Autore Topic: Catania-Milan  (Letto 10340 volte)

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 3130
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
  • La continuità nella discontinuità
Re: Catania-Milan
« Risposta #45 il: 31 Gennaio 2011, 02:30:31 pm »
Casorezzo (MI), 31 Gennaio 2011
Cari forensi,
scrivo dopo due giorni perché sarei stato poco lucido e me ne sarei uscito con battute amare del tipo che più che Cholo forse abbiamo di fronte il "Ciula" o il "Ciolla" o che avremmo finito per rimpiangere Giampaolo che ha raccattato, pur con il suo gioco poco esaltante, i ventidue punti che possediamo. Ma a mente fredda non posso che ammettere che Simeone non può fare i miracoli e forse abbiamo riposto soverchie aspettative nelle sue taumaturgiche abilità. Ci vuole tempo e qualche rinforzo. Peccato, sull'espulsione ho pensato che un punto probabilmente lo avremmo racimolato, covando nel profondo dell'anima la speranza di ottenere anche gli altri due. Così non fu e tanto valeva rimanere in undici contro undici. A Cesena di mercoledì per me non è fattibile e i recenti risultati non inducono a fare la pazzia. A Bologna, più che altro per quella patologia mentale cui sono soggetti molti fra noi, ci sarò. A presto,
Marco Tullio
Nuovo Catania, nuovo nome

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania-Milan
« Risposta #46 il: 31 Gennaio 2011, 03:39:49 pm »
Non credo che un giocatore possa essere deterinante, tanto è vero che Martinez ameno 10 partite a stagione le saltava per infortunio e poi ce ne voleva prima che tornasse in forma.
Poi naturalmente ogni campionato ha un livello medio diverso.

Bua ti ricordo che Martinez l'anno scorso ha segnato 9 goals in 25 partite. Circa un goal ogni due partite e mezzo! A che punto saremmo oggi se Gomez avesse fatto un goals ogni due partite e mezzo??????? 8-) Fatti un calcolo veloce e fammi sapere  ;-)

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5472
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Catania-Milan
« Risposta #47 il: 31 Gennaio 2011, 04:00:09 pm »
Non credo che un giocatore possa essere deterinante, tanto è vero che Martinez ameno 10 partite a stagione le saltava per infortunio e poi ce ne voleva prima che tornasse in forma.
Poi naturalmente ogni campionato ha un livello medio diverso.

Bua ti ricordo che Martinez l'anno scorso ha segnato 9 goals in 25 partite. Circa un goal ogni due partite e mezzo! A che punto saremmo oggi se Gomez avesse fatto un goals ogni due partite e mezzo??????? 8-) Fatti un calcolo veloce e fammi sapere  ;-)

Sicuramente sono due giocatori diversi. Penso che Martinez fosse più importante per gli spazi che creava e gli assist, non solo perché realizzava (a parte che bisognerebbe anche contare quante di quelle reti furono decisive, Inter e doppietta al Siena no, per esempio).
Ad ogni modo, quello che noto quest'anno è una preoccupante difficoltà ad attaccare in velocità e con tanti  uomini. Anche Gomez riesce a saltare l'uomo, non mi pare abbia molta gente da servire, e spesso subisce il ritorno.
Non ho le competenze per contraddirti, probabilmente hai ragione tu, dico solo che un solo cambio non credo possa far crollare una squadra.

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania-Milan
« Risposta #48 il: 31 Gennaio 2011, 04:28:08 pm »
Non credo che un giocatore possa essere deterinante, tanto è vero che Martinez ameno 10 partite a stagione le saltava per infortunio e poi ce ne voleva prima che tornasse in forma.
Poi naturalmente ogni campionato ha un livello medio diverso.

Bua ti ricordo che Martinez l'anno scorso ha segnato 9 goals in 25 partite. Circa un goal ogni due partite e mezzo! A che punto saremmo oggi se Gomez avesse fatto un goals ogni due partite e mezzo??????? 8-) Fatti un calcolo veloce e fammi sapere  ;-)

Sicuramente sono due giocatori diversi. Penso che Martinez fosse più importante per gli spazi che creava e gli assist, non solo perché realizzava (a parte che bisognerebbe anche contare quante di quelle reti furono decisive, Inter e doppietta al Siena no, per esempio).
Ad ogni modo, quello che noto quest'anno è una preoccupante difficoltà ad attaccare in velocità e con tanti  uomini. Anche Gomez riesce a saltare l'uomo, non mi pare abbia molta gente da servire, e spesso subisce il ritorno.
Non ho le competenze per contraddirti, probabilmente hai ragione tu, dico solo che un solo cambio non credo possa far crollare una squadra.

crollo no, concretezza probabilmente sì. d'altronde io sono uno di quelli che pensa che, come il pessimo girone d'andata atzoriano non sia stato espressione del reale valore del Catania, allo stesso modo nemmeno il fantastico girone di ritorno ahimé lo era.

Offline vasco

  • Utente
  • *****
  • Post: 2418
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania-Milan
« Risposta #49 il: 31 Gennaio 2011, 05:00:58 pm »
Ciao a tutti.
Qualche considerazione personale sul momento del Catania.
Ormai è storia che in questa squadra il fattore psicologico sia il punto debole e allo stesso tempo quello determinante. Non essendoci dei veri trascinatori in campo è importante l'allenatore che sta in panca. Lo abbiamo visto con Mihajlovic l'anno scorso. E prima ancora con Zenga. Quest'anno la squadra non ha dimostrato quella stessa aggressività, la capacità di colpire l'avversario nei suoi punti deboli, con  cui aveva "dominato" il girone di ritorno dell'anno scorso. E lentamente l'autostima iniziale che pure aveva portato i punti si è trasformata in velleitarismo. Questo è l'aspetto veramente preoccupante: vanno in campo convinti di spaccare il mondo e escono sempre con un rimpianto. Meglio essere più umili e sapere in partenza che ogni risultato sarà sudato fino a dopo il fischio finale dell'arbitro. Per questo credo che il compito che attende Simeone sia molto pesante. Ed io al momento non vedo motivi di ottimismo.
Altra osservazione riguarda la preparazione atletica. E' mai possibile che ogni staff che arriva debba dire la sua? Mi pare che su questo dobbiamo fare un grande passo avanti, e speriamo che il centro sportivo aiuti in ciò. Avere una gestione moderna dei parametri bio-fisici dei giocatori e soprattutto avere uno staff stabile credo che sia il punto di partenza per far rendere atleticamente al meglio una squadra.
Infine la partenza di Martinez, che com'è stato giustamente osservato, i suoi goal alla fine li faceva sempre. Ma il sostituto l'avevamo in casa. Non mi spiego ancora perche è stato dato via Barrientos, quale fragilità congenita aveva per non poter giocare nel calcio italiano: avevamo in gruppo un vero e proprio talento, uno che si capiva quanto valeva solo a vedergli toccare il pallone; uno che non ha paura a far goal. Ma siamo sicuri che si è fatto di tutto per inserirlo in questa squadra? E qui sta a mio parere la grande colpa di Giampaolo, non aver saputo valorizzare al meglio gli uomini, adattando ad essi gli schemi e non viceversa.
Senza essere catastrofisti, bisogna che su questi aspetti società e tecnico lavorino molto (anche con qualche nuovo giocatore). Rimane in ogni caso la passione per questa squadra, da sostenere sempre e comunque.