla luce di quanto sopra, in questo momento la società può solo tagliare giocatori, ma non inserirne altri seppur svincolati fino a gennaio, sicuramente per quanto riguarda gli over 21, mentre qualche dubbio, non suffragato da nulla, se non dalla logica, però avrei che la stessa rigidità si applichi agli under 21, sia già tesserati della società, sia svincolati.

Ah...ok Aldo...non lo sapevo...ti ringrazio per la precisazione...allora ritiro la "mi.nch.iata" della cessione  :-D

Giò...io Calello non lo sottovaluerei...vediamo fra qualche partita e poi parliamo  ;-)

GAS..ma tu pensi che non sarei felice se uscisse fuori un gran bel giocatore?
Pero' mi domando perche' la societa' a monte, cioe' prima di questa data fatidica delle liste, non abbia scelto uno come Moretti gia' patrimonio sociale e invece preso uno che non giocava da un bel po'...mi domando se in queste scelte ci sia una visione tecnica...una scommessa convinta sul giocatore oppure solo interessi legati ad altri affari...come temo.

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #27 il: 16 Settembre 2014, 04:27:51 pm »
[quote author=marco-69 link=topic=4845.msg80256#msg80256 date=1410817701

Gippi...

Sannino non e' un kantro se Leto non finisce fuori rosa...
Il Kantro e' chi, dopo la recidiva, preferisce ignorare il comportamento del Johnny Depp de noantri..

Ma questo lo scrivo da vieto moralista.. ;-)
[/quote]  Marco.... il discorso voleva avere una visione piu' ampia e non riguardava solo te, per carita', me ne guarderei bene...ma volevo far notare che ormai un personaggio inflazionato come Cosentino non fa piu' notizia, mentre dare in pasto alla folla e puntare l'attenzione su altri fa glamour, fa odeon....
Ho seguito la nuova trasmissione  Sicilia sport game over su Telecolor e ti posso assicurare che il maggiore picco di ascolto e' giunto quando Patane', e tu sai quanto io stimo questo u8mo, ha chiesto a gran voce alla societa' di prendere oprovvedimenti con esclusione immediata dalla rosa....una filippica senza eguali e un altrettanto successo rimarcato da sscroscianti applausi e attestati di consenso di tutti i convenuti....
Chiaro che ognuno e' libero di pensarla come vuole.....ma ti pare normale che ,passati appena cinque minuti del secondo tempo , venga sostituito con l'uomo che finora ha deluso piu' di tutti?....Pellegrino, dispiace dirlo , ma se l'e' proprio andata a cercare.....
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #28 il: 16 Settembre 2014, 04:48:14 pm »
Il cambio di un allenatore é sempre una sconfitta non solo per l'allenatore esonerato, ma anche per la societá che lo ha scelto. Il cambio interrompe quella che, come giustamente sottolineato da Nelson, é la base di una gestione sportiva: la programmazione,  che coinvolge più attori: societá, allenatore, preparatore atletico, giocatori. Due mesi di lavoro andati in fumo visto che ora si deve riprendere tutto daccapo, quanto meno la parte che riguarda l'allenatore, i giocatori e, forse, il preparatore atletico.

Non so, e credo nessuno possa sapere a-priori, se Sannino é l'allenatore giusto per risolvere i problemi del Catania. Quello che per ora si può dire é che da un anno la societá non riesce ad operare in "sintonia" con un tecnico che riesca a far rendere la squadra per quella che vale. Perché, così come l'anno scorso il tasso tecnico sulla carta del Catania non era da retrocessione, ma tutto l'anno é trascorso ad inseguire la speranza di ritrovare la squadra arcigna e battagliera degli anni scorsi, anche quest'anno, nonostante alcune carenze in certi ruoli, il Catania sulla carta é una
squadra d'alta classifica. E così é vista da tutti gli osservatori esterni. Poi, però, all'interno accade qualcosa che
annulla tutto il potenziale tecnico della squadra. Questo qualcosa nessun allenatore é riuscito ad individuarlo e
correggerlo. Nenche Pellegrino, che nelle ultime partite dello scorso campionato sembrava aver trovato il bandolo
della matassa (ciò che forse ha determinato veramente la sua riconferma).
I dubbi sulla scelta di Sannino stanno tutti quì. Se  riuscirá dove i suoi colleghi hanno fallito sará l'allenatore giusto per una squadra d'alta classifica. Altrimenti continueremo a cercare il motivo per cui altre realtá sportive, meno attrezzate, riescono ad ottenere i risultati che il Catania continua ad inseguire come una chimera.

Quoto  =D>
Se mi e' consentito aggiungerei un elemento non da poco, da non trascurare , come la mancanza di un allenatore che agisse in tutta autonomia e che avesse anche un forte ascendente sui giocatori....i giocatori vanno gestiti
dall'allenatore piu' che dalla sociefta', la quale,pero', deve dare appoggio incondizionato e sostenere tutti i provvedimenti tecnici e disciplicari che eventualmente dovessero riguardare l'organico a lui affidato.

