Post recenti

Pagine: 1 ... 7 8 [9] 10
81
Calcio siciliano / Re:[Coppa Italia Serie C]-Padova-Catania 2-1
« Ultimo post da bua il 20 Marzo 2024, 11:47:14 am »
Poteva finire 13 a 0 per il Padova; hanno avuto non so quante azioni da rete e ci hanno surclassato sul piano del gioco. Credo e immagino che anche al ritorno sarà così per cui non vedo alcuna speranza. Tutt'al più perchè, grazie ai soliti sciacalli mononeuronali, giocheremo quali certamente a porte chiuse. E quindi, anche un eventuale (anche se impensabile) trionfo, si trasformerebbe in una triste e cadaverica celebrazione. A volte mi chiedo chi me lo fa fare...

Non esageriamo, hanno avuto anche un calo clamoroso nel secondo tempo e ci hanno concesso una nitida palla gol anche a fine primo tempo. Poi farci segnare, per di più da piazzato, è un'impresa imperdonabile. Di solito in questi casi si finisce per beccare anche il secondo.
Se avessimo giocato come loro non saremmo stati comunque contenti.
Cioè,  in questo momento magari sì, ma non in generale.

Comunque abbiamo una squadra che ha preteso l'autogestione ma a cui mancano carattere e personalità, non c'è da aspettarsi nulla di buono, ma le porte chiuse incideranno poco.
Da notare che con Quaini dietro si riesce almeno a verticalizzare un minimo.
82
Calcio siciliano / Re:[Coppa Italia Serie C]-Padova-Catania 2-1
« Ultimo post da garreccio il 20 Marzo 2024, 11:38:10 am »
Poteva finire 13 a 0 per il Padova; hanno avuto non so quante azioni da rete e ci hanno surclassato sul piano del gioco. Credo e immagino che anche al ritorno sarà così per cui non vedo alcuna speranza. Tutt'al più perchè, grazie ai soliti sciacalli mononeuronali, giocheremo quali certamente a porte chiuse. E quindi, anche un eventuale (anche se impensabile) trionfo, si trasformerebbe in una triste e cadaverica celebrazione. A volte mi chiedo chi me lo fa fare...
83
Calcio siciliano / [Coppa Italia Serie C]-Padova-Catania 2-1
« Ultimo post da bua il 20 Marzo 2024, 11:11:31 am »

Abbiamo incontrato una squadra decisamente più forte di noi e abbiamo limitato i danni soprattutto per l'ingenuità degli avversari che non hanno saputo chiudere la pratica ma che rimangono favoriti per la gara di ritorno, anche qualora si giocasse a porte aperte, tanto più che nessuno ha più paura del Cibali, ammesso e n on concesso che qualcuno si faccia ancora intimidire da uno stadio pieno, come a qualcuno piace illudersi che sia.

Riguardo l'impresa dei teppisti c'è da dire che queste persone sapevano di agire contro gli interessi della squadra e quindi non vanno classificati come tifosi. Si è trattato di un'azione organizzata e che ha coinvolto almeno un centinaio di persone, comprese quelle che lanciavano fumogeni e che, senza volerlo, hanno agevolato la polizia che ha potuto entrare in azione senza essere vista. Mi dicono comunque che ci sono staqate botte da orbi e qualche poliziotto è finito in osedale per cui la pagheremo cara.

Noi, la pagheremo cara, non chi ha fatto queste cose, che è facilmente identficabile perché evidentemente appartiene a gruppi organizzati, tanto è vero che l'obiettivo era di rubare degli striscioni, cosa che interessa solo agli ultrà.
Quindi personalmente dico a questa gente tenetevi le coreografie e risparmaiateci queste azioni demenziali e la vostra demenziale mentalità che ci costa trasferte vietate, squalifiche e danni econimici e di immagine,oltra lal mortificazione della città di cui dite (ripetendo a pappagallo degli sloga n che nemmeno sapete cosa significhino) di voler difendere l'onore.
Siamo messi male quanto la tifoseria della Roma da questo punto di vista.

