Autore Topic: Ipotesi Papadopulo per la panchina giallorossa  (Letto 2527 volte)

sonar

  • Visitatore
Ipotesi Papadopulo per la panchina giallorossa
« il: 31 Maggio 2006, 02:29:12 pm »
Ipotesi Papadopulo per la panchina giallorossa  
31/5/2006

Il divorzio tra Papadopulo e il Palermo ha spinto il presidente del Messina Franza a pensare all'ex tecnico rosanero come nuovo allenatore dei giallorossi. L'operazione è più che difficile visto che il tecnico ha giustamente grandi ambiziosi dopo l'ottima stagione a Palermo. Solo un programma ambizioso di un pronto ritorno in A potrebbe convincere Papadopulo ad accettare la panchina peloritana. Un altro tecnico che potrebbe allenare il Messina è Di Carlo del Mantova, in questo momento impegnato nella lotta playoff in serie B. Altri nomi meno gettonati e che non farebbero di certo esaltare i tifosi messinesi: Ficcadenti del Verona e Carboni del Bari. Resta comunque da attendere l'arrivo del d.s. che dia il via libera all'operazione allenatore, non si esclude che con l'arrivo del direttore sportivo spunti un nome nuovo per la panchina.
 
 
MessinaCalcio.net  


Missinisi! chi ti dissi in tempi non sospetti: Papadopulo non so per quale motivo inconscio lo vedo sulla panchina del messina.
così fate zero+zero=0

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4923
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Ipotesi Papadopulo per la panchina giallorossa
« Risposta #1 il: 31 Maggio 2006, 02:48:43 pm »
Citazione
così fate zero+zero=0

Mi dispiace ma non sono d'accordo! Tu pensa che io non l'avrei cambiato con Guidolin. Penso che qui a Palermo PDP sia stato fatto fuori dai giocatori stessi, e questo perchè il tecnico toscano i suoi uomini li fa sudare sul serio e da essi pretende il massimo impegno sino all'ultima goccia di sudore. Evidentemente Guidolin a qualcuno garantisce il ritorno alla bella vita.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Ipotesi Papadopulo per la panchina giallorossa
« Risposta #2 il: 31 Maggio 2006, 05:04:42 pm »
Citazione da: "Sergio"
Citazione
così fate zero+zero=0

Mi dispiace ma non sono d'accordo! Tu pensa che io non l'avrei cambiato con Guidolin. Penso che qui a Palermo PDP sia stato fatto fuori dai giocatori stessi, e questo perchè il tecnico toscano i suoi uomini li fa sudare sul serio e da essi pretende il massimo impegno sino all'ultima goccia di sudore. Evidentemente Guidolin a qualcuno garantisce il ritorno alla bella vita.


Sai già come la penso, una volta di più però lo voglio ripetere: fra Guidolin e Papadopulo c'é la stessa differenza che passa fra giorno e notte.

E questo malgrado a me piaccia un tipo di calcio più spregiudicato di quello di Guidolin, ma non possiamo scordare come il veneto sia in grado di cambiare modulo tattico anche tre volte nella stessa partita, senza cambiare uomini. Pensare poi che qualcuno faccia bella vita con Guidolin mi sta pure bene, se abbiamo stravinto la B e siamo arrivati in Uefa con i giocatori che facevano la bella vita.

Papadopulo? Bravo cristiano, persona onesta, ma incredibilmente sopravvalutato da tutti. Ha fatto i punti, molti per semplice fortuna, il gioco é diventato un optional, tre passaggi di fila un miraggio, i tiri in porta una chimera e se non era per Agliardi e Di Michele col cavolo che il Palermo si schiodava dal decimo posto.

In mezzo a tutto questo alcune bestemmie tattiche, tipo Biava e Rinaudo a centrocampo, Di Michele lontano 40 metri dalla porta e Caracciolo unico attaccante, anche quando non si reggeva in piedi, vedi semifinale con la Roma.

Le partite determinanti? Tre, una per competizione: Schalke-Palermo, Roma-Palermo e Palermo-Ascoli. Tutte sbagliate ed in malo modo. E questo dovrebbe essere un allenatore per puntare al quarto posto?

Amunì un babbiamu...  :lol:




"Non nobis Domine, sed nomini Tuo da gloriam"
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4923
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Ipotesi Papadopulo per la panchina giallorossa
« Risposta #3 il: 31 Maggio 2006, 07:08:40 pm »
La serie B quando hai in squadra mister 30 denari con Zauli alle spalle e un centrocampo con Brienza (o Jeda), Mutarelli e i gemelli Filippini la devi vincere per forza, come l’avrebbe vinta Baldini se solo si fosse risparmiato quel suo “il presidente spara ca22ate”. Come pure una serie A con Lazio Roma e Fiorentina ridotte in quello stato non è che doveva essere tanto difficile per una squadra che viveva sull’onda dell’entusiasmo di una società seria, competente, sana in bilancio e con una tifoseria calorosa e passionale alle spalle come la nostra. Non diamo troppi meriti a mister "qualcosa oggi è cambiato ed a Palermo di più questo non si può fare”. A Bologna quando sentono il suo nome cadono in depressione ed a Monaco, dopo l’”entusiasmante” campionato rosanero, ha fallito di brutto. Uno che gioca quasi sempre coi soliti 11 (ed anche quest’anno avremo 3 competizioni da onorare) che faceva le sue sostituzioni solo per coprirsi e difendere il gollicino di vantaggio (Palermo Cagliari 3-0 è l’unica partita decente che io ricordi (oltre al 5-0 al Catania ma quel giorno avevamo un grande Colantuono dalla nostra)).
Le ultime 6 partite dello scorso anno, ci ha fatto perdere la faccia (rischiando addirittura di essere raggiunto dal Messina) proponendo una squadra interamente spompata e stracotta (sempre per il solito difettuccio di avere occhi per i soli 12/13 riponendo tutti gli altri nel dimenticatoio al punto da trovarne larve umane tutte le volte che si rendeva necessario il loro impiego).
Guidolin che subito dopo il campionato concluso col Palermo, si era ridato una nuova immagine e si era posto in vetrina, con la scusa di avvicinarsi a casa si era prostrato ai piedi di Della Valle prima e Preziosi poi. Il primo gli preferì Prandelli, il secondo scivolò in C1. Si sarebbe rimangiato tutto quanto ed avrebbe chiamato immediatamente Zamparini se non ci fosse già stato l’accordo con Del Neri. Purtroppo per lui, l’unica squadra che gli diede un contratto si trovava all’estero e dovette emigrare, tanto perché era desiderosi di avvicinarsi a casa :roll: . Oggi spero che abbia messo in preventivo che se con Zamparini non riusciva a comunicarci l’anno scorso, non ci riuscirà nemmeno quest’anno, dato che ku nasci tunnu un po’ muoriri quandratu.
PDP, come già detto precedentemente, propone un calcio che non sarà certamente il massimo della bellezza, non sarà il massimo del calcio puro a tutto campo, degli schemi applicati sino al punto e virgola, della ricerca ossessiva e maniacale della perfezione totale ma è uno concreto. Sa cosa vuole, sa farsi dare quanto pretende dagli uomini che gli si mettono a disposizione (è fortunato? E che è un difetto??) e soprattutto è un uomo onesto; è un uomo leale e corretto (forse fin troppo per uno come Zamparini) e soprattutto era qui per lavorare prima di tutto per la sua squadra ed in funzione dei successi che avrebbe dovuto conseguire (e li ha conseguiti, al di la di qualunque cosa che a noi ci sia apparsa astrusa e incongruente, li ha conseguiti!), non come farà Guidolin che penserà solo a ricurarsi un immagine da rimettere in vetrina per la prossima “grande che gli farà l’occhiolino.
Con rammarico devo dire che se Guidolin è l’allenatore del Palermo, viva Guidolin. Ma i cavalli di ritorno puzzano ancor prima di arrivare.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

sonar

  • Visitatore
Ipotesi Papadopulo per la panchina giallorossa
« Risposta #4 il: 31 Maggio 2006, 07:26:54 pm »
E io invece sarei perfettamente d'accordo con te Sergio, se lo impiegaste come preparatore atletico, considerato le doti che gli riconosci,perchè di calcio.... nisba.
Concordo pure che siano stati i giocatori a farlo fuori, ma non tanto per il lavoro, ma bensì per la figura da peracottari a cui li espone impiegandoli in compiti e ruoli sconcertanti.
Lui, il caporale di ferro, ha la pessima abitudine di aizzare e fomentare, vi ricordate il :<< Ci vediamo a Palermo!>>. Nel palazzetto dello sport di agireale per qualcosa del genere fece succedere una rissa con i tifosi rossazzurri. E poi scusate, magari Guidolin non sarà il massimo della vita, ma un gran signore che è andato via da Palermo con grande dignità e le lacrime agli occhi è giusto dargli il diritto di replica, e personalmente credo che farà un ottimo campionato.

Un sentito saluto a Tutti.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Ipotesi Papadopulo per la panchina giallorossa
« Risposta #5 il: 31 Maggio 2006, 07:48:52 pm »
Sergio, ma tu ricordi la panchina del Palermo lo scorso anno?

Gonzalez veniva dal campionato di apertura argentino e dalle olimpiadi, non aveva fatto ritiro e stava in piedi con le stampelle.

Farias nella migliore delle ipotesi non é riuscito ad ambientarsi e comunque non era una seconda punta, ma una prima punta.

Il suo sostituto Possanzini si é infortunato dopo una partita.

Accardi infortunanto tutta la stagione.

Raimondi e Gasbarroni erano quello che erano.


Che dici, magari c'era un motivo per giocare sempre con gli stessi giocatori? E c'era un motivo per richiedere a gennaio Caracciolo e Di Michele? Ricordiamo anche questo.

Per quanto riguarda il rapporto con Zamparini, anche venisse Mourinho o Ancelotti non cambierebbe nulla. Zamparini é questo, entrambi (lui e l'allenatore) si conoscono e questo é semmai un fattore positivo.

Guidolin arrivò sesto con un punto in più di quest'anno senza praticamente avere giocato le ultime sei partite, é vero, ma era un Palermo alla prima esperienza in A dopo 30 anni, con molti giocatori, vedi Brienza, Biava, Morrone, Mutarelli, Gonzalez, che non sapevano nemmeno come era fatta.

A Bologna dopo non so quanti anni saranno anche andati in depressione, di sicuro dopo due anni sono andati in B. A Vicenza invece ricordano ancora la coppa Italia e la semifinale di Coppa delle Coppe, oltre ad un girone d'andata condotto testa a testa con la Juventus (credo)...

Papadopulo? A Palermo ha dimostrato una grandissima dose di culo, che mancava totalmente a Delneri, un buon carattere, un'assoluta mancanza di gioco ed una capacità di cambiare tattica e partita in corso d'opera praticamente nulla.

Il Palermo di Papadopulo ha rubato due punti ad Empoli, un punto a Cagliari, due punti al Treviso in casa, tre punti al Messina in casa. Guardiamo pure come arrivano le vittorie, guardiamo se il gol arriva nell'unico tiro in porta e se la squadra avversaria ci prende a pallate e ci pensa il portiere, un palo o l'imprecisione degli attaccanti a savare capra, cavoli e punti. Levaci questi punti ed il Palermo di Papadopulo nemmeno ci si avvicinava all'ottavo posto.

Papadopulo é un allenatore vecchio stampo, ottimo per fare risalire ad una squadra quelle due o tre posizioni che le permettono di salvarsi, ma non in grado di gestire un campionato che secondo le aspettative dovrebbe essere di alta classifica. Per vincere le partite bisogna attaccare e tirare in porta, il culo non può bastare ogni volta.



"Non nobis Domine, sed nomini Tuo da gloriam"
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline occasionale rosanero

  • Utente
  • *****
  • Post: 3596
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
turn over
« Risposta #6 il: 01 Giugno 2006, 02:00:15 pm »
Vi metto d'accordo io.

