Autore Topic: I soliti noti...  (Letto 16183 volte)

Offline Francesco ( Rovigo)

  • Utente
  • ****
  • Post: 547
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #60 il: 01 Agosto 2010, 04:44:59 pm »
Buongiorno a tutti

Ero anche io a Pinzolo a seguire la partita del Catania e dopo aver letto i vari resoconti dell' evento da parte delle varie testate giornalistiche, siti web e quant' altro, vorrei che qualcuno mi spiegasse perche' nessuno ha voluto scrivere le vere motivazioni che hanno spinto l' arbitro a sospendere la partita. Io sono della convinzione che continuare a coprire le imprese di pochi irresponsabili non giovi alle fortune della nostra squadra e non sia neppure segno di buon giornalismo.
p.s il fallo di Barrientos al greco , non e' stata una semplice manata..ma un perfetto gancio sn sferrato con ottimo stile..anche questo non ll' ho letto da nessuna parte..ma fortunatamente in questo caso e' un aspetto di secondaria importanza.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8775
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #61 il: 01 Agosto 2010, 05:16:23 pm »

Io francamente non ho mai avvertito sulla mia pelle alcuna limitazione della libertà personale in tutti questi anni, ma forse é un problema di sensibilità mia, non lo so, ma per quello che ho potuto capire parlando con altra gente comune, nel senso non ultras, questa sensazione di assoluta indifferenza verso i controlli, é diffusa. Poi magari li conosco tutti io...

E ci credo...il Barbera è ancora uno stadio normale...magari il giorno che per colpa di pochi lo ridurranno come il Massimino...ossia come il supercarcere di Guantanamo...col sottufficiale dei Carabinieri, sempre lo stesso ogni partita casalinga, che ti ferma per trequarti d'ora perchè hai uno striscione, sempre lo stesso dall'inizio del campionato, nonostante tanto di autorizzazione della Digos (a proposito per questa autorizzazione la Digos mi ha chiamato ben due volte a casa ed al cellulare...con comprensibile inquietudine dei miei familiari convinti che in chissà quali guai mi ero andato ad infilare! 8-) ), perchè vuole sapere cosa c'è scritto (sempre la stessa cosa "Peppino Sempre con Noi" lo puoi vedere anche su calciocatania.com!), chi l'ha scritto, chi mi ha dato l'autorizzazione, il bollo e la firma non lo convincono e allora "aspetti che chiamo in centrale e parlo con qualcuno della Digos"  8| 8-)
Quel giorno mi saprai dire...

Scusa Gaspare, ma questa é burocrazia, odiosa e stancante nè più nè meno come una cartella pazza che ti costringe a saltare una mattinata di lavoro per cinque ore di coda all'esattoria, dove devi solo spiegare che hai già pagato o che più semplicemente tu con quella cartella non hai niente a che fare, perchè non possiedi l'azienda citata nell'intestazione... Parlare di limitazione della libertà in casi come questi mi sembra francamente un'esagerazione.



Citazione
Ma secondo me é lampante: distruggere il movimento ultras per quello che é ormai diventato: una continua rivendicazione a colpi di "onore ai diffidati" e "poliziotto primo nemico". Con buona pace di Alod, ci si é pensato troppo tardi, con buona pace di chi pensa che gli stadi diventeranno un mortorio, prima della Falange Rossazzurra e del Commando Ultras (primo club rosanero, fortemente politicizzato a sinistra, per la cronaca) a Catania venivano a vedere la partita diecimila palermitani, che sfilavano dalla mattina presto per via Etnea oppure mangiavano il classico pane con fillata Dagnino a villa Bellini, senza che alcuno pensasse di fare male ad alcuno.

Irrealizzabile tornare indietro? Molto, ma molto probabilmente. Ma se le curve iniziassero ad essere riconsegnate alle persone qualunque e quindi sottratte ai capetti che con fare mafioso ti dicono ed impongono cosa fare, la tessera del tifoso sarebbe invenzione da premio Nobel...

p.s. perchè una carta di credito? Perchè se vuoi la attivi e usufruisci dei servizi, viceversa la posi nel cassetto e la esibisci per comprare i biglietti... La carta di credito non te la impongono nemmeno quando apri un conto corrente, per cui... e te lo dice uno che da buon cattivo fascista, nelle banche vede una buona fetta di inferno...  ::) ::) ::)

Ciao!
 

Mah...sarà...ma a me le strade tortuose non mi hanno mai convinto...
Sarebbe bastato il metodo inglese per "ripulire" le curve...ma si sà che per attuarlo ci vuole una classe politica che abbia interesse a che magistratura ed inquirenti funzionino a dovere...

Questo non c'è...sappiamo pure il perchè e mi astengo dal ripeterlo altrimenti mi dici che è o.t. ... :-D :-D ::)

Dunque viva la Tessera del Tifoso...e se anche questa dovesse fallire...vai col bodyscanner anche negli stadi e, perchè no, con una bella aggiunta di ispezione rettale ai tornelli  :-D :-D

P.S.: ...neppure la storia della carta di credito mi convince...i programmi di fidelizzazione dei tifosi dovrebbero farle solo le società...non lo Stato...soprattutto quando la sua classe dirigente ha interessi più o meno occulti nelle banch...ops, scusa...è O.T.    8D ::)

Ciao ;-)

Ma come fai ad applicare il metodo inglese, che prevede carcere in flagranza e pena certa, quando: 1) in Italia si lasciano a spasso i delinquenti abituali (rapinatori, scippatori, truffatori, etc.) per mancanza di strutture carcerarie; 2) in Italia, a differenza che in Inghilterra, arrestare in flagranza il teppista colpevole significherebbe dovere avere a che fare con altre decine di suoi consimili, che lo proteggerebbero, nasconderebbero, sarebbero comunque d'intralcio al lavoro della Polizia; 3) come già ricordato da Turiddu, noi siamo il paese in cui gli avvocati hanno ampia possibilità d'inventiva, visto che il codice penale si presta fin troppo alla singola interpretazione del giudice. Insomma, si sta muovendo uno stuolo di costituzionalisti (più o meno qualificati), esperti in diritto amministrativo, ingegneri delle telecomunicazioni ed ufologi per la tessera del tifoso e tu pensi che il modello inglese, rigido perchè rigida é la mentalità in quel paese (ricordo ancora la Thatcher che voleva ripristinare le punizioni corporali per gli hooligans!), avrebbe vita facile in quest'italietta di quattro soldi?

Infine l'accostamento fra tessera, body scanner ed ispezioni corporali. Mi sembra che la differenza fra le tre cose sia tanto eclatante da non meritare commento, ma visto che mi hai dato l'assist mi chiedo se tu sappia cosa succede ai parenti che vanno a trovare i detenuti in carcere. Non so se hai presente cosa significa venire annusati dai cani anti-d r o g a, non potere portare carne e patate nello stesso contenitore, essere ispezionati col metal detector e, se le condizioni di sicurezza lo richiedono, essere costretti a denudarsi e rimanere in mutande davanti alla guardia carceraria. Oppure, per una mamma, dovere bere davanti ad un agente l'acqua del biberon del proprio bimbo, tanto per dimostrare che é naturale e non "addizionata"... Tiriamo in ballo anche in questo caso la libertà e la costituzione? No, perchè in fondo é un disagio, stavolta qualcosa in più di semplice burocrazia, che passano degli innocenti per colpa di pochi colpevoli, ma é necessario per garantire la legalità. Esattamente quello che succede negli stadi italiani.
 
« Ultima modifica: 01 Agosto 2010, 05:20:37 pm da Templare »
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

umastru

  • Visitatore
Re: I soliti noti...
« Risposta #62 il: 01 Agosto 2010, 11:08:42 pm »
[Infine l'accostamento fra tessera, body scanner ed ispezioni corporali. Mi sembra che la differenza fra le tre cose sia tanto eclatante da non meritare commento, ma visto che mi hai dato l'assist mi chiedo se tu sappia cosa succede ai parenti che vanno a trovare i detenuti in carcere. Non so se hai presente cosa significa venire annusati dai cani anti-d r o g a, non potere portare carne e patate nello stesso contenitore, essere ispezionati col metal detector e, se le condizioni di sicurezza lo richiedono, essere costretti a denudarsi e rimanere in mutande davanti alla guardia carceraria. Oppure, per una mamma, dovere bere davanti ad un agente l'acqua del biberon del proprio bimbo, tanto per dimostrare che é naturale e non "addizionata"... Tiriamo in ballo anche in questo caso la libertà e la costituzione? No, perchè in fondo é un disagio, stavolta qualcosa in più di semplice burocrazia, che passano degli innocenti per colpa di pochi colpevoli, ma é necessario per garantire la legalità. Esattamente quello che succede negli stadi italiani.
 
Scusa se mi intrometto nella vostra discusione, ma dopo quello che hai scritto, non trovi stridente il contrasto con il trattamento per i reati da stadio?
Mi spiego meglio, secondo me c'è stata, e c'è una volontà politica, sia ben chiaro sia da destra che da sinitra, di usare la violenza da stadio per altri scopi. Non sò spiegarmi in altro modo la copertura che hanno questi delinquenti.
Tanto per dire, un'imbecille con la divisa uccide un ultras della Lazio, e questo diventa un eroe, provoca una mezza rivoluzione in parecchie città, con la polizia che stà a guardare. Certo è più facile picchiare i no global pacific di Genova e i terremotati dell'aquila che avere a che fare con delle "facci tagghiati". Pochi giornali hanno avuto il coraggio di raccontare i precedenti del santo, perchè?
Per finire, sembra che nell'amichevole finita a schifiu del Catania 5 delinquenti 5 abbiano dato il meglio di se, qualcuno è intervenuto a prenderli a calci in c.u.l.o? No si è preferito sospendere la partita, come a Roma ricordi?
E lo stato cosa fà? ti cito Faber; si indigna, ma poi genta la spugna con gran dignità.
"U Mastru"

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8775
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #63 il: 02 Agosto 2010, 12:28:03 am »
[Infine l'accostamento fra tessera, body scanner ed ispezioni corporali. Mi sembra che la differenza fra le tre cose sia tanto eclatante da non meritare commento, ma visto che mi hai dato l'assist mi chiedo se tu sappia cosa succede ai parenti che vanno a trovare i detenuti in carcere. Non so se hai presente cosa significa venire annusati dai cani anti-d r o g a, non potere portare carne e patate nello stesso contenitore, essere ispezionati col metal detector e, se le condizioni di sicurezza lo richiedono, essere costretti a denudarsi e rimanere in mutande davanti alla guardia carceraria. Oppure, per una mamma, dovere bere davanti ad un agente l'acqua del biberon del proprio bimbo, tanto per dimostrare che é naturale e non "addizionata"... Tiriamo in ballo anche in questo caso la libertà e la costituzione? No, perchè in fondo é un disagio, stavolta qualcosa in più di semplice burocrazia, che passano degli innocenti per colpa di pochi colpevoli, ma é necessario per garantire la legalità. Esattamente quello che succede negli stadi italiani.
 
Scusa se mi intrometto nella vostra discusione, ma dopo quello che hai scritto, non trovi stridente il contrasto con il trattamento per i reati da stadio?
Mi spiego meglio, secondo me c'è stata, e c'è una volontà politica, sia ben chiaro sia da destra che da sinitra, di usare la violenza da stadio per altri scopi. Non sò spiegarmi in altro modo la copertura che hanno questi delinquenti.
Tanto per dire, un'imbecille con la divisa uccide un ultras della Lazio, e questo diventa un eroe, provoca una mezza rivoluzione in parecchie città, con la polizia che stà a guardare. Certo è più facile picchiare i no global pacific di Genova e i terremotati dell'aquila che avere a che fare con delle "facci tagghiati". Pochi giornali hanno avuto il coraggio di raccontare i precedenti del santo, perchè?
Per finire, sembra che nell'amichevole finita a schifiu del Catania 5 delinquenti 5 abbiano dato il meglio di se, qualcuno è intervenuto a prenderli a calci in c.u.l.o? No si è preferito sospendere la partita, come a Roma ricordi?
E lo stato cosa fà? ti cito Faber; si indigna, ma poi genta la spugna con gran dignità.
"U Mastru"

Mastru, io, per quanto mi sforzi, non riesco a capire quale cospirazione possa esserci dietro. In fin dei conti nel quartiere dove vivo, e non é nemmeno uno dei peggiori di Palermo, osservo decine fra reati ed infrazioni ogni benedetto giorno che passano impuniti. Dovrei pensare ad una cospirazione anche in questo caso? L'Italia é marcia in qualunque settore, perchè popolata da italiani. E più a Sud si va, peggio é, perchè al malcostume si adeguano anche coloro che dovrebbero rappresentare un argine ed essere comunque un elemento di controllo. Penso che alla fine il calcio sia solo un lato del problema, ma qui tutti sembrano avere la formula magica, salvo poi paventare rischi per la democrazia quando si provano soluzioni nuove.

Quanto a ciò che é successo in ritiro da voi non ho elementi per entrare nel merito, posso solo pensare che in un paesino di montagna ci sia una sola stazione dei Carabinieri e che i militari fossero impegnati a fare altro. Magari adesso ci saranno dei giri di vite pure per queste inutili amichevoli e ci sarà modo per riportare in ballo l'attentato alla libertà...
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

umastru

  • Visitatore
Re: I soliti noti...
« Risposta #64 il: 02 Agosto 2010, 09:30:00 am »
[Infine l'accostamento fra tessera, body scanner ed ispezioni corporali. Mi sembra che la differenza fra le tre cose sia tanto eclatante da non meritare commento, ma visto che mi hai dato l'assist mi chiedo se tu sappia cosa succede ai parenti che vanno a trovare i detenuti in carcere. Non so se hai presente cosa significa venire annusati dai cani anti-d r o g a, non potere portare carne e patate nello stesso contenitore, essere ispezionati col metal detector e, se le condizioni di sicurezza lo richiedono, essere costretti a denudarsi e rimanere in mutande davanti alla guardia carceraria. Oppure, per una mamma, dovere bere davanti ad un agente l'acqua del biberon del proprio bimbo, tanto per dimostrare che é naturale e non "addizionata"... Tiriamo in ballo anche in questo caso la libertà e la costituzione? No, perchè in fondo é un disagio, stavolta qualcosa in più di semplice burocrazia, che passano degli innocenti per colpa di pochi colpevoli, ma é necessario per garantire la legalità. Esattamente quello che succede negli stadi italiani.
 
Scusa se mi intrometto nella vostra discusione, ma dopo quello che hai scritto, non trovi stridente il contrasto con il trattamento per i reati da stadio?
Mi spiego meglio, secondo me c'è stata, e c'è una volontà politica, sia ben chiaro sia da destra che da sinitra, di usare la violenza da stadio per altri scopi. Non sò spiegarmi in altro modo la copertura che hanno questi delinquenti.
Tanto per dire, un'imbecille con la divisa uccide un ultras della Lazio, e questo diventa un eroe, provoca una mezza rivoluzione in parecchie città, con la polizia che stà a guardare. Certo è più facile picchiare i no global pacific di Genova e i terremotati dell'aquila che avere a che fare con delle "facci tagghiati". Pochi giornali hanno avuto il coraggio di raccontare i precedenti del santo, perchè?
Per finire, sembra che nell'amichevole finita a schifiu del Catania 5 delinquenti 5 abbiano dato il meglio di se, qualcuno è intervenuto a prenderli a calci in c.u.l.o? No si è preferito sospendere la partita, come a Roma ricordi?
E lo stato cosa fà? ti cito Faber; si indigna, ma poi genta la spugna con gran dignità.
"U Mastru"

Mastru, io, per quanto mi sforzi, non riesco a capire quale cospirazione possa esserci dietro. In fin dei conti nel quartiere dove vivo, e non é nemmeno uno dei peggiori di Palermo, osservo decine fra reati ed infrazioni ogni benedetto giorno che passano impuniti. Dovrei pensare ad una cospirazione anche in questo caso? L'Italia é marcia in qualunque settore, perchè popolata da italiani. E più a Sud si va, peggio é, perchè al malcostume si adeguano anche coloro che dovrebbero rappresentare un argine ed essere comunque un elemento di controllo. Penso che alla fine il calcio sia solo un lato del problema, ma qui tutti sembrano avere la formula magica, salvo poi paventare rischi per la democrazia quando si provano soluzioni nuove.

Quanto a ciò che é successo in ritiro da voi non ho elementi per entrare nel merito, posso solo pensare che in un paesino di montagna ci sia una sola stazione dei Carabinieri e che i militari fossero impegnati a fare altro. Magari adesso ci saranno dei giri di vite pure per queste inutili amichevoli e ci sarà modo per riportare in ballo l'attentato alla libertà...
Ecco, appunto, in un paesino non è che passano innosservati, quando avevano tempo li andavano a prendere con calma e gli facevano visitare l'archivio. ::) ::) ::) ::)
Che poi su al sud il lassismo abbia raggiunto livelli inaccettabili e verò, l'anno scorso sono rimasto deluso dei passi in dietro fatti da Catania, penso che a Palermo la situazione non sia migliore. Per consolarti posso dirti che qui giù al nord la situazione sta deteriorandosi.Nell'enclave leghista in cui vivo sono tutti per la legalità e pene dure, tranne che per loro, lì scattano tutte le  attenuanti possiili e immaginabili. Vedi il caso del voto in piemonte, ricontare i voti e un  colpo di stato, in Basilicata a parti invertite invece. ::) ::) ::)
Tornando a noi, non si tratta di complotto, ma di direttive dette sottovoce, il reato da stadio è meno reato degli altri. Poi hai visto che fior fior di avvocati hanno a Roma dei presunti nullatenenti.
"U Mastru"
P.S. Non vedo l'ora che inizi il campionato, così da poter tornare a parlare di pelota. Beati voi che avete anche la coppa per svariarvi.

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3908
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #65 il: 02 Agosto 2010, 09:50:31 am »
Per la precisione nel paesino dopo un pò, c'era da fare il giro del campo, eravamo dall'altra parte rispetto all'ingresso, sono arrivati tre addetti della security in pettorina gialla dall'eta media di 70 anni, solo più tardi, a cose finite, ma tutto è durato cinque minuti non di più, è arrivato un carabiniere con una borsa, contenente probabilmente un computer, credo per acquisire elementi sul'accaduto e stendere il relativo rapporto. Da Pinzolo è tutto. :-))
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #66 il: 02 Agosto 2010, 01:27:00 pm »
Probabilmente é arrivato il momento di fare pagare alle società assieme alla Lega o alla FIGC, i costi supplementari necessari al pagamento dei "danni della sottocultura ultras". Francamente mi sono scocciato di dover pagare più tasse per questi 4 dementi...
« Ultima modifica: 02 Agosto 2010, 01:35:29 pm da Fantadrum »

umastru

  • Visitatore
Re: I soliti noti...
« Risposta #67 il: 02 Agosto 2010, 02:32:35 pm »
Probabilmente é arrivato il momento di fare pagare alle società assieme alla Lega o alla FIGC, i costi supplementari necessari al pagamento dei "danni della sottocultura ultras". Francamente mi sono scocciato di dover pagare più tasse per questi 4 dementi...
Stai tranquillo che le tasse che paghi di più non sono colpa degli ultras, ma di altri dementi domiciliati a Roma. ::) ::) ::) ::)
"U Mastru"

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #68 il: 02 Agosto 2010, 02:47:02 pm »
Probabilmente é arrivato il momento di fare pagare alle società assieme alla Lega o alla FIGC, i costi supplementari necessari al pagamento dei "danni della sottocultura ultras". Francamente mi sono scocciato di dover pagare più tasse per questi 4 dementi...
Stai tranquillo che le tasse che paghi di più non sono colpa degli ultras, ma di altri dementi domiciliati a Roma. ::) ::) ::) ::)
"U Mastru"

Anche quello, Mastru, anche quello. Ma a parte tutto, a parte l'"altrismo", anzi, meglio, il "benaltrismo" che qui in questo Forum ha numerosi seguaci, credo che le istituzioni sportive dovrebbero partecipare al pagamento degli stipendi degli agenti impegnati negli stadi.

Dopodiché, visto che anche quest'anno dovremo sorbirci i boicottaggi della sottocultura (dove sotto é in questo caso dispreggiativo e non una mera suddivisione), propongo alla società di studiare i giusti accorgimenti per rimpiazzare i "sottocultori" con qualcuno un pò più in alto. Ad esempio biglietti della Nord venduti con il 90% di sconto nelle scuole catanesi durante le domeniche di boicottaggio...ne gioveremmo un pò tutti.

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2324
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #69 il: 02 Agosto 2010, 05:49:05 pm »
Citazione
qui tutti sembrano avere la formula magica, salvo poi paventare rischi per la democrazia quando si provano soluzioni nuove.

Templare è tempo perso...  non si può avere tutto, sembra un concetto semplice, ma a quanto pare non è così e come ti dicevo nessuno vuole rinunciare a nulla.
Tutti vogliono liberta, democrazia, sicurezza, civiltà, prontezza delle forze dell'ordine e degli organi inquirenti quando ci sono dei reati, equità... tutte cose legittime per carità;  poi però se incominci a parlare di dotare le forze dell'ordine e gli organi inquirenti di strumenti più efficaci, più incisivi di natura tecnico-giuridica.... siamo a mare...
ognuno, secondo le proprie convenienze, grida al pericolo per la democrazia e la libertà.
Io non sò se la tessera del tifoso sarà la soluzione, forse si potrà falsificare, trovare un inganno alla Legge, non saprei, ma certamente non può nuocere a chi non ha nulla da nascondere, salvo rivendicare il proprio diritto di privacy violata ( a me quest'ultima cosa mi sembra come chi si mangia un bufalo intero e poi si prende il caffè con poco zucchero perchè a dieta...).
Salutamu.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8775
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #70 il: 02 Agosto 2010, 07:56:00 pm »
ma certamente non può nuocere a chi non ha nulla da nascondere

Proprio quello che dico da sempre: può essere inutile, ma é sicuramente innocua. Ciao!
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8775
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #71 il: 02 Agosto 2010, 10:40:55 pm »
(Repubblica) Ai poliziotti che avevano chiesto loro i documenti hanno risposto con calci e pugni. Così, tre posteggiatori che bazzicavano davanti all’ospedale Buccheri La Ferla di via Messina Marine, sono stati arrestati. L’aggressione è accaduta ieri pomeriggio intorno alle 15,30. Una volante è stata chiamata dagli agenti dal posto di polizia dell’ospedale per fare luce sul furto di un motorino. Poco prima, infatti, un uomo, appena diventato papà, aveva lasciato il suo dueruote a un posteggiatore, per correre al reparto maternità.

Tornato in strada, l’uomo non ha trovato più il motorino e il posteggiatore al quale l’aveva affidato non è stato in grado di fornire spiegazioni. Di qui la denuncia. Quando gli agenti hanno chiesto al posteggiatore le generalità, per tutta risposta hanno ricevuto calci e pugni, anche dai figli del guardamacchine. Per fermare l’aggressione è stato necessario l’intervento di altre volanti. E sono scattate le manette per i pregiudicati Domenico Di Cesare e per i suoi figli Ivan e Valentino. Processati per direttissima, i tre hanno ottenuto gli arresti domiciliari.


Ecco Mastru, questa é l'Italia. Tiu chiedo: quale direttiva ha ricevuto in questo caso il giudice?

