Autore Topic: Autocritica  (Letto 18800 volte)

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« il: 06 Febbraio 2007, 03:54:58 pm »
I giorni passano. Il dolore resta, forte. Come il ricordo indelebile di una ragazzina a cui hanno tolto il padre, il "papino" come lo chiamava affettuosamente lei. Ho letto varie mail, alcune sensate, altre meno.
Alcune piene di solidarieta', altre gonfie di veleno e presunzione.

Le ho lette tutte.
Adesso a mente fredda provo a riannodare i fili. Abbiamo avuto un sogno per le mani. E' diventato un incubo. Perche'?

Provo a dare la mia idea. Abbiamo conquistato una triste fama: la tifoseria peggiore d'Italia, d'Europa, del mondo..
E' cosi'. Non v'e' traccia di ironia nel mio post. Sono convinto di quello che scrivo. Una tifoseria che vive di odio. Odio per tutti. Perche' la sua origine non e' il gioco del calcio. No. La sua origine e' l'immagine che in questi ultimi dieci anni si e' fatta del gioco del calcio. Quella dei media, quella dei vincenti, quella della assenza di regole, quella dello stadio inteso come porto franco.

Perche' questa degenerazione ha colpito la mia citta' in maniera cosi' forte? Perché?

Potrei rispondere che dopo i fatti di Messina, dopo la morte di Curro' anziche' fare un serio repulisti si e' preferito trincerarsi dietro formule vaghe e qualunquiste. Tutti. Io compreso.
Questi l'incipit. Un fatto di sangue atroce rimasto impunito. Li' avremmo dovuto ribellarci. Prendere coscienza che una fetta consistente della nostra societa' aveva trovato nello stadio e nel calcio un modo sicuro di sfogo per i propri istinti.

Avremmo dovuto pretendere l'allontanamento dei violenti, la loro persecuzione..- Non avremmo dovuto rinnovare né tessere, né abbonamenti. Avremmo dovuto disertare lo stadio. Invece non lo abbiamo fatto. Né dai media cittadini abbiamo avuto alcuno scatto di orgoglio. Tutto era sopito, tutto era acquietato.

La malapianta e' rimasta ed e' proliferata. E il tono di acquiscenza si e' amplificato. La legge impedisce di usare i fumogeni..Chi se ne fotte.
La legge vieta di introdurre petardi... Chi se ne fotte
La legge impedisce cori MISERABILI... ah ma io non li canto....
La legge... La legge va beh, ma che male c'e'?

Potrei aggiungere che le principali istituzioni cittadine sono rimaste sorde al problema di questo pezzo di societa'... Niente di niente. Nessuna analisi
nessuna attenzione. Eppure Catania e' la seconda citta' in Italia con per
quanto riguarda i reati perpetrati da minori. Altro che Milano del Sud.

A Catania il calcio ha travalicato il senso comune di appartenenza. Per sfociare nella piu' becera intolleranza..
Ancora una volta perche' solo a Catania?
Diciamo che Catania calcisticamente ha avuto un percorso accidentato negli ultimi anni. Evito di ripetere i bla bla soliti. Ma qualcuno sulle nostre disavventure ci ha costruito una carriera. Ha costruito una carriera sul mito dell'ingiustizia, ha costruito una carriera sul mito della riscossa.

Della lotta. Contro la FIGC, contro il Comune, contro la Magistratura..
A furia di lottare si e' dimenticato il motivo originario della lotta.
Ovvero il ritorno del Catania nei professionisti.
Coloro che avevano iniziato la guerra santa si sono dimenticati di dire che la guerra e' finita. Che non c'e' piu' bisogno di combattere.

E si capisce perche'. Niente guerra... Niente armi... Niente generali...
E dopo 13 anni e' difficile reinventarsi un mestiere.

Cosa e' rimasto da dire? Cosa e' rimasto da fare?
Per conto mio, che di questa citta' sono figlio, avrei qualche idea.
Siamo 16000 abbonati. Costituiamoci parte civile nel processo contro
gli assassini di Raciti. Io sono un tifoso del Catania.
Io sono un cittadino di Catania, VOGLIO GIUSTIZIA.

Non me ne frega niente della serie di appartenenza della mia squadra.
Rivoglio il mio onore. E voglio anche voi lo vogliate. Ripenso a quella
ragazza... e non riesco a trattenere le lacrime. Ripenso a Curro' e credo
che ce la siamo cavata troppo a buon mercato.

Ma il tempo c'e'. Il tempo lo dobbiamo trovare.

Offline Fein

  • Utente
  • ***
  • Post: 144
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #1 il: 06 Febbraio 2007, 04:33:19 pm »
Io in queste parole mi riconosco perfettamente.E' un post che avrei potuto scrivere io.
Credo che non serva a nessuno dire "è successo a Catania,ma poteva succedere da altre parti".
Non serve.Mettiamocelo in testa.
Non si possono sempre giustificare quelle persone che da 10 si macchiano di gesti infami ed atroci con la scusa che in altre parti d'Italia esistono persone altrettanto imbecilli.
Non mi fa sentire meglio sapere che a Bergamo,a Torino,a Verona o a Palermo ci possono essere soggetti altrettanto stupidi.
Non mi fa sentire meglio e non serve a niente.
Basta con il giustificazionismo.
Io sono stanco di vedere associato il nome della mià città a queste cose.
Sono stanco di vederlo infangato.
E se serve,li ribadisco,io mi prendo anche la radiazione.Si.
Se il calcio deve essere a Catania una occasione di queste manifestazioni,deve essere una occasione per infangare il buon nome della città e dei cittadini onesti,allora è meglio che calcio non se ne faccia.

Offline alex10103

  • Utente
  • *****
  • Post: 2112
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #2 il: 06 Febbraio 2007, 04:47:00 pm »
Ecco perchè avrei preferito che la sospensione del campionato fosse stata molto molto più lunga, in modo da dare tempo alle società ed al governo di organizzarsi per il meglio (?)
Ed invece no!
Si è preferito cedere alle pressioni ed ai ricatti delle tv con i diritti televisivi; al  Totocalcio ed a tutti i giochi che ruotano intorno al mondo del calcio e che anche lo finanziano.
Quindi, mi viene da dire che tutto questo succede perchè attorno al calcio ruotano molti, troppi interessi economici e si sa che dove ci sono molti, troppi soldi, si finisce sempre con il fare le guerre.
Mi spiegate perchè negli altri sport, come il rugby, la pallavolo, la pallacanestro non si verificano mai simili incidenti, anzi, lì si è sempre tutti amici?

Offline alex10103

  • Utente
  • *****
  • Post: 2112
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #3 il: 06 Febbraio 2007, 04:58:21 pm »
E, comunque, la soluzione ci sarebbe e non è difficile da capire:

1) Tu spettatore, sia che tu sia padre, madre, figlio, neonato, cane, gatto, topo, lucertola se non stai composto e seduto al tuo posto, ti spospendo la partita e non la riprendo più e ti do' la sconfitta a tavolino;

2) Tu spettatore come sopra se esponi un sol striscione offensivo verso chicchessia o che inneggi alla violenza, ti sospendo la partita e non la riprendo più e ti do' la sconfitta a tavolino;

3) Tu società se non ti sei adeguata alle norme di sicurezza, ti faccio radiare dal campionato e vediamo se non ti si mette il sale nel di dietro;

4) Tu giocatore se continui a fare delle scenate buttandoti a terra senza alcuna giustificazione, ti do' una squalifica esemplare di almeno 6 mesi, rovinandoti la carriera

Vediamo se questa non potrebbe essere una soluzione semplice e drastica!

Offline alex10103

  • Utente
  • *****
  • Post: 2112
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #4 il: 06 Febbraio 2007, 05:08:16 pm »
E, per quanto riguarda l'aspetto penale:

1) Innalzare il minimo della pena da 3 mesi a 3 anni (a chi volete darla a bere con questi 3 mesi, quando non si può avere così nemmeno la custodia cautelare????)

2) A chi volete darla a bere con questo discorso del divieto di vendita dei biglietti alla tifoseria ospite quando poi posso sempre farmeli mandare da un mio conoscente/amico che risiede nella città ospitante???

3) A chi volete darla a bere con questo ridicolo scaricabarile tra società e comuni??? Dovrebbe essere interessi di tutti la sicurezza e l'incolumità delle persone!!!

4) Che senso ha metter tornelli, guardie, ecc., quando si sa che il giorno prima, dietro lo stadio si fa il mercato ed i bagni dello stadio, dove ci si può nascondere di tutto, rimangono aperti perchè utilizzati come bagni pubblici in occasione del mercato????

5) In Inghilterra, specialmente in occasione di partite a rischio, i controlli cominciano una settimana prima, le strade adiacenti lo stadio vengono chiuse molto tempo prima e ci sono, fuori gli stadi molti agenti anche a cavallo ed all'interno molti vigilantes che vigilano veramente, aiutati dalla legge severa: in Italia, chissà perchè, questo non si vuole fare!!!

Smettiamola di prenderci in giro!!!!

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #5 il: 06 Febbraio 2007, 05:18:05 pm »
Marco, anch'io stento a riprendermi...anch'io voglio giustizia!

Ma soprattutto non voglio più pagare per gli altri. Perchè parliamoci chiaro: sta storia che noi dobbiamo isolare i violenti, noi dobbiamo essere i primi a reagire, noi non abbiamo fatto nulla, è una favola da salotto tv di Vespa.

Con questa logica è stato partorito quel mostro che si chiama "responsabilita oggettiva" . Questo mostro ci ha di fatto consegnato nelle mani di qualche migliaio di subburbani, tra cui molti muvvusi, Marco...muvvusi di 15/16 anni.

Adesso sarebbe ora di cambiare, Marco. E' un occasione imperdibile. Basta con sti provvedimenti pilateschi, falsi, ipocriti. Basta!
Che il delinquente da stadio sia trattato come un qualunque altro delinquente.

Se io adesso scendo in via Etnea e sfascio i negozi, vado in galera. Non mi diffidano, non fanno le multe al Comune di Catania, non squallificano la via Etnea.
Voglio capire perchè non deve essere lo stesso allo stadio. Perchè!?

Tu parli, giustamente, di stadio come porto franco. Come terra di nessuno in cui questi individui vogliono imporre le loro leggi. Ma chi gliel'ha dato questo potere se non le leggi sconsiderate di questi ultimi anni!?

Perchè Pulvirenti, Zamparini, Franza devono sudditanza a mille scimpanzè che li tengono sotto scacco...perchè io, tu e tanti altri dobbiamo pagare per loro, perchè!? Ma questi legislatori, questi padroni del vapore ce li hanno gli occhi, le orecchie!? Dove vivono, in quale pianeta!?

Basta con la fiaba di Biancaneve, di Cenerentola, che noi dobbiamo denunciare i violenti. Che dovevamo far arrestare chi ha ucciso Currò...ma davvero ci credi Marco!?
Ci sei stato mai dentro una curva, dentro un movimento ultrà, Fratello!? Lo sai che muri di omertà ci sono!? Lo sai che complicità esistono!?

Sono le autorità competenti che si devono dare una mossa. Basta con ste diffide, arresti! La galera come per qualunque altro reato!
Oggi ci sono le tecnologie per poter individuare i responsabili. Molti di questi, per non dire tutti, sono già schedati. Si sanno i nomi e i cognomi. Perchè si è lasciato che gravitassero ancora attorno uno stadio, perchè!?

Le parole della piccola Raciti, l'incoscenza innocente del fratellino con la divisa del padre e quel nodo alla gola che ti prende. Un misto fra commozione e rabbia impotente. Vorrei che gli assassini siano condannati ad ascoltare giorno e notte le preghiere di questa ragazzina che rivuole suo padre.
Quelle parole e lo smarrimento di quel bimbo sono un macigno! Un macigno sulla coscenza non solo di chi ha commesso il fatto, ma su chi ha permesso che tutto questo accadesse.
Uno di questi ha avuto anche l'ardire di minimizzare, un certo Antonio Matarrese da Bari professione presidente della Lega Calcio...non c'è sdegno che tenga Marco.

E ancora ni cuntamu a favola ra ugghia!?
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 705
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #6 il: 06 Febbraio 2007, 05:31:10 pm »
Bello.

Sinceramente bello, sin dal titolo, il post di Marco '69, e non mi interessa che sia stato uno dei miei più acerrimi avversari (attenzione non nemici, almeno da parte mia) a scriverlo.
La qualità di questo post risalta ancor più se lo si confronta ai post di altri forensi catanesi che invece si arrabattano per "fari stati a ddritta i sacchi leggi".
Comunque, ieri le parole pacate e toccanti nell'accento più soave del mondo, di moglie e figlia dell'ispettore Raciti - entrambe di Acireale - hanno rialzato un po' l'immagine siciliana, mai così disprezzata nel mondo, e ridato un po' di speranza ai siciliani onesti.  
Il caso Raciti, vorrei sottolineare, ha un precedente di quattro mesi fa(agente Corsi, anche lui di Acireale, picchiato selvaggiamente dopo essere stato attirato in una trappola).  C'è per caso un legame tra le due tristi storie? E' mai possibile che gli acesi debbano eternamente ricoprire il ruolo di vittime sacrificali e di salvatori?

Offline occasionale rosanero

  • Utente
  • *****
  • Post: 3596
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Uno squarcio nel cuore
« Risposta #7 il: 06 Febbraio 2007, 05:58:51 pm »
Si mi si è bloccato il cuore.....il bambino....non lo dimenticherò facilmente......la pacatezza di colui che non ha capito fino in fondo cosa è la morte.....quella improvvisa assenza.....non prevista....quella belva che non ti consente di tirarlo fuori dalla cassa e dirgli......"Papà..ti voglio bene..........

Chi ha un anima, chi ha una morale, chi pensa che la vita umana non vada buttata nel cesso.....non può non chiedersi ...cosa posso fare io affinchè non accada più!!!!???????

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #8 il: 06 Febbraio 2007, 06:07:14 pm »
Citazione da: "Testa Dura"
Comunque, ieri le parole pacate e toccanti nell'accento più soave del mondo, di moglie e figlia dell'ispettore Raciti - entrambe di Acireale - hanno rialzato un po' l'immagine siciliana, mai così disprezzata nel mondo, e ridato un po' di speranza ai siciliani onesti.  
Il caso Raciti, vorrei sottolineare, ha un precedente di quattro mesi fa(agente Corsi, anche lui di Acireale, picchiato selvaggiamente dopo essere stato attirato in una trappola).  C'è per caso un legame tra le due tristi storie? E' mai possibile che gli acesi debbano eternamente ricoprire il ruolo di vittime sacrificali e di salvatori?



INSOMMA REDAZIONE!! LO VOLETE BANNARE O NO!?

BASTA!!!
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline ZANCLE

  • Utente
  • ***
  • Post: 162
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #9 il: 06 Febbraio 2007, 07:31:31 pm »
Caro Marco - 69 il tuo post mi trova completamente d'accordo, e ti fa molto onore da tifoso del Catania dire certe cose, veramente complimenti.

Per GASPARE invece spendo due parole, in questi giorni ho letto molti tuo post e devo dire che in un momento del genere dire certe cose è ASSURDO, comunque se la cosa ti soddisfa continua.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8869
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #10 il: 06 Febbraio 2007, 07:42:58 pm »
Spesso siamo daccordo, altre volte no, sono fra quelli che hanno scritto molti messaggi e neanche un rigo di solidarietà, non cerco giustificazioni e non ne voglio, perchè sono fatto così, sicuramente male, ma sono io. Capisco benissimo che ci si possa rimanere male e non biasimo nessuno per questo. Ci mancherebbe.

Detto questo dico anche che il tuo messaggio dovrebbe essere il manifesto da cui partire per far riemergere dalla polvere il calcio a Catania.



"Non nobis Domine, sed nomini Tuo da gloriam"
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline Blochin

  • Newbie
  • Post: 6
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Amarezza
« Risposta #11 il: 06 Febbraio 2007, 08:19:19 pm »
La cosa che mi amareggia di più è che molto probabilmente l'assassino di Filippo Raciti non pagherà mai.
Vorrei chiedere a tutti gli utenti del forum: secondo voi, la polizia era all'altezza della situazione (vedi post "any given sunday")?

http://www.blochin-cuius.de

Offline alex10103

  • Utente
  • *****
  • Post: 2112
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Amarezza
« Risposta #12 il: 07 Febbraio 2007, 09:57:44 am »
Citazione da: "Blochin"

Vorrei chiedere a tutti gli utenti del forum: secondo voi, la polizia era all'altezza della situazione (vedi post "any given sunday")?

Secondo me no, perchè non sono aiutati e protetti da leggi dello Stato adeguate e severe.
Ho sempre detto che sarebbe ora di seguire il modello inglese.
Avete presente gli inglesi e quanto essi siano violenti?
Ebbene, in INghilterra sono riusciti a farli diventare agnellini negli stadi; chissà perchè?

Ciao

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
alcune risposte
« Risposta #13 il: 07 Febbraio 2007, 10:13:23 am »
Una risposta a Gaspare.

A noi non compete l'autorita' giudiziaria. Non dobbiamo arrestare nessuno.
Ma gli atteggiamenti nostri dovevano essere di diverso tenore. Secondo il mio modesto parere, nel nostro piccolo, noi tifosi, noi abbonati, abbiamo fallito. Abbiamo fallito tollerando le trasferte assieme a questa gente.

Abbiamo fallito negando come struzzi il problema. Ho avuto la ventura di ascoltare il vicesindaco ieri, a una radio privata. Mi sono cadute le...
braccia Gaspare. E quando falliscono le Istituzioni Cittadine, Gaspare c'e' poco da fare: il fallimento e' globale, non ci si puo' salvare individualmente.

Abbiamo fallito quando non abbiamo manifestato sdegno nei confronti di certi cori miserabili..Il primo serio contrasto a cio' lo abbiamo fatto con il Livorno. E, qui aumenta il rammarico, la stampa catanese ha ricordato il silenzio della Curva Nord per i diffidati. Ma non ha scritto un rigo sulle contestazioni che tutta la Tribuna B e la Curva Sud ha rivolto dopo che, a
"silenzio" concluso, la Nord e' ripartita con i suoi miserabili cori.

Last but not least Templare. Ognuno segue le proprie inclinazioni. E la propria natura. I tuoi non sono stati i commenti peggiori. Sono stati quelli piu' partigiani, ma almeno non sono degenerati al livello paesano di alcune risposte.

Vi voglio bene.

appavito

  • Visitatore
Autocritica
« Risposta #14 il: 07 Febbraio 2007, 10:29:46 am »
Citazione da: "Testa Dura"


Il caso Raciti, vorrei sottolineare, ha un precedente di quattro mesi fa(agente Corsi, anche lui di Acireale, picchiato selvaggiamente dopo essere stato attirato in una trappola).  C'è per caso un legame tra le due tristi storie? E' mai possibile che gli acesi debbano eternamente ricoprire il ruolo di vittime sacrificali e di salvatori?


MA NON TI VERGOGNI A SCRIVERE STRON**TE DEL GENERE?