Autore Topic: Ai cugini rosanero.  (Letto 2663 volte)

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Ai cugini rosanero.
« Risposta #15 il: 13 Aprile 2011, 11:38:14 pm »
Le parole come ""iniziativa"" o ""responsabilitÓ"", nella parte occidentale della nostra cara isola non hanno alcun valore !

..avaja... 8-)

parliamo di pallone ed evitiamo di generalizzare ad Muzzum..

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4896
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Ai cugini rosanero.
« Risposta #16 il: 13 Aprile 2011, 11:49:03 pm »
Non Ŕ questo il punto !!!
La vera questione centrale Ŕ che dalle vostre parti siete abituati a delegare ad altri (appunto i Greci, i Romani, i Cartaginesi, gli Arabi, i Francesi, i Borboni, gli Spagnoli, i Gonzaga, i Zamparini............ ) la gestione  delle vostre cose.
Le parole come ""iniziativa"" o ""responsabilitÓ"", nella parte occidentale della nostra cara isola non hanno alcun valore !!!

E' giÓ risaputo, e non c'era bisogno che tu lo ribadissi, che a Estland in parecchi avete una visione stereotipata stracolma di luoghi comuni quando volgete lo sguardo da questa parte dell'isola, non certo figlia di un lodevole spirito critico e d'osservazione ma perchŔ vi portate cucita addosso quella certa etichetta che vi Ŕ impossibile scollarvela.
La storia ha condannato te e tanti altri a dedicare il tuo tempo a raffronti e confonti con chi appena appena vi riconosce l'esistenza e si ricorda di voi solo quando vi sente nominare.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline MALATO PO CATANIA

  • Utente
  • ****
  • Post: 941
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Ai cugini rosanero.
« Risposta #17 il: 14 Aprile 2011, 12:09:14 pm »
Comunque il mio pensiero Ŕ totalmente diverso dalle discussioni emerse fin'ora!
Non mi riferivo a dominazioni, colonizzazioni,ecc..... anche perchŔ il nostro paese Ŕ stato sempre oggetto di facili conquiste fin dalla notte dei tempi; la mia critica era solo riferita all'attengiamento passivo dell'ambiente rosanero, come se fosse scontato, naturale che a Palermo non ci potrÓ essere mai nessuno in grado di garantire gli stessi risultati di Zamparini. Non dico iniziative... ma nenache discussioni, dibattiti....
Per i Palermitani il calcio Ŕ solo funzione di un'interazione esterna!!!
Il che Ŕ assurdo!!!

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4896
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Ai cugini rosanero.
« Risposta #18 il: 14 Aprile 2011, 04:16:57 pm »
Comunque il mio pensiero Ŕ totalmente diverso dalle discussioni emerse fin'ora!
Non mi riferivo a dominazioni, colonizzazioni,ecc..... anche perchŔ il nostro paese Ŕ stato sempre oggetto di facili conquiste fin dalla notte dei tempi; la mia critica era solo riferita all'attengiamento passivo dell'ambiente rosanero, come se fosse scontato, naturale che a Palermo non ci potrÓ essere mai nessuno in grado di garantire gli stessi risultati di Zamparini. Non dico iniziative... ma nenache discussioni, dibattiti....
Per i Palermitani il calcio Ŕ solo funzione di un'interazione esterna!!!
Il che Ŕ assurdo!!!

Su questo ti posso rispondere.
Io credo che (guarda un po', proprio in casa rossazzurra ::)) quando si prendono in esame le vicende rosanero si trascurano elementi non da poco conto. Per esempio ci si dimentica che meno di 12 mesi fa, questa squadra, con Zamparini presidente, era a contendersi uno dei posti per la champions. La CHAMPIONS, bada bene, non l'Europa league che allo stato attuale pur essendo la coppetta dei poverelli, costituisce anche la massima aspirazione in casa rossazzurra, auspicata sottovoce dal presidente a seguito di un programma quinquennale ma poi vigorosamente bocciata da Lo Monaco.

Ritornando a noi, guarda un po' che stranezze: si boccia fin troppo frettolosamente chi con facilitÓ estrema (Zamparini) Ŕ riuscito ad andare ben al di lÓ di dove dovrebbero arrivare (ma non vi arrivano) le aspirazioni di chi  pur avendo ambizioni ben pi¨ ridimensionate (Pulvirenti), prende lodi e gratificazioni e viene eretto come modello da seguire. 8-)
Ora io vorrei sapere dietro quale logica, per un anno in cui le cose non stanno andando per il giusto verso, dovremmo mandare al patibolo Zamparini, ma soprattutto vorrei sapere perchŔ a Catania ci sia la consapevolezza che qui, anche nel caso in cui gli eventi peggiorino, si stia affacciati alla finestra e ci si abbandoni nelle mani del fato e del destino avverso. Gli eventi, prima facciamoli precipitare, poi vedremo cosa ne verrÓ fuori e, casomai, emetteremo giudizi e sentenze.
La veritÓ per˛, caro Malato, Ŕ che in casa rossazzurra si sempre lesti a stigmatizzare tutti i passi falsi di questa societÓ ma si Ŕ sempre fatto finta di non vedere quanto di buono Zamparini abbia saputo costruire e quant'altro ancora gli sia possibile fare.
Ciao!
« Ultima modifica: 14 Aprile 2011, 04:34:08 pm da Sergio »
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO