Autore Topic: La pecora Zamparini  (Letto 3163 volte)

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4895
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
La pecora Zamparini
« il: 25 Febbraio 2016, 04:37:45 pm »
Quindici giorni fa era stato il turno di Ventura, allenatore del Torino: "Se Cairo lo licenzia lo prendo io, Ventura è uno dei migliori allenatori".
Oggi è la volta di Donadoni: "volevo portarlo a Palermo per sostituire Iachini, il Bologna arrivò prima.
La prossima settimana andiamo a inter. C'è possibilità di tesserare Mancini, così il presidente da una leccata anche a lui? Forse Zampa si aspetta che gli regalano la partita :^( :^(
Ci sta facendo strisciare la faccia a terra. :$
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline alex10103

  • Utente
  • *****
  • Post: 2112
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #1 il: 26 Febbraio 2016, 08:07:55 am »
E poi, per quanto riguarda il famoso (?) centro sportivo, leggete qua http://www.mediagol.it/palermo/senapa-consigliere-comunale-carini-centro-sportivo-zamparini-mi-hai-deluso-il-presidente-del-palermo-ci-deve-delle-risposte/

Zampa bugiardo (per rimanere nell'educazione)

Ciao

Offline LUIS

  • Utente
  • ****
  • Post: 893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #2 il: 26 Febbraio 2016, 09:02:55 am »
Ancora una volta, ripeto:

sempre meglio zamparini, che un personaggio "ambiguo" locale che solo questa "bella" terra può offrire

(vero occasionale ?).

basta vedere che fine ha fatto il calcio a catania, messina, reggio (calabria e sicilia le metto sullo

stesso piano) e cosa era lo stesso palermo prima dell'avvento di zamparini.

Adieu.
« Ultima modifica: 26 Febbraio 2016, 09:21:43 am da LUIS »

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8778
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #3 il: 26 Febbraio 2016, 12:25:19 pm »
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2327
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #4 il: 26 Febbraio 2016, 12:27:07 pm »
Ancora una volta, ripeto:

sempre meglio zamparini, che un personaggio "ambiguo" locale che solo questa "bella" terra può offrire

(vero occasionale ?).

basta vedere che fine ha fatto il calcio a catania, messina, reggio (calabria e sicilia le metto sullo

stesso piano) e cosa era lo stesso palermo prima dell'avvento di zamparini.

Adieu.

Luis abbi pazienza e vedrai che anche con Zamparini siamo comunque destinati al tracollo.
salutamu.

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2327
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #5 il: 26 Febbraio 2016, 12:38:18 pm »
http://www.stadionews.it/corsport-quando-saputo-voleva-il-palermo/

...alla cortese attenzione di Turiddu...  ;-)

Templare questa notizia era meglio che non me la davi, per me è come mettere il dito nella piaga.
Saputo farà un grande Bologna.
Questa terra disgraziata non solo costringe alla partenza i propri figli, ma non li accoglie adeguatamente nemmeno per un possibile ritorno non riconoscendone i successi ottenuti ovunque nel mondo.
Se non ci fosse stato questo tizio al comando, Saputo non avrebbe avuto grosse difficoltà a rilevare il Palermo.
E' l 'ennesima conferma di quanti danni abbia prodotto ultimamente questo personaggio che non vuole vendere ma cercare solo soci che lo affianchino.  Difficile trovare gente tanto fessa che gli dia i soldi e lo lasci anche amministrare.
salutamu.
« Ultima modifica: 26 Febbraio 2016, 12:49:34 pm da turiddu »

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4895
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #6 il: 26 Febbraio 2016, 10:36:55 pm »
Ancora una volta, ripeto:

sempre meglio zamparini, che un personaggio "ambiguo" locale che solo questa "bella" terra può offrire

(vero occasionale ?).

basta vedere che fine ha fatto il calcio a catania, messina, reggio (calabria e sicilia le metto sullo

stesso piano) e cosa era lo stesso palermo prima dell'avvento di zamparini.

Adieu.

Caro Luis, sei di memoria corta, davvero. ::)
Sono anni che qui si dibatte quanto valga l'autoctonia, se sia meglio Zamparini o Pulvirenti. Io ho sempre sostenuto che avere una proprietà locale, specie dal punto di vista dei risultati, non ha proprio nessun valore. Proprio perchè locale, attaccato visceralmente al territorio, a Catania (il tifoso) si credeva di essere dentro una cassaforte d'acciaio e ghisa murata nella calcestruzzo. Mentre per me, ogni essere umano in qualsiasi parte del globo, prim'ancora di essere attaccato alla propria città è attaccato al proprio portafogli. L'ho scritto dozzine di volte ma non l'avete mai voluto accettare. A Catania, da questo punto di vista, si è ragionato più di pancia che di testa. Oggi si scopre che Pulvirenti non è più dio ma è un mortale, vulnerabile come ogni essere umano.
Tutto ciò accadeva quando sia qui che lì si era in fase di programmazione. Oggi, invece, che sia a Palermo che a Catania siamo in fase di disimpegno (almeno a Palermo lo siamo di sicuro, visto cosa sta combinando il vegliardo, a Catania, secondo me, il disimpegno è presente  solo nella testa dei rossazzurri), oggi, dicevamo, che siamo in fase di disimpegno (e qui adesso si che l'autoctonia acquista il suo valore), tu dici che è meglio Zampa. 8-) Zamparini ci sta perdendo troppo tempo a passare la mano, ad oggi egli rappresenta ancora il miglior presidente che abbia mai avuto il sodalizio rosanero. Peccato che non si accorga che ogni giorno che passa l'indice di stima si va sensibilmente assottigliando perchè è sotto gli occhi di tutti che egli qui a Palermo stia facendo tabula rasa e che a momenti spariranno anche i chiodi dai muri. A Catania, sebbene caduti in disgrazia, e più per incapacità amministrativa che per tendenza a delinquere, a me pare che Pulvirenti stia tentando di salvare la squadra di calcio per quel poco margine di movimento che gli è rimasto. E, secondo me, a meno che non vada incontro ad un incredibile fallimento, finita la tempesta il Catania te lo ritroverai in salita nei campionati superiori e con Ninuzzu al comando. E chissà quanti ce ne saranno che salteranno sul comodo e spaziosisimo carro della vittoria. Poi vedremo se sarai ancora di questa idea.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4895
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #7 il: 26 Febbraio 2016, 10:42:03 pm »
http://www.stadionews.it/corsport-quando-saputo-voleva-il-palermo/

...alla cortese attenzione di Turiddu...  ;-)

Templare questa notizia era meglio che non me la davi, per me è come mettere il dito nella piaga.
Saputo farà un grande Bologna.
Questa terra disgraziata non solo costringe alla partenza i propri figli, ma non li accoglie adeguatamente nemmeno per un possibile ritorno non riconoscendone i successi ottenuti ovunque nel mondo.
Se non ci fosse stato questo tizio al comando, Saputo non avrebbe avuto grosse difficoltà a rilevare il Palermo.
E' l 'ennesima conferma di quanti danni abbia prodotto ultimamente questo personaggio che non vuole vendere ma cercare solo soci che lo affianchino.  Difficile trovare gente tanto fessa che gli dia i soldi e lo lasci anche amministrare.
salutamu.

Allora, stando alle notizie di oggi, ci sarebbero diverse cordate interessate a rilevare la società. Fonte: Zamparini ::)
Ci sono cordate arabe, cinesi e americane. C'è l'imbarazzo della scelta ::)
Con tutte ste cordate, vediamo se ne avanza qualcuna e gliela mandiamo a Catania. Che preferenze avete dilà? :-D :-D
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline LUIS

  • Utente
  • ****
  • Post: 893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #8 il: 27 Febbraio 2016, 09:41:46 am »
Ancora una volta, ripeto:

sempre meglio zamparini, che un personaggio "ambiguo" locale che solo questa "bella" terra può offrire

(vero occasionale ?).

basta vedere che fine ha fatto il calcio a catania, messina, reggio (calabria e sicilia le metto sullo

stesso piano) e cosa era lo stesso palermo prima dell'avvento di zamparini.

Adieu.

