Autore Topic: Bentornato Marco Biagianti  (Letto 4476 volte)

Offline Caprarupens

  • Utente
  • *****
  • Post: 2016
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Bentornato Marco Biagianti
« il: 12 Luglio 2016, 02:00:11 pm »
Orgoglioso di questo giocatore che lasciava il campo sempre con la maglia guazza s'è rattristato andando via da Catania ed adesso ritorna a fare il suo dovere e - sopratutto - spogliatoio tra le fila rossazzurre lui ed il grande Stovini due Toscosiciliani che a catania saranno sempre di casa come nella loro Firenze.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 3130
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
  • La continuità nella discontinuità
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #1 il: 12 Luglio 2016, 02:23:40 pm »
Casorezzo (MI), 12 Luglio 2016
Caro Antonio,
 ci vorrà qualcosa di più che una semplice operazione nostalgia, peraltro a buon mercato, se non per ripetere l'età d'oro che si è conclusa tre anni fa, almeno per ricreare l'entusiasmo di una decina di anni or sono. Io, piuttosto, resetterei tutto, a cominciare naturalmente dal bancarottiere adultero e fraudolento. Et quod vides perisse perditum ducas. Ciao,
Marco Tullio
Nuovo Catania, nuovo nome

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #2 il: 12 Luglio 2016, 02:41:59 pm »
 ::) ::) ::) ::) ::)

Mettiamoci alle spalle tutto quello che è successo.

Senza dimenticare, ma evitando di allietare l‘amarezza con i bei ricordi.

I cavalli di ritorno, solitamente, fanno poco per entusiasmare. Detto questo, in bocca al lupo a Marco Biagianti e spero che faccia bene
« Ultima modifica: 12 Luglio 2016, 02:47:58 pm da Nelson »
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1959
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #3 il: 12 Luglio 2016, 07:04:29 pm »
Credo che il momento sia davvero difficile e che il risanamento di questa societa' passi (specie se non ci saranno cambiamenti al vertice nella proprieta') attraverso un percorso difficile e lungo. Il ritorno di PLM ha in un qualche modo azzerato il cronometro...siamo in un anno zero...e il ritorno di una vecchia bandiera puo' servire per costruire quel senso di appartenenza che non ho mai piu' visto dal momento in cui un certo bellimbusto argentino ha messo piede a TdG.
Quindi in questa ottica piu' mentale che tecnica voglio dare il mio personale bentornato a Marco Biagianti.

Fozza Catania

Offline Caprarupens

  • Utente
  • *****
  • Post: 2016
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #4 il: 12 Luglio 2016, 07:20:05 pm »
Casorezzo (MI), 12 Luglio 2016
Caro Antonio,
 ci vorrà qualcosa di più che una semplice operazione nostalgia, peraltro a buon mercato, se non per ripetere l'età d'oro che si è conclusa tre anni fa, almeno per ricreare l'entusiasmo di una decina di anni or sono. Io, piuttosto, resetterei tutto, a cominciare naturalmente dal bancarottiere adultero e fraudolento. Et quod vides perisse perditum ducas. Ciao,
Marco Tullio

anch'io lo voglio fuori dai..... (scusa il francesismo) ma purtroppo lo avremo in mezzo ancora per molto tempo - prevedo.

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #5 il: 12 Luglio 2016, 11:04:21 pm »
Anche io do il bentornato a Marco Biagianti. Tra i tanti ritorni al Catania, recenti e passati, quello di Biagianti è quello che mi dà meno fastidio di tutti. Biagianti non voleva lasciare il Catania tre anni fa, quando fu trasferito al Livorno, anzi fu scaricato senza tanti complimenti dal duo Pulvirenti-Cosentino dopo quasi sette anni di onorato servizio in maglia rossazzurra (anche se il suo apporto alla squadra negli ultimi due anni in rossazzurro fu alquanto modesto, soprattutto a causa di problemi fisici).
Sono altri i cavalli di ritorno che in passato mi fecero vomitare (in primis Lodi e Lopez), mentre per attenerci ai tempi nostri, non ho affatto gradito il ritorno di Lo Monaco in quanto non ho mai digerito i suoi insulti alla piazza e alla tifoseria rossazzurra quando si separò da Pulvirenti (per i quali tra l'altro non ha mai chiesto scusa, per quanto ne sappia io, a meno che non mi sono perso qualcosa di recente).

