Autore Topic: girone d'andata bye bye  (Letto 762 volte)

Offline ciccio

  • Utente
  • ***
  • Post: 220
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
girone d'andata bye bye
« il: 10 Gennaio 2011, 12:43:06 pm »
Sbollita un po’ la delusione provo ad inserire un commento più articolato.
Premesso che, come ha detto Bua, non si può pretendere di battere l’Inter ogni anno, ma alla fine del  girone d’andata mi sento di tracciare un bilancio sostanzialmente negativo.
Per manifesta incompetenza non entro in dati tecnici né in statistiche peraltro già menzionate da Thor (attacco asfittico, difesa perforabile, ruolino di marcia in netta flessione).
Abbiamo SOLO un paio di punti in più di squadre come Lecce e Cesena che abbiamo sempre giudicato nettamente inferiori.
Da tifoso da salotto quale sono, mi sono ampiamente scocciato di sentire parlare di ottima squadra: una squadra è ottima quando gioca bene PER 90 MINUTI e, salvo sfighe, porta a casa risultati conseguenti. Anche il Catania di Atzori giocava ottimi primi tempi salvo poi spegnersi e subire 2-3 gol nella ripresa.
Sempre da salottiero, dico che il calcio è anche e soprattutto passione ed imprevedibilità: dopo già 19 partite possiamo dire che questa squadra ci ha trascinato veramente? A me piacerebbe ogni tanto una vittoria per 3-0 o più. Direte che sempre tre punti sono, ma vuoi mettere l’effetto psicologico? Mi piacerebbe una vittoria in trasferta, persino il Lecce ci riesce, noi tanto vale mandare a giocare la primavera, tanto il risultato è lo stesso.
Vorrei vedere dei giocatori che allontanano il pallone crossato oltre la linea di fondo invece di 5 statuine con la mano alzata. Vorrei anche vedere una squadra che, dopo essere passata in vantaggio, gioca ancora meglio sulle ali dell’entusiasmo invece di rimanere con la testa a festeggiare e farsi rimontare dopo 60 secondi.
Ed invece dall’inizio stagione si parla di equilibrio, di partita perfetta, di fase difensiva praticamente impeccabile (quando prendi solo un gol, peccato che non segnando si perda 1-0!).
E principalmente si parla sempre e solo di mercato,  quasi che sia diventato più importante sapere dove, quando e per quale cifra andrà via Lopez o arriverà chissa’ chi piuttosto che chiedersi perché quest’anno non ne segni (quasi) una o perché una squadra apparentemente imbottita di campioni destinati a prestigiosi club rimanga comunque impantanata nei bassifondi della classifica.
Tengo a precisarlo, non è che ne faccia una questione esclusiva di risultati e non ambisco alla champions, però mi sono anche stufato di sentire parlare di squadra migliore di tutti i tempi, di campioni del mondo schiacciati, etc. ma di commentare sempre più sconfitte stucchevoli.
Forse tutto l’ambiente ha bisogno di un salutare bagno di umiltà e realismo e di riprendere a giocare con quella volontà e cuore che (finalmente) trascinerà il pubblico (o almeno il sottoscritto)

Scusate lo sfogo