Autore Topic: 14 anni senza il Cavaliere  (Letto 5135 volte)

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
14 anni senza il Cavaliere
« il: 04 Marzo 2010, 06:28:39 pm »
Oggi sono 14 anni. Io non ho dimenticato, spero che anche la società presto riprenda la sana abitudine di orgnaizzare il Memorial Massimino, ché la senzazione assai sgradevole è che si voglia al contrario cancellare il ricordo di ciò che è avvenuto prima di questa, pur splendida era di successi.

Per chi ha pazienza o vuole commentare, ecco il ricordo di DR:
http://diariossazzurro.altervista.org/modules.php?name=News&file=article&sid=505

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #1 il: 04 Marzo 2010, 07:31:50 pm »
Bua...che dire? Il tuo articolo è condivisibile all'80%...come non condividere l'ammirazione che provi per la passione del Presidente per il Catania. E che provo anch'io. Come non farlo? Come non emozionarsi al ricordo dello "spargimento del sale" che era massima espressione dell'amore viscerale del Cavalierissimo per la squadra? E per la sua foga primitiva?

Però Bua, proprio non ce la faccio a condividerlo al 100%. Quell'"onesto" ripetuto troppe volte..no Bua. No. Io ho abitato tanti anni non lontanissimo dalla curva della morte che ha visto morire, qualche tempo addietro, troppe persone, troppe Bua. Troppe volte ho sentito il rumore delle sirene dell'autombulanza, troppe volte ho rischiato di schiantarmi con la mia macchina contro quella maledetta curva, magari dopo un bicchierino di troppo...una volta ricordo che a 100 km/h ho sbandato su quella curva e francamente se credessi nell'essere superiore dovrei ringraziarlo per aver rimesso la macchina in traettoria. Lasciamolo nel ricordo calcistico.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #2 il: 04 Marzo 2010, 07:41:12 pm »
Fanta, Massimino è l'unico presidente del Catania con Marcoccio a non avere avuto guai giudiziari (a parte qualche scontro con i giornalisti finito in tribunale). Non guidava nemmeno lui per ovvie ragioni, e comunque c'entra poco la corsa di quella macchina con l'onestà.
Comunque 80% è un ottimo risultato:-)

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #3 il: 04 Marzo 2010, 08:04:46 pm »
Fanta, Massimino è l'unico presidente del Catania con Marcoccio a non avere avuto guai giudiziari (a parte qualche scontro con i giornalisti finito in tribunale). Non guidava nemmeno lui per ovvie ragioni, e comunque c'entra poco la corsa di quella macchina con l'onestà.
Comunque 80% è un ottimo risultato:-)

No Bua, non mi sono spiegato bene...mi riferivo alla curva della morte (la curva che sta in mezzo al pezzo di tangenziale che unisce via vincenzo giuffrida con s.gregorio)...fai una ricerca sul perché quella strada é stata costruita in quel modo assurdo che ha causato decine di morti innocenti (con pendenza degne di montagne russe e curve a 90° per evitare di attraversare terreni "particolari", principalmente quello dove é stato costruito il complesso..credo si chiami "Lo Smeraldo" e puoi immaginare il resto...).

In ogni caso, di questo non voglio parlarne più :-\. Ammiriamo l'uomo Massimino appassionato di calcio e del Catania, io però direi di soprassedere sul costruttore Massimino.l

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #4 il: 04 Marzo 2010, 09:02:34 pm »
Ah, non avevo capito nulla, scusa...
Comunque non credo che sappiamo abbastanza di quella storia per trarre conclusioni. Io anzi, non ne so nulla.
Ciao!

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4923
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #5 il: 04 Marzo 2010, 10:49:46 pm »
Oggi sono 14 anni. Io non ho dimenticato,

Mi unisco con voi nel ricordo di Massimino, un grande presidente nella sua epoca. Chissà perchè, adesso, ricordando lui, il mio pensiero va anche al compianto (e suo amico) Renzo Barbera, entrambi espressione del calcio di una volta, di un modo diverso di condurre una società calcistica, molto più ricco di passione e di amore, un coinvolgimento che spesse volte faceva andare al di la dei bilanci in ordine e si metteva poi mano al portafogli.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #6 il: 04 Marzo 2010, 11:25:58 pm »
Già Sergio, sarà l'età, ma spesso ho nostalgia di quel calcio con meno lustrini e più passione grezza.

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #7 il: 05 Marzo 2010, 12:19:09 am »
Bua..... =D>

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #8 il: 05 Marzo 2010, 08:16:29 pm »
Inutile dire che mi associo...sebbene in ritardo...anch'io al ricordo del Presidentissimo...con cui, tralaltro, per varie vicissitudini, scuola e tifo di curva, ho avuto rapporti personali...

Ogni giorno dell'anno rivivo due date...il 4 maggio quando se ne andò mio padre e il 4 marzo quando lo zio Angelo partì per l'ultima trasferta, quella senza ritorno...
Ogni domenica...soprattutto quando capita quella vincente...mi piace pensarlo seduto su una nuvola, con quello sguardo sornione ad occhi socchiusi che si "prea" per noi e per com' è diventato il suo Catania...

Bua...io non sò perchè non si faccia più il trofeo Massimino...ma sò che la signora Grazia Codiglione, la vedova, è di casa in via Ferrante Aporti...il nipote, Angelo Russo, ha avuto la sponsorizzazione del Calcio Catania in occasione del libro che ricorda il nonno...non mi sembrano segnali tesi a cancellare la memoria...

Piuttosto mi fa male leggere ed osservare...ad ogni momento negativo del Catania...che si utilizzi la memoria di Massimino per attaccare Pulvirenti...quando al primo si arrivò perfino ad aggredirlo fisicamente pur di cacciarlo dal Catania...quando quelle lamentele fecero nascere quell'indecente progetto targato Proto e ad una escalation di eventi che ne minarono la salute, conducendolo fino alla morte... 

Questo si che è da ricordare a futura memoria...
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #9 il: 06 Marzo 2010, 12:02:08 am »
Conosco Alessandro Russo (Angelo è il fratello) e confermo che sono in buoni raportio con l'attuale società. Resta il fatto che poche righe in mezzo al resoconto dell'allenamento non sono molto per ricordare il presidente, e la cancellazione del Memorial Massimino è un peccato. Poi le dichiarazioni infelici deli Pulvirenti sul Catania anni '60 mi hanno dato quell'impressione. Come dire, si può dare di più.
Comunque questo post è un tributo, non vorrei inquinarlo

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #10 il: 06 Marzo 2010, 12:14:41 pm »
Bè senza dubbio, Bua, c'è una sorta di narcisismo da parte dei protagonisti di oggi nei riguardi di quelli ieri...chiunque, non solo Pulvirenti, vorrebbe rimanere indelebile più di Massimino nella memoria e nel cuore dei tifosi...
Così come noto che anche qualche protagonista di ieri...ha un atteggiamento narcisistico nei confronti dell'attuale dirigenza...penso a Michelotti, ad esempio, che spesso...e non da oggi (anche con Gaucci per la verità)...dà l'impressione di essere geloso di quello che il Catania dei suoi tempi era riuscito a fare...

Per quanto riguarda quella conferenza stampa di Pulvirenti a cui ti riferisci...mi meraviglio di te ;-) che non ricordi che l'era Massimino iniziò praticamente dagli anni '70 e non nei '60...e poi, bè...bisognerebbe anche essere intellettualmente onesti....il Catania andava malissimo e, tanto per cambiare, si è andati ben oltre il sacrosanto diritto di critica...si è andato verso l'insulto personale (Direttore pezzo di... il Gatto e la Volpe, alias truffatori...etc etc!) e addirittura verso la denigrazione dei progetti societari (leggasi centro sportivo!) visti come un escamotage per spillare soldi e basta...