Detto questo, sapendo del gemellaggio Padova-Palermo, della propensione alla discriminazione territoriale dei padavini e dell'importanza della posta in palio, una gestione adeguata dell'ordine pubblico era una più che dovuta e non si spiega l'assenza di un cordone di poliziotit a presidiare le barriere divisorie e il mancato sequestro preventivo dei fumogeni, che sono vietati da anni, a quanto mi risulta.
Evidentemente si è data una opportunità ai nostri di dimostrare di non essere quello che tutti pensano, nonostante precedenti recenti, anche per non rovinare la festa di una finale, e questo ci si ritorcerà contro.
Spero almeno di non sentire dire con ogoglio "non è successo niente" nel caso di future trasferte, chissà quando se ne potranno fare di nuovo, perché la normalità non va celebrata come chissà quale merito.
84
Calcio siciliano / Re:Ottime notizie...
« Ultimo post da Templare il 17 Marzo 2024, 11:56:54 am »
Che Corini non fosse in discussione non avevo dubbi. Sarebbe piu' probabile che io mi svegliassi cantando bella ciao e andassi a manifestare contro i sionisti (dopo aver leccato loro il culo per 80 anni) piuttosto che vedere Corini esonerato, tuttavia e' sintomatica la maniera in cui le riconferme di codesto allenatore vengono puntualmente comunicate dalla societa': esse infatti non vengono affatto comunicate, ma si fa ricorso al cosiddetto silenzio-assenso.

Non si muove una foglia e i giornalisti deducono che sia il caso di scrivere che Corini va avanti fino a Giugno. Oggi, in realta', assistiamo alla novita' del CdS, che si sbilancia dicendo che comunque vada questo moccolo di stagione, l'attuale tecnico non sara' riconfermato per il prossimo campionato di B. Il tutto basato non si sa su cosa, se su sensazioni personali del giornalista, velenose soffiate da parte del costume di Kuro' amante tradito (la tenera storia con Gardini e' finita, senza alcun comunicato stampa anche in questo caso) o semplicemente per cavalcare il vento di quasi sommossa che si registra ormai pernicioso nel pubblico rosanero.

Ripeto un concetto gia' espresso: la societa' ha tutto il diritto di non cambiare guida tecnica se pensa che un traghettatore per le ultime otto partite (otto, ma avrebbero potuto essere anche quindici o venti) potrebbe pure arrivare a compiere il miracolo, ma non e' questo il modo giusto di conquistare la serie A, perche' l'estemporaneita' potrebbe essere deleteria e costosa piu' di un altro anno in seconda serie. Su questo non sono nemmeno tanto in disaccordo e ho gia' avuto modo di dirlo in passato. Oltretutto, dal mio punto di vista, per Corini prendersi bordate di fischi e armonie di vaffanculo da qui alla fine potrebbe essere il modo piu' giusto per concludere i suoi due anni di scempi tecnici, tattici e comunicativi e punire la sua cieca presupponenza. Tuttavia ritengo assolutamente errato e incomprensibile il totale silenzio da parte di tutto l'apparato dirigenziale: basterebbe un comunicato di due righe, glaciale nei suoi contenuti, in cui si ribadisce la fiducia al tecnico fino alla fine del suo contratto. Direbbe tutto pur non dicendo nulla.

Nella vita non contano solo i contenuti, ma anche la forma e in questo, devo purtroppo dire, il CFG versione italiana, appare drammaticamente carente.
Sursum corda oh popolo rosanero! Mancano solo 8 partite e pochi minuti di play-off.

p.s. ho usato il vocativo millenni dopo Euripide. Siamo tutti un po' Alcesti.
p.s.2 conoscevo un portiere (di stabile, non giocatore di calcio) originario di Santa Venerina che usava il vocativo per chiamare la moglie: "Oh Enna!" (Enna diminuitivo di Venera). Euripide gli faceva una pippa.


85
Calcio siciliano / Re:Ottime notizie...
« Ultimo post da ENZO il 16 Marzo 2024, 07:37:04 pm »
Saluti per tutti.
Anch'io ho poco da aggiungere, se non il fatto che ho lasciato Palermo mercoledì con il rammarico di non poter andare al Barbera in occasione della partita.
Alla luce del risultato e della prestazione, posso affermare che non mi sono perso niente !!!!
Speriamo di perdere a Pisa e le altre fino a quando il CFG non decide di cambiare allenatore !!
Rinnovo i saluti
86
Calcio siciliano / Re:Ottime notizie...
« Ultimo post da turiddu il 16 Marzo 2024, 02:57:16 pm »
Che altro posso aggiungere ragazzi?
Vediamo un po': Templare,  Corini non vuole andare dentro la lettura delle partite? Può sempre andare altrove...
Sergio i due anni di  Corini hanno determinato tutte le cose che hai detto, ma hai dimenticato la più importante: avere un allenatore che non crea problemi e dica sempre si.
Corini non è il problema del Palermo, il problema è la società, capire che cosa sono venuti a fare a Palermo.
L'obiettivo è vincere o siamo solo la Juventus under23?
Salutamu
87
Calcio siciliano / Re:Ottime notizie...
« Ultimo post da Sergio il 16 Marzo 2024, 12:20:18 pm »
Una nota sui giornalisti e/o affini.
Tutti noi appassionati della squadra e naviganti nel web attraverso i social ci imbattiamo spesso su trasmissioni sportive che trattano le vicende rosanero. Qualcuno è giornalista di professione, qualcun altro lo fa solo per passione, ma sono comunque tutti bravi ragazzi. C’è un luogo comune che vorrei sfatare e che ho continuato a sentire anche la settimana scorsa quando il secondo posto in classifica era già diventato, di fatto, una chimera. Hanno detto più volte che la società ha chiesto a Corini di stare sempre tra il quarto e il quinto posto e poiché la squadra è lì, Corini sta rispettando le richieste societarie.
Dire che l’obiettivo della squadra è il quarto o quinto posto è una comunicazione errata, figlia di una interpretazione errata di ciò che aveva detto Galassi la scorsa estate. “Quando siamo arrivati, siamo stati chiari fin dall’inizio: consolidare il primo anno e puntare alla Serie A dall’anno successivo. Quest’anno ci divertiremo e avremo un obiettivo chiaro in testa: arrivare almeno tra le prime quattro del campionato”.
Il campionato di serie B ha tre epiloghi: promozione in A, mantenimento della categoria, retrocessione in serie C. Solo i primi due obiettivi sono programmabili, nessuna società infatti dice lotteremo per andare in C. Chi DICHIARATAMENTE lotta per la promozione mira essenzialmente ai primi due posti. Solo chi non ha pretese di promozione a volte menziona la parola playoff: “cerchiamo di raggiungere quanto prima la salvezza e se ci sono i margini faremo un pensierino anche ai playoff, senza pretendere nulla ma per divertirci”. Terzo e quarto posto è l’obiettivo di ripiego di chi fallisce i primi due posti e di solito, si pretende, che li fallisca per una manciata di punti date le numerose insidie del campionato. Ma non è il caso del Palermo se già sei fuori dai giochi per la promozione diretta, a 10 giornate dalla fine, chi si occupa di fare “giornalismo” non può farsi latore di un messaggio che lasci presupporre che la società sia soddisfatta di quanto fatto sinora, perché siamo sesti o settimi, con una squadra a pezzi, un ambiente surriscaldato, tensione alle stelle, paura che, dopo ieri, è diventata consapevolezza di non farcela, sconfitte casalinghe che si susseguono l’un l’altra, sconfitte che offendono e infangano la nostra passione e i nostri colori. No, Corini non sta rispettando le direttive della società e la società non può essere soddisfatta di questo “percorso” perché se così fosse sarebbe una tragedia.
Altro luogo comune è “finchè la matematica non ci condanna ci sono ancora speranze di farcela”. Ma di solito quando si tira fuori quest’assunto si è già con l’acqua alla gola, in mare aperto, in balia delle onde e senza salvagente. Come è apparso il Palermo ieri sera.
88
Calcio siciliano / Re:Ottime notizie...
« Ultimo post da Sergio il 16 Marzo 2024, 12:19:40 pm »
Non mi preoccupa, e non mi spaventa affatto, l’idea di dover stare un altro anno in serie B, prima dell’avvento di Zamparini e del ritorno in serie A me ne avevo assuppato ben 34 di campionati di serie B, anche con qualche calata in serie C ed un fallimento che ci vide privati della nostra squadra di calcio per un anno intero. Ci sono abituato, anzi ci ho fatto il callo ai campi polverosi di piccoli paesi o a palcoscenici tutt’altro che nobili, che tra le basse linee ci sguazzano per autoctonia, per appartenenza, per quell’attinenza endemica che determina il confine ultimo e invalicabile a cui poter aspirare.
Un altro anno in B, ma anche se fossero più di uno, con squadra competitiva ed allenatore esperto e vincente lo baratterei ben volentieri con una serie A ad opera di Corini che poi gli valesse la riconferma. Sarebbe un incubo dover tollerare la sua presenza al di là del 30 giugno prossimo. Ormai si entra allo stadio preparati all’ennesima malafiura. Il calcio è entusiasmo, è passione, è coinvolgimento, è partecipazione. Per me ieri è stato come l’andare a vedere un film triste, tipo l’ultima neve di primavera, un film noioso perché l’avevi già visto parecchie volte e che anche quest’anno ti è stato presentato già almeno una decina volte e per l’undicesima volta di nuovo l’ultima neve di primavera. Basta! C’è parecchia nausea in giro.
