Autore Topic: GRAZIE ITALIA  (Letto 4740 volte)

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #30 il: 05 Luglio 2012, 08:19:20 pm »

Per me, esclusa la partita con la Germania, l'Italia ha giocato al di sotto delle sue potenzialità


 8D ...l'Inghilterra...e prima la Croazia, l'Irlanda...in parte pure la Spagna (all'esordio)...prese a pallonate, dove le metti!?

No...penso che l'Italia abbia avuto solo problemi di finalizzazione...e nel calcio se non la butti dentro rischi grosso... 
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #31 il: 06 Luglio 2012, 04:43:05 am »
"Nell’ultima partita avrei dovuto avere un po' di coraggio nel rivoluzionare la squadra ma sarebbe stata una mancanza di rispetto e di riconoscenza nei confronti di chi mi aveva portato alla finale"

Rispetto, riconoscenza... il solito verbo italiano, dove la meritocrazia è aliena.

Grazie di che? Di avercelo ricordato un'altra volta, Marco?

Considero queste dichiarazioni da te evidenziate come una dimostrazione di umiltà, caratteristica compatiibile con la personlità che emerge di Prandelli, che non è un genio, ma mi pare persona leale. Non me ne volere, ma considero banale l'interpretazione inerente la meritocrazia: in Italia, la meritocrazia è penalizzata da molte cose, ma di certo in misura nettamente inferiore da quelle regole dettate dalla riconoscenza (che potrebbero convivere con la meritocrazia, chi lo sa?); soprattutto in questi casi.
In Italia ci indignamo per questo? Ma dai... Eviterei di fare morale sulla meritocrazia tirando in ballo Prandelli.


Templare e' il livello del nostro calcio ad essere assolutamente scadente a Prandelli do il merito di aver costruito una squadra, quanto meno decente, Poi errori ne ha fatti anche lui, questo mi pare evidente. Complessivamente ritengo che abbiamo fatto una figura più che dignitosa.
Scusa Aldo, fermo restando il scarso livello calcistico europeo, ritenendo anch'io che abbiamo giocato un torneo quasi decente, non vuol dire che il signor Prandelli si può permettere di prendermi in giro.
Sue Testuali parole: Questo paese a paura di cambiare, noi lo abbiamo fatto, due minuti dopo: Si avrei fatto meglio a cambiare quelli stanchi, ma non me la sono sentita. Allora, o e un caso da manuale di schizzofrenia, oppure conoscendo gli italioti si diverte a prenderli in giro.
Vedi, a me non rode avere perso, ma come abbiamo perso.
"U Mastru"

Per l'amico di mille scambi di opinione: cosa dirti: ha avuto il buon senso di ammetterlo. Stando alle nostre comuni opinioni avrebbe dovuto sostituire prima della finale Chiellini (questo è certissimo), forse Bonucci, Abate (che non stava al meglio), Marchisio (che non ne aveva più), persino Pirlo (il grande Pirlo, che in finale non ha visto palla... bontà sua, mi dispiace, non lo meritava), infine, almeno anche Cassano. Mettetevi nei panni anche questa volta di chi deve decidere e assumersi le responsabilità di una finale del campionato europeo: avreste schierato una formazione priva di tutti questi calciatori? Sì, direte di sì, come lo direi anch'io. Ma noi siamo qui a pontificare... Sia chiaro, io non difendo Prandelli, “non me ne può fregare di meno”, ma di certo evito di pontificare sapendo che non avrei nulla da perdere nel chiacchierare...  ;-)

Ma di questo Prandelli si può dire che le colpe più grosse della finale persa in modo umiliante sono sue oppure no? Oppure bisogna dire per forza che ha fatto bene e meglio non si poteva?
Per me Prandelli ha sbagliato formazione e ha sbagliato a fare le sue scelte. Probabilmente perdevamo lo stesso ma senza essere asfaltati.
Ancora nessuno mi ha risposto: se affrontavamo il Portogallo ne prendevamo 4 lo stesso; cosa avreste detto?
salutamu.

Si può dire, certamente. D'accordo con te, Turiddu.
Ma questa finale giocata in maniera scellerata non può essere l'oggetto di una valutazione complessiva. Perché a me (non solo a me) questa Italia in alcune partite è piaciuta più di altre del passato; e non è corretto non ammetterlo. Anche solo per la vittoria netta sulla squadra tedesca. Dici con certezza che il Portogallo ce ne avrebbe fatti quattro? E allora mi permetto di dirti che, secondo il mio modestissimo parere, il Portogallo con noi se ne sarrebbe ammuccati 4!
(e con questo siamo in due ad esagerare  :-D)


ne fanno la Nazionale più forte al mondo...del resto tre titoli consecutivi (2 europei inframmezzati da un mondiale!) non si vincono per mera fortuna come vorrebbe far apparire qualcuno...forse perchè vede le maglie rosse  :-D

La Spagna è fortissima? La Spagna ha fatto pena contro il Portogallo e meritava di uscire prima dei rigori e i Portoghesi, esclusi Ronaldo e Nani, sono normalissimi giocatori di calcio. Dunque questa Spagna senza Villa e Puyol era assolutamente alla portata dell'Italia. Bisognava soltanto avere un altro uomo in panchina.


Caro il mio stalinista che ha lasciato il cervello nella sezione di quartiere, prova una volta tanto a scrivere la verità e a non addomesticarla a tuo piacimento... Perchè fra quello che ho detto io e quello che vuoi fare passare tu ci passa parecchio.

La Spagna di quest'anno era alla portata dell'Italia di quest'anno almeno quanto la Francia del 2006 lo era dell'Italia di Lippi. Con un'organizzazione tattica adeguata, che non deve per forza essere il catenaccio con cui Di Matteo ha annullato il Barca dei miracoli, ma può essere rappresentata proprio dal gioco del Portogallo uscito ai rigori, la Spagna era assolutamente abbordabile.

Per non parlare poi del fatto che se un allenatore fa giocare gente che non sta in piedi, solo per riconoscenza, farebbe bene a cambiare mestiere e riciclarsi come dirigente alla Regione Siciliana, dove in ambito di "rispetto e riconoscenza" non sono secondi a nessuno.

Col rispetto per Chiellini ci siamo fatti infilare a primo affondo, con quello per Cassano li abbiamo solleticati, con la riconoscenza verso Marchisio e Thiago Motta abbiamo giocato prima senza centrocampo e poi siamo rimasti in dieci.

Ti piace Prandelli? Bravo.


p.s. fai agiografia di Zenko Zeman e poi giustifichi un allenatore che rispetto e riconoscenza ce li ha solo per juventini e milanisti, guarda caso...

Strano ma vero, sono daccordissimo. Qui si mangia pane scordato, tutti si sono dimenticatii dell'umiliazione rifilata a Donadoni solo perchè a Lippi era ritornata la fregola d'allenare.
Va bene godere di buona stampa, ma questo servilismo mi sembra eccessivo.
"U Mastru"




E ti pareva...
Avaja, Mastru! Un'altra delle tue opinioni affrettate. Era da tempo che non me ne gustavo una! Ma Donadoni, che non ho mai criticato come vedo criticare Prandelli, prese tre sberle sonore dall'Olanda; e io considero quella gara umiliante quanto quella vista in finale contro la bellissima squadra sp-agn-ola (censurano l'aggettivo "spagn ola"). Ca finemula con questa dietrologia,; e finiamola di condannare Prandelli a tutti i costi, prché il tentativo è più stucchevole di quello perpetrato dall'altra parte, ossia del Prandelli da difendere a tutti i costi.