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #6 il: 13 Luglio 2016, 12:05:03 am »
Anche io do il bentornato a Marco Biagianti. Tra i tanti ritorni al Catania, recenti e passati, quello di Biagianti è quello che mi dà meno fastidio di tutti. Biagianti non voleva lasciare il Catania tre anni fa, quando fu trasferito al Livorno, anzi fu scaricato senza tanti complimenti dal duo Pulvirenti-Cosentino dopo quasi sette anni di onorato servizio in maglia rossazzurra (anche se il suo apporto alla squadra negli ultimi due anni in rossazzurro fu alquanto modesto, soprattutto a causa di problemi fisici).

Quando parlavo di cavallo di ritorno mi riferivo solo all‘aspetto puramente tecnico. Molte volte questi ritorni si rivelano poco soddisfacenti, perché le aspettative sono inconsapevolmente maggiori, forse per i ricordi di ciò che il calciatore aveva fatto nell‘esperienza precedente.

Ovviamente, mi fa molto piacere che un professionista come Marco Biagianti giochi nuovamente per la mia squadra, gli auguro di fare bene e, ne sono certo, se il vulcanico AD lo ha ingaggiato, avrà avuto valide motivazioni, perché dubito che lo abbia preso per motivi emozionali.

Mi ricordo ancora la prima da titolare nella partita-spareggio contro il Chievo, in cui giocò solo il primo tempo e fu, a mio parere, il migliore in campo. Mi ricordo anche quando Baldini lo fece giocare titolare a San Siro contro il Milan) in quella bella partita che pareggiammo 1-1 con gol del Malaka. E mi ricordo anche la sua migliore stagione, culminata con la convocazione premio in nazionale.

Dici bene, purtroppo i guai fisici lo hanno penalizzato e infatti la sua carriera ha avuto una flessione proprio nel momento più importante e oggi, a 32 anni, è finito in Lega Pro.
Quindi, il mio personale bentornato a Marco Biagianti.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #7 il: 13 Luglio 2016, 12:31:20 am »
Sono altri i cavalli di ritorno che in passato mi fecero vomitare (in primis Lodi e Lopez), mentre per attenerci ai tempi nostri, non ho affatto gradito il ritorno di Lo Monaco in quanto non ho mai digerito i suoi insulti alla piazza e alla tifoseria rossazzurra quando si separò da Pulvirenti (per i quali tra l'altro non ha mai chiesto scusa, per quanto ne sappia io, a meno che non mi sono perso qualcosa di recente).

Ti riferisci alle dichiarazioni prima della partita Palermo-Catania?
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #8 il: 13 Luglio 2016, 04:08:10 am »
Sono altri i cavalli di ritorno che in passato mi fecero vomitare (in primis Lodi e Lopez), mentre per attenerci ai tempi nostri, non ho affatto gradito il ritorno di Lo Monaco in quanto non ho mai digerito i suoi insulti alla piazza e alla tifoseria rossazzurra quando si separò da Pulvirenti (per i quali tra l'altro non ha mai chiesto scusa, per quanto ne sappia io, a meno che non mi sono perso qualcosa di recente).

Ti riferisci alle dichiarazioni prima della partita Palermo-Catania?

Mi riferisco a quelle dichiarazioni, alla conferenza di addio dell'aprile 2012, e soprattutto allo "stendiamo un velo pietoso sopra il pubblico di Catania" del 2009.

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #9 il: 14 Luglio 2016, 12:50:46 am »
Sono altri i cavalli di ritorno che in passato mi fecero vomitare (in primis Lodi e Lopez), mentre per attenerci ai tempi nostri, non ho affatto gradito il ritorno di Lo Monaco in quanto non ho mai digerito i suoi insulti alla piazza e alla tifoseria rossazzurra quando si separò da Pulvirenti (per i quali tra l'altro non ha mai chiesto scusa, per quanto ne sappia io, a meno che non mi sono perso qualcosa di recente).