Caro Luis, sei di memoria corta, davvero. ::)
Sono anni che qui si dibatte quanto valga l'autoctonia, se sia meglio Zamparini o Pulvirenti. Io ho sempre sostenuto che avere una proprietà locale, specie dal punto di vista dei risultati, non ha proprio nessun valore. Proprio perchè locale, attaccato visceralmente al territorio, a Catania (il tifoso) si credeva di essere dentro una cassaforte d'acciaio e ghisa murata nella calcestruzzo. Mentre per me, ogni essere umano in qualsiasi parte del globo, prim'ancora di essere attaccato alla propria città è attaccato al proprio portafogli. L'ho scritto dozzine di volte ma non l'avete mai voluto accettare. A Catania, da questo punto di vista, si è ragionato più di pancia che di testa. Oggi si scopre che Pulvirenti non è più dio ma è un mortale, vulnerabile come ogni essere umano.
Tutto ciò accadeva quando sia qui che lì si era in fase di programmazione. Oggi, invece, che sia a Palermo che a Catania siamo in fase di disimpegno (almeno a Palermo lo siamo di sicuro, visto cosa sta combinando il vegliardo, a Catania, secondo me, il disimpegno è presente  solo nella testa dei rossazzurri), oggi, dicevamo, che siamo in fase di disimpegno (e qui adesso si che l'autoctonia acquista il suo valore), tu dici che è meglio Zampa. 8-) Zamparini ci sta perdendo troppo tempo a passare la mano, ad oggi egli rappresenta ancora il miglior presidente che abbia mai avuto il sodalizio rosanero. Peccato che non si accorga che ogni giorno che passa l'indice di stima si va sensibilmente assottigliando perchè è sotto gli occhi di tutti che egli qui a Palermo stia facendo tabula rasa e che a momenti spariranno anche i chiodi dai muri. A Catania, sebbene caduti in disgrazia, e più per incapacità amministrativa che per tendenza a delinquere, a me pare che Pulvirenti stia tentando di salvare la squadra di calcio per quel poco margine di movimento che gli è rimasto. E, secondo me, a meno che non vada incontro ad un incredibile fallimento, finita la tempesta il Catania te lo ritroverai in salita nei campionati superiori e con Ninuzzu al comando. E chissà quanti ce ne saranno che salteranno sul comodo e spaziosisimo carro della vittoria. Poi vedremo se sarai ancora di questa idea.


di memoria corta sei tu, e mi riferisco verso il sottoscritto.

non ho mai osannato pulvirenti (semmai sono stato uno dei pochi che sin dall'inizio difendeva lo monaco) in

quanto avevo già avuto modo di conoscere il personaggio di Belpasso sin dai tempi di acireale anche se non

avrei mai pensato che avrebbe fatto fare questa fine al catania (anch'io mi ero illuso su pulvirenti ma a

differenza di molti tifosi non ho mai difeso l'indifendibile gestione degli ultimi due anni e mezzo).

e comunque, io non sono stato mai per l'autoctonia...........figurati....se potessi me ne andrei da

questa terra domani mattina stessa.

premesso quanto sopra, zamparini, probabilmente, lo apprezzerete quando non ci sarà più.

Ciao.
« Ultima modifica: 27 Febbraio 2016, 09:54:22 am da LUIS »

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8778
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #9 il: 27 Febbraio 2016, 11:19:13 am »
zamparini, probabilmente, lo apprezzerete quando non ci sarà più.

Quale Zamparini apprezzeremo? Perché, vedi, ci sono stati, semplificando, almeno due Zamparini, quello fino al 2010, che faceva i suoi interessi e contemporaneamente, in maniera perfettibile, ma sicuramente accettabile, quelli della società e quello successivo a questo periodo, che è stato un disastro al di là di qualunque logica e che ha determinato uno scollamento pauroso fra tifo e società, qualcosa che si era visto solo negli ultimi mesi delle gestioni Ferrara e Sensi.

Noi, almeno quelli che viviamo queste sensazioni, non lo sentiamo più nostro il Palermo, caro Luis, perchè lo vediamo violentato giorno per giorno da scelte irrazionali, perchè ci vediamo presi continuamente per i fondelli, perchè i soldi che entrano ogni anno nelle casse della società sono almeno 100 volte quelli che arrivavano durante le gestioni in cui iscriversi al campionato successivo era il vero scudetto da conquistare eppure ci sentiamo dire ogni giorno che senza i 40 milioni di Dybala saremmo falliti...

Speranza di pensare al calcio giocato fino a quando ci sarà quest'ultimo Zamparini al comando, non ce n'è. Un giorno non ci sarà nemmeno bisogno di rimpiangere il vecchio Zamparini: lo stiamo facendo ormai da troppo tempo, sarà anche questa una sensazione oltre tempo massimo.
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4895
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #10 il: 27 Febbraio 2016, 01:04:00 pm »
non ho mai osannato pulvirenti (semmai sono stato uno dei pochi che sin dall'inizio difendeva lo monaco)

Luis, il mio era un discorso più a carattere generale piuttosto che riferito a te in particolare. A parte tu e Nelson quanti erano questi che patteggiavano più per Lo Monaco che Pulvirenti? E comunque è davvero strano perchè Lo Monaco volava basso ritenendo la salvezza come lo scudetto del Catania e lo faceva mentre Pulvirenti prometteva l'Europa in 5 anni. Chi butti giù dalla torre?  Mi sembra strano che il tifoso seguisse più il lowcost Lo Monaco che l'ambizioso Pulvirenti. Davvero strano.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #11 il: 28 Febbraio 2016, 05:15:02 am »
non ho mai osannato pulvirenti (semmai sono stato uno dei pochi che sin dall'inizio difendeva lo monaco)

