Autore Topic: Vediamo un pò...  (Letto 2296 volte)

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Vediamo un pò...
« il: 08 Giugno 2010, 02:26:22 pm »
 Ben 280 imprese italiane sono finite nel mirino della Guardia di finanza per evasione fiscale internazionale. Tra le società sotto inchiesta due club di serie A, l'Udinese e il Catania, e tre di serie B. La somma evasa ammonterebbe a  più di 150 milioni di euro.

Le Fiamme gialle comunicano che sono in corso centinaia di perquisizioni in tutta Italia: 100 reparti del corpo stanno setacciando sedi aziendali per trovare elementi di prova circa l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Lo scorso 27 ottobre l'inchiesta condotta dalla procura di Milano aveva portato alle ordinanze di custodia cautelare in carcere per un faccendiere svizzero, tre suoi collaboratori e un funzionario di una banca svizzera accusati di riciclaggio all'estero di somme provenienti da delitti di appropriazione indebita ed evasione fiscale. Il filone investigativo relativo all'evasione fiscale, diretto dal pm Carlo Nocerino, ha permesso di svelare che l'associazione gestiva una serie di società estere costituite al fine di permettere alle società italiane la creazione di fondi neri all'estero.

L'imprenditore o il libero professionista italiano si metteva in contatto (direttamente o per mezzo di un intermediario, spesso un commercialista o un avvocato cui veniva riconosciuta una percentuale del 2-3% del risparmio fiscale), con il faccendiere svizzero o qualcuno della sua struttura al fine di rappresentare le proprie esigenze. A seconda della richiesta del cliente e del settore in cui questo operava (società di calcio, editoriali, di comunicazione, di intermediazione, di produzione di beni, di diffusione di materiale pornografico), veniva fornita la struttura straniera adeguata con la quale sottoscrivere un contratto di collaborazione, che giustificava il flusso finanziario in uscita per l'estero e l'abbattimento del carico tributario in italia.

Le società messe "a disposizione" (con sedi in Austria, Olanda, Inghilterra e Svizzera) concludevano, così, contratti fittizi, emettendo documenti e fatture false e veicolando il denaro su conti correnti aperti presso banche elvetiche, dopo altri passaggi solo cartolari attraverso l'interposizione di ulteriori società, collocate in paesi off-shore (ad esempio Panama e Isole Vergini).

Inoltre, in base alle esigenze della clientela, la struttura svizzera assicurava anche il trasferimento dalla Confederazione all'Italia delle somme di denaro di volta in volta richieste dai clienti, attraverso l'impiego di corrispondenti ("spalloni") che utilizzavano la sede italiana della società elvetica per gli incontri con la clientela.

Offline Diegos

  • Utente
  • *****
  • Post: 1396
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #1 il: 08 Giugno 2010, 04:13:05 pm »
Fanta hanno scoperto l'acqua calda?  Se indagano appropriatamente scopriranno anche moltissime agenzie di traduzioni italiane ed estere in Italia che fanno lo stesso sporco trucchetto, non ti scandalizzare questa e quasi un prassi.

Vorrei solo dire una cosa, non mi freintendere pero', il carico tributario in'Italia e' semplicemente scandaloso un'impresa di qualunque natura in paesi come UK e Irlanda puo' raddoppiare il suo profitto grazie ad una fiscalita' umana, oggi fare impresa in'Italia e' semplicemente un suicidio finanziario.

Saluti

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #2 il: 08 Giugno 2010, 05:00:35 pm »
Vedremo Fanta...

Ma a mia memoria finora non ho visto MAI nessuna sanzione per evasione fiscale, qualora accertata.
Solo condoni..

In ossequio all'Italico DNA.

Offline tomsriver

  • Utente
  • ****
  • Post: 502
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #3 il: 08 Giugno 2010, 05:34:28 pm »
Quoto in pieno Diegos
Credo che nel nostro Paese, tra tasse, bolli, IVA, tributi (diretti e indiretti), imposte, balzelli, ecc. ci viene sottratto dal 70% all'80% dei nostri introiti !!!!!
Purtroppo non vedo via d'uscita a questa situazione, anche perchè noi italiani non siamo un popolo di rivoluzionari (come ad es. i francesi), ma storicamente abbiamo sempre chinato il capo ai nostri oppressori che, in questo caso, sono rappresentati dalle Istituzioni dello Stato.
La GdF non fa che il proprio lavoro, cioè quello di scovare gli evasori.
Il problema sta a monte, molto a monte.

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #4 il: 08 Giugno 2010, 05:51:19 pm »
speriamo che sia la solita tempestina in un bicchier d'acqua

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #5 il: 08 Giugno 2010, 08:12:35 pm »
ODIO gli evasori fiscali...ODIO ancor di più quei politici che l'hanno foraggiata e che adesso, siccome rischiamo il default stile Grecia (guarda caso gli ellenici in Europa sono i primi in classifica per evasione fiscale accertata...noi siamo secondi!), fanno vedere che la combattono...

Talmente il cu.lo gli brucia...che muti muti hanno reintrodotto gli stessi sistemi di tracciabilità definiti "liberticidi" quando li adottarono (per altro con buoni esiti!) "i communisti" e quando il leader maximo dell'ammore...nonchè corruttore di GdF, di giudici, finanziatore occulto di Craxi grazie ai fondi neri, EVASORE di razza purissima, spione e cospiratore...definiva l'evasione fiscale un dovere civile.... 8-)

Detto ciò...aspetto gli esiti delle indagini prima di pronunciarmi su questo caso...se, come penso e vorrei, il Catania ne uscirà pulito nè sarò felicissimo...altrimenti è giusto che chi ha evaso paghi finanche le mutande....

Francamente mi sono rotto le palle di pagarla io la crisi e continuare a mantenere a sbafo questi delinquenti....per poi guardare la mia busta paga di 1200 euro netti...con 400 euro di trattenute fra irpef...addizionali varie...inpdap...e ca.z.zi e mazzi simili!
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline THOR

  • Utente
  • *****
  • Post: 1331
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #6 il: 08 Giugno 2010, 08:28:28 pm »
ODIO gli evasori fiscali...ODIO ancor di più quei politici che l'hanno foraggiata e che adesso, siccome rischiamo il default stile Grecia (guarda caso gli ellenici in Europa sono i primi in classifica per evasione fiscale accertata...noi siamo secondi!), fanno vedere che la combattono...

Talmente il cu.lo gli brucia...che muti muti hanno reintrodotto gli stessi sistemi di tracciabilità definiti "liberticidi" quando li adottarono (per altro con buoni esiti!) "i communisti" e quando il leader maximo dell'ammore...nonchè corruttore di GdF, di giudici, finanziatore occulto di Craxi grazie ai fondi neri, EVASORE di razza purissima, spione e cospiratore...definiva l'evasione fiscale un dovere civile.... 8-)

Detto ciò...aspetto gli esiti delle indagini prima di pronunciarmi su questo caso...se, come penso e vorrei, il Catania ne uscirà pulito nè sarò felicissimo...altrimenti è giusto che chi ha evaso paghi finanche le mutande....

Francamente mi sono rotto le palle di pagarla io la crisi e continuare a mantenere a sbafo questi delinquenti....per poi guardare la mia busta paga di 1200 euro netti...con 400 euro di trattenute fra irpef...addizionali varie...inpdap...e ca.z.zi e mazzi simili!
=D> =D> =D>

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #7 il: 09 Giugno 2010, 01:22:38 am »
....per poi guardare la mia busta paga di 1200 euro netti...con 400 euro di trattenute fra irpef...addizionali varie...inpdap...e ca.z.zi e mazzi simili!

si chiamano addizionale comunale e addizionale regionale! :-D

Offline Diegos

  • Utente
  • *****
  • Post: 1396
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #8 il: 09 Giugno 2010, 11:06:36 am »
Quoto in pieno Diegos
Credo che nel nostro Paese, tra tasse, bolli, IVA, tributi (diretti e indiretti), imposte, balzelli, ecc. ci viene sottratto dal 70% all'80% dei nostri introiti !!!!!
Purtroppo non vedo via d'uscita a questa situazione, anche perchè noi italiani non siamo un popolo di rivoluzionari (come ad es. i francesi), ma storicamente abbiamo sempre chinato il capo ai nostri oppressori che, in questo caso, sono rappresentati dalle Istituzioni dello Stato.
La GdF non fa che il proprio lavoro, cioè quello di scovare gli evasori.
Il problema sta a monte, molto a monte.

Esatto tomsriver confermo, nel periodo in cui vivevo a Catania, tra IRPEG, IRPEF, IVA, Commercialista e aggiuntive varie il mio profitto era ridotto al 50%, lo stato italiano si prendeva il 50% del mio onesto lavoro!!! Oggi vivo in UK dove non e' tutto rose e fiori pero' dal punto di vista fiscale e' appunto un paradiso, pensa, sei soggetto a IVA solo se superi 100 mila Euro l'anno (anche se li superi quello che paghi paragonato alla fiscalita' italiana sono briciole) altrimenti ti intaschi il tuo profitto al 100%, devi solo pagarti la pensione, qualcosa come 500 sterline l'anno 700 Euro piu' o meno....spero di non sembrarvi esterofilo ma la differenza e' davvero tanta un'impresa sia essa piccola o grande prima o poi lascia il Bel Paese per Paesi dove la fiscalita' ti lascia respirare e produrre.


Ovvio che i dipendenti di qualsiasi ente si lamentino, mia sorella dice le stesse cose di Gaspare....la rivoluzione alla francese sarebbe una soluzione ma chi la fa?

Saluti   

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5504
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #9 il: 09 Giugno 2010, 11:51:55 am »
Intanto nessuno ha chiarito la notizia. Lo Monaco nega pure che ci sia stata una perquisizione, la sicilia ne parla accanto a un paio di pagine celebrative del Centro Sportivo che ripetono quanto detto alcuni giorni fa sulla struttura...
Non per essere ipercritico, ma l'informazione è un'altra cosa.

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #10 il: 09 Giugno 2010, 12:25:40 pm »
Intanto nessuno ha chiarito la notizia. Lo Monaco nega pure che ci sia stata una perquisizione, la sicilia ne parla accanto a un paio di pagine celebrative del Centro Sportivo che ripetono quanto detto alcuni giorni fa sulla struttura...

l'ho letto anch'io...che tempistica  ;-) :-D :-D :-D

Comunque sembra che si tratti di evasione fiscale riferibile al 2005...ora senza volere sminuire l'evasione e senza fare un saggio comparativo tra le fiscalità anglosassoni e continentali (perché caro Diegos aliquote simili a quelle italiane vengono pagate in Francia, Germania, Spagna e Scandinavia...i servizi sono spesso migliori, ma il concetto filosofico ed economico è uguale..meglio o peggio? Sono stati scritti migliaia di libri, e non credo che ci siano soluzioni univoche...), direi che in ogni caso sarebbe meno grave del pagamento di tangenti, reciclaggio...o chissà che altro.

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5504
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Vediamo un pò...
« Risposta #11 il: 09 Giugno 2010, 12:47:32 pm »
Intanto nessuno ha chiarito la notizia. Lo Monaco nega pure che ci sia stata una perquisizione, la sicilia ne parla accanto a un paio di pagine celebrative del Centro Sportivo che ripetono quanto detto alcuni giorni fa sulla struttura...

l'ho letto anch'io...che tempistica  ;-) :-D :-D :-D

Comunque sembra che si tratti di evasione fiscale riferibile al 2005...ora senza volere sminuire l'evasione e senza fare un saggio comparativo tra le fiscalità anglosassoni e continentali (perché caro Diegos aliquote simili a quelle italiane vengono pagate in Francia, Germania, Spagna e Scandinavia...i servizi sono spesso migliori, ma il concetto filosofico ed economico è uguale..meglio o peggio? Sono stati scritti migliaia di libri, e non credo che ci siano soluzioni univoche...), direi che in ogni caso sarebbe meno grave del pagamento di tangenti, reciclaggio...o chissà che altro.