Fu in quei giorni che si leggeva spesso sui vari Muri o anche si sentiva allo stadio...di paragoni fra il Catania di Marcoccio (bello, lindo, pulito e vincente!) e quello di Pulvirenti Lo Monaco (sentina di ogni male, cu.lu.to e mercenario!).... 8-)
Da qui...penso...nacque l'esigenza da parte di Pulvirenti di rinfrescare la memoria a chi questa la usa a convenienza e solo per insultare e distruggere (la famosa obiettività di certi catanesi coi peli tanti sullo stomaco!)...

A tal proposito vorrei ricordare che Marcoccio (oggi presidente onorario dell'attuale Calcio Catania, tanto per dimostrare come l'attuale dirigenza tratta i protagonisti di ieri! 8D ) era una sorta di "ufficiale giudiziario" incaricato dalla Lega di gestire quel Catania in procinto di fallire....non era un presidente!
Quel Catania lì...insomma...pur avendo scritto pagine di storia calcistiche prestigiose e di cui tutti noi andiamo fieri...era, praticamente, mantenuto clinicamente in vita dalla Lega calcio...con giocatori in prestito o in cerca di riscatto....non c'era una sola lira per comprare nulla!
Nessun paragone è possibile...ma nemmeno lontanamente (e bada bene lo dice lo stesso Marcoccio!)...con ciò che in poco più di sei anni ha costruito ed ottenuto per l'attuale Catania Antonino Pulvirenti...che, anche davanti una possibile retrocessione, resta di gran lunga la migliore proprietà mai avuta in questa città...

Lo so...già m'immagino la reazione a queste mie parole..."il solito filosocietario" ..."pasdaran"..."Lecchino come Teghini" ...etc etc...però vorrei che una sola volta invece degli insulti a chi espone queste argomentazioni, qualcuno  rispondesse nel merito...riuscisse, insomma, a contrapporre fatti (non opinioni!) ai fatti...
Va bè...ma questo è un altro discorso...

Detto questo...ti quoto, Bua, assolutamente sul fatto che il trofeo Massimino doveva essere mantenuto...

Ciao
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #11 il: 06 Marzo 2010, 02:11:22 pm »
Si Gaspare, lo so che Marecoccio fu il predecessore di Massimino, citavo l'esempio come scarso rispetto per la nostra storia, in particolare per la frase "a quei tempi gli scudetti li vinceva la Pro Patria". Comunque è vero, ognuno è geloso dei propri tempi!

umastru

  • Visitatore
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #12 il: 06 Marzo 2010, 06:15:24 pm »
Anch'io ricordo quei meravigliosi anni settanta.
Meravigliosi perchè ero un bambino tifoso del catania, e il Catania era chianato in Serie A! Fù un veloce giro di giostra, ma come dimenticare il Milan, l'inter, la Juve che venivano a giocare a Catania, in uno stadio ancora con i gradoni fatti con le fallacche e tubi innocenti. Stadio in cui tra il primo e secondo tempo si assisteva alla trasumanza dalle curve alla B i più impertinenti o "sperti" si spingevano fino alla A!
Erano tempi in cui se Massimino con pochi fidati non controllava le porte mezza Catania entrava gratis! erano tempi in cui ogni tre partite in casa c'era un'invasione di campo!
Erano tempi che Catania era chiamata pomposamente la Milano del Sud, ma stranamente nessuno di questi imprenditori dava una mano a Massimino, anzi tutti pronti a criticarlo, a farli le pulci, a cacciarlo, tranne poi richiamarlo quando la società era alla canna del gas.
Non sò se nella sua vita imprenditoriale u zu Angelo sia stato un santo, anzi penso il contrario, ma vorrei ricordare a Fanta che negli anni ottanta, quando aveva riportato il Catania in A (Altro giro su l'autoscontro) la Dc lo aveva candidato alle elezioni comunali, ma tutti i partiti si opposero perchè godendo di una concessione Municipale non era eleggibile, lui si ritiro scusandosi, fai pure dei confronti con la realtà attuale se vuoi... ::) ::) ::)
Della nuova dirigenza che dire, è tanto che manco da Catania che detto per inciso non è più la Milano del nord ma una città piena di problemi drammatici. Uno dei pochi raggi di sole è il Catania calcio, Pulvirenti fino adesso tra tanti errori, soprattutto di comunicazione, ha sempre mantenuto le promesse, anzi ha anche ridotto i tempi,, ha creato una splendida realtà sportiva ed economica, ecco mi piacerebbe se avesse il coraggio anche di ricordare con più affetto chi per tanti anni con meno mezzi economici, culturali, imprenditoriali ha tenuto in piedi la società calcio Catania negli anni bui dei campi di terra battuta, delle maglie di lana anche a Maggio.
"U Mastru"


Offline THOR

  • Utente
  • *****
  • Post: 1331
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #13 il: 06 Marzo 2010, 07:27:47 pm »
Inutile dire che mi associo...sebbene in ritardo...anch'io al ricordo del Presidentissimo...con cui, tralaltro, per varie vicissitudini, scuola e tifo di curva, ho avuto rapporti personali...

Ogni giorno dell'anno rivivo due date...il 4 maggio quando se ne andò mio padre e il 4 marzo quando lo zio Angelo partì per l'ultima trasferta, quella senza ritorno...
Ogni domenica...soprattutto quando capita quella vincente...mi piace pensarlo seduto su una nuvola, con quello sguardo sornione ad occhi socchiusi che si "prea" per noi e per com' è diventato il suo Catania...

Bua...io non sò perchè non si faccia più il trofeo Massimino...ma sò che la signora Grazia Codiglione, la vedova, è di casa in via Ferrante Aporti...il nipote, Angelo Russo, ha avuto la sponsorizzazione del Calcio Catania in occasione del libro che ricorda il nonno...non mi sembrano segnali tesi a cancellare la memoria...

Piuttosto mi fa male leggere ed osservare...ad ogni momento negativo del Catania...che si utilizzi la memoria di Massimino per attaccare Pulvirenti...quando al primo si arrivò perfino ad aggredirlo fisicamente pur di cacciarlo dal Catania...quando quelle lamentele fecero nascere quell'indecente progetto targato Proto e ad una escalation di eventi che ne minarono la salute, conducendolo fino alla morte... 

Questo si che è da ricordare a futura memoria...

 =D> =D> =D> Condivido, e mi asspcio al ricordo di una persona umile semplice innamorata del Catania!!! Ciao presidentissimo =D>

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: 14 anni senza il Cavaliere
« Risposta #14 il: 07 Marzo 2010, 01:49:26 pm »
Si Gaspare, lo so che Marecoccio fu il predecessore di Massimino, citavo l'esempio come scarso rispetto per la nostra storia, in particolare per la frase "a quei tempi gli scudetti li vinceva la Pro Patria". Comunque è vero, ognuno è geloso dei propri tempi!

Scusami Bua...ma continuo a non riuscire a capire dove sta questa mancanza di rispetto 8| ...

il messaggio di Pulvirenti è stato, secondo la mia personalissima e modestissima opinione, indirizzato verso coloro di noi tifosi che parlano o, peggio, pretendono un piazzamento in Europa così, dall'oggi al domani...senza rendersi conto che prima di parlare di traguardi diversi dalla salvezza, una società come il Catania deve radicarsi nel calcio che conta...visto che, se ci riflettiamo con obiettività vera (e non quella pelosa di certuni!), attualmente il nostro blasone in massima serie è meno di quello dell'Empoli...

Ciao  ;-)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est