In Italia ci si scandalizza per le leggi ad-personam di Berlusconi, giustissimo laddove conclamato, mentre i "signori nessuno", delinquenti ed estorsori (perchè questo sono i posteggiatori abusivi), possono permettersi di rubare un motore o essere complici del furto, aggredire a calci e pugni i poliziotti e farsi qualche giorno a casa, magari faccia al muro, se ci sono le aggravanti...
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

umastru

  • Visitatore
Re: I soliti noti...
« Risposta #72 il: 02 Agosto 2010, 11:08:08 pm »
(Repubblica) Ai poliziotti che avevano chiesto loro i documenti hanno risposto con calci e pugni. Così, tre posteggiatori che bazzicavano davanti all’ospedale Buccheri La Ferla di via Messina Marine, sono stati arrestati. L’aggressione è accaduta ieri pomeriggio intorno alle 15,30. Una volante è stata chiamata dagli agenti dal posto di polizia dell’ospedale per fare luce sul furto di un motorino. Poco prima, infatti, un uomo, appena diventato papà, aveva lasciato il suo dueruote a un posteggiatore, per correre al reparto maternità.

Tornato in strada, l’uomo non ha trovato più il motorino e il posteggiatore al quale l’aveva affidato non è stato in grado di fornire spiegazioni. Di qui la denuncia. Quando gli agenti hanno chiesto al posteggiatore le generalità, per tutta risposta hanno ricevuto calci e pugni, anche dai figli del guardamacchine. Per fermare l’aggressione è stato necessario l’intervento di altre volanti. E sono scattate le manette per i pregiudicati Domenico Di Cesare e per i suoi figli Ivan e Valentino. Processati per direttissima, i tre hanno ottenuto gli arresti domiciliari.


Ecco Mastru, questa é l'Italia. Tiu chiedo: quale direttiva ha ricevuto in questo caso il giudice?
Te la dico io la direttiva, chi ha fatto la legge che per i reati con pene fino a tre anni si è affidati ai servizi sociali? a chi serviva? Su Templare fai uno sforzo, Cosa doveva fare il giudice? non lo può tenere in galera, punto.
Purtroppo in italia funziona così adesso, per evitare la galera ad un amico si fanno danni enormi. Ma tanto nessuno si indigna, va bene così, chi te lo fa fare arrabbiarti, intanto al mio paese Bronte, i ragazzini si prendono a coltellate. Ma cosa stiamo diventando?
"U Mastru"

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8775
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #73 il: 03 Agosto 2010, 12:22:56 am »
(Repubblica) Ai poliziotti che avevano chiesto loro i documenti hanno risposto con calci e pugni. Così, tre posteggiatori che bazzicavano davanti all’ospedale Buccheri La Ferla di via Messina Marine, sono stati arrestati. L’aggressione è accaduta ieri pomeriggio intorno alle 15,30. Una volante è stata chiamata dagli agenti dal posto di polizia dell’ospedale per fare luce sul furto di un motorino. Poco prima, infatti, un uomo, appena diventato papà, aveva lasciato il suo dueruote a un posteggiatore, per correre al reparto maternità.

Tornato in strada, l’uomo non ha trovato più il motorino e il posteggiatore al quale l’aveva affidato non è stato in grado di fornire spiegazioni. Di qui la denuncia. Quando gli agenti hanno chiesto al posteggiatore le generalità, per tutta risposta hanno ricevuto calci e pugni, anche dai figli del guardamacchine. Per fermare l’aggressione è stato necessario l’intervento di altre volanti. E sono scattate le manette per i pregiudicati Domenico Di Cesare e per i suoi figli Ivan e Valentino. Processati per direttissima, i tre hanno ottenuto gli arresti domiciliari.


Ecco Mastru, questa é l'Italia. Tiu chiedo: quale direttiva ha ricevuto in questo caso il giudice?
Te la dico io la direttiva, chi ha fatto la legge che per i reati con pene fino a tre anni si è affidati ai servizi sociali? a chi serviva? Su Templare fai uno sforzo, Cosa doveva fare il giudice? non lo può tenere in galera, punto.
Purtroppo in italia funziona così adesso, per evitare la galera ad un amico si fanno danni enormi.