1) Papadopulo è un discreto allenatore e o di riffa o di raffa ha fatto meglio di Del Neri che per me aveva il più grande mlimite di un uomo e quindi di un allenatore l'integralismo...nel suo caso tattico...avrebbe fatto il 4-4-2 pure cu pippino, cicco e calogero....insomma un tordonazzo!!!

2) Guidolin è un allenatore da quarto posto ma fino ad ora non ha dimostrato di essere un allenatore da 3 competizioni...e quindi....se avrà,, come avrà una panchina lunga deve fare il turn over ...ma quello intelligente...no..quello di Del Neri..che dichiarava io cambio i giocatori quando vedo che sono scoppiati....ed io aggiungo...e quando ho perso ed ho pareggiato le partite xchè non stanno in piedi.....mi ru scemo  su Gigi!!

In sistensi bene Guidolin....ma si metta in testa che avrà 18 titolari e li deve utilizzare!!!

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: turn over
« Risposta #7 il: 01 Giugno 2006, 03:53:14 pm »
Citazione da: "occasionale rosanero"
Vi metto d'accordo io.

1) Papadopulo è un discreto allenatore e o di riffa o di raffa ha fatto meglio di Del Neri che per me aveva il più grande mlimite di un uomo e quindi di un allenatore l'integralismo...nel suo caso tattico...avrebbe fatto il 4-4-2 pure cu pippino, cicco e calogero....insomma un tordonazzo!!!

2) Guidolin è un allenatore da quarto posto ma fino ad ora non ha dimostrato di essere un allenatore da 3 competizioni...e quindi....se avrà,, come avrà una panchina lunga deve fare il turn over ...ma quello intelligente...no..quello di Del Neri..che dichiarava io cambio i giocatori quando vedo che sono scoppiati....ed io aggiungo...e quando ho perso ed ho pareggiato le partite xchè non stanno in piedi.....mi ru scemo  su Gigi!!

In sistensi bene Guidolin....ma si metta in testa che avrà 18 titolari e li deve utilizzare!!!


1) Anche su questo non sono daccordo Delneri partiva sì col 4-4-2, ma un sacco di volte é passato a partita in corso al 4-3-1-2. Sarà stato un integralista, ma almeno a lui era chiaro che con gli attaccanti a disposizione rinunciare a schierare le due punte in attacco era follia. Papadopulo lo ha fatto e ha vinto soprattutto per culo, perchè la squadra era inguardabile, sconclusionata e, cosa che non dice nessuno, molto più in balia dell'avversario rispetto al vituperato schieramento di Delneri.

La differenza era che il Palermo di Delneri tirava in porta dieci volte e fra miracoli del portiere, pali, traverse ed errori nostri si segnavano al massimo due gol, il Palermo di Papadopulo oltre a non tirare in porta subiva molto di più, ma aveva Agliardi ed un paio di Santi appostati sul palo o fra i piedi degli attaccanti avversari.

La classifica può dire tutto quello che vuole, ma al di là del secondo tempo con la Lazio e qualche altro scampolo non c'é stata una partita in cui il Palermo di Papadopulo abbia dimostrato di essere migliore di quello di Delneri.


2) Guidolin é un buon tecnico, di gran lunga migliore di Papadopulo. Ha equilibrio, intelligenza tattica e sa leggere le partite. Quello del turnover é un falso problema se la rosa é composta da 20-25 giocatori di livello simile. Se invece hai solo quindici uomini sullo stesso livello e per infortuni, stato di forma, capacità non puoi contare sul resto della rosa, non c'é turnover che tenga.

Infine vorrei ricordarti, e cambio argomento, che a Catania, tolte poche illuminate eccezioni, ciò che contano sono i derby, poi vengono i risultati negativi del Palermo contro le altre squadre, seguono le notizie di cronaca negative riguardanti la nostra città ed infine i risultati della propria squadra...  :lol:  :lol:  :lol:



"Non nobis Domine, sed nomini Tuo da gloriam"
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.