Autore Topic: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)  (Letto 3243 volte)

Offline piurosachenero

  • Utente
  • **
  • Post: 50
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« il: 21 Novembre 2008, 04:15:58 am »
Nuova "spuata" del nostro amato Presidente:

Un contadino di fiducia per guarire il manto erboso dello stadio "Renzo Barbera". E’ "l’antidoto" trovato dal presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, fortemente deciso ad intervenire in prima persona per dare un aspetto decoroso al terreno di gioco dell’impianto di viale del Fante, croce e delizia della società rosanero dai tempi dei Mondiali di Italia ’90.
Ad alimentare la rabbia del patron rosanero le condizoni del terreno di gioco che nell’ultima gara casalinga contro l’Inter, nonostante gli interventi di manutenzione effettuati nelle ultime settimane, sono apparse non proprio ottimali, soprattutto in prossimità della Tribuna centrale e delle aree di rigore.
"Mi sono arrabbiato con coloro i quali hanno il compito di curare il terreno di gioco. Li stavo licenziando. Alle volte mi vergogno di essere il presidente del Palermo. Con questo terreno di gioco non se ne può più – si legge sulle colonne del quotidiano "La Sicilia" - Ho speso negli anni milioni di euro ed invece mi ritrovo sempre a dover criticare l’operato di quanti sono addetti alla manutenzione del terreno. Non voglio più sentire parlare di giardinieri, esperti universitari, di agronomi che non capiscono...Cosa è andato storto dopo la risemina? Degli incompetenti hanno massacrato il campo - ha dichiarato il patron rosanero - Nelle opere di risemina è stata messa della sabbia che non va mai messa in un campo di calcio. E’ già successo una cosa simile anche nell’impianto di Genova. Quando sui campi ci mettono le mani gli esperti universitari è davvero un casino... Quando io sento la parola sabbia divento matto. Sabato stavo per licenziare due-tre miei collaboratori per quanto hanno combinato. E adesso cosa accadrà? La prossima settimana scenderò a Palermo con il mio contadino che mi cura i prati delle mie ville e resterà in città fino a quando non rimetterà a nuovo il terreno di gioco. Io ho piena fiducia in lui...".

Dichiaro io "...ma questo amico suo contadino non e' che per caso conosce pure una donna delle pulizie?" :-D

Offline piurosachenero

  • Utente
  • **
  • Post: 50
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #1 il: 21 Novembre 2008, 04:23:35 am »
Dimenticavo...questa dichiarazione fa molto Costantino Rozzi, Romeo Anconetani e Angelo Massimino messi assieme  ::)

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4923
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #2 il: 21 Novembre 2008, 11:08:47 am »
ma questo amico suo contadino non e' che per caso conosce pure una donna delle pulizie?" :-D

Altro che donne delle pulizie, sicuramente uno del suo lignaggio non ha solo ville da accudire ma interi feudi. Credo ci sia una corte intera ai suoi servizi con tanto staffieri, lacchè e servi in livrea con pantaloncini a polpaccio, calze bianche, scarpe con fibbia e l’abito gallonato con lo stemma e i colori di casa Zamparini.
Un uomo che è sempre stato votato a fare del bene anche verso la sua servitù. Ho trovato scritta la sua storia nel web e si narra che una volta accolse nel suo palazzo, e lo mise ai suoi servizi personali, un povero orfanello venuto sù dalla Sicilia con fratelli e sorelle piccoli da sfamare, una ragazzo minuto ma con gli occhi vispi e molto sveglio. Un ragazzo molto torso e ignorante che aveva anche difficoltà a esprimersi in italiano ma però furbo e attento. Zamparini per farsi capire gli dava ordini in dialetto siciliano (fu da qui che in Zamparini nacque l’idillio con la Sicilia), un linguaggio che il buon Zampa fece in fretta ad imparare.
E così gli comandava: “Nino, va pigghiami i tappini”.  E Nino correva subito, a prendere le pantofole  del suo padrone. Lo aiutava anche a togliersi i calzini tanto era preso da un impeto di genuina sottomissione verso il suo signore che paternamente gli dava di che sostenersi. A sera, quando si coricava gli rimboccava le coperte quand’era pieno inverno o gli soffiava con le palme nelle serate d’afa, sino a quando s’addormentasse.
Un giorno gli disse: “Nino, va inchi l’acqua a funtana”. Fu l’inizio del declino,  il povero orfanello siciliano prese i bidoni, li caricò nello strascinu, un tipo di calesse che Zampa fece arrivare apposta dalla Sicilia per lui (c’è anche una foto con Nino seduto di spalla), http://img213.imageshack.us/img213/3610/bwlostrascinuzr9.jpg
andò alla fontana, caricò l’acqua e al suo ritorno, dimentico di pulirsi gli stivaloni, sporcò i pavimenti e i tappeti della villa. Zamparini s’infuriò assai per questa sua leggerezza e lo relegò a guardiano della dispensa. Qui il povero orfanello, manco a dirsi, si trovò più a suo agio che nelle vesti di servo personale del suo padrone. Infatti in dispensa poteva arraffare di tutto. Scatolette di carne, tonno sott’olio, pasta, formaggini, salumi di varie qualità, bottiglie d’olio, vini, il povero orfanello dimenticatosi troppo in fretta di chi fino allora lo aveva sfamato, sottraeva tutto quanto gli capitasse sottomano. Le provviste scarseggiarono e la dispensa si svuotava a vista d’occhio. Zamparini fu avvisato dell’ammanco, fece una piccola indagine tra la sua servitù e non tardò a capire come andassero le cose. Licenziò su due piedi il servo ingrato che comunque non si perse d’animo. La storia narra infatti che il povero orfanello se ne tornò in Sicilia e armò una bancarella (a 3 ruote) dove mise in vendita tutte quelle scatolette e quelle provviste che aveva sottratto al suo padrone in Friuli e che aveva accuratamente conservato in attesa di tempi di magra. Gli affari gli andarono benino, dalla bancarella passò alla lapa, oggi conservata in pessimo stato in un angolo di Fontanarossa (vedi foto) http://img167.imageshack.us/img167/2400/lapinodininuzzuef4.th.jpg
e si mise a girare i mercati rionali tipo fera o luni e affini e i sui affari andarono a gonfie vele, al punto che il povero orfanello siciliano (oggi divenuto un grande manager), aprì il suo primo supermercato e l’ascesa verso il successo imprenditoriale fu poi inarrestabile.
Oggi, ispirandosi principalmente alla figura di gli diede i primi mezzi per emergere, fa anch'egli il presidente di una squadra di calcio. ::)
 


8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

umastru

  • Visitatore
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #3 il: 21 Novembre 2008, 11:33:54 am »
ma questo amico suo contadino non e' che per caso conosce pure una donna delle pulizie?" :-D

Altro che donne delle pulizie, sicuramente uno del suo lignaggio non ha solo ville da accudire ma interi feudi. Credo ci sia una corte intera ai suoi servizi con tanto staffieri, lacchè e servi in livrea con pantaloncini a polpaccio, calze bianche, scarpe con fibbia e l’abito gallonato con lo stemma e i colori di casa Zamparini.
Un uomo che è sempre stato votato a fare del bene anche verso la sua servitù. Ho trovato scritta la sua storia nel web e si narra che una volta accolse nel suo palazzo, e lo mise ai suoi servizi personali, un povero orfanello venuto sù dalla Sicilia con fratelli e sorelle piccoli da sfamare, una ragazzo minuto ma con gli occhi vispi e molto sveglio. Un ragazzo molto torso e ignorante che aveva anche difficoltà a esprimersi in italiano ma però furbo e attento. Zamparini per farsi capire gli dava ordini in dialetto siciliano (fu da qui che in Zamparini nacque l’idillio con la Sicilia), un linguaggio che il buon Zampa fece in fretta ad imparare.
E così gli comandava: “Nino, va pigghiami i tappini”.  E Nino correva subito, a prendere le pantofole  del suo padrone. Lo aiutava anche a togliersi i calzini tanto era preso da un impeto di genuina sottomissione verso il suo signore che paternamente gli dava di che sostenersi. A sera, quando si coricava gli rimboccava le coperte quand’era pieno inverno o gli soffiava con le palme nelle serate d’afa, sino a quando s’addormentasse.
Un giorno gli disse: “Nino, va inchi l’acqua a funtana”. Fu l’inizio del declino,  il povero orfanello siciliano prese i bidoni, li caricò nello strascinu, un tipo di calesse che Zampa fece arrivare apposta dalla Sicilia per lui (c’è anche una foto con Nino seduto di spalla), http://img213.imageshack.us/img213/3610/bwlostrascinuzr9.jpg
andò alla fontana, caricò l’acqua e al suo ritorno, dimentico di pulirsi gli stivaloni, sporcò i pavimenti e i tappeti della villa. Zamparini s’infuriò assai per questa sua leggerezza e lo relegò a guardiano della dispensa. Qui il povero orfanello, manco a dirsi, si trovò più a suo agio che nelle vesti di servo personale del suo padrone. Infatti in dispensa poteva arraffare di tutto. Scatolette di carne, tonno sott’olio, pasta, formaggini, salumi di varie qualità, bottiglie d’olio, vini, il povero orfanello dimenticatosi troppo in fretta di chi fino allora lo aveva sfamato, sottraeva tutto quanto gli capitasse sottomano. Le provviste scarseggiarono e la dispensa si svuotava a vista d’occhio. Zamparini fu avvisato dell’ammanco, fece una piccola indagine tra la sua servitù e non tardò a capire come andassero le cose. Licenziò su due piedi il servo ingrato che comunque non si perse d’animo. La storia narra infatti che il povero orfanello se ne tornò in Sicilia e armò una bancarella (a 3 ruote) dove mise in vendita tutte quelle scatolette e quelle provviste che aveva sottratto al suo padrone in Friuli e che aveva accuratamente conservato in attesa di tempi di magra. Gli affari gli andarono benino, dalla bancarella passò alla lapa, oggi conservata in pessimo stato in un angolo di Fontanarossa (vedi foto) http://img167.imageshack.us/img167/2400/lapinodininuzzuef4.th.jpg
e si mise a girare i mercati rionali tipo fera o luni e affini e i sui affari andarono a gonfie vele, al punto che il povero orfanello siciliano (oggi divenuto un grande manager), aprì il suo primo supermercato e l’ascesa verso il successo imprenditoriale fu poi inarrestabile.
Oggi, ispirandosi principalmente alla figura di gli diede i primi mezzi per emergere, fa anch'egli il presidente di una squadra di calcio. ::)
 



Mi dai l'indirizzo del tuo fornitore di fumo? Sai ho anch'io voglia di scrivere un racconto di fantascienza ::) ::)
"U Mastru"

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4923
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #4 il: 21 Novembre 2008, 11:38:00 am »
Mi dai l'indirizzo del tuo fornitore di fumo? Sai ho anch'io voglia di scrivere un racconto di fantascienza ::) ::)
"U Mastru"
Ma che ti pare che l'esclusiva per scrivere minghiate ce l'ha solo Malato po Catania? ::) ::)
E che dobbiamo fare, sdrammatiziamo un poco lisciandoci sopra. :-D
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #5 il: 21 Novembre 2008, 11:38:30 am »

Un giorno gli disse: “Nino, va inchi l’acqua a funtana”. Fu l’inizio del declino,  il povero orfanello siciliano prese i bidoni, li caricò nello strascinu, un tipo di calesse che Zampa fece arrivare apposta dalla Sicilia per lui





::) Ah...questa storiella è ambientata in Friuli!?

Cu da pigghiata d'acqua a funtana...pensavo a Palermo ::) ::)

Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

umastru

  • Visitatore
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #6 il: 21 Novembre 2008, 11:47:10 am »

Un giorno gli disse: “Nino, va inchi l’acqua a funtana”. Fu l’inizio del declino,  il povero orfanello siciliano prese i bidoni, li caricò nello strascinu, un tipo di calesse che Zampa fece arrivare apposta dalla Sicilia per lui





::) Ah...questa storiella è ambientata in Friuli!?

Cu da pigghiata d'acqua a funtana...pensavo a Palermo ::) ::)


Fonte di acqua minerale quasi miracolosa era! ::) ::)
Ma carusi, va bene che la crisi sta colpendo duro, ma non avete proprio niente da fare di meglio? ::) ::)

Offline Fantadrum

  • Utente
  • *****
  • Post: 2457
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #7 il: 21 Novembre 2008, 02:11:14 pm »

Un giorno gli disse: “Nino, va inchi l’acqua a funtana”. Fu l’inizio del declino,  il povero orfanello siciliano prese i bidoni, li caricò nello strascinu, un tipo di calesse che Zampa fece arrivare apposta dalla Sicilia per lui





::) Ah...questa storiella è ambientata in Friuli!?

Cu da pigghiata d'acqua a funtana...pensavo a Palermo ::) ::)



Purtroppo Gaspare qui a Palermo non esistono le fontane d'acqua potabile :^(

Offline MALATO PO CATANIA

  • Utente
  • ****
  • Post: 941
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #8 il: 21 Novembre 2008, 05:08:56 pm »
Invece a me l’hanno raccontata diversamente….