Rimangono solo i playoff ma farli senza apportare la modifica principale, la madre di tutte le modifiche (immaginate già di cosa parlo) non ne vale la pena, la squadra ha già dato tutto quello che poteva dare, questo sistema di gioco è un continuo girare a vuoto, un rincorrere inutile del pallone, un continuo cozzare contro il muro eretto dagli avversari che ti hanno già preso le misure e sanno come neutralizzarti. Non ti fanno mai tirare in porta e sanno perfettamente come infilarti. A Lecco Pigliacelli migliore in campo e gol del Palermo su colpo di testa di un difensore sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Sulla gara di ieri stendiamo il canonico pietoso velo. Se non c’è qualcuno che s’inventa qualcosa al di là degli schemi di gioco, per noi è notte fonda.
Riprendo il discorso da dove avevo iniziato: non è un altro anno di B che mi spaventa o mi demoralizza, quello che mi perplime maggiormente è constatare che quando al camion si rompono i freni e sta per avviarsi nel burrone con tutto il suo carico non ci sia qualcuno che abbia volontà/capacità/autorità/determinazione di sollevare il freno a mano.  E’ già stato grave non constatare l’inadeguatezza del tecnico lo scorso anno, quando già i segnali c’erano tutti. Quest’anno altro che valorizzare i giocatori, sta facendo tabula rasa, stanno rimanendo solo macerie su cui ricostruire il prossimo “percorso”. Se i nostri giocatori li guardiamo attentamente per quello che esprimo in campo, nessuno di loro sembra meritevole di giocare in B, nemmeno Brunori che ha avuto gli occhi di qualche club di A puntati addosso, sembra riconoscibile, dato che ogni sua gara sembra una continua lotta contro i mulini al vento, abbandonato a se stesso, senza nessuno che gli proponga un uno-due con cui presentarsi davanti al portiere avversario. Per cui, per quel che mi riguarda, più che avvilupparmi in questo “percorso” ch’è già diventato un supplizio, sto già pensando a come/cosa farà la società per il futuro di questo club. Intanto io i playoff non me li giocherei con Corini e con il suo sterile 4-3-3 oppure 4-2-3-1 con qualche giocatore fuori ruolo, io cercherei qualcuno bravo, anche nel mercato europeo, gli direi traghettami questa squadra fino a giugno e se ottieni la promozione valuterò se darti un bonus oppure la riconferma per un altro anno (quindi in serie A). Con le conoscenze che ha un club di caratura mondiale come il nostro, qualche nome buono lo trovi.
Se invece si insiste con Corini, tanto a giugno si cambia, amen, ce ne faremo una ragione ma a sto punto vorrei sapere quali sono gli accorgimenti che si stanno prendendo in proiezione futura: sarà di nuovo un algoritmo a scegliere il futuro tecnico? Ce l’avete un PC moderno su cui far girare quest’algoritmo, oppure vi affiderete di nuovo al commodore 64? Perché il nome “Corini” solo da un pc inadeguato come quello poteva uscire. Ma soprattutto: vigilerete con più attenzione sull’evolversi del nuovo percorso?
Io non so se la società stia prendendo atto che i due anni coriniani hanno determinato:
2 anni di lavoro persi
Nessun risultato conseguito
Decine di milioni sprecati
Nessun giocatore valorizzato
Competenza sportiva che sta lasciando tutti perplessi
Tifoseria avvilita
Credibilità societaria messa in dubbio perché distante e silente
Permettere che la disfatta di cui sopra si sia potuta concretizzare per assecondare un principio secondo cui non si cambiano i pezzi difettosi di una struttura, oltre che essere incomprensibile (ed inaccettabile) è altamente deleterio. Tra serie A, B e C ci sono almeno un centinaio di club. Solo chi non ha i soldi per farlo non cambierebbe mai l’allenatore (vedi Sampdoria), gli altri lo fanno ed anche due o tre volte se è il caso. Cosa dobbiamo pensare, che sono tutti scemi mentre voi siete bravi? Oppure è il contrario?
Parecchi tifosi, me compreso, sono andati in visibilio quando si è concretizzato l’avvento del CfG a Palermo e ci sono fatti incontestabili che parlano chiaro: progetti lungimiranti e all’avanguardia, crescita sportiva, interventi strutturali allo stadio, centro sportivo che grazie all’accelerata ai lavori è già fruibile per la squadra, questo grazie ai soldi che CfG ha messo, altrimenti stavamo freschi. Tutto ciò è bellissimo ma noi tifosi lo spettacolo non lo vediamo al centro sportivo, lo vediamo allo stadio. E ciò che si vede allo stadio, da ben due anni, FA PENA! Vorrei che i giornalisti nostrani ponessero qualche domanda in proposito, non appena ne avranno l’opportunità perché sta venendo su bene tutto tranne la squadra che sembra facesse a capo di una società incompetente, squattrinata e sprovveduta. C’è massima attenzione su tutto, tranne su ciò che sta più a cuore ai tifosi che se sul piatto della bilancia mettono 27 mila presenze meritano maggior considerazione e maggior rispetto.
89
Calcio siciliano / Re:Catania - Cerignola (speriamo non molto audace!)
« Ultimo post da Giovanni (Roma) il 16 Marzo 2024, 12:01:12 pm »
Nel dopo partita Zeoli ha chiaramente detto che finiremo il campionato lottando per la salvezza con tutte partite simili a questa. Se riusciremo a salvarci e in questo senso il risultato di ieri era il minimo necessario, allora si festeggerà la salvezza giocando due partite dei playoff!

