Autore Topic: Sassuolo-Catania  (Letto 9815 volte)

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3910
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Sassuolo-Catania
« il: 11 Marzo 2014, 08:52:36 pm »
Siccome, a mio parere, è finito il tempo delle chicchere e bisogna passare ai fatti, anche da parte di chi si dichiara tifoso, questa le istruzioni, tratte dal sito ufficiale della società nero verde, per chi volesse acquistare il biglietto per venire ad incitare il nostro Catania domenica.

    In merito all'incontro di calcio Sassuolo-Catania, 28esima giornata della Serie A TIM 2013/14, in programma Domenica 16 Marzo alle ore 15 presso il “Mapei Stadium” di Reggio Emilia, il Sassuolo Calcio informa che la prevendita dei tagliandi è già attiva online su www.vivaticket.it, presso i punti vendita del circuito VivaTicket (andando sul sito del Sassuolo calcio si trova il punto vendita più vicino) e presso le filiali del Banco San Geminiano e San Prospero delle province di Modena e Reggio Emilia (andando sul sito del Sassuolo calcio si trova la filiale più vicina).

L'acquisto dei tagliandi per il SETTORE CURVA OSPITI sarà possibile esclusivamente in prevendita fino alle ore 19 di Sabato 15 Marzo, solo per i possessori della Tessera del Tifoso, al costo di Euro 10,00 + diritti di prevendita presso i punti vendita abilitati VivaTicket e nelle filiali abilitate del Banco Popolare di Verona (andando sul sito del Sassuolo calcio si trova la filiale più vicina).
Si ricorda, come da nuovo protocollo d'intesa sulla "Tessera del Tifoso" del 21 Giugno 2011, che i tifosi residenti nella regione Sicilia, se non in possesso di Tessera del Tifoso, non possono acquistare biglietti per la partita Sassuolo-Catania.

L’altro settore destinato ai tifosi del Catania è quello della Tribuna Laterale Inferiore E (n.100 posti).  Per questo settore il prezzo è di 25,00 euro, 15,00 euro ridotto (donne, over 65, under 25, residenti nei comuni emiliani colpiti dal sisma del 2012), euro 10, ridotto under 14. Questo tipologia di biglietti è acquistabile oltre che negli stessi posti del settore ospiti, anche direttamente ai botteghini del MAPEI Stadium nella giornata di domenica.


SI INVITANO I TIFOSI A MUNIRSI DEL BIGLIETTO IN FASE DI PREVENDITA, al fine di evitare lunghe code alle casse dello stadio il giorno della partita (le vigenti normative sulla nominatività dei titoli di accesso hanno infatti allungato i tempi di emissione dei tagliandi).

Per acquistare il tagliando e per entrare allo stadio, sarà necessario esibire un documento valido di riconoscimento (oltre alla tessera del tifoso in originale per i tifosi residenti nella regione Sicilia).



Auspico un affluenza numerosa dai residenti in Emilia Romagna e regioni limitrofe.

FORZA CATANIA! SEMPRE.


Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

umastru

  • Visitatore
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #1 il: 12 Marzo 2014, 08:36:12 am »
Io Domenica ripartirei con gli stessi di sabato, la partita la devono fare i piastrellisti, quindi il Catania potrebbe giocare come preferisce.
"U Mastru"

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #2 il: 12 Marzo 2014, 04:59:16 pm »
Ho letto che in questi giorni Papu Gomez si trova a Catania a trovare gli amici.
Ma non è ca putissi iucari cu nuautri duminica?

Offline MsssNY

  • Utente
  • ***
  • Post: 133
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #3 il: 12 Marzo 2014, 05:14:54 pm »
2Fisso!!!La Speme..ultima dea..
Dai Catania!!

Offline garreccio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1839
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #4 il: 12 Marzo 2014, 06:20:35 pm »
Già lo so: domenica tachicardia a mille, tipo Taranto, Bologna (contro Chievo) e Massimino contro la Roma per la salvezza...
 :-| :-|

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3910
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #5 il: 13 Marzo 2014, 04:35:27 pm »
Per i non residenti in Sicilia non occorre la tessera del tifoso per acquistare i biglietti del settore ospiti. Dalla segreteria del Sassuolo mi hanno detto, però, che sono acquistabili solo in prevendita sul circuito Viva Ticket, elenco consultabile sul sito del Sassuolo Calcio. Se dovete spostarvi telefonate prima per accertarvi che li vendano davvero. Ad oggi mi hanno escluso la possibilità di acquistarli domenica direttamente allo stadio.
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3910
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #6 il: 14 Marzo 2014, 04:22:38 pm »
Contrordine compagni! Le ultimissime notizie, scambio di mail in data odierna, dalla segreteria del Sassuolo sono che i biglietti peri NON possessori di tessera del tifoso, purché non residenti in Sicilia, sono acquistabili solo domenica ai botteghini dello stadio. Un po' di confusione su questo argomento non si può dire che non l'abbiano fatta. Comunque il problema pare essere superato. Chi può, venga, cerchiamo anche noi, nel nostro piccolo, di dare un aiuto con la presenza ed il sostegno!

FORZA CATANIA! SEMPRE.

Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1174
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #7 il: 15 Marzo 2014, 03:20:19 am »
Dopo aver buttato alle ortiche due punti contro il Cagliari sabato scorso, il Catania si appresta ad affrontare domenica il Sassuolo in trasferta. Un’altra partita all'insegna dell’ultima spiaggia, l’ennesima, così come ormai si perpetua domenica dopo domenica, e tra un’ultima spiaggia e l’altra i lidi già ni ficimu tutti pari e semu arrivati o Paradisu dill’Aranci. Ma nella lotteria della corsa alla salvezza, che quest’anno vede coinvolte cinque squadre che fanno di tutto per attardarsi nella zona retrocessione, la partita di Reggio Emilia ha tutto il sapore dell’ultimissima chiamata tanto per il Catania quanto per il Sassuolo.

Allo stadio Città del Tricolore scenderanno in campo le due squadre agli ultimi due posti in classifica, e stavolta non ci sono più appelli. Secondo me la squadra che si ritroverà in coda alla classifica domenica sera al 99,99% scenderà in Serie B. E non tanto per essere la più scarsa del lotto delle cinque squadre in coda alla classifica o perché non ci sarebbe più tempo per recuperare, ma perché il contraccolpo psicologico causato dalla sconfitta in uno scontro diretto così importante a questo punto della stagione sarebbe troppo forte da superare.

Con due punti e una posizione di vantaggio sul Sassuolo, l’obbiettivo principale del Catania è quello di non farsi superare in classifica dai neroverdi. Quindi un pareggio andrebbe più che bene, anche considerando le condizioni precarie di alcuni giocatori chiave con cui il Catania si presenterà al cospetto degli emiliani. Poi se si riuscisse a conquistare l’intera posta in palio e ad attaccare le squadre che ci stanno davanti sarebbe ancora meglio. Ma è assolutamente categorico inchiodare gli emiliani all’ultimo posto in classifica ed infliggere un duro colpo alle loro speranze di salvezza. Poi ci sarà ancora tempo per tentare di superare altre due squadre in classifica.

La partita contro il Sassuolo ricalca per filo e per segno quella di tre settimane fa, quando il Catania si presentò al Bentegodi di Verona con un punto in più rispetto al Chievo, e sappiamo tutti come andò a finire. Domenica in campo ci saranno l’attacco più scarso della Serie A (il Catania con 20 gol realizzati) contro la difesa più perforata del campionato (ben 55 reti subite dal Sassuolo). Su u Catania non signa contru na difesa accussi spunnata, quannu avissa a signari? Di contro non è che la difesa del Catania e l'attacco del Sassuolo siano tra i migliori del campionato. Insomma su du squattri scassi! Il Sassuolo è reduce da una lunghissima sfilza di risultati negativi, e non vince da tempo immemore. Recentemente ha richiamato in panchina il bravo tecnico Di Francesco dopo essersi quasi suicidato con la parentesi del disastroso Malesani (l’equivalente dello spicchio di campionato giocato dal Catania cu du gran disgraziatu di De Canio ‘n panchina).

Il Catania si presenta a Reggio Emilia senza la coppia di difensori centrali scesi in campo contro il Cagliari (Spolli infortunato e Rolin acciaccato) e con Barrientos, Bergessio e Leto ancora al 50% della condizione fisica. Anche il Sassuolo ha una lunga lista di infortunati e con il suo gioiellino goleador Berardi ancora squalificato (e menu mali). Insomma se il Catania è con l’acqua alla gola, iddi su già menzi anniati.