Ho trovato questo articolo che chiarisce un po'. Per il Catania si parla di 450.000 euro di evasione: pochini per giustificare una manovra del genere.

Una sospetta evasione fiscale internazionale per oltre 150 milioni di euro e 307 indagati, tra cui i presidenti del Calcio Catania e dell'Udinese. E' il bilancio dell'operazione della Guardia di Finanza di Milano e di altre città che oggi ha effettuato perquisizioni in 280, tra società e aziende, sparse in tutta Italia. Nel mirino delle fiamme gialle sono finite anche Fastweb, Eutelia, Poltrona Frau e una società con sede all'estero legata all'ex attore porno Rocco Siffredi.

 L'operazione è il primo passo di una nuova inchiesta coordinata dal pm milanese Carlo Nocerino e nata da una 'lista' di clienti di cui era in possesso il faccendiere Giovanni Guastalla, responsabile della società elvetica Doge (con filiale anche a Milano) finito in carcere lo scorso ottobre con altre quattro persone nell'ambito di un'altra indagine coordinata dai pm Roberto Pellicano e Mauro Clerici. Guastalla e i suoi complici, secondo l'accusa, hanno usato la Doge non solo per trasferimenti di denaro all'estero ma anche per riciclarlo. Il nuovo filone investigativo ha svelato che gestivano anche una serie di società estere (in Austria, Olanda, Inghilterra e Svizzera) costituite per permettere ai clienti italiani - tramite contratti fittizi e documenti e fatture false, con l' interposizione di società off shore e con l'apertura di conti in banche elvetiche - di creare fondi neri all'estero.

 E quando dalla Svizzera bisognava far rientrare il denaro venivano sarebbero stati utilizzati anche spalloni. Nella lista di Guastalla sono così spuntate le sei società calcistiche, il Catania, l'Udinese e l'Ascoli, perquisite oggi, e il Cesena, l'Empoli e la Reggina finite sotto i riflettori della Gdf lo scorso autunno. Dal 2005 al 2008, questa la contestazione, avrebbero evaso complessivamente circa tre milioni: si va dai 450 mila euro del Catania ai 967 mila dell' Udinese fino al milione e 950 mila della Reggina. Indagati i presidenti: Tonino Pulvirenti (Catania), Franco Soldati (Udinese), Roberto Benigni (Ascoli), Fabrizio Corsi (Empoli), Pasquale Foti (Reggina) e Igor Campedelli (Cesena).

 Mentre la Figc ha intenzione di aprire un'indagine sportiva e ha chiesto le carte alla Procura, i club che oggi hanno ricevuto la 'visita' dei finanzieri si sono dichiarati estranei ai reati contestati. Dal Calcio Catania, in particolare, hanno fatto sapere che "i bilanci sono regolari" e gli atti chiesti dagli investigatori riguardano l'acquisto di un calciatore all'estero. Dal Cesena hanno invece tenuto a precisare che l'unica volta in cui la Gdf si è recata nella sede della società è stato lo scorso ottobre, che questa mattina non c'é stata alcuna perquisizione e che il presidente non è sotto inchiesta. Tra le molte società perquisite questa mattina ci sono, inoltre, Fastweb e Eutelia le quali, secondo i primi accertamenti, avrebbero nascosto al fisco circa 1,5 milioni di euro ciascuna, mentre Poltrona Frau tra i 30 e i 40 mila euro. Accanto a loro figurano anche i nomi di Bwin Italia, società romana che si occupa di scommesse on-line, il gruppo Mayorca e Meucci spa di Firenze, attiva nel campo della moda.

http://www.italiainformazioni.com/giornale/cronaca/italia/92561/fisco-indagati-presidenti-udinese-cesena-altri-club.htm