Luis, il mio era un discorso più a carattere generale piuttosto che riferito a te in particolare. A parte tu e Nelson quanti erano questi che patteggiavano più per Lo Monaco che Pulvirenti? E comunque è davvero strano perchè Lo Monaco volava basso ritenendo la salvezza come lo scudetto del Catania e lo faceva mentre Pulvirenti prometteva l'Europa in 5 anni. Chi butti giù dalla torre?  Mi sembra strano che il tifoso seguisse più il lowcost Lo Monaco che l'ambizioso Pulvirenti. Davvero strano.

Caro Sergio,

tu metti sul tavolo un argomento che ha valide basi, ma proponi dualismi che moltissimi tifosi del Catania non hanno mai pensato. Indubbiamente, nel web avrai avuto occasione di leggere i post di tifosi che preferivano le promesse dell‘eroe dell‘altro mondo (perché Pulvirenti non vendeva queste promesse, che semmai erano vendute dall‘argentino) alla prudente programmazione di Lo Monaco. Non metto in dubbio che tu abbia letto di tutto e di più, tuttavia il dualismo che si creò tra PLV e PLM, ha motivazioni differenti e ha diviso i tifosi solo in termini di appartenenza al club: qualsiasi tifoso era (giustamente) dalla parte del Presidente e nessuno (e ribadisco nessuno)   aveva alcun interesse nei confronti di PLM, che (e ché) era l‘AD di un‘altra squadra. Non c‘è dubbio che in quel momento nessuno pensava con nostalgia alla sua gestione, perché non ce n‘era motivo (a Catania lavorava - e bene - Gasparin) e perché non ce n‘era voglia (PLM era l‘AD della tua squadra).

Dopo quel periodo, passata l‘antipatia (o indifferenza) e passato il periodo di buona gestione Gasparin, è inevitabile che si traggano delle conclusioni: ci sono state opinioni differenti, ma io e molti altri (non pochi, secondo me) non abbiamo mai negato i meriti di chi ha portato in serie A il Catania,  consolidandone la permanenza. Più passava il tempo e più diminuivano i dubbi, fino a diventare palese l‘incompetenza degli ultimi anni.

Con questo post non voglio difendere nessun tifoso e non ho intenzione di oppormi alle tue argomentazioni, perché probabilmente, in singoli casi, avrai avuto occasione di sentirne tante. Però i pensieri di molti tifosi erano solo aspettative e speranze, mai certezze e convinzioni. Anche io speravo che dopo PLM le cose andassero meglio; e credo si possa concedere a tutti i tifosi un margine di tempo per rendersi conto erano solo speranze.
« Ultima modifica: 28 Febbraio 2016, 05:17:13 am da Nelson »
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #12 il: 28 Febbraio 2016, 08:29:06 am »
non ho mai osannato pulvirenti (semmai sono stato uno dei pochi che sin dall'inizio difendeva lo monaco)

Luis, il mio era un discorso più a carattere generale piuttosto che riferito a te in particolare. A parte tu e Nelson quanti erano questi che patteggiavano più per Lo Monaco che Pulvirenti? E comunque è davvero strano perchè Lo Monaco volava basso ritenendo la salvezza come lo scudetto del Catania e lo faceva mentre Pulvirenti prometteva l'Europa in 5 anni. Chi butti giù dalla torre?  Mi sembra strano che il tifoso seguisse più il lowcost Lo Monaco che l'ambizioso Pulvirenti. Davvero strano.

Sergio, come sempre, la tua provocazione stuzzica.
Ho sempre ribadito che occorre considerare il momento storico (... e guai se così non fosse) delle considerazioni e delle affermazioni.
Qualche post più in alto, si è fatta una distinzione, netta e giusta, fra i due volti di Zamparini.
Stessa cosa a Catania.
Cinque o sei anni fa era assurdo pensare in modo negativo della dirigenza della nostra squadra, e chi contestava Lo Monaco, non lo faceva in modo imparziale.
Fu quellomche portò, oltre al bel calcio ed al raggiungimento degli obiettivi sportivi, anche una buona, giusta, dovuta, pulizia nella tifoseria, che, prima di allora, soleva ricattare le società che si alternavano.
Poi ci furono enache le sue infelici sortite nei confronti del pubblico,mfacendo di tatta l' erba, un fascio.
E fu, giustamente, criticato.
Stessa cosa per quello che si rivelato il più grande lestofante in ordine sportivo che si sia mai visto in Sicilia.
Certo, quando il Catania navigava a gonfie vele, un pizzico d' orgoglio lo sciorinavamo.
Com' è giusto che sia, perchè pensare che al comando della tua squadra c'è chi ha sempre creduto ed amato quei colori e la propria città, ti inorgoglisce e ti dà ampia fiducia.
Poi...