Io quello che non ho capito è l'enfasi con cui tutti gli addetti ai lavori si sono adeguati ai dictat della federazione sul bel gioco dell'Italia e sul valore di Prandelli che sarà pure un bravo allenatore ma lo deve dimostrare ed è uno che per cantonate non è secondo nè al Viareggino del 2006 ne al pluridecorato di Fusignano.
Per me, esclusa la partita con la Germania, l'Italia ha giocato al di sotto delle sue potenzialità proprio perchè per tutto l'Europeo il Mister "cool"si è ostinato a far giocare uomini mezzi rotti, acciaccati o acclaratamente fuori forma pur di non rompere gli equilibri all'interno dello spogliatoio: Un uomo di 50 anni con quelle responsabilità verso una platea se ne dovrebbe fregare se dei ragazzi di 20-30 anni gli portano il broncio  e chiamano i rispettivi numi tutelari se non li fa giocare.

Naturalmente IMHO  ;-)


Caprarupens, secondo me ti sbagli. Se c'è una virtù di prandelli, è proprio quella di aver saputo gestire il gruppo. Lippi e Sacchi (ma anche Bearzot), probabilmente, non avrebbero convocato né Cassano né Balotelli. Non è scontato gestirli e farli esprimere al meglio. Eppure,proprio questi hanno scritto le pagine azzurre di questo europeo (non solo nei ricordi degli italiani. Ripeto, Italia-Germania è una partita che sarà ricordata sempre dagli appassionati di football come noi). Sacchi non trovava posto per Beppe Signori, il nostro bomber più prolifico; non trovava posto a Zola... (eppure, conquistò una finale mondiale); Berzot vinse il mondiale penalizzando Pruzzo e Beccalossi (rinunce importanti per quei tempi); Valcareggi non schierò Rivera nella finale contro il Brasile nel '70. Insomma, nessuno ha mai fatto scelte indiscutibili. E per una volta, solo una volta, sono d'accordo con quel tizio che disse che Zidane andava marcato per chiudere con la vittoria quella *** di finale persa nel 2000!
Dici che l'Italia ha giocato al di sotto delle sue potenzialità... Ma tu prevedevi che sarebbe arrivata in finale?

Per me l'unico in grado di dare un volto a una selezione di calciatori,nonostante avesse anche lui le sue fisime (caratteristica comune a tutti i grandi), e' stato Arrigo Sacchi, il Copernico rivoluzionario del calcio italiano...naturalmente in my honest opinion anche per me.

Anche a me piacevano le idee di Sacchi  ;-)
« Ultima modifica: 06 Luglio 2012, 05:03:02 am da Nelson »
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #32 il: 06 Luglio 2012, 05:00:52 am »
 .
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Caprarupens

  • Utente
  • *****
  • Post: 2016
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #33 il: 06 Luglio 2012, 09:04:43 am »
Nelson sono d'accordo con alcune delle tue analisi e meno con altre (il gioco della dialettica  ::))ma ripeto: non puoi fare giocare "a propri" un giocatore che è rotto (Chiellini), uno che ti assicura "solo" 60 minuti, un'altro che per motivi disciplinari avresti dovuto non portare come hai fatto con un altro e tenere in panchina giocatori che ti potrebbero assicurare una prestazione decorosa.
Cioè con la Spagna abbiamo giocato in 8 effettivi ma che cavolo di allenatore è uno che consultato i medici, i preparatori e gli allenatori mi mette su una formazione con l'handicap???
Io solo questo contesto a Prandelli che poi a livello umano rispetto tantissimo.

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #34 il: 06 Luglio 2012, 07:24:21 pm »
Figurati, Caprarupens, su questo sono anche più critico di te, perché credo che Chiellini sia stato scelto per questioni tecniche e non per “riconoscenza”, penalizzando un ottimo terzino come Balzaretti. Quindi, l'errore è evidente, perché Chiellini è stato puntato appositamente da Fabregas proprio per l'inadeguatezza del suo passo in quella zona del campo. E anche se fosse al meglio della condizione, Fabregas lo asfalterebbe oggi, domani e dopodomani.

Contrariamente a quanto asserivi nel precedente post, a mio parere Prandelli è stato abile nel gestire il gruppo e dare le giuste motivazioni.