Ti riferisci alle dichiarazioni prima della partita Palermo-Catania?

Mi riferisco a quelle dichiarazioni, alla conferenza di addio dell'aprile 2012, e soprattutto allo "stendiamo un velo pietoso sopra il pubblico di Catania" del 2009.


Ti ringrazio per essere stato così preciso.
Rispetto la tua opinione, ma la penso diversamente.
Se dicessi che non ti piace il personaggio, che lo consideri arrogante, autoritario, carente nelle pubbliche relazioni e altro, potrei capire, ma sulle tre circostanze che hai citato, non sono molto convinto.

Nella sua conferenza di addio dell‘aprile 2012, in un‘ora di monologo quasi del tutto indisturbato, non c‘è alcun accenno alla tifoseria e alla piazza, ergo nessun insulto. Piuttosto, c‘è tanto sarcasmo sul presidente, con messaggi impliciti che si sono rivelati amaramente profetici. Alla luce di quanto è successo, il suo sarcasmo non fa una grinza.

Per quanto riguarda il “velo pietoso”, come darti torto, caro Davide? Per non parlare della figuraccia (a sue spese) rimediata con quel maestro di dialettica chiamato José (non il grande Saramago, bensì Mourinho), oltre alle “bastonate sui denti” e altre uscite che non lo rendono un fenomeno di eleganza (vogliamo parlare della conferenza stampa di Messina quando litigò con quel giornalista? Non so se avesse ragione o torto, ma di certo non è stato un bel vedere e bel sentire).
Ma a parte tutto questo, la frase “velo pietoso” sui tifosi fa parte di una dialettica che ormai era stata superata in casa. Litigi in casa, superati e risolti nel 2009. Insomma, un conto è fare l‘AD di un‘altra squadra e parlare male dei tifosi del Catania (sarebbe molto grave), altra cosa è fare l‘AD “plenipotenziario” e beccarsi con la tifoseria. Anche io sto dalla parte dei tifosi, ma chiedere le scuse per una cosa accaduta circa 7 anni fa, dopo tanta acqua (e vittorie) sotto i ponti mi sembra eccessivo (o, quantomeno, discutibile). Oltretutto, non ti dico quanta gente lo abbia criticato a sproposito e quante analisi strampalate abbia letto qua e là, contraddette solo e soltanto dai risultati . Se togli Marcoccio e Massimino, chi ha fatto calcio a Catania?

Invece, le dichiarazioni prima della partita Palermo-Catania, dove il favorito Catania avrebbe dovuto giocare contro la depressa squadra di casa, dovremmo valutarle con una prospettiva diversa e considerare PLM un uomo che di calcio ne sa assai: dal calcio di provincia a quello che si gioca negli spogliatoi e nelle sale stampa. Fu molto ironico, definì il Catania come il Barcellona, uno squadrone che avrebbe giocato contro una umile squadra da salvezza. Le dichiarazioni non piacquero a nessuno, ma caricò ambiente e calciatori con il solito risultato: vincere il Derby. Così come lo aveva stravinto negli anni precedenti, nonostante le evidenti differenze tecniche tra il Palermo dei Cavani e il Catania dei Carboni.
Francamente, oggi possiamo dirlo, la risposta della Società fu inadeguata, perdendo anche nel botta e risposta sarcastico.

Per concludere, può anche non piacere, infatti a molti sta antipatico e persino non lo sopportano. Ci sta. Ma non credo che per queste cose debba scusarsi. Del resto, dopo tutto quello che è successo, chiedere le scuse a PLM mi sembra veramente eccessivo.

Ovviamente, è solo la mia opinione.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline katane64

  • Utente
  • ***
  • Post: 384
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #10 il: 14 Luglio 2016, 01:07:55 pm »
Che io condivido pienamente.
Per la prima volta dopo la stagione dell’ottavo posto mi sento emotivamente coinvolto e più fiducioso nel futuro (magari senza Pulvirenti).
Sento più persone che vivono a Catania contestare l’aumento del prezzo dell’abbonamento, come se la situazione fosse normale e ci apprestassimo all’ennesima annata nella massima serie.
Plm ocaca, Direttore pezzo di m….
Buon segno!
L’ho detto più volte, se dipendesse da quelli del continente il Massimino sarebbe sempre pieno.