Ricordi che fino a qualche lustro fa qualche allenatore andava in giro a controllare la vita notturna dei suoi giocatori?
« Ultima modifica: 16 Settembre 2014, 04:58:01 pm da GPalermo1954 »
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Da Pellegrino a Sannino
« Risposta #29 il: 16 Settembre 2014, 05:18:11 pm »
Da Pellegrino a Sannino... cosa cambia?
Potrebbe cambiare tutto.
Potrebbe non cambiare nulla.
Sannino è il quinto allenatore in un anno... e ad oggi, nulla è cambiato.
Mi chiedo il perchè. Chiediamoci perchè.
Facendo un po' di ordine in tutto ciò che è accaduto ad oggi, abbiamo riconfermato calciatori che l' anno scorso hanno deluso ( Peruzzi, Monzon, Leto, Spolli, in parte Frison, che non aveva voglia di andare in B).
Abbiamo ceduto Lopez, meno male, perchè da noi era demotivato, Izco  (ottima plusvalenza), Bellusci, Barrientos, Bergessio, Lodi.
Fermo restando che la società ha i buoni motivi per cedere e acquistare, l' uno o l' altro, la cosa che non mi quadra è la programmazione nello sviluppo del gioco della formazione titolare.
E, qui, entrano in ballo molteplici fattori: le plusvalenze, gli accordi con altri club (...gli accordi che non si scrivono) la volontà degli atleti, i procuratori, l' ingaggio offerto....
ma, rimane una costante valida in tutte le società e le compagini: l' "ossatura" della squadra deve rimanere, se tieni i vecchi, oppure riparti da zero, acquistando con criterio "costruttivo"... o ti sogni la risalita, il cambio di serie.
Una delle cose che, è veramente incomprensibile, è la cessione di Lodi.
Simpatia o antipatia a parte. Solo ragionamento.
Da che mondo è mondo, nel calcio devi legare i reparti.
Abbiamo Rinaudo, ottimo elemento per grinta, tenacia e interdizione... non ha però i piedi fini dei lanci e del gioco ad un tocco, determinante per innescare la velocità. Rinaudo non può giocare in avanti, ma in posizione arretrata in centrocampo (deve fare quello che una volta faceva egregiamente Carboni, ma con tanta classe in più, che possiede). 
Lodi, o chi per lui, diventa determinante, nel ruolo.
Rinaudo doveva coordinarsi con Lodi, più avanzato, che doveva innescare le fasce (Peruzzi o Monzon, visto che li abbiamo tenuti), le mezze punte (Rosina e Martinho) o servire direttamente la punta (Calaiò). Da qui è necessaria l' impostazione di difesa che, per questo motivo, doveva essere fatta da 3 difensori.
Perchè questo mio ragionamento?
Abbiamo ceduto Izco, che dava l' equilibrio necessario per giocare con il 4-3-3. Punto.
Non c' è da trovare alchimie. Il calcio oggi non è improvvisazione. Le regole tattiche sono conosciute da tutti e tutti si preoccupano di disinnescare le startegie degli avversari.
Quindi, se non hai gli uomini giusti, è inutile parlare di DNA da 4-3-3. In più, non abbiamo Bergessio, che da solo si trascinava 3 difensori, lasciando spazio a chi arrivava a rimorchio.
Occorreva cambiare strategia e Lodi, per come distribuiva il gioco ( e continua a distribuirlo a Parma) era pedina fondamentale per legare i reparti, dare le ripartenze e mettere in difficoltà le difese e le manovre avversarie... dovevano stare attenti a Lodi... o lo bloccavano con due uomini, per non farlo muovere, o rischiavano.
Hanno ceduto Lodi... e con chi lo hanno sostituito?
Quindi, strategicamente, togli Izco, per la plusvalenza, non compri nessuno per equilibrare l' assetto (Crapek non è ancora in grado, e ricordiamoci quanto tempo è stato necessario per far arrivare Izco a fare da equilibrista affidabile nel gruppo) e salti il 4-3-3; togli Lodi e non hai più il "legante" fra i reparti che permette altri moduli, e non prendi nessuno che sia in grado di fare quel lavoro, e poi, si lamentano di mancanza di equilibrio, di legame e di costruzione??? 8|
O sono sprovveduti o non conoscono le elementari regole del calcio... Pellegrino, in più, ha commesso errori imperdonabili, per formazioni, sostituzioni e costruzione dei fondamentali di gioco e la frittata è fatta.
Sannino?
Riuscirà ad impostare qualcosa con gli uomini che abbiamo, che ci permetta di fare il salto di categoria?
Me lo auguro, perchè, il fatto fondamentale è che noi dobbiamo risalire,ripeto, non dobbiamo fare un buon piazzamento in campionato. Perchè siamo in B, non in serie A.
Catanisazzu, fai le d8mande a ccui tu rispondi....aggiungo che Lodi e' andato via per smontare il finto alibi di una presunta , ma mai dimostrata, incompatibilita' tra il giocatore e il suocompagno Rinaudo...pero' non e' arrivato un suo sostituto.
Si e' venduto Izco per una offerta irrinunciabile....pero' non e' arrivato il suo sostituto.
Si trattava Babacar e Pavoletti...pero' non e' arrivato nessuno.
Doveva arrivare Lazetic o Ragusa ....pero' non e' arrivato nessuno dei due.
Doveva arrivare un terzino destro....pero' non e' arrivato nessuno!!!!!!!
Pero', nonostante tutti questi pero', rimaniamo....sulla carta la squadra meglio attrezzata e l' unica cosa che mi posso augurare e' che si metta ordine in questa classifica e si ristabiliscano veramente i valori tra le squadre.
Questo DEVE FARE SANNINO.
CATANIA USQUE AD FINEM