Un giorno arrivò dal Friuli in Sicilia un imprenditore avido d’affari e di potere con l’intenzione più che d’investire di colonizzare. La sua prima mossa fu scrutare il territorio e vagliare qualsiasi possibilità e quindi realizzaare le sue ambizioni ed i suoi sogni, che erano quelle di fondare una città che portasse il suo nome.
Andò dapprima a Catania e rimase profondamente deluso!
“Ma come?” disse “al tgr locale danno un immagine della Sicilia in termine di arretratezza, regressione, disoccupazione ….. e qui vedo che hanno aeroporto all’avanguardia, centri commerciali che fanno invidia alle più grandi città europee, una delle zone industriali più importanti dell’area mediterranea… Mah, non vorrei ca sbagghiai?”.Allora si rivolse al suo maggiordomo, un certo Rino e gli disse “Conosci qualcuno qui che ci può dare qualche consiglio?” e Rino disse “ Si uno lo conosco : si chiamo Nino e ha una manciata di alberghi nel litorale, qualche catena di supermercati sparsi qua e là e una compagnia aerea tanto per non annoiarsi!”
“Chiamiamolo!” disse l’imprenditore.
Nino arrivò con il suo braccio destro (un certo Petru) e disse:”Ci aggiuva quacchi cosa? (Le serve qualcosa?) “ e il forestiero disse:” Si, vorrei guadagnare facile senza troppi patemi e senza nessuno che s’azzardi a farmi concorrenza: faccio supermercati e desidero sapere se qui posso anch’io ritagliarmi un feudo dove spadroneggiare come mi pare, senza pagare tasse e guardare chiunque dall’alto verso il basso. Naturalmente non voglio pagare alcunché e anzi, voglio riconoscenza a vita!”
Nino perplesso rispose: “Amico, cà capitasti mali: a stento po varagnari a iunnati ppi campari e si non ci sa fari mancu chisti. Ca, patruni non ni canuscemu e tuttu chiddu ca viri iè nostru …. Macca Liotru!
Si voi ti po rapiri na putia e vinniri vinu, ma t’avvettu,  agghiessiri vinu e bonu, annunca fami fai.
A ogni modo fossi quacchi cosa a po fari: pigghia sta strata ri punenti iè camina, camina, finu a quannu n’arrivi nda paisi rossu rossu ca si chiama Palemmu.
Ddocu quacchi cosa a po fari!
Non ci a fannu a fari nenti, s’accattanu ancora u latti nda stadda iè u chiancheri u chiamanu Carnezziere;
mangianu meusa co pani ie stigghiuola, non canusciunu a pasta cco niuru de sicci e chiossai di na putia non sannu gestiri. C’è na cosa ca ci piaci assai però, u palluni! Però giustamenti, vistu ca si non si sannu fari mancu i cunti cu na manu ….. si ponnu viriri sulu i pattiti nta televisioni.
Talia chi fai: vai ddà e ca scusa ca ci fai na bella squatra ri palluni, fai tutto chiddu ca po fari: tantu babbi su e no capisciunu! A iddi c’interessa ca ci accatti quattru iucaturi e i fa i fa sentiri npocu comu l'autri, ie poi po fari zzoccu voi: supemmeccati, stadiu, strati,..... e si c’ha fai, macari un nomu ra città ti fannu canciari cu chiddu to! Però arrivoddati ….. non ci addumannari ri travagghiari picchì non su cosa!  :-D

E così l’ambizioso imprenditore friulano riuscì nell’intento di fondare una vera e propria civiltà dove naturalmente l’unico egemone era lui e nessun altro!


Non so, ma questa mi pare un po’ più verosimile!! ::)

NOI SIAMO IL CALICIO CATANIA
MALATO PO CATANIA



Offline piurosachenero

  • Utente
  • **
  • Post: 50
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #9 il: 21 Novembre 2008, 05:19:10 pm »
noi siamo il "calicio" Catania?

Ah ecco, si allitrato o frati...capisco! U vinu avissi a ghiri a 1000 euro o litru  :-D

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2400
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #10 il: 21 Novembre 2008, 05:46:25 pm »
Siete fantastici, mi avete fatto morire dalle risate =D>
Comunque voglio aggiungere pure io un paio di minc..ate:
Ma picchì un ci vinia Ninuzzo a Palermo? 
La storiella narra che a Catania, là dove non ha potuto Zamparini ,è riuscito il cittadino onorario
 Gaucci ::) ::) ::)
salutamu

Offline Diegos

  • Utente
  • *****
  • Post: 1396
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #11 il: 21 Novembre 2008, 07:40:36 pm »
Carusiddi, picciotti....per completare nessuno puo' contestare il fatto che il Palermo ha il blasone del Barcellona  ::) anzi...il Palermo ha vinto 2 Coppe dei Campioni in piu'  ::)....non capisco tutti questi messaggi taglienti e sarcastici ma vulemu mittiri u Palermu cu Catania? a Palermo sono calattici...scusage galattici!

Saluti

Offline piurosachenero

  • Utente
  • **
  • Post: 50
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: ZampaMan strikes back! (Zamparini colpisce ancora)
« Risposta #12 il: 21 Novembre 2008, 09:02:38 pm »
Barche'? Mai sentito nominare sei sicuro sia mai stato in Champions?   ::)