LaSiciliaweb > Calcio siciliano

CATANIA - Crotone

<< < (3/4) > >>

bua:
Mi aspettavo difficoltà, temevo un disastro, invece ho visto ottime cose.
Tre legni, almeno altre cinque occasioni nitide, di cui tre nella ripresa nonostante il calo fisico.
Come abbia fatto Curado a mandare la palla fuori dalla linea di porta resta unmistero della fisica.
Considerato il livello degli avversari, solidi ed esperti, ho buone sensazioni.
Certo occorre crescere soprattutto non farsi infinocchiare dagli avversari quando puntano a perdere tempo e a farti innervosire.

Questa partita mi ha ricordato Catania-Castrovillari 0-1 che ha aperto la stagione 1998/99, che sapete come è finita.

Il Crotone ha saputo soffrire e non ha rubato nulla, certo ai punti il pareggio ci sarebbe stato comunque stretto, ma contano i gol.

Sui singoli non mi esprimo per mia ignoranza tecnica.
Sull'arrivo di Silvestri (ma non era lui che era andato via per stare vicino alla famiglia?) dico che mi fa piacere ma pensavo ci servisse un terzino destro.
Dovfrebbe arrivaare anche iun certo Deli di cui gli addetti ai lavori parlano bene.

vasco:
Dico subito che io non mi sono divertito per niente. Per me (e credo per la maggior parte dei tifosi di tutto il mondo) divertimento equivale a vittoria - o almeno risultato - della squadra per cui si fa il tifo (una soltanto: il Catania). Qualunque sia il modo con cui il risultato si ottiene: con il gioco, con la difesa ed il contropiede, con il gol fortunoso ecc.

Detto questo qualche considerazione sulla partita e sulla squadra, da osservatore di calcio di lungo corso, la voglio fare anch’io.
Innanzitutto sulla squadra nel suo complesso. Un’ottima squadra, fatta di giocatori di personalità, tecnicamente bravi, che non vanno in soggezione al cospetto di nessuno. Su tutti quello che mi è piaciuto di più è stato Zammarini che ha mostrato grande personalità e forte determinazione nell’inserirsi anche negli spazi stretti: il palo della porta dovranno sostituirlo perché mi pare che quel pallone calciato con rara forza e volontà di segnare lo abbia un po’ammaccato. Invece deludente, per ora, il tanto atteso Di Carmine, a mio avviso un tantino sopravvalutato quanto a capacità realizzativa.

Adesso però questa squadra dovrà essere condotta a vincere le partite. E le partite non si vincono solo giocando, anche bene: perché se incontri un avversario di buon livello, con un allenatore esperto che neutralizza il tuo “gioco” anche grazie ad una notevole dose di fortuna, la quale si manifesta al massimo al momento di segnare un goal (a difesa avversaria piazzata), ecco che tu perdi ed il Crotone di turno vince. A partite di questo tipo abbiamo assistito ai tempi del buon Atzori. Spero proprio che quella storia non si ripeta.

Scaramanticamente possiamo consolarci ricordando che anche lo scorso anno la stagione ufficiale era iniziata con una sconfitta immeritata in coppa Italia. Oppure, come ha fatto Bua, andare indietro nel tempo al campionato 1998/99: anche quel campionato iniziò con risultati deludenti. Vedremo cosa succederà nelle prossime partite.

Comunque il commento migliore sulla partita lo ha fatto il presidente Pelligra: “ogni tanto prendere una sberla fa bene”. Una frase carica di messaggi, che gli addetti ai lavori farebbero bene a non sottovalutare.

Giovanni (Roma):
Sicuramente una partita storta, il calcio è un gioco che funziona su piccoli numeri e quindi le fluttuazioni possono essere grandi...in altre parole...abbiamo preso tre legni, all'ultimo minuto a Curado bastava stare fermo e avrebbe fatto gol, e malgrado abbia dimostrato grossi limiti il loro portiere su Di Carmine ha fatto di piede una grande parata.

Però a meta del secondo tempo quando noi siamo un poco calati sia fisicamente che forse un poco anche mentalmente, loro hanno imbastito un paio di azioni e tenuto palla in modo molto efficace e ho iniziato a temere che potesse arrivare la beffa...che puntuale non si è fatta attendere. E' una famosa legge del calcio che chi ha una certa età ha sentito e risentito infinite volte...se non sfrutti le occasioni che crei poi finisci che la perdi.

Abbiamo alternato ripartenze dal basso e lanci lunghi dalla difesa, vedremo se sarà sempre cosi oppure se era solo perchè ancora certi meccanismi non sono e non possono essere ben rodati.

Non so in che condizioni sia Chiarella ma fosse stato per me...ieri i venti minuti finali avrebbe giocato.

Campionato lunghissimo...speriamo che la sberla (visto che l'abbiamo presa) possa avere anche un effetto positivo sui i nostri.

Prossima partita Brindisi...dove appena qualche mese fa abbiamo vinto...ma quella era tutta un'altra storia.

Fozza Catania

bua:

--- Citazione da: Giovanni (Roma) - 02 Settembre 2023, 08:48:08 pm ---
Non so in che condizioni sia Chiarella ma fosse stato per me...ieri i venti minuti finali avrebbe giocato.

Fozza Catania

--- Termina citazione ---

Chiarella non era nemmeno convocato per un problema fisico.

garreccio:
Non che mal comune mezzo gaudio, ma come dato di cronaca (su cui riflettere in relazione all'elevato tasso tecnico del girone C) registro che la "corazzata" Avellino ha preso due sberle in casa dal Latina e lo "schiacciasassi - fino a due anni fa eravamo in serie A - abbiamo lo stesso organico della A" Benevento ha preso tre pere in quel di Torre del Greco.
Ne vedremo delle belle...

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa