Autore Topic: Quelli in maglia rossazzurra - Benevento  (Letto 2807 volte)

Offline garreccio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1837
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« il: 23 Aprile 2024, 04:31:25 pm »
I sanniti verranno qui per fare punti e vendicare i 4 schiaffoni dell'andata: se le streghette giocheranno da streghette e i nostri giocheranno come a Sorrento, la partita finirà presto e alla fine con un risultato di tanto a zero. Mi affido solo all'imponderabile perchè ad altro è impossibile affidarsi.

Online Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1959
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« Risposta #1 il: 24 Aprile 2024, 12:40:00 pm »
Speriamo che i "nostri" reggano un pò e che l'avellino vada in vantaggio perchè in tal caso il risultato del Benevento sarebbe ininfluente...a che punto siamo arrivati..a sperare questo...oltre che nella vittoria del Foggia per noi assolutamente fondamentale!

Fozza Catania

Offline bonfanti58

  • Utente
  • ****
  • Post: 813
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« Risposta #2 il: 27 Aprile 2024, 09:38:42 pm »
Questi ci faranno morire di crepacuore...
Il rosso come il fuoco dell'Etna L'azzurro come il cielo e il mare

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5540
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« Risposta #3 il: 27 Aprile 2024, 10:40:33 pm »
Salvezza ingloriosa e costosissima che spero non faccia dimenticare che la stagione è stata fallimentare.
Ora un bel bagno di umiltà che affoghi le manie di onnipotenza di qualcuno

Offline garreccio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1837
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« Risposta #4 il: 27 Aprile 2024, 10:56:42 pm »
Salvezza ingloriosa e costosissima che spero non faccia dimenticare che la stagione è stata fallimentare.
Ora un bel bagno di umiltà che affoghi le manie di onnipotenza di qualcuno
Esattamente. E soprattutto che inizino a pensare fin da domani mattina alla prossima stagione di C. I playoff vanno affrontati con disincanto: ciò a cui invece va pensato seriamente è la stagione che verrà, posto che c'è bisogno di un repulisti e di una rivoluzione in ogni reparto. E subito va nominato un direttore sportivo.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2454
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« Risposta #5 il: 28 Aprile 2024, 10:10:13 pm »
Ieri, mentre aspettavo la partita pensavo fra me e me: come può, una squadra che in serie C costa 29 milioni di Euro, avere paura del Benevento? Questi calciatori per “valere” tanto qualche cosa di buono nella loro carriera lo avranno pur fatto! Questa squadra non avrebbe dovuto temere nessuno in tutti i gironi di serie C. Tutti questi pensieri però si scontravano con la realtà: il Catania era all’ultima spiaggia per salvarsi senza disputare i play out, dopo una stagione che definire disastrosa è un complimento. Poi è iniziata la partita e quelli che da tempo ho definito “giocatoricchi” hanno dato vita all’ennesimo colpo di scena: in campo c’era un Catania forte, quello che non aveva nulla da temere da nessuno: un Cicerelli sontuoso in una posizione non consueta, un Quaini impeccabile, un Furlan attento e reattivo, un Monaco preciso e concentrato, un Di Carmine sempre in pressione: la spina dorsale della squadra in pratica stava funzionando bene. E così hanno portato a casa la meritata vittoria e l’accesso ai play off.

Ora che faranno questi “giocatoricchi” capaci di diventare squadra a giorni alterni e solo per l’occasione? Se sentissero la maglia come dicono farebbero di tutto per fare un’impresa che nessuno, credo, abbia mai fatto nella storia del calcio: passare dalla lotta per la salvezza alla promozione in meno di un mese e mezzo. Un’impresa che sarebbe confacente con la storia del calcio a Catania: un Catania che ha avuto il supporto di 45 mila tifosi in una partita fuori casa, un Catania capace di ripartire dall’Eccellenza e scalare il calcio nazionale fino alla massima serie, un Catania capace di salvarsi nel campionato di serie A giocando quasi un intero girone senza pubblico di casa.
Questi “giocatoricchi” dovrebbero conoscere questa storia.  Dovrebbero “vivere” e giocare a pallone solo per sentire il boato del Massimino quando il Catania segna un goal. Un boato unico al mondo, che sembra provenire dalle viscere della terra, con l’Etna che fa da cassa di risonanza alla gioia dei tifosi. Solo per questo dovrebbero dare l’anima ed entrare nella storia. Ne saranno capaci? 

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5540
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re:Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« Risposta #6 il: 29 Aprile 2024, 10:37:53 am »
Ieri, mentre aspettavo la partita pensavo fra me e me: come può, una squadra che in serie C costa 29 milioni di Euro, avere paura del Benevento? Questi calciatori per “valere” tanto qualche cosa di buono nella loro carriera lo avranno pur fatto! Questa squadra non avrebbe dovuto temere nessuno in tutti i gironi di serie C. Tutti questi pensieri però si scontravano con la realtà: il Catania era all’ultima spiaggia per salvarsi senza disputare i play out, dopo una stagione che definire disastrosa è un complimento. Poi è iniziata la partita e quelli che da tempo ho definito “giocatoricchi” hanno dato vita all’ennesimo colpo di scena: in campo c’era un Catania forte, quello che non aveva nulla da temere da nessuno: un Cicerelli sontuoso in una posizione non consueta, un Quaini impeccabile, un Furlan attento e reattivo, un Monaco preciso e concentrato, un Di Carmine sempre in pressione: la spina dorsale della squadra in pratica stava funzionando bene. E così hanno portato a casa la meritata vittoria e l’accesso ai play off.

Ora che faranno questi “giocatoricchi” capaci di diventare squadra a giorni alterni e solo per l’occasione? Se sentissero la maglia come dicono farebbero di tutto per fare un’impresa che nessuno, credo, abbia mai fatto nella storia del calcio: passare dalla lotta per la salvezza alla promozione in meno di un mese e mezzo. Un’impresa che sarebbe confacente con la storia del calcio a Catania: un Catania che ha avuto il supporto di 45 mila tifosi in una partita fuori casa, un Catania capace di ripartire dall’Eccellenza e scalare il calcio nazionale fino alla massima serie, un Catania capace di salvarsi nel campionato di serie A giocando quasi un intero girone senza pubblico di casa.
Questi “giocatoricchi” dovrebbero conoscere questa storia.  Dovrebbero “vivere” e giocare a pallone solo per sentire il boato del Massimino quando il Catania segna un goal. Un boato unico al mondo, che sembra provenire dalle viscere della terra, con l’Etna che fa da cassa di risonanza alla gioia dei tifosi. Solo per questo dovrebbero dare l’anima ed entrare nella storia. Ne saranno capaci?

Credo che 29 mln di euro sia una stima eccessiva, più vicina a quanto ha speso il Benevento per arrivare ultimo lo scorso anno in B.
Ad ogni modo ho capito il tuo pensiero e lo condivido, fossero stati "solo" 10 i milioni spesi.
Non ho visto la partita perché mi sono concesso una breve vacanza fuori porta (ma ho sofferto lo stesso alla grande, una strizza indicibile), tuttavia dagli highlights non mi sembra che il Benevento sia arrivato con il coltello fra i denti, il che è strano in quanto credo gli avrebbe fatto comodo eliminarci, o forse ci considerano, giustamente, la squadra cuscinetto dei playoff. O ancora, hanno voluto preservare i diffidati e non giudicano probabile di ritrovarci in semifinale, dove, se ho capito bene sarebbero possibili i primi incroci fra squadre dello stesso girone. Calcoli pericolosi, comunque sia.

Onestamente non mi aspetto molto dagli spareggi, anche se tutto può succedere.
Mi preme solo che stiano comunque programmando la prossima stagione, considerando i due possibili scenari, soprattutto quello più verosimile.
Certo, sentire dire a Grella che rifarebbe la rivoluzione di gennaio perché, ad esempio, Sturaro è il perno del futuro centrocampo, quando a me pare un ex giocatore, non mi lascia tranquillo.

Che pensi ad organizzare un ritiro degno di una squadra professionistica, tanto per cominciare, poi scelga dei collaboratori veri, non degli yes men o dei prestanome, e deleghi la gestione tecnica, il mercato e la logistica ad almeno due persone diverse limitandosi a gestire il budget e a coordinare, se non vuole che i vari progetti di cui hanno finora solo fumosamente parlato non restino in standby un altro anno per star dietro a più urgenti questioni di sopravvivenza.

Senza la società non ci può essere successo a lungo termine, dovremmo averlo imparato negli anni di Serie A, per chi se lo ricorrda, quando ci mettevamo dientro i ricchi scemi che spendevano per i nomi trascurando di mettere insieme gli ingranaggi giusti al posto giusto, a prescindere dalla qualità.
« Ultima modifica: 29 Aprile 2024, 12:25:05 pm da bua »

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2454
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« Risposta #7 il: 05 Maggio 2024, 03:29:04 pm »

Onestamente non mi aspetto molto dagli spareggi, anche se tutto può succedere.
Mi preme solo che stiano comunque programmando la prossima stagione, considerando i due possibili scenari, soprattutto quello più verosimile.
Certo, sentire dire a Grella che rifarebbe la rivoluzione di gennaio perché, ad esempio, Sturaro è il perno del futuro centrocampo, quando a me pare un ex giocatore, non mi lascia tranquillo.

Che pensi ad organizzare un ritiro degno di una squadra professionistica, tanto per cominciare, poi scelga dei collaboratori veri, non degli yes men o dei prestanome, e deleghi la gestione tecnica, il mercato e la logistica ad almeno due persone diverse limitandosi a gestire il budget e a coordinare, se non vuole che i vari progetti di cui hanno finora solo fumosamente parlato non restino in standby un altro anno per star dietro a più urgenti questioni di sopravvivenza.

Senza la società non ci può essere successo a lungo termine, dovremmo averlo imparato negli anni di Serie A, per chi se lo ricorrda, quando ci mettevamo dientro i ricchi scemi che spendevano per i nomi trascurando di mettere insieme gli ingranaggi giusti al posto giusto, a prescindere dalla qualità.

Concordo pienamente su tutto. A gioco fermo, in attesa disincantata dei play off, si può certamente affermare che l'artefice di questa stagione disastrosa è stato Grella, il quale in virtù di un rapporto ferreo con il Presidente Pelligra, ha fatto e disfatto a suo piacimento.
Grella è uno di quegli ex calciatori che non sanno trovare la loro strada nel mondo del calcio. Non ha qualità da talent scout, non conosce i calciatori, non sa stare al suo posto in un gruppo di lavoro. Con lui possono andare daccordo solo gli yes man. Un professionista di lungo corso come Laneri (il quale ha certamente le sue responsabilità nella stagione), appena le cose non sono andate come previsto (da loro) ed ha provato a distinguere le sue responsabilità da quelle di Grella, è stato messo alla porta senza tanti complimenti. Il merito dei successi dell'anno prima però sono stati di tutti. L'apice il nostro plenipotenziario lo ha toccato con la vicenda Lucarelli, prima incensato e poche settimane dopo licenziato.
 
Ora cosa può accadere in questa coda di stagione? Solo che si riesca a cementare, affiatare e mettere in perfetta forma atletica la squadra. Solo questo può dare qualche possibilità al Catania. Altrimenti il Catania di Grella continuerà ad essere ad immagine e somiglianza del suo vice-presidente: tutte parole e speranze vane. 

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2454
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Quelli in maglia rossazzurra - Benevento
« Risposta #8 il: 10 Maggio 2024, 02:47:52 pm »
Il pomeriggio di ieri secondo me una nota la merita.
Il tripudio di tifo per un semplice allenamento a porte aperte e la personale impressione dell'appalesarsi dell'impegno di giocatori, che sembravano consapevoli di avere un'opportunità unica per entrare nella storia e non solo di questa città, hanno risollevato un po' il mio spirito di tifoso fino ad ieri tristemente realista.

Poi in serata, la partita dell'Atalanta mi ha fatto riflettere ancora una volta su cosa sarebbe il calcio a Catania con una buona programmazione e guidato dalle competenze giuste. Sugli spalti di Bergamo c'erano 15 mila spettatori per una semifinale di Europa League: un pubblico che è normale a Catania per una partita di serie C.
Cosa accadrebbe a Catania se questi giocatori disputassero i play off al meglio delle loro possibilità e con una sola idea in testa? Ci pensino bene quando scenderanno in campo, ci pensino bene in ogni azione, in ogni intervento, in ogni corsa, in ogni rincorsa.