Per fronteggiare il 4-3-3 del Sassuolo non c’è niente di meglio che schierarsi a specchio con il nostro classico 4-3-3.

Io manderei in campo la seguente formazione:

                                                    Andujar
                   
                          Peruzzi   Legrottaglie   Bellusci  Biraghi
                           
                                            Izco     Lodi    Rinaudo
                                         
                                Barrientos    Bergessio    Keko

E per l’ennesima settimana Frison ha fatto solo allenamenti differenziati (ma chi caddu avi stu carusu?), quindi macari pi sta simana n’amu assuppari a da gran cappata di Andujar. Speriamu ca u citofunu aggentinu non fa autri minghiati.

Come difensori centrali la scelta si restringe a Legrottaglie e Bellusci, con Gyomber unica alternativa valida che a dire il vero sarei pure tentato di mandare in campo dall’inizio. Sono piuttosto perplesso dalla tenuta atletica di Legrottaglie e di quella mentale di Bellusci. Il tridente offensivo del Sassuolo è composto da tre attaccanti veloci che potrebbero mettere in seria difficoltà Fratello Nicola. Speriamo che per una giornata Legrottaglie torni ad essere il Santo Nicola delle stagioni precedenti. Bellusci invece deve cercare di rimanere calmo e sereno e tenere a freno il suo ardore agonistico. In questo senso la presenza ascetica del devoto compagno di reparto potrebbe fargli da effetto tranquillizzante. Speriamu!

Come terzini scelgo ancora Peruzzi a destra e Biraghi a sinistra, non tralasciando la possibilità di impiegare il cerbero Alvarez per ogni evenienza. Entrambi gli attaccanti esterni del Sassuolo hanno le potenzialità per mettere in difficoltà i nostri terzini, per cui se si rendesse necessario l’impiego del nostro mastino di fascia, se fossi Maran non ci penserei due volte. Ma l’apporto a centrocampo e in attacco di Peruzzi è diventato indispensabile per il gioco dei rossazzurri, e anche Biraghi a sinistra, ora che ha imparato a riversarsi nella metà campo avversaria, può rivelarsi un giocatore importante per il Catania. Per questo incontro, chiunque siano i terzini scelti da Maran, prevedo però una gara bloccata sulle fasce, senza tanti inserimenti offensivi, con l'obbiettivo principale di disinnescare le ali neroverdi. Il Sassuolo quest'anno non è mai andato in gol con difensori e centrocampisti. Quindi se la nostra difesa riuscirà a fermare l'attacco neroverde, ammenu 'n pareggiu u scippamu di sicuru.

A centrocampo confermato ancora una volta il trio Izco-Lodi-Rinaudo. Contro il Cagliari il nostro regista ha finalmente giocato una buona gara, mentre Rinaudo si è confermato ai suoi soliti livelli. Marianito invece ha giocato sotto tono, ma spero tanto sia stato solo un temporaneo passaggio a vuoto. I nostri tre di centrocampo giocano insieme già da diverse partite e dovrebbero aver raggiunto un buon livello di affiatamento. Tra l’altro i tre si integrano alla perfezione, con Lodi a dirigere le operazioni e Izco e Rinaudo a correre per lui, strappare palloni agli avversari, e inserirsi in attacco. In termini di qualità non c’è assolutamente paragone tra il centrocampo rossazzurro e quello degli emiliani (occhio però agli inserimenti del bravo Missiroli). Il compito del nostro trio meraviglia sarà quello di prendere in mano il pallino del gioco e schiantare la linea mediana neroverde. Se i nostri centrocampisti riusciranno in questo intento, la partita sarà nostra.

In attacco schiererei il trio Barrientos-Bergessio-Keko. Il Toro Lavandina domenica festeggerà la centesima presenza in campionato con la maglia rossazzurra, e quale migliore occasione per celebrare l’evento che un bel gol agli emiliani? Tra l’altro a difendere la porta del Sassuolo ci sarà quel Pegolo che il nostro Gonzalo ha gà bucato ben cinque volte, compresa la splendida tripletta dell’anno scorso contro il Siena. Quindi come dice il proverbio, non c'è cinque senza sei, o sette, o macari ottu. Speriamo solo che la pubalgia del Toro si pigli una giornata di vacanza. Il Sassuolo è vulnerabilissimo sulle fasce in difesa, per cui i nostri Barrientos e Keko sono chiamati a perforare la retroguardia neroverde sugli esterni. Secondo me è questa la vera chiave della partita. Ho scelto Keko sulla sinistra malgrado lo spagnolo continui a non convincere in campo perché da quel lato il Sassuolo dovrebbe schierare Pedro Mendes, un aitante difensore centrale adattato a terzino, al quale la nostra piccola ala dovrebbe sfuggire da tutte le parti con il suo passo breve.

