Autore Topic: Tony Sperandeo  (Letto 376 volte)

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4918
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Tony Sperandeo
« il: 18 Novembre 2023, 07:06:16 pm »
«Io ho molta fiducia nella società, nel City Football Group. Di quello che fa io non dico nulla, accetto volentieri perché sono convinto che avremo un futuro molto positivo. È questione di aspettare. Se non abbiamo premura, raggiungeremo le mete che sogniamo, ne sono certo. I tifosi devono stare calmi e tranquilli."

Sintetizzo il pensiero di Sperandeo:
Prendetevi una pausa in attesa che Corini trovi il bandolo della matassa, non fatevi i vuredda frarici, fate finta che quello che vedete in campo al Barbera non è il Palermo.
Ora io chiedo: quanti ANNI ci vorranno? No perchè non è cosa di qualche mese. Molto probabilmente non è strada che spunta. Corini, benedetto ragazzo, non è cosa sua; allenare una squadra d'alto livello con una pressione enorme come quella che c'è a Palermo, che non è il Palermo dei Matta e Schillaci o del pastaio Ferrara, è il Palermo del CfG una delle più grosse multinazionali del mondo, è un lavoro da tecnici d'alto profilo e con decennale esperienza non solo in Italiana.
Ora io potrei anche essere d'accordo, a fatica, con moooolllta fatica, di aspettare X anni ma in attesa che maturano i zuorbi fategli almeno levare la maglia rosanero, mettetene una qualunque perchè la nostra maglia non può essere vilipesa fino a questo punto (e chissà per quanto tempo ancora), e per giunta in casa nostra.
Calmo? Io calmo sono ma non sarò più spettatore impassibile, a tipo pupiddu, mentre ci smerdano in casa nostra e non ho nessuna voglia d'incoraggiare un allenatore che mi ha deluso profondamente sotto tutti i punti di vista, sia professionali che umani e da cui attendo con ansia che ci liberi prima possibile della sua presenza. Da Terni bisogna tornare con punti e con passi avanti, diversamente continuate da soli e fatemi un fischio quando Corini s'arruspigghia (sperando che io sia ancora in vita, non sono più giovanissimo).
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO