Autore Topic: Perugia-Catania  (Letto 13684 volte)

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #15 il: 10 Settembre 2014, 04:35:29 pm »
La risoluzione dei problemi della difesa non e' legata allo schema che prevede tre , due o cinque difensori...fino adesso ,non so per quale arcano motivo,  la squadra non ha corrisposto secondo le aspettative. Questi problemi non riguardano solo la difesa , credo di piu' a un coinvolgimento tra i reparti. Al netto degli errori individuali ,che ci possono anche stare , tutto il resto e'responsabilita' che coinvolge e chiama in causa  primo tra tutti il  centrocampo e poi i tre piu' avanti che sono a supporto dell'unica punta. Bisogna risolvere l'equivoco della coesistenza di Castro e Martinho....il peso di contenimento non puo' essere tutto sulle spalle di Rinaudo...oggi la squadra non puo' regalare agli avversari due esterni bassi, perche' i due centrali sono costretti a  fare un lavoro di tamponamento e riparare agli errori di Peruzzi e di Monzon.....
 Se Pellegrino aveva in mente  di fare esperimenti ci po luvari manu....con una preparazione che ancora non puo' essere al top si deve procedere con cautela se non ti vuoi fare bugggerare dagli avversari....si deve uscire dagli equivoci e procedere con concetti e contenuti tecnici semplici.....quando giocavo a pallone l'allenatore soleva dirmi "gioca semplice"....c'e' tempo per le alchimie.
 I prerequisiti sono sbagliati : "importante che si faccia un gol in piu' dell'avversario"....mica l'ha prescritto il medico.
 E su questo filone si e' costruito una squadra slegata , fatta di improvvisazioni , di acuti dei singoli ma senza l' impronta degli schemi dell'allenatore.
 Col Perugia devono finire le nostre amarezze ....mi auguro che sï  scenda in campo senza equivoci e che si sappia imporre la maggiore qualita' degli uomini.
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #16 il: 10 Settembre 2014, 04:58:21 pm »

No, no, ha ragione Catanisazzu quando dice "provocatoriamente", perché quando in piena estate accennammo alla difesa a 3, quasi ci prendevano per pazzi.

Detto questo, io non so quale possa essere lo schieramento ideale. Però un passaggio alla difesa a tre mi farebbe pensare ad alcune cose:

- analogia con lo scorso anno, in cui alla terza (o quarta, non mi ricordo bene), si cambiò sistema di gioco, che col tempo si rivelò una scelta sbagliata;

- molti dubbi sul lavoro estivo e dimostrazione che le perplessità di alcuni tifosi non erano campate in aria (mi riferisco ai terzini).

Ad ogni modo, la squadra ha le potenzialità per fare bene e soprattutto rientreranno Calaiò e Gyomber, che in questo momento sono fondamentali.

Credo che ti riferisci a Catania-Parma 0-0 della quarta giornata.
In quella partita la fase difensiva funzionò benissimo (infatti non subimmo reti), ma il Catania faticò non poco in avanti, soprattutto perché uno dei due terzini era Alvarez (un mostro nel difendere, ma una schiappa nell'attaccare), e schierammo solo un trequartista (Barrientos) e una punta (Bergessio che si infortunò dopo mezz'ora, lasciando il posto a Panza Lopez).
Adesso le cose sono diverse: abbiamo due terzini attaccanti e una miriade di trequartisti e mezze punte, per cui credo che possiamo tranquillamente schierarci a tre dietro in modo da porre fine alla banda del buco senza però perdere incisività e pericolosità davanti.

Esattamente, Davide.

Ero al Cibali e i giocatori erano schierati dietro la linea della palla, eccetto Bergessio, che era acciaccato, e Barrientos, che era isolato e non sapeva a chi dare la palla.

è vero che il Catania si difese meglio, ma è altrettanto vero che non perdemmo grazie a due salvataggi in extremis, uno di Legrottaglie e l'altro, mi pare, di Bellusci.

Ok, quest'anno potrebbe andare meglio, ma per come è composta la rosa e per le caratteristiche di Monzon e Peruzzi, si tratta di un vero 3-5-2 e non il 5-3-2 (o 5-3-1-1) "abbottonatissimo" che hanno fatto altri allenatori che hanno vinto il campionato.


Infatti....dopo quell'esperimento Maran fu subissato di critiche per non essere riuscito a creare una singola palla gol, e l'allenatore trentino abbandonò l'idea.

Io credo che il modulo che si sposa meglio con le caratteristiche dei giocatori del Catania sia il 3-4-2-1, con Rosina e Martinho dietro alla prima punta.
Non vedo chi possa giocare seconda punta accanto a Calaiò in un ipotetico 3-5-2. Forse Leto, quando starà meglio (appunto, ma quando starà meglio?)
Potremmo anche impiegare uno spregiudicato 3-4-3, ma non con Rosina e Martinho ai lati di Calaiò. I due fantasisti infatti perdono molto in fase realizzativa quando sono impiegati puramente sulle fasce (tra l'altro senza mai riuscire ad effettuare un cross in area), e avrai notato che Martinho riesce ad essere pericolosissimo (due gol e un rigore procurato) quando si inserisce centralmente da dietro.
Con il 3-4-2-1, il compito di attaccare sulle fasce cadrebbe interamente sulle spalle dei nostri due terzini (che finalmente potrebbero sfogare tutta la loro indole offensiva), mentre in fase difensiva sarebbero i due centrali esterni a farsi un mazzo così per proteggere le fasce. Due difensori centrali veloci come Gyomber a destra e Rolin a sinistra, con Spolli al centro tra i due (anche lui quando starà bene), credo che comporrebbero la difesa a tre perfetta.

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #17 il: 10 Settembre 2014, 07:31:03 pm »
La risoluzione dei problemi della difesa non e' legata allo schema che prevede tre , due o cinque difensori...fino adesso ,non so per quale arcano motivo,  la squadra non ha corrisposto secondo le aspettative. Questi problemi non riguardano solo la difesa , credo di piu' a un coinvolgimento tra i reparti. Al netto degli errori individuali ,che ci possono anche stare , tutto il resto e'responsabilita' che coinvolge e chiama in causa  primo tra tutti il  centrocampo e poi i tre piu' avanti che sono a supporto dell'unica punta. Bisogna risolvere l'equivoco della coesistenza di Castro e Martinho....il peso di contenimento non puo' essere tutto sulle spalle di Rinaudo...oggi la squadra non puo' regalare agli avversari due esterni bassi, perche' i due centrali sono costretti a  fare un lavoro di tamponamento e riparare agli errori di Peruzzi e di Monzon.....
 Se Pellegrino aveva in mente  di fare esperimenti ci po luvari manu....con una preparazione che ancora non puo' essere al top si deve procedere con cautela se non ti vuoi fare bugggerare dagli avversari....si deve uscire dagli equivoci e procedere con concetti e contenuti tecnici semplici.....quando giocavo a pallone l'allenatore soleva dirmi "gioca semplice"....c'e' tempo per le alchimie.
 I prerequisiti sono sbagliati : "importante che si faccia un gol in piu' dell'avversario"....mica l'ha prescritto il medico.
 E su questo filone si e' costruito una squadra slegata , fatta di improvvisazioni , di acuti dei singoli ma senza l' impronta degli schemi dell'allenatore.
 Col Perugia devono finire le nostre amarezze ....mi auguro che sï  scenda in campo senza equivoci e che si sappia imporre la maggiore qualita' degli uomini.

Gippì, tu mi parli di reparti slegati....
Io lo dico chiaramente... tre sono le spiegazioni per quanto accaduto ad oggi:

1) se Pellegrino ha deciso liberamente gli uomini da schierare e come schierarli, Pellegrino è meglio che si dia alla pesca e alla caccia, che qualcuno crede siano degli sport, e la fa finita con il calcio;

2) se Pellegrino ha dovuto cedere a pressioni "dall' alto" e ha dovuto schierare uomini che non condivideva, chi sta in "alto" è l' origine delle nostre disgrazie, passate, presenti e, temo, future... e Pellegrino, visto che non sappiamo chi "c...zo sia", sappiamo, adesso, cosa è;

3) se le due precedenti sono sbagliate, vuol dire che Pulvirenti, Cosentino e Pellegrino sono "ovvi, suddi e muti"... e devono cambiare lavoro, in quanto non vedono, non ascoltano, non parlano e, soprattutto, ci prendono per il c u l o.

Non è assolutamente tollerabile che una squadra che si allena da due mesi, non riesca a dare un filo di logica e di tattica per 90 minuti, facendosi sovrastare da squadre minori (intese come valore nel campionato e per quanto visto in campo).
Perugia è l' ultima spiaggia, da sabato si deve cambiare registro. Si deve trovare la convinzione e non si deve, eventualmente, vincere senza convincere.
Si deve solamente convincere noi tutti che la squadra ha i numeri per risalire, e per squadra intendo tutti, dirigenza, calciatori e allenatore.
Attenzione a non commettere un errore gravissimo: noi quest' anno dobbiamo VINCERE il campionato, non dobbiamo fare un buon piazzamento o avere come "scudetto" la salvezza. Dobbiamo vincere, per cui, ogni punto perso èm un problema.
Dobbiamo giocare facile, come ben diceva il tuo allenatore, quindi, per prima cosa arriviamo alla quota che ci dichiara, matematicamente, vincitori del campionato, poi le alchimie e i "raggiunamenti" li  sfoderiamo.
Quest' anno non devono sbagliare.
Hanno avuto tutto quello che hanno chiesto: fiducia, abbonati e sostegno.
Ora i fatti.
Senza appello.
« Ultima modifica: 10 Settembre 2014, 07:37:12 pm da Catanisazzu »
#STAMUAVVULANNU!

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #18 il: 10 Settembre 2014, 07:35:45 pm »
@Davide

Mi sono espresso male io, condivido pienamente il 3-4-2-1, con gli stessi uomini, sostituendo, a risultato ottenuto, se il lavoro sfiancate delle fasce lo richiede, i due che devono arretrare, cambiando, eventualmente, anche il modulo.
#STAMUAVVULANNU!

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #19 il: 10 Settembre 2014, 08:02:26 pm »
Allora il modulo di Pellegriuno e' il 4-2-3-1

Ok

I 2 Calello e Rinaudo ok

Ma io metterei Chrapek centrale alto e Rosina e Martinho esterni

Ma esterni nel vecchio senso di Mascara.

Cosi' facendo nessun difensore si troverebbe 1 contro 1

Come dice giustamente Gp il problema e' di reparti

Contro il Lanciano la squadra era spaccata in due...da subito

Contro il Vercelli si giocava effettivamente nella metacampo avversaria...ma non abbiamo fase difensiva come si deve

Il problema non sono gli uomini....ma di atteggiamento e tattico...prima si capisce e prima si risolve il problema

Offline ivan

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #20 il: 10 Settembre 2014, 08:07:20 pm »
Ho letto tutte le vostre disquisizioni sugli schemi, sullo slegamento dei reparti, sulla fase difensiva sulle colpe dell'allenatore, ecc... ecc...

Ma i fatti dicono che tutti i gol presi finora, a parte forse l'ultimo preso con il Lanciano, dovuto ad una errata gestione della palla in quella punizione a nostro favore, sono stati tutti presi a causa di errori individuali, e più del 50% su palle da fermo, i fatti dicono che abbiamo fatto 5 gol, e senza questi errori le partite le avremmo vinte tutte e due, quindi di chi stamu parrannu?
Si dice che in serie B conta vincere le partite, non importa come, e non il gioco, e le partite si stavano vincendo, sempre al netto degli errori individuali, quindi il problema è secondo me un altro.
Questi errori sono stati commessi a causa di una preparazione ancora insufficiente, a causa di mancanza di "testa", o per scarsezza congenita degli autori?
Nel primo caso basterà attendere un po', nel secondo caso cercare di aggiustargli la "testa, e se non si riesce, trovare uomini alternativi, cosa da fare ovviamente anche nel terzo caso.

ps. per mancanza di testa intendo, supponenza, insoddisfazione, cattiva voglia di restare a Catania, problemi di fimmini, varie ed eventuali.

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #21 il: 10 Settembre 2014, 08:37:12 pm »
I "problemi di testa" ad inizio campionato, in una società seria, non possono esistere.
Se quest' anno lo slogan era "resta solo chi è veramente motivato",  cosa hanno ceduto e chi è rimasto?
Io Monzon, che ha dato un calcio al giocatore a terra del Lanciano, l' avrei sbattuto fuori per un paio di giornate. Peruzzi, che non sa ancora cosa deve fare e che ruolo ha, lo metterei a fare "giri di campo", come facevano con noi quando eravamo ragazzini, e via discorrendo.
se la società non si impone, altro che testa... li ritroviamo "sbronzi" e a cantare in campo...

Ivan, io sono stato etichettato sempre come "filosocietario"... ebbene, sono stufo di vedere "tirare fuori le palle" solo con i tifosi.
Non ho mai mosso critiche inutili alla società, ma quando ad inizio campionato, dopo una stagione come quella passata, e sappiamo tutti che bastava pochissimo per rimanere i A e non l' hanno fatto,   devo già sentire "non hanno capito che siamo in B" o "ancora non si sono calati nel ruolo" o "devono ancora comprendere che in B si gioca in un altro modo",  bene... inizio a credere che chi deve guidare questi "sbandati" è più "sbandato" degli stessi "sbandati" da correggere.
Se avessimo incontrato delle squadre solide e forti, ci poteva stare di pareggiare e perdere, ma con quelle che abbiamo incontrato, è stata una vergogna.
Altro che "di mmierda, di mmierda, di mmierda".
Che questa triade di sfogo, diventi "tora, tora, tora!" o "semu futt.uti".
Sono furioso.
#STAMUAVVULANNU!

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #22 il: 10 Settembre 2014, 08:47:18 pm »

Ivan, io sono stato etichettato sempre come "filosocietario"... ebbene, sono stufo di vedere "tirare fuori le palle" solo con i tifosi.
Non ho mai mosso critiche inutili alla società, ma quando ad inizio campionato, dopo una stagione come quella passata, e sappiamo tutti che bastava pochissimo per rimanere i A e non l' hanno fatto,   devo già sentire "non hanno capito che siamo in B" o "ancora non si sono calati nel ruolo" o "devono ancora comprendere che in B si gioca in un altro modo",  bene... inizio a credere che chi deve guidare questi "sbandati" è più "sbandato" degli stessi "sbandati" da correggere.
Se avessimo incontrato delle squadre solide e forti, ci poteva stare di pareggiare e perdere, ma con quelle che abbiamo incontrato, è stata una vergogna.


Uguali.

E aggiungerei l'altro refrain: "qualcuno deve essere un po' più umile!".

Certe cose non si possono sentire.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline ivan

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #23 il: 10 Settembre 2014, 09:01:38 pm »
Catanisazzu e Nelson,

Infatti, a questo punto parlare di schemi e fare disquisizioni tattiche, se non si risolvono questi problemi, prendendo provvedimenti drastici su quelli che hanno problemi di testa e su quelli che palesano di essere scarsi irrecuperabili, è fiato sprecato.

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #24 il: 10 Settembre 2014, 09:30:32 pm »
A leggere i post delle ultime pagine direi che tutti state dicendo cose condividivisibili. Vorrei partecipare, ma … mi cunfunnìi, c'è tanta roba da tenere in considerazione.

Come dicevo prima, in estate alcuni di noi avevano accennato all'ipotesi di una difesa a tre. Da parte mia fu solo un accenno, basato sulla rosa a disposizione, che ha 4 difensori centrali di buon livello (Spolli, Gyomber, Rolin e Sauro, più Capuano che, inserito in un contesto che funziona, potrebbe giocare in quel ruolo) e solo tre terzini.

Ma, francamente, non so se sia la scelta migliore e non mi piace l'idea che già si debbano mescolare drasticamente le carte. Si vedrà.

Condivido il discorso sull'equilibrio tra reparti, sempre labile. Ma se da una parte può dipendere dalle caratteristiche dei giocatori che vanno in campo (dubbia coesistenza di Castro e Martinho, Monzon che non sa difendere, Peruzzi inguardabile, Spolli fuori forma e centrocampo privo di filtro), dall'altra sembra essere assurdo dover pazientare e sperare che tutto dipenda solo dalla condizione fisica. Capisco che siamo a inizio campionato, capisco che l'errore del singolo ci possa stare, ma l'errore di più singoli – come dissi dopo la partita contro il Lanciano – mi pare un grosso problema, che all'allenatore non dovrebbe sfuggire (e qui condivido il post di Ivan).

Per questi motivi condivido anche il punto di vista di GP, ma anche di Santo (ca pari chiddu ca non ci cuppa, ma ne sta azzeccando una dietro l'altra ;-) ).

Infine, condivido totalmente il parere di Catanisazzu, in merito alla richiesta dei fatti.
Non è un punto di vista polemico, bensì di consapevolezza.
Come ricordava un amico pochi giorni fa, sono i maccheroni che riempiono la pancia, cioé la maestà dei fatti. Fiducia incondizionata, non ci sono dubbi.
Tuttavia, vogliamo vedere i fatti, perché questa Società ha ereditato un lavoro di tanti anni fatto da Lo Monaco (non me ne vogliate, mettete da parte l'antipatia, perché è la verità), in cui il parco giocatori era completo (aumentando di valore) e che ha lasciato proprio mentre tutti parlavano del Catania che giocava un buon calcio. Successivamente è stato ulteriormente potenziato da Gasparin, che ha ha aggiunto onestissimi giocatori come Gyomber, Rolin, Frison e Castro (il cui valore non è diminuito, semmai, forse, è aumentato), ottenendo l'ottavo posto.
Dall'ottavo posto siamo passati alla retrocessione. Perché? Per come? Per colpa di chi? Io non mi scervellerò più, voglio solo vedere i fatti.

E adesso dobbiamo sentire parlare di ipotesi cambio modulo, “calarsi nella realtà della B”, "qualcuno non è umile"... e altre chiacchiere inutili che ci allontanano dai fatti.

Ergo, questa squadra ha il potenziale per fare un buon campionato.

Sia chiaro, se dovesse riuscirci, non sarà un atto di rivalsa contro i tifosi, ma un riscatto nei confronti di se stessi.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #25 il: 10 Settembre 2014, 09:39:05 pm »
Nelson,
ovviamente noi ci dilettiamo a parlare di schemi e tattica.
Le cose serie devono farle loro. Non noi.
A me non interessa lo schema, potrebbe essere anche il celeberrimo "schema a farfalla di Oronzo Canà", ma l' importante che ci tirino fuori dall' inferno Serie B.
I proclami li hanno fatti loro, non noi. Noi vogliamo dignità in campo e gesti tecnici meritevoli. Come e con chi, spetta loro stabilirli. Noi dobbiamo solo assistere allo spettacolo e rimanere soddisfatti.
Adesso i fatti.
SENZA APPELLO (repetita iuvant).
#STAMUAVVULANNU!

Offline LUIS

  • Utente
  • ****
  • Post: 893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #26 il: 10 Settembre 2014, 09:52:59 pm »
Ho letto i vostri commenti e sono d'accordo con catanisazzu ma anche con ivan.

è inutile parlare di moduli e di schemi quando puntualmente i singoli (sempre gli stessi)

commettono errori gravissimi.

Il motivo di questi errori non può essere la preparazione, carissimo ivan.

questa della preparazione ce l'hanno servita in un piatto d'argento lo scorso

campionato per giustificare un fallimento tecnico e gestionale che ha portato

tre cambi di allenatore che non sono serviti a evitare una retrocessione meritata.

i problemi sono di testa ma anche i limiti tecnici dei giocatori sono evidenti.

catanisazzu, noi non possiamo fare nulla, solo guardare ed aspettare

che prima o poi qualcuno che prende le decisioni ponga fine a questo disastro.

prima di allora, secondo me, sostanzialmente non cambierà nulla.
« Ultima modifica: 10 Settembre 2014, 10:10:18 pm da LUIS »

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #27 il: 11 Settembre 2014, 10:46:02 am »
Ivan, Catanisazzu , Nelson, Luis e tutti gli amici del forum, al di la del valore tecnico dei singoli e delle capacita' dell'allenatore, inutile negare che
i problemi sono la conseguenza di certi comportamenti della societa', punto.
 Se  per motivi aziendali di bilancio e di tutela del patrimonio impongo una certa linea tecnica e' chiaro a tutti che il lavoro dell'allenatore e' subordinato e condizionato da queste scelte , che non sono meramente tecniche e  in relazione, percio', allo stato di forma, al rendimento e alle capacita' dei singoli, ma  sono il risultato di scelte imposte.
Da questo nasce l'equivoco tecnico e tattico.
Quando parlo ,caro Ivan, di errori di piazzamento e di sfilacciatura tra i reparti, vorrei ricordarti che l' errore del singolo e' quasi sempre conseguenziale a un errata interpretazione della fase di gioco. Gli errori, tanto per fare un esempio, di Peruzzi vanno al di la'delle sue carenze e sono il frutto di una cattiva disposizione degli uomini che dovrebbero curare laa fase difensiva in quella precisa zona di campo. Hai visto sinora un raddoppio di marcatura? Io, no.
I nostri difensori di fascia hanno contrastato con l'uno contro uno ,mai che un compagno ha raddoppiato sul portatore di palla avversario. Questo in parte ti da  la misura della capacita' dell'allenatore e l'incidenza di essa sul risultato.
Ho notato sin qui , infine , che la supponenza viena manifestata piu' dalla societa' piuttosto che da altri. C'e' forse l'errore di ritenersi talmente superiore agli altri che basta poco per vincere il campionato. I primi a capire che il campionato di B e' difficile devono essere gli uomini che stanno a capo della societa'. E' bene che se lo mettano in testa.
« Ultima modifica: 11 Settembre 2014, 10:48:45 am da GPalermo1954 »
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline Caprarupens

  • Utente
  • *****
  • Post: 2016
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #28 il: 11 Settembre 2014, 10:57:50 am »
Ivan, Catanisazzu , Nelson, Luis e tutti gli amici del forum, al di la del valore tecnico dei singoli e delle capacita' dell'allenatore, inutile negare che
i problemi sono la conseguenza di certi comportamenti della societa', punto.
 Se  per motivi aziendali di bilancio e di tutela del patrimonio impongo una certa linea tecnica e' chiaro a tutti che il lavoro dell'allenatore e' subordinato e condizionato da queste scelte , che non sono meramente tecniche e  in relazione, percio', allo stato di forma, al rendimento e alle capacita' dei singoli, ma  sono il risultato di scelte imposte.
Da questo nasce l'equivoco tecnico e tattico.
Quando parlo ,caro Ivan, di errori di piazzamento e di sfilacciatura tra i reparti, vorrei ricordarti che l' errore del singolo e' quasi sempre conseguenziale a un errata interpretazione della fase di gioco. Gli errori, tanto per fare un esempio, di Peruzzi vanno al di la'delle sue carenze e sono il frutto di una cattiva disposizione degli uomini che dovrebbero curare laa fase difensiva in quella precisa zona di campo. Hai visto sinora un raddoppio di marcatura? Io, no.
I nostri difensori di fascia hanno contrastato con l'uno contro uno ,mai che un compagno ha raddoppiato sul portatore di palla avversario. Questo in parte ti da  la misura della capacita' dell'allenatore e l'incidenza di essa sul risultato.
Ho notato sin qui , infine , che la supponenza viena manifestata piu' dalla societa' piuttosto che da altri. C'e' forse l'errore di ritenersi talmente superiore agli altri che basta poco per vincere il campionato. I primi a capire che il campionato di B e' difficile devono essere gli uomini che stanno a capo della societa'. E' bene che se lo mettano in testa.


 =D> =D> =D> ....nulla da aggiungere: analisi efficace e lucida.

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Perugia-Catania
« Risposta #29 il: 11 Settembre 2014, 03:52:23 pm »
...forse, ripeto, forse si sta andando verso il 3-5-1-1
...il messaggio di Calaio' in conferenza stampa e' stato decifrato..
CATANIA USQUE AD FINEM