Il Catania avrà la possibilità di giocare per due risultati su tre, con il Sassuolo che cercherà sicuramente di prendere d’assalto i rossazzurri sin dall’inizio. Il Catania dovrà cercare di prendere in mano il centrocampo, grazie all'indubbia maggiore qualità della sua linea mediana, e cercare di sfondare la difesa avversaria sulle fasce. Io prevedo parecchi gol dall’una e dall’altra parte per questa partita. Iu mi sparu 'n bellu 3-3 e comu finisci si cunta.

Sempri
FOZZA CATANIA

« Ultima modifica: 15 Marzo 2014, 03:54:32 am da Davide da Miami »

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #8 il: 15 Marzo 2014, 05:38:07 am »
Complimenti, Davide, è veramente un bel post.

Formazione?

Chiunque vada in campo, forza Catania!
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline santopesaro

  • Utente
  • *****
  • Post: 4052
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #9 il: 15 Marzo 2014, 12:07:16 pm »
Presente

Offline ciccio

  • Utente
  • ***
  • Post: 220
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #10 il: 15 Marzo 2014, 03:25:50 pm »
Citazione
Contrordine compagni! Le ultimissime notizie, scambio di mail in data odierna, dalla segreteria del Sassuolo sono che i biglietti peri NON possessori di tessera del tifoso, purché non residenti in Sicilia, sono acquistabili solo domenica ai botteghini dello stadio. Un po' di confusione su questo argomento non si può dire che non l'abbiano fatta. Comunque il problema pare essere superato. Chi può, venga, cerchiamo anche noi, nel nostro piccolo, di dare un aiuto con la presenza ed il sostegno!


confermo:da prima indicazione sembrava che i biglietti del settore ospiti senza tdt per i residenti fuori sicilia fossero acquistabili solo online o nei  punti vendita autorizzati ma a questi ultimi nulla risultava in proposito. Caro Aldo, grazie per la tua informazione, hai risolto una situazione di stallo. Domani ci avviamo alla volta di Reggio.

Offline cantarutti72

  • Utente
  • *****
  • Post: 1365
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #11 il: 15 Marzo 2014, 11:36:49 pm »
Fratelli rossazzurri, parlare di schemi,  di 4-4-2, 4-3-3, di tasso tecnico, di forma fisica in una partita, LA PARTITA, con cui ci si gioca un intero anno, un futuro di una squadra e di una città sarebbe alquanto riduttivo.
Dire che il destino del Catania e di noi tifosi dipenderà da un pallone in più messo in rete, da un’espulsione, da un rigore fischiato o no, da un errore difensivo o da una svista arbitrale è cosa scontata, dunque banale.
L’esito di un incontro che rappresenta la partita della vita è stato, è e sarà sempre dettato da fattori ben diversi dalle usuali componenti fisico-tecnico-tattiche e dalla solidità ed organizzazione di una società.
In questi novanta fatidici minuti entrerà in gioco un senso di giustizia superiore, di meritocrazia che come una mano invisibile decide, sulla base dei meriti di una società, di una tifoseria e di una città, come e dove far ruotare il pallone.
E allora è bene che tutti, proprio tutti, in questi giorni, fino all’ultimo secondo che precederà il calcio d’inizio ci poniamo le seguenti domande:

