Autore Topic: Vigilia di Pasqua  (Letto 1390 volte)

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8892
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Vigilia di Pasqua
« il: 05 Aprile 2007, 11:58:56 am »
Vigilia di Pasqua. Mi torna in mente il 1985, il Palermo in C1 dopo la prima retrocessione della sua storia in questa categoria, ci sembrava impossibile ed il bello era che ancora non avevamo visto nulla.

Era il 6 aprile, si giocava un derby piccolo piccolo contro l'Akragas, che avrebbe concluso a giugno la sua apparizione in C1. Era il Palermo di Lele Messina, il centravanti che per baffi, panza ed ignoranza ricordava molto Vito Chimenti, il Palermo di "Paletta" Paleari e Valerio Majo, di Maiellaro e De Vitis, di Ranieri e Pircher, il centravanti che non sapeva segnare. E gli avversari si chiamavano Catanzaro e Messina, con i peloritani che ci diedero filo da torcere fino all'ultimo, salvo cedere poi armi e promozione per un gol di De Vitis al 91' nel decisivo scontro promozione a poche giornate dalla fine.

Era sabato e per me era strano andare allo stadio di sabato. Oggi mi viene da ridere se penso che negli ultimi dieci anni, complice la televisione, il Palermo l'ho visto giocare di lunedý, mercoledý, giovedý, venerdý, sabato e qualche volta anche la domenica.

Tra due giorni e a distanza di ventidue anni da quella partita andremo alla Favorita, che nel frattempo Ú stata ribattezzata con altro nome, per vedere Palermo-Cagliari, partita importantissima, forse l'ultimo appiglio alla speranza di cambiare una storia che sembra ormai scritta.

Tanto Ú cambiato da quel Palermo-Akragas del 1985, mi auguro che si mantenga soltanto la tradizione del risultato. Quel sabato vincemmo 2-0.
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo Ŕ accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo Ŕ prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo Ú quello cosiddetto "geometrico", perchÚ prevede l'utilizzo della squadra.

Offline ENZO

  • Utente
  • *****
  • Post: 2433
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vigilia di Pasqua
« Risposta #1 il: 05 Aprile 2007, 01:27:34 pm »
Vigilia di Pasqua. Mi torna in mente il 1985, il Palermo in C1 dopo la prima retrocessione della sua storia in questa categoria, ci sembrava impossibile ed il bello era che ancora non avevamo visto nulla.

Era il 6 aprile, si giocava un derby piccolo piccolo contro l'Akragas, che avrebbe concluso a giugno la sua apparizione in C1. Era il Palermo di Lele Messina, il centravanti che per baffi, panza ed ignoranza ricordava molto Vito Chimenti, il Palermo di "Paletta" Paleari e Valerio Majo, di Maiellaro e De Vitis, di Ranieri e Pircher, il centravanti che non sapeva segnare. E gli avversari si chiamavano Catanzaro e Messina, con i peloritani che ci diedero filo da torcere fino all'ultimo, salvo cedere poi armi e promozione per un gol di De Vitis al 91' nel decisivo scontro promozione a poche giornate dalla fine.

Era sabato e per me era strano andare allo stadio di sabato. Oggi mi viene da ridere se penso che negli ultimi dieci anni, complice la televisione, il Palermo l'ho visto giocare di lunedý, mercoledý, giovedý, venerdý, sabato e qualche volta anche la domenica.

Tra due giorni e a distanza di ventidue anni da quella partita andremo alla Favorita, che nel frattempo Ú stata ribattezzata con altro nome, per vedere Palermo-Cagliari, partita importantissima, forse l'ultimo appiglio alla speranza di cambiare una storia che sembra ormai scritta.

Tanto Ú cambiato da quel Palermo-Akragas del 1985, mi auguro che si mantenga soltanto la tradizione del risultato. Quel sabato vincemmo 2-0.

Ricordo benissimo quel campionato e ancora di pi¨ il gol al 91' di De Vitis contro il Messina, ero nella curva Sud ed il Goal f¨ relaizzato sotto la Nord ma poco importava non averlo visto bene, quel goal significava promozione!!!!!!!!!!!!

SALUTI

MA TI FA STARE IN FORMA?      E A NOI CHE CI FREGA,     TIFIAMO      PALERMO TIE'

 ::) ::) ::) ::) ::) ::)
Ciao a Tutti e................. FORZA PALERMOOOOOOO
LA  CAPITALE DEL CALCIO SICILIANO

Offline Marco P

  • Newbie
  • Post: 10
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vigilia di Pasqua
« Risposta #2 il: 05 Aprile 2007, 08:19:55 pm »
Vigilia di Pasqua. Mi torna in mente il 1985, il Palermo in C1 dopo la prima retrocessione della sua storia in questa categoria, ci sembrava impossibile ed il bello era che ancora non avevamo visto nulla.

Era il 6 aprile, si giocava un derby piccolo piccolo contro l'Akragas, che avrebbe concluso a giugno la sua apparizione in C1. Era il Palermo di Lele Messina, il centravanti che per baffi, panza ed ignoranza ricordava molto Vito Chimenti, il Palermo di "Paletta" Paleari e Valerio Majo, di Maiellaro e De Vitis, di Ranieri e Pircher, il centravanti che non sapeva segnare. E gli avversari si chiamavano Catanzaro e Messina, con i peloritani che ci diedero filo da torcere fino all'ultimo, salvo cedere poi armi e promozione per un gol di De Vitis al 91' nel decisivo scontro promozione a poche giornate dalla fine.

Era sabato e per me era strano andare allo stadio di sabato. Oggi mi viene da ridere se penso che negli ultimi dieci anni, complice la televisione, il Palermo l'ho visto giocare di lunedý, mercoledý, giovedý, venerdý, sabato e qualche volta anche la domenica.

Tra due giorni e a distanza di ventidue anni da quella partita andremo alla Favorita, che nel frattempo Ú stata ribattezzata con altro nome, per vedere Palermo-Cagliari, partita importantissima, forse l'ultimo appiglio alla speranza di cambiare una storia che sembra ormai scritta.

Tanto Ú cambiato da quel Palermo-Akragas del 1985, mi auguro che si mantenga soltanto la tradizione del risultato. Quel sabato vincemmo 2-0.