Offline cantarutti72

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #11 il: 16 Luglio 2016, 12:06:02 pm »
::) ::) ::) ::) ::)



I cavalli di ritorno, solitamente, fanno poco per entusiasmare. Detto questo, in bocca al lupo a Marco Biagianti e spero che faccia bene
...e tonna... 8-)
anche Peppe Mascara fu nella stagione 2005-2006 un cavallo di ritorno...
"più tifi strisciato, più sei un siciliano rinnegato !! fuckinmiju "

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #12 il: 16 Luglio 2016, 02:08:21 pm »
::) ::) ::) ::) ::)



I cavalli di ritorno, solitamente, fanno poco per entusiasmare. Detto questo, in bocca al lupo a Marco Biagianti e spero che faccia bene
...e tonna... 8-)
anche Peppe Mascara fu nella stagione 2005-2006 un cavallo di ritorno...

Innanzitutto, contestualzziamo: le faccine con la risata non sono riferite al giocatore ma alla citazione che avevo letto nel post precedente.

Poi, su quello che intendo per cavallo di ritorno mi sono spiegato molto chiaramente nel post successivo, dove parlo con entusiasmo di un calciatore forte per la Lega Pro cui auguro di essere in buona forma fisica, perché essendo prevalentemente un centrocampista di quantità, gli acciacchi dgli ultimi 4 anni lo hanno penalizzato nel migliore momento della carriera.

Infine, a prescindere dai buoni propositi, per me Peppe Mascara non c‘entrerà mai con niente e con nessuno. Peppe Mascara era un fenomeno e spero che sia sempre ricordato per quello che è: uno dei più forti, imprevedibili e completi calciatori che abbiano giocato con il Catania.

He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2452
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #13 il: 16 Luglio 2016, 03:25:15 pm »


Infine, a prescindere dai buoni propositi, per me Peppe Mascara non c‘entrerà mai con niente e con nessuno. Peppe Mascara era un fenomeno e spero che sia sempre ricordato per quello che è: uno dei più forti, imprevedibili e completi calciatori che abbiano giocato con il Catania.

 =D> =D> =D> =D> =D> =D>

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Bentornato Marco Biagianti
« Risposta #14 il: 16 Luglio 2016, 05:32:37 pm »
Sono altri i cavalli di ritorno che in passato mi fecero vomitare (in primis Lodi e Lopez), mentre per attenerci ai tempi nostri, non ho affatto gradito il ritorno di Lo Monaco in quanto non ho mai digerito i suoi insulti alla piazza e alla tifoseria rossazzurra quando si separò da Pulvirenti (per i quali tra l'altro non ha mai chiesto scusa, per quanto ne sappia io, a meno che non mi sono perso qualcosa di recente).

Ti riferisci alle dichiarazioni prima della partita Palermo-Catania?

Mi riferisco a quelle dichiarazioni, alla conferenza di addio dell'aprile 2012, e soprattutto allo "stendiamo un velo pietoso sopra il pubblico di Catania" del 2009.


Ti ringrazio per essere stato così preciso.
Rispetto la tua opinione, ma la penso diversamente.
Se dicessi che non ti piace il personaggio, che lo consideri arrogante, autoritario, carente nelle pubbliche relazioni e altro, potrei capire, ma sulle tre circostanze che hai citato, non sono molto convinto.

Nella sua conferenza di addio dell‘aprile 2012, in un‘ora di monologo quasi del tutto indisturbato, non c‘è alcun accenno alla tifoseria e alla piazza, ergo nessun insulto. Piuttosto, c‘è tanto sarcasmo sul presidente, con messaggi impliciti che si sono rivelati amaramente profetici. Alla luce di quanto è successo, il suo sarcasmo non fa una grinza.

Per quanto riguarda il “velo pietoso”, come darti torto, caro Davide? Per non parlare della figuraccia (a sue spese) rimediata con quel maestro di dialettica chiamato José (non il grande Saramago, bensì Mourinho), oltre alle “bastonate sui denti” e altre uscite che non lo rendono un fenomeno di eleganza (vogliamo parlare della conferenza stampa di Messina quando litigò con quel giornalista? Non so se avesse ragione o torto, ma di certo non è stato un bel vedere e bel sentire).
Ma a parte tutto questo, la frase “velo pietoso” sui tifosi fa parte di una dialettica che ormai era stata superata in casa. Litigi in casa, superati e risolti nel 2009. Insomma, un conto è fare l‘AD di un‘altra squadra e parlare male dei tifosi del Catania (sarebbe molto grave), altra cosa è fare l‘AD “plenipotenziario” e beccarsi con la tifoseria. Anche io sto dalla parte dei tifosi, ma chiedere le scuse per una cosa accaduta circa 7 anni fa, dopo tanta acqua (e vittorie) sotto i ponti mi sembra eccessivo (o, quantomeno, discutibile). Oltretutto, non ti dico quanta gente lo abbia criticato a sproposito e quante analisi strampalate abbia letto qua e là, contraddette solo e soltanto dai risultati . Se togli Marcoccio e Massimino, chi ha fatto calcio a Catania?

Invece, le dichiarazioni prima della partita Palermo-Catania, dove il favorito Catania avrebbe dovuto giocare contro la depressa squadra di casa, dovremmo valutarle con una prospettiva diversa e considerare PLM un uomo che di calcio ne sa assai: dal calcio di provincia a quello che si gioca negli spogliatoi e nelle sale stampa. Fu molto ironico, definì il Catania come il Barcellona, uno squadrone che avrebbe giocato contro una umile squadra da salvezza. Le dichiarazioni non piacquero a nessuno, ma caricò ambiente e calciatori con il solito risultato: vincere il Derby. Così come lo aveva stravinto negli anni precedenti, nonostante le evidenti differenze tecniche tra il Palermo dei Cavani e il Catania dei Carboni.
Francamente, oggi possiamo dirlo, la risposta della Società fu inadeguata, perdendo anche nel botta e risposta sarcastico.

Per concludere, può anche non piacere, infatti a molti sta antipatico e persino non lo sopportano. Ci sta. Ma non credo che per queste cose debba scusarsi. Del resto, dopo tutto quello che è successo, chiedere le scuse a PLM mi sembra veramente eccessivo.

Ovviamente, è solo la mia opinione.

Caro Nelson in effetti hai ragione, almeno per quanto riguarda la conferenza del 2012. In quell'occasione PLM pronunciò così tante parole acide e velenose, ma in effetti erano tutte indirizzate alla società e soprattutto al presidente. A quei tempi però tutti noi tifosi rossazzurri stravedavamo per quell'uomo che tutti ritenevamo l'artefice principale dei successi del Catania, e tutti abbiamo risentito Lo Monaco per quell'attacco accanito contro il nostro presidente. Ecco io ricordavo il mio stato d'animo assai turbato dopo aver ascoltato quella conferenza stampa a quei tempi, e di conseguenza associavo quello scatto d'ira contro il nostro presidente come un attacco a tutto il mondo rossazzurro, ma in effetti Lo Monaco non pronunciò mai una parola contro Catania e i Catanesi (ho rivisto l'intera conferenza stampa per accertarmi del fatto).
Ma a prescindere dalla conferenza di addio del 2012, come hai detto tu è il personaggio che non mi piace affatto, così lontano dal mio modo di essere e di pensare. E malgrado tu possa pensare il contrario, quella del "velo pietoso" non gliela perdonerò mai a meno che non porga le scusa, anche a distanza di tanti anni (io non riesco proprio a perdonare a uno che non si scusa).
Se proprio dovevamo riportare a TdG un dirigente di successo del passato, avrei preferito di gran lunga che si sarebbe fatto ricorso al bon ton di Sergio Gasparin piuttosto che all'arroganza di PLM.