Stessa cosa avreste fatto Voi, al nostro posto...

Cosa c' è da dire, sull' autoctonia, che ancora non ti è chiara?

Voui farmi credere che nella situazione di diversi anni fa, a parti invertite, per te, sarebbe stato diverso?


Ma che lo scrivo a fare?
#STAMUAVVULANNU!

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4895
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #13 il: 28 Febbraio 2016, 12:11:14 pm »
i pensieri di molti tifosi erano solo aspettative e speranze, mai certezze e convinzioni. Anche io speravo che dopo PLM le cose andassero meglio; e credo si possa concedere a tutti i tifosi un margine di tempo per rendersi conto erano solo speranze.

Per carità, guai a togliere ai tifosi sogni e aspettative ma proprio nel topic odierno il dualismo c'è l'ha messo Luis, non io. In argomento semmai c'era se ad oggi, e ribadisco, AD OGGI, sia più dannoso avere una società con a capo Zamparini, piuttosto che una con a capo Pulvirenti.
Mi sembra che i risultati siano abbastanza chiari e parlino da soli, tutte due stanno facendo malissimo ma c'è una sostanziale differenza che voi rossazzurri avete difficoltà a scorgere: Pulvirenti nel suo delirio di onnipotenza voleva operare per il bene ma gli è andata male. Zamparini invece opera per il male, non gli interessano più le fortune della squadra e comunque gli sta andando malissimo.

8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4895
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:La pecora Zamparini
« Risposta #14 il: 28 Febbraio 2016, 12:38:30 pm »
Stessa cosa per quello che si rivelato il più grande lestofante in ordine sportivo che si sia mai visto in Sicilia.
Certo, quando il Catania navigava a gonfie vele, un pizzico d' orgoglio lo sciorinavamo.
Com' è giusto che sia, perchè pensare che al comando della tua squadra c'è chi ha sempre creduto ed amato quei colori e la propria città, ti inorgoglisce e ti dà ampia fiducia.

Caro Catanisazzu, io rispetto la tua opinione ma ho l'impressione che voi stiate dando allo sciatore la colpa di essere scivolato e non alla neve che non era abbastanza compatta ;-). Fino a che le cose andavano bene, sia qui che lì, tutti ne abbiamo tratto giovamenti. A cose precipitate è giustissimo fare processi ma occorre riconoscere attenuanti ed intenzioni. E nelle intenzioni di Pulvirenti non credo ci sia stata l'intenzione di farvi vivere il presente che state vivendo. Detto questo, nessuno mi toglierà dalla testa che se Lo Monaco e Pulvirenti non avessero mai litigato, se fossero rimasti sempre insieme, oggi probabilmente il Catania sarebbe ancora in A. magari un punto sotto al Palermo ::) ma comunque in A.
L'autoctonia non serve e non è servita a nulla. Tra 10 o 20 anni, quando ricorderemo le vicende di oggi, chi avrà raggiunto i migliori risultati sportivi sarà riconosciuto Zamparini, e per i migliori piazzamenti in classifica, e per i campioni indiscussi che abbiamo visto a Palermo (Dybala, Cavani, Pastore, Toni, Zauli). E comunque guarda che ancora non è detto perchè al di là di ciò che si crede e di ciò che si auspica a Catania, l'esperienza Pulvirenti non è affatto al capolinea. Per adesso egli è come De Filippo: a dda passà a nuttata. E se riesce a superare questo momento chissà per quanti anni lo vedremo/vedrete ancora. Mi meraviglia constatare che c'è chi crede che vendere una società di calcio (che in C magari vale solo il parco giocatori) con un bene immobile di quella tal levatura, sia come vendere masculini a piscaria. Non è facile vendere, non è facile comprare, è molto più semplice, a dispetto delle apparenze, rimettere ogni cosa apposto. E, secondo me, solo il fallimento totale potrà impedirglielo.
Buona domenica.
« Ultima modifica: 28 Febbraio 2016, 12:41:18 pm da Sergio »
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO