Autore Topic: Consuntivo e ...il mio canto libero  (Letto 913 volte)

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Consuntivo e ...il mio canto libero
« il: 23 Maggio 2011, 12:32:28 am »
Chiusa felicemente,non senza patema d'animo,la pratica della permanenza nella massima serie ed a verdetti gia' emessi,mi pare opportuno tracciare un consuntivo del
campionato appena concluso.
Ormai lo sbollimento e' passato e superato e cosi', a mente serena e senza freni inibitori,
e' piu' facile fare una analisi su quello che e'stato e quello che poteva essere(la voce della societa').
La premessa,nota a tutti,e' che nel calcio quello che valeva un attimo prima non vale una pippa un attimo dopo e che la mutevolezza dei suoi eventi inficia spesso,fino a smentirle, le tesi sostenute prima.E' sicuro che la coerenza non la fa da padrona...ma a Catania e' una specialita' della casa ::) ::)
Sono infatti bastate appena quattro settimane per spazzare via ,come per effetto di un tornado,tutti i malumori e le critiche di cui sono stati oggetto squadra e societa' per far posto a lodi e  sperticamento di complimenti degni di una cortigiana da Basso Impero :$ :$Sino a qua lo capisco;d'altronde,come sempre avviene,le vittorie sono la panacea di tutti i mali ed e' l'unico sedativo capace di lenire le sconfitte patite prima.
Quello che invece non capisco e' il canto,il trionfo dei "sennopoisti"..ca comu i vaccareddi,dopo la pioggia nel canneto,escono allo scoperto(altra specialita della casa catanese) con "te lo avevo detto", " io avevo predetto tutto","ora dobbiamo fare questo"...e quell'altro...sempri co cu.lu di l'autri...tantu a mia cchi mi costa!..
Chiusa parentesi,vorrei porre all'attenzione un tema che e' stato il leitmotiv del campionato teste' conclusosi:problema allenatore.
Io,come credo la maggior parte dei tifosi,abbiamo salutato l'arrivo di Giampaolo sulla panchina del Catania con il cuore colmo di gioia ma soprattutto pieno di aspettative.
E' stato un forte segnale della societa' che voleva e doveva essere una operazione volta a migliorare ulteriormente irisultati in campionato.Ma ,come spesso accade nel calcio,dove due piu' due non sempre fa quattro e per i noti motivi,ci siamo ritrovati che a meta' campionato si e' ricorso al cambio dell'allenatore,che non porto' i miglioramenti tanto auspicati da societa' e tifosi ma piuttosto creo' un vespaio di critiche per i risultati che non arrivavano.Poi un colpo d'ala della squadra nelle ultime giornate,conseguente a una ferma e decisa presa di posizione del presidente,quando si presagiva il peggio, inanellando quattro risultati positivi,la salvano dal baratro consentendole di raggiungere l'agognata salvezza con due giornate di anticipo e stabilendo il record di punti nella storia del Catania in serie A.E che doveva fare di piu!!?...va bene cosi'..sono contento..veramente..mi auguro di poter continuare cosi' vita natural durante...
Molto,ma molto,accademicamente vanno pero' approfonditi i contenuti e idettagli della questione,concentrando anche l'attenzione sulle cause e sugli errori compiuti.
La societa' che meglio di tutti conosce le specificita' tecnico-fisiche e le capacita' caratteriali del gruppo giocatori,credo debba operare scelte mirate all'inserimento armonico dell'allenatore e degli impartimenti di schemi,di tattica e di impiego che lui propone appunto secondo una sua visione che e' gia' nota alla societa' che lo sceglie.
I fatti dicono che la squadra non ha saputo dare all'allenatore e a noi le risposte adeguate al caso in termine di carattere e personalita'.
I risultati dicono anche che c' e' stata una forte discrasia nella scelta della societa' con Giampaolo che poco si e' integrato nel gruppo e la conseguente mancata accettazione dei contenuti tecnico-tattici trasmessi dall'allenatore ai giocatori.
Di chi la colpa? Un po di tutto il sistema :infortuni,annata no di Lopez,scarso sostegno del tifo allo stadio,tessera del tifoso e cause a essa correlate and last but not least
mancanza di seri interventi a sostegno dell'allenatore osteggiato nello spogliatoio.
Ricordo a chi se ne fosse dimenticato che Atzori e' rimasto a Catania per 15 giornate pur racimolando la miseria di 9punti in classifica e che grazie alla fantastica illuminazione della societa' fu possibile sistemare la baracca.Non altrettanto hanno fatto con Giampaolo.
Un doppio errore della societa', prima averlo scelto(una squadra con carattestiche offensive non puoi affidarla a un un tattico "paranoico" dello schema di difesa) e poi averlo sostituito quando ancora ea0 in linea con gli obiettivi configurati ad inizio campionato.
Scorrendo nella mente le immagini del campionato teste' concluso mi sembra di aver seguito la tournee di una squadra argentina in giro a Catania e per l'Italia 8-) 8-)
All'anarchia tattica congenita degli argentini mettici il grande casino che porto' Simeone che,vuoi per problemi di ambientamento e,vuoi per sue carenze mi sembrava di assistere alla replica del campionato del mondo di Maradona:grande potenziale umano,grande confusione,pochi risultati e...meno male che Pietro c'e'....
Poteva andare meglio? non ci e' dato saperlo,ma presto volentieri il fianco ai vostri strali e alle smentite di chi volesse farlo.Ricordo che le vittorie,a volte nascono dagli errori,basta saperne fare uso.
Tener-a-mente,un abbraccio.   
   
CATANIA USQUE AD FINEM