Scusa Mastru, ma non c'entra nulla. Il giudice non li ha affidati ai servizi sociali, li ha condannati alla reclusione, ma domiciliare. Ai servizi sociali oltretutto, per legge, non puoi mandare i pluripregiudicati, ma solo coloro che, teoricamente, dovrebbero trarre più vantaggio da una forma di punizione diversa dal carcere, vedi incensurati che sbagliano per la prima volta.

La verità é che in Italia reati commessi e loro autori sono di gran lunga eccedenti la disponibilità di posti in "albergo"... E dovremmo mettere in carcere il teppistello che tira una lattina in campo?  8-)
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: I soliti noti...
« Risposta #74 il: 03 Agosto 2010, 02:55:57 pm »

Scusa Gaspare, ma questa é burocrazia, odiosa e stancante nè più nè meno come una cartella pazza che ti costringe a saltare una mattinata di lavoro per cinque ore di coda all'esattoria, dove devi solo spiegare che hai già pagato o che più semplicemente tu con quella cartella non hai niente a che fare, perchè non possiedi l'azienda citata nell'intestazione... Parlare di limitazione della libertà in casi come questi mi sembra francamente un'esagerazione.

 8|...e questa cosiddetta burocrazia non sarebbe una limitazione della libertà!?...per esserlo cosa ti dovrebbe succedere, che il carabiniere ti arresti e che l'esattore ti mandi la GdF a perquisirti casa e bottega?  :-D :-D

Avaia...  :-D



Ma come fai ad applicare il metodo inglese, che prevede carcere in flagranza e pena certa, quando: 1) in Italia si lasciano a spasso i delinquenti abituali (rapinatori, scippatori, truffatori, etc.) per mancanza di strutture carcerarie; 2) in Italia, a differenza che in Inghilterra, arrestare in flagranza il teppista colpevole significherebbe dovere avere a che fare con altre decine di suoi consimili, che lo proteggerebbero, nasconderebbero, sarebbero comunque d'intralcio al lavoro della Polizia; 3) come già ricordato da Turiddu, noi siamo il paese in cui gli avvocati hanno ampia possibilità d'inventiva, visto che il codice penale si presta fin troppo alla singola interpretazione del giudice. Insomma, si sta muovendo uno stuolo di costituzionalisti (più o meno qualificati), esperti in diritto amministrativo, ingegneri delle telecomunicazioni ed ufologi per la tessera del tifoso e tu pensi che il modello inglese, rigido perchè rigida é la mentalità in quel paese (ricordo ancora la Thatcher che voleva ripristinare le punizioni corporali per gli hooligans!), avrebbe vita facile in quest'italietta di quattro soldi?

Appunto  ::) ::) ...lo vedi dove si arriva? E mi dici che è o.t.!?  ::) ::)


Infine l'accostamento fra tessera, body scanner ed ispezioni corporali. Mi sembra che la differenza fra le tre cose sia tanto eclatante da non meritare commento, ma visto che mi hai dato l'assist mi chiedo se tu sappia cosa succede ai parenti che vanno a trovare i detenuti in carcere. Non so se hai presente cosa significa venire annusati dai cani anti-d r o g a, non potere portare carne e patate nello stesso contenitore, essere ispezionati col metal detector e, se le condizioni di sicurezza lo richiedono, essere costretti a denudarsi e rimanere in mutande davanti alla guardia carceraria. Oppure, per una mamma, dovere bere davanti ad un agente l'acqua del biberon del proprio bimbo, tanto per dimostrare che é naturale e non "addizionata"... Tiriamo in ballo anche in questo caso la libertà e la costituzione? No, perchè in fondo é un disagio, stavolta qualcosa in più di semplice burocrazia, che passano degli innocenti per colpa di pochi colpevoli, ma é necessario per garantire la legalità. Esattamente quello che succede negli stadi italiani.
 

 8| 8D ...scusami...ma io sto andando allo stadio...e non a trovare un parente a piazza Lanza (o se vuoi all'Ucciardone!)  :-D :-D ...ma sai che sei strano certe volte Temply!?...non vorrei che le genialate del mitico Fanta abbiano sortito effetti nefasti pure su di te  :-D :-D ::)
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est