Un'opinione su Federico Balzaretti. Lo considero un ottimo giocatore da molto tempo, esattamente dal 2004, quando vidi un Torino-Catania che si concluse 2-1 in pieno recupero grazie una sua spettacolare giocata sulla fascia. Dopo aver ubriacato Padalino, fornì l'assist a Humberto che colpì di testa (spero di aver ricordato bene).
Ora, cosa dire, Prandelli gli ha sempre preferito altri giocatori, talvolta schierati anche fuori ruolo, se non ricordo male a Firenze preferiva adattare Gobbi. Ma è anche vero che un giocatore come Balzaretti avrebbe meritato di più, soprattutto dopo il 2006, quando si doveva attuare una sorta di ricambio generazionale della squadra. Invece, in nazionale ha giocato meno di quanto avrebbe meritato, anche per le scelte di altri CT.

Nelson sono d'accordo con alcune delle tue analisi e meno con altre (il gioco della dialettica  ::))

Ragione hai   :-))
Nonostante sia lontano dalla Sicilia da molti anni, ancora co' dialettu ma firu.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #35 il: 06 Luglio 2012, 10:33:29 pm »
Piccola piccola riflessione ....
Nel pieno di una crisi finanziaria-economica europea, il lato meno drammatico,oserei dire quasi comico, e' che i valori espressi in campo e i risultati ottenuti in questo europeo sono in clamorosa antitesi con i valori economici dei rispettivi paesi.
Da un lato una Italia e una Spagna economicamente in ginocchio e che annaspano faticosamente e dall'altro una Germania,Francia e Inghilterra con meno tribolazioni per lo spread,per lo scudo finanziario e per sistemare i conti dello stato che fanno un clamoroso flop in questo torneo europeo.
Calcisticamente la classifica europea ci vede secondi dopo una Spagna che ha meritato il titolo,contrariamente alle previsioni di molti soloni che vedevano i tedeschi favoriti, e dietro tutti gli altri, " i professori" che appena qualche mese fa ci avevano assegnato i compiti da fare a casa per salvare,in nome dell'euro, noi e spagnoli...ca l'avissunu ammazzari
Gli annali storici narreranno solo questo:finale Spagna -Italia, vittoria degli spagnoli e...tutto il resto e' noia,discussioni che se li porta il vento nel dimenticaio del mondo delle amenita'...peccio' non v'ammazzati picchi' i chiacchiri su chiacchiri e i maccaruni incunu a panza
In tutto questo che e' accaduto pero',cari amici, consentitemi ancora un piccolo pensiero,che e' rivolto alla incapacita' manifesta dei nostri commissari tecnici e al servilismo a cui sono assoggettati per favorire le solite note assecondandone le scelte e le indicazioni. Quanto ci e' costato in termini di titoli mancati fra europei e mondiali persi per inadeguatezza dell'allenatore ? Due, tre titoli ?...chi lo sa...l'unica cosa certa e' che anche queste sono chiacchiere..
 
« Ultima modifica: 06 Luglio 2012, 10:55:58 pm da GPalermo1954 »
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2351
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #36 il: 07 Luglio 2012, 03:12:56 pm »
Nelson la cosa bella è che ognuno possa esprimere il proprio parere.
Io credo che la formazione italiana della finale era in tali e pessime condizioni atletiche, almeno in alcune elementi, che ne avrebbe preso 4 certamente anche dal Portogallo che ti ricordo non meritava affatto di uscire contro la Spagna.
L'Italia mi è piaciuta durante l'europeo e l'ho detto più volte, anche se in alcune partite peccava di sterilità, ma Prandelli in finale l'ha "scafazzata" di brutto e tutti questi elogi non mi sento di farglieli. Si schiera sempre la formazione migliore, non quella degli amici. Questo è solo il mio parere.
salutamu.

