Autore Topic: ripetizione Atalanta Milan...  (Letto 952 volte)

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
ripetizione Atalanta Milan...
« il: 19 Novembre 2007, 02:51:54 pm »
Era nell'aria. Quando un certo giornale propone le sentenze, queste sentenze vengono applicate.

Non so cosa sia peggio. Avere un giornale che impone le sentenze, o una giustizia che si serve di esso per renderle piacevoli al pubblico.

Incidenter tantum, per inciso...
Se invece di sospenderla dopo 7' l'avessero sospesa dopo 58'...cosa sarebbe cambiato?
Si e' entrato per onor di firma?
E a Taranto?
Pure li' dei facinorosi hanno impedito lo svolgimento della partita. Cosa cambia in nome di Dio?
Cosa? Il minutaggio? La categoria?

Che schifo!




Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5488
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: ripetizione Atalanta Milan...
« Risposta #1 il: 19 Novembre 2007, 03:43:39 pm »
Ecco le motivazioni

Calcio: si rigioca Atalanta-Milan
Curva bergamasca chiusa fino al 31/3

Dura la decisione del giudice sportivo per gli incidenti nella curva Nord dell'Atleti Azzurri d'Italia che hanno portato alla sospensione al  7' di Atalanta-Milan. La Nord dello stadio bergamasco rimarrà chiusa agli spettatori fino al 31 marzo 2008. La gara Atalanta-Milan, che è stata reputata come "non disputata" sarà ripetuta, ma a porte chiuse, mentre i tifosi bergamaschi non potranno recarsi sabato a S.Siro per Inter-Atalanta.

Nessuno 0-3 a tavolino in favore del Milan per il match contro l'Atalanta, ma la gara verrà rigiocata. Il giudice sportivo Gian Paolo Tosel ha valutato la situazione e ha valutato come l'interruzione di Atalanta-Milan fosse stata disposta dall'autorità di Pubblica Sicurezza in una "circostanza di carattere eccezionale", come la rivolta degli ultras atalantini all'interno della Nord, che non volevano si giocasse la partita, dopo la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri. Da qui la decisione della "ripetizione della gara che, sia detto incidente tantum, è stata formalmente 'interrotta' dopo sette minuti dall'inizio ma che, di fatto, è stata 'non disputata' - si legge nella nota ufficiale - neppure in tale breve lasso di tempo, per il delinquenziale comportamento di un gruppo di spettatori della curva nord".

Il giudice sportivo riconosce che la partita dell'Atleti Azzurri d'Italia "si disputava in un'atmosfera connotata da una particolare tensione emotiva, che aveva coinvolto il mondo calcistico per l'uccisione, poche ore prima, di un giovane tifoso laziale" sottolineando però che "un gruppo di delinquenti ha colto l'occasione per un'aggressione, violenta e sistematica, alle forze dell'ordine, non direttamente correlata alla gara da disputarsi, ma con l'intento esclusivo di contrapporsi alle decisioni adottate dalle istituzioni circa lo svolgimento della giornata di campionato". Da qui scaturisce l'altra decisione importante, quella della chiusura della curva dell'Atalanta fino al 31 marzo 2008. Soltanto della Nord, e non dell'intero impianto da gioco come si poteva temere, poiché i disordini sono nati esclusivamente in quel settore. Per motivi di ordine pubblico il Prefetto di Milano ha inoltre vietato la trasferta di San Siro contro l'Inter, sabato alle 20.30, dei tifosi atalantini.

La partita Atalanta-Milan sarà dunque rigiocata, ma a porte chiuse. Resta ora da stabilire la data, con grande probabilità sarà durante la pausa natalizia, magari pochi giorni prima della ripresa del campionato (il 13 gennaio). Ma il giorno dovrà essere scelto con grande cura, perchè in questo caso le due formazioni non avrebbero lo stesso trattamento delle altre squadre di serie A che invece beneficeranno di una pausa invernale più prolungata. C'è inoltre da registrare una multa da 20 mila euro alla Juve per uno striscione razzista nei confronti di Ibrahimovic.

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ripetizione Atalanta Milan...
« Risposta #2 il: 19 Novembre 2007, 03:56:34 pm »
Tosel ci ha insultato per l'ennesima volta. >:(

Non voglio parlarne piu'.