Fozza Catania
90
Calcio siciliano / Re:Ottime notizie...
« Ultimo post da Templare il 16 Marzo 2024, 11:20:05 am »
Turiddu, non posso essere l'unico a farmi il sangue acqua sentendolo nelle interviste, per cui ti posto anche quest'altra chicca: "Non voglio andare dentro la lettura della partita".

Alle domande dei giornalisti ha risposto un paio di volte in questa maniera, accompagnando la frase con un sorrisino che sapeva fortemente di "Tanto voi di calcio non capite un cazzo e vedete soltanto quello che pare a voi".

Se Corini tatticamente e' un valore aggiunto per la squadra avversaria, dal punto di vista della comunicazione e' una tragedia di grado 12 della scala Mercalli. Ieri avrebbe dovuto soltanto dire: "Chiedo scusa a tutti" e, possibilmente, passare dall'ufficio matricola rassegnando le dimissioni, invece ha continuato a descrivere un mondo che vede soltanto lui e a rimarcare che ha la fiducia di squadra e societa'. Cosa quest'ultima che suona orma quasi come richiamo di un ricatto, da' da pensare che non lo possano esonerare perche' altrimenti passerebbe alla stampa le foto rubate dell'accoppiamento, avvenuto nei locali dello stadio, fra Gardini e il costume dello scomparso Kuro'.

Corini comunque non e' la causa dei mali del Palermo, ma solo un effetto della totale assenza societaria. La storiella decantata da tanti fini analisti delle cose rosanero, penso ad esempio al professore Amenta, secondo cui il CFG si basa sul risultato finale (ti ho detto di stare fra le prime cinque e ci stai, compito assolto), non sta in piedi nel momento in cui spendi 50 milioni in 2 anni per farti umiliare non solo dal fortissimo (e societariamente sdirrubbatissimo) Venezia, ma anche da Lecco, Feralpi, Ternana, Cittadella, Cosenza, che 50 milioni li spendono in dieci o venti anni. Per non parlare poi della totale mancanza di rispetto verso un pubblico che continua ad affollare lo stadio costituendo una delle fonti di sostenimento economico della tua societa', un pubblico che ormai oscilla, compatto, fra l'orlo dell'esaurimento nervoso e l'incredulita' mista a rassegnazione.

Oggi la stampa palermitana dovrebbe semplicemente mettere sul banco d'accusa questa societa', chiamandola apertamente a chiarire tutti gli aspetti di una gestione elefantiaca e illogica che, restando cosi' le cose, non potra' mai essere utile in un mondo frenetico come quello del calcio italiano.
Pagine: 1 ... 7 8 [9] 10