umastru

  • Visitatore
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #37 il: 07 Luglio 2012, 11:18:37 pm »
Lo ammetto, la colpa è mia, a spiegarmi faccio fatica. ::)
Allora, io amo la Nazionale Italiana, nel bene e nel male rappresenta il mio paese. Io sono Italiano di Sicilia, se qualcuno ha letto Arpino nella sua parentesi sportiva magari mi capisce.
Quello che non sopporto è il pa.ra.culi.smo.
Provo a spiegarmi, Beazort, dopo aver vinto un mondiale, toppò terribilmente il secondo. Ma difese le sue scelte pur ammettendo di aver sbagliato.
Pure Sacchi, un allenatore che io ho considerato e considero supervalutato, quando si spu.tta.no un europeo per difendere la sua idea che sono più importanti gli schemi che gli uomini dimostro una (masochistica) coerenza.
Adesso mi arriva il signor Prandelli che si permette di dire tutto e il contrario di tutto.
Mi rispiego, se il signor Prandelli fosse venuto a dire; Ragazzi, per me questi  erano i migliori, ho sbagliato. Bene, bravo, bis, nel calcio ci sta, sei pagato per quello, non tutte le ciambelle vengono con il buco e vai con i luoghi comuni.
Invece il signor Prandelli si permette di fare un pisto.lo.tto su l'Italia in generale che non ha il coraggio di cambiare, mentre lui......
E dopo neanche dieci minuti ammette tomo tomo ca.cchio ca.cchio, che si era accorto che un terzo dei giocatori era bollito, ma come si fà a lasciarli fuori. Ma cosè una dama della San Vincenzo, o il selezionatore della nazionale italiana A?. (Definizione ufficile)
Qui non si tratta di vincere o perdere, giocare bene o giocare male. Si parla di coerenza e dignità.
Devo ammettere che il signor Prandelli mi ha profondamente deluso, ma non tanto per aver lasciato ai margini Balzaretti e Nocerino. Chi ha i capelli bianchi (i tricologicamente parlando fortunati ::)) si ricorderanno gli ostracismi verso Pruzzo o verso Beccalossi, li accetto il selezionatore viene pagato per questo. Ma almeno dopo non venire a fare la verginella contritta per non aver avuto il coraggio di fare bene il tuo lavoro. Tra l'altro molto ben pagato, chiedere a un Beazort oppure a un Donadoni.....
Scusatemi non ci sto, qualcuno ha scritto che la sua è stata un'ammissione, no signori miei, leggete tra le righe; lo sapevo, ma non potevo. Perchè? non sei pagato per questo?
"U Mastru"
P.S. Che Thiago Motta calcisticamente parlando è un cane morto (a quei livelli) se ne accorto in tempo anche Moratti, che è tutto dire.
"U Mastru"
« Ultima modifica: 07 Luglio 2012, 11:20:54 pm da umastru »

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #38 il: 08 Luglio 2012, 12:08:27 am »
Nelson la cosa bella è che ognuno possa esprimere il proprio parere.

Infatti. E io questi pareri li leggo sempre con piacere, in particolar modo quelli tuoi e di altri utenti (diciamo amici-forumisti) con cui non sono stato del tutto d'accordo. Ma sarebbe impossibile applaudirci vicendevolmente su ogni opinione.
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:GRAZIE ITALIA
« Risposta #39 il: 08 Luglio 2012, 12:35:55 am »
Lo ammetto, la colpa è mia, a spiegarmi faccio fatica. ::)
Allora, io amo la Nazionale Italiana, nel bene e nel male rappresenta il mio paese. Io sono Italiano di Sicilia, se qualcuno ha letto Arpino nella sua parentesi sportiva magari mi capisce.

Mastru, ti sei espresso molto bene anche prima, non fare fatica ::) (anzi, sì, fai fatica, così scambiamo altre opinioni). Dici che chi ha letto Arpino può capirti? Ebbene,  io Arp l'ho letto e riletto, in quell'edizione Einaudi del '77, che col tempo diventava introvabile. Recentemente, Azzurro Tenebra è stato ristampato =D>.