1.   merita di più una squadra con un milione di tifosi o un gruppo di giocatori che rappresenta un paese di quarantamila abitanti (39.888 per la precisione)?
2.   meritano di più quindicimila famiglie che navigano negli agi, nella serenità, nel benessere o tre quarti di una popolazione di 500.000 abitanti che a stento arrivano a fine mese?
3.   merita di retrocedere una città in cui l’inciviltà e la maleducazione sono nel DNA di troppe persone (l’essere “spertu” o “spakkiusu”) o una in cui regna l’indifferenza verso il prossimo, la xenofobia (leggasi odio verso i siciliani) e l’ignoranza in buona parte dei cittadini?
4.   deve pagare di più una città per la sua diffusa microcriminalità e delinquenza organizzata o quelle realtà calcistiche (Sassuolo escluso) che rappresentano o che sono appoggiate da gruppi economici (delinquenza “autorizzata”) che hanno messo sul lastrico migliaia di lavoratori o di risparmiatori con le loro disoneste manovre?
5.   merita di più una città che prima del 2006 aveva visto la Serie A solo due volte in trentasei anni o un paese per il quale già la serie B è una manna dal cielo?
Domande a cui il campo, solo il campo potrà dare una risposta.

L’unica certezza che oggi esiste è che i nostri giocatori dovranno presentarsi alla sfida con gli occhi disperati di quelle decine di migliaia di persone afflitte da problemi economici, di salute e di giustizia che con una vittoria del Catania potranno riacquistare un sorriso, anche se effimero, ma pur sempre un sorriso.
L’unica certezza è che nessuno, proprio nessuno avrà da guadagnarci con una retrocessione:gli ottimisti vivranno nella rabbia e nella delusione, gli scettici ed i denigratori del Calcio Catania saranno tormentati dal rimorso (che forse le cose sarebbero andate diversamente trasmettendo un po' più di fiducia, in fondo era solo questione di una unica e semplice vittoria!!!)

E alla fine soddisferemo ancora una volta la sete di disprezzo verso il Sud e verso noi “terroni” catanesi da parte dei “signori” del Nord.
E noi ci autodistruggeremo col nostro inguaribile individualismo ed opportunismo.
E la nostra terra, già colonia delle multinazionali e dei gruppi bancari settentrionali tornerà ad essere un luogo di serie B su cui fare solo terra bruciata...


https://www.youtube.com/watch?v=RcX1qA1Etc8&list=PL63155045D8B824A5&index=7
https://www.youtube.com/watch?v=dvgZkm1xWPE
https://www.youtube.com/watch?v=1G4isv_Fylg
https://www.youtube.com/watch?v=zTFBJgnNgU4

« Ultima modifica: 15 Marzo 2014, 11:40:35 pm da cantarutti72 »
"più tifi strisciato, più sei un siciliano rinnegato !! fuckinmiju "

umastru

  • Visitatore
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #12 il: 16 Marzo 2014, 12:23:40 am »
Fratelli rossazzurri, parlare di schemi,  di 4-4-2, 4-3-3, di tasso tecnico, di forma fisica in una partita, LA PARTITA, con cui ci si gioca un intero anno, un futuro di una squadra e di una città sarebbe alquanto riduttivo.
Dire che il destino del Catania e di noi tifosi dipenderà da un pallone in più messo in rete, da un’espulsione, da un rigore fischiato o no, da un errore difensivo o da una svista arbitrale è cosa scontata, dunque banale.
L’esito di un incontro che rappresenta la partita della vita è stato, è e sarà sempre dettato da fattori ben diversi dalle usuali componenti fisico-tecnico-tattiche e dalla solidità ed organizzazione di una società.
In questi novanta fatidici minuti entrerà in gioco un senso di giustizia superiore, di meritocrazia che come una mano invisibile decide, sulla base dei meriti di una società, di una tifoseria e di una città, come e dove far ruotare il pallone.
E allora è bene che tutti, proprio tutti, in questi giorni, fino all’ultimo secondo che precederà il calcio d’inizio ci poniamo le seguenti domande:

1.   merita di più una squadra con un milione di tifosi o un gruppo di giocatori che rappresenta un paese di quarantamila abitanti (39.888 per la precisione)?
2.   meritano di più quindicimila famiglie che navigano negli agi, nella serenità, nel benessere o tre quarti di una popolazione di 500.000 abitanti che a stento arrivano a fine mese?
3.   merita di retrocedere una città in cui l’inciviltà e la maleducazione sono nel DNA di troppe persone (l’essere “spertu” o “spakkiusu”) o una in cui regna l’indifferenza verso il prossimo, la xenofobia (leggasi odio verso i siciliani) e l’ignoranza in buona parte dei cittadini?
4.   deve pagare di più una città per la sua diffusa microcriminalità e delinquenza organizzata o quelle realtà calcistiche (Sassuolo escluso) che rappresentano o che sono appoggiate da gruppi economici (delinquenza “autorizzata”) che hanno messo sul lastrico migliaia di lavoratori o di risparmiatori con le loro disoneste manovre?
5.   merita di più una città che prima del 2006 aveva visto la Serie A solo due volte in trentasei anni o un paese per il quale già la serie B è una manna dal cielo?
Domande a cui il campo, solo il campo potrà dare una risposta.

L’unica certezza che oggi esiste è che i nostri giocatori dovranno presentarsi alla sfida con gli occhi disperati di quelle decine di migliaia di persone afflitte da problemi economici, di salute e di giustizia che con una vittoria del Catania potranno riacquistare un sorriso, anche se effimero, ma pur sempre un sorriso.
L’unica certezza è che nessuno, proprio nessuno avrà da guadagnarci con una retrocessione:gli ottimisti vivranno nella rabbia e nella delusione, gli scettici ed i denigratori del Calcio Catania saranno tormentati dal rimorso (che forse le cose sarebbero andate diversamente trasmettendo un po' più di fiducia, in fondo era solo questione di una unica e semplice vittoria!!!)

E alla fine soddisferemo ancora una volta la sete di disprezzo verso il Sud e verso noi “terroni” catanesi da parte dei “signori” del Nord.
E noi ci autodistruggeremo col nostro inguaribile individualismo ed opportunismo.
E la nostra terra, già colonia delle multinazionali e dei gruppi bancari settentrionali tornerà ad essere un luogo di serie B su cui fare solo terra bruciata...


https://www.youtube.com/watch?v=RcX1qA1Etc8&list=PL63155045D8B824A5&index=7
https://www.youtube.com/watch?v=dvgZkm1xWPE
https://www.youtube.com/watch?v=1G4isv_Fylg
https://www.youtube.com/watch?v=zTFBJgnNgU4

Cantarutti, si parla solo di pallone. ventidue ragazzotti in maglietta e pantaloncini che prendono a calci un pallone, per i quali nel mondo qualche miliardo di celebrolesi a cui fieramente appartengo per circa novantacinque minuti alla settimana, i più fortunati anche due volte (vedi coppe) perdono il lume della ragione. questo lo trovo (quasi) normale. Dopo c'è il mondo. la vita di tutti i giorni con i problemi che tu hai elencato, che di sicuro non verranno risolti da una vittoria del Catania, come penso non si aggraveranno per una sua sconfitta.
Su una cosa ti do ragione, una retrocessione sarebbe un passo indietro per una delle poche realtà valide e di successo della nostra sicilia.
"U Mastru"

Offline LUIS

  • Utente
  • ****
  • Post: 893
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #13 il: 16 Marzo 2014, 08:32:17 am »
Fratelli rossazzurri, parlare di schemi,  di 4-4-2, 4-3-3, di tasso tecnico, di forma fisica in una partita, LA PARTITA, con cui ci si gioca un intero anno, un futuro di una squadra e di una città sarebbe alquanto riduttivo.
Dire che il destino del Catania e di noi tifosi dipenderà da un pallone in più messo in rete, da un’espulsione, da un rigore fischiato o no, da un errore difensivo o da una svista arbitrale è cosa scontata, dunque banale.
L’esito di un incontro che rappresenta la partita della vita è stato, è e sarà sempre dettato da fattori ben diversi dalle usuali componenti fisico-tecnico-tattiche e dalla solidità ed organizzazione di una società.
In questi novanta fatidici minuti entrerà in gioco un senso di giustizia superiore, di meritocrazia che come una mano invisibile decide, sulla base dei meriti di una società, di una tifoseria e di una città, come e dove far ruotare il pallone.
E allora è bene che tutti, proprio tutti, in questi giorni, fino all’ultimo secondo che precederà il calcio d’inizio ci poniamo le seguenti domande:

1.   merita di più una squadra con un milione di tifosi o un gruppo di giocatori che rappresenta un paese di quarantamila abitanti (39.888 per la precisione)?
2.   meritano di più quindicimila famiglie che navigano negli agi, nella serenità, nel benessere o tre quarti di una popolazione di 500.000 abitanti che a stento arrivano a fine mese?
3.   merita di retrocedere una città in cui l’inciviltà e la maleducazione sono nel DNA di troppe persone (l’essere “spertu” o “spakkiusu”) o una in cui regna l’indifferenza verso il prossimo, la xenofobia (leggasi odio verso i siciliani) e l’ignoranza in buona parte dei cittadini?
4.   deve pagare di più una città per la sua diffusa microcriminalità e delinquenza organizzata o quelle realtà calcistiche (Sassuolo escluso) che rappresentano o che sono appoggiate da gruppi economici (delinquenza “autorizzata”) che hanno messo sul lastrico migliaia di lavoratori o di risparmiatori con le loro disoneste manovre?
5.   merita di più una città che prima del 2006 aveva visto la Serie A solo due volte in trentasei anni o un paese per il quale già la serie B è una manna dal cielo?
Domande a cui il campo, solo il campo potrà dare una risposta.

L’unica certezza che oggi esiste è che i nostri giocatori dovranno presentarsi alla sfida con gli occhi disperati di quelle decine di migliaia di persone afflitte da problemi economici, di salute e di giustizia che con una vittoria del Catania potranno riacquistare un sorriso, anche se effimero, ma pur sempre un sorriso.
L’unica certezza è che nessuno, proprio nessuno avrà da guadagnarci con una retrocessione:gli ottimisti vivranno nella rabbia e nella delusione, gli scettici ed i denigratori del Calcio Catania saranno tormentati dal rimorso (che forse le cose sarebbero andate diversamente trasmettendo un po' più di fiducia, in fondo era solo questione di una unica e semplice vittoria!!!)

E alla fine soddisferemo ancora una volta la sete di disprezzo verso il Sud e verso noi “terroni” catanesi da parte dei “signori” del Nord.
E noi ci autodistruggeremo col nostro inguaribile individualismo ed opportunismo.
E la nostra terra, già colonia delle multinazionali e dei gruppi bancari settentrionali tornerà ad essere un luogo di serie B su cui fare solo terra bruciata...


https://www.youtube.com/watch?v=RcX1qA1Etc8&list=PL63155045D8B824A5&index=7
https://www.youtube.com/watch?v=dvgZkm1xWPE
https://www.youtube.com/watch?v=1G4isv_Fylg
https://www.youtube.com/watch?v=zTFBJgnNgU4



cantarutti, stiamo parlando di calcio.
il numero di abitanti non c'entra nulla se no roma doveva essere
una città pluriscudettata ed invece non lo è.
qui non si tratta quale città merita o non merita.
nel calcio chi sbaglia ne paga le conseguenze e la nostra società
purtroppo di errori quest'estate ne ha commessi tanti, troppi.
gli infortuni hanno amplificato sicuramente il problema ma troppi
giocatori acquistati nella campagna acquisti estiva non hanno
confermato le aspettative e le partenze a gennaio di tachsidis,
guarente, freire e maxi lopez ne sono la conferma, per non parlare
di monzon, plasil e leto che non si sono praticamente mai visti.
noi tifosi abbiamo il dovere di sostenere fin quando la matematica
ce lo consentirà senza comunque mai dimenticare quanto di buono
fatto dal presidente in dieci anni e consapevoli che una stagione
come quella attuale ci può anche stare con la speranza che in futuro
si possa tornare a certi livelli.
« Ultima modifica: 16 Marzo 2014, 08:46:48 am da LUIS »

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1959
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Sassuolo-Catania
« Risposta #14 il: 16 Marzo 2014, 11:52:06 am »
Difesa senza Spolli e Rolin...il punto fondamentale e' questo.
La difesa a 4 con Santo Nicola centrale non regge ho molto timore di questa situazione.
Opterei quasi quasi per una difesa a 5 con l'idea che a rotazione uno tra Peruzzi e Biraghi possa avanzare con maggiore serenita'.
E' un azzardo schierare Santo Nicola e Gyomberg insieme a Bellusci ma forse lo e' meno che la difesa a 4...in alternativa si puo' pensare a una difesa a tre con bellusci a destra, Legro al centro e Biraghi a sinistra e poi un centrocampo a 5 con peruzzi izco lodi rinaudo e uno tra monzon e plasil..insomma un delirio.
Sono convinto che Maran partira' con l'ovvia formazione schierata con il 433.
E' davvero l'ultima chiamata...o si prende il treno o si scende...non voglio dire dove.

FOZZA CATANIA