Quello che non sopporto è il pa.ra.culi.smo.
Provo a spiegarmi, Beazort, dopo aver vinto un mondiale, toppò terribilmente il secondo. Ma difese le sue scelte pur ammettendo di aver sbagliato.
Pure Sacchi, un allenatore che io ho considerato e considero supervalutato, quando si spu.tta.no un europeo per difendere la sua idea che sono più importanti gli schemi che gli uomini dimostro una (masochistica) coerenza.

Beh, proprio Bearzot, dopo aver vinto il mondiale dell'82 contro tutti e difendendo scelte molto difficili, nell'86 portò in Messico (per riconoscenza) buona parte del gruppo che aveva vinto in Spagna, seppur non fossero più titolari. Mi ricordo che la critica più severa fu proprio quella di aver selezionato quei giocatori.

Adesso mi arriva il signor Prandelli che si permette di dire tutto e il contrario di tutto.
Mi rispiego, se il signor Prandelli fosse venuto a dire; Ragazzi, per me questi  erano i migliori, ho sbagliato. Bene, bravo, bis, nel calcio ci sta, sei pagato per quello, non tutte le ciambelle vengono con il buco e vai con i luoghi comuni.
Invece il signor Prandelli si permette di fare un pisto.lo.tto su l'Italia in generale che non ha il coraggio di cambiare, mentre lui......
E dopo neanche dieci minuti ammette tomo tomo ca.cchio ca.cchio, che si era accorto che un terzo dei giocatori era bollito, ma come si fà a lasciarli fuori. Ma cosè una dama della San Vincenzo, o il selezionatore della nazionale italiana A?. (Definizione ufficile)
Qui non si tratta di vincere o perdere, giocare bene o giocare male. Si parla di coerenza e dignità.

Cosa dire, tu riduci tutto il campionato dell'Italia e di Prandelli alla finale; io vedo la competizione dall'inizio alla fine e, complessivamente - tra errori, scelte azzeccate – la squadra è arrivata in finale con merito e a volte giocando bene. Ho criticato gli errori nel giocarsi la finale,  ma do più peso al raggiungimento di un risultato su cui avrebbero creduto in pochi.
Tutto qui.
Per quanto riguarda "coerenza" e "dignità", resto del parere che questa tua opinione, che rispetto, è eccessiva Un altro, nei suoi panni, avrebbe fatto molto probabilmente le stesse scelte. Poi, sai, il mio parere è meno paziente nei confronti di altri selezionatori del passato, soprattutto di  quelli che per fare giocare un Del Piero fuori forma ad ogni costo, rinunciavano a Roberto Baggio o a Totti (Europeo 2000, quando giocò del Piero al posto di Totti contro l'Olanda).

Devo ammettere che il signor Prandelli mi ha profondamente deluso, ma non tanto per aver lasciato ai margini Balzaretti e Nocerino. Chi ha i capelli bianchi (i tricologicamente parlando fortunati ::)) si ricorderanno gli ostracismi verso Pruzzo o verso Beccalossi, li accetto il selezionatore viene pagato per questo. Ma almeno dopo non venire a fare la verginella contritta per non aver avuto il coraggio di fare bene il tuo lavoro. Tra l'altro molto ben pagato, chiedere a un Beazort oppure a un Donadoni.....
Scusatemi non ci sto, qualcuno ha scritto che la sua è stata un'ammissione, no signori miei, leggete tra le righe; lo sapevo, ma non potevo. Perchè? non sei pagato per questo?
"U Mastru"


Chiedere a Bearzot o a Donadoni?
Per quanto riguarda Bearzot, erano altri tempi. Mastru, passanu trent'anni   :-))
Per quanto riguarda Donadoni, fu una grande opportunità allenare la nazionale.

In conclusione, Mastru, evito di prolungare questo topic, sono stato critico anch'io sulle scelte fatte in finale e sulla magra figura rimediata contro la squadra spag-nola. Ma non posso fare a meno di vedere anche un'altra prospettiva: quello che è stato fatto prima della finale, che è, secondo me, apprezzabile.
« Ultima modifica: 08 Luglio 2012, 12:39:50 am da Nelson »
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)