Autore Topic: Cosenza - Palermo  (Letto 136 volte)

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4870
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Cosenza - Palermo
« il: 12 Novembre 2022, 05:25:50 pm »
Abbiamo meritato di perdere perché se prendi tre gol in questo modo ed il portiere avversario ti para il rigore che poteva farti guadagnare il pari, la sconfitta non fa una grinza e, dunque, testa alla prossima gara contro il Venezia.
Tra le due viste oggi in campo non saprei indicare quale squadra sia la più scarsa. La verità è che giochiamo di merd. e mancano le cose più essenziali. La squadra dicono che sia stata potenziata per questa serie B ma a vederli (non) muoversi non sembrerebbe proprio. Non ci sarà mai la controprova ma se avessero lasciato tranquillo Baldini assecondandolo in diverse sue richieste, probabilmente avremmo speso di meno e la squadra, col mister di Massa in panchina, avrebbe reso di più e meglio.
Va bene che è un anno di transizione ma per l'anno prossimo, sperando di rimanere in B, il primo acquisto dev'essere un nuovo allenatore, uno che insegni alla squadra a guardare avanti a imporre il gioco e a non campare di episodi come abbiamo fatto noi sinora.
A me fa sorridere la storia che il nome di Corini sia uscito fuori da un algoritmo che avrebbe valutato centinaia di variabili alla ricerca delle migliori condizioni per questa squadra in questa città. Forse questo software l’hanno fatto girare su un vecchio commodore 64 se i risultati sono questi qui. A proposito di episodi mi torna in mente mister Colantuono, tecnico che a Etnaland l’avevano ribattezzato “mister episodi” perché secondo lui sono gli episodi, da una parte e dall’altra, a stabilire vittorie e sconfitte. Corini, così come Colantoni, appartiene a quella fascia di allenatori mediocri che da sempre stazionano nel limbo del calcio, penso a Novellino, Di Carlo, Serse Cosmi, Bisoli, Longo, Rastelli, allenatori che difficilmente troveremo protagonisti in palcoscenici per altri livelli di competizione. Sono allenatori spesse volte chiamati al capezzale di squadre moribonde a cui occorre salvarsi giocando più volentieri a “cavuci e muzzicuna” piuttosto che applicando schemi che prevedano la manovra della palla con gioco verticale ed attacchi sulla profondità. Qualcosa di simile si è vista oggi ma quando già eravamo in svantaggio e la squadra calabra aveva preso coraggio e chiudeva bene gli spazi agendo di rimessa. Occorreva, secondo me, così come contro il Parma la scorsa settimana, maggior coraggio nel primo tempo.
Sarà una sofferenza sino alla fine ma spero che a gennaio, Corini o no, si faccia qualcosa per irrobustire la rosa.

8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2275
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosenza - Palermo
« Risposta #1 il: 12 Novembre 2022, 07:17:12 pm »
Sergio si è visto il solito Palermo, quello cioè che campa sugli episodi sperando che tra un rimpallo e l'altro ci giri bene portando a casa punti.
Se l'obiettivo è la salvezza direi che siamo in linea che questo: allenatore e gioco mediocre. Non i giocatori, sono convinto infatti che se messo in campo in modo diverso e soprattutto con un atteggiamento più aggressivo potremmo puntare a qualcosa in più che una sofferta salvezza.
Quei passaggi orizzontali e quel possesso palla sterile e avvilente sono davvero uno spettacolo insopportabile da vedere, almeno per i miei gusti calcistici.
Quest'anno dobbiamo solo cercare di raggiungere la salvezza prima possibile. Il resto ci penseremo dopo.

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4870
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re:Cosenza - Palermo
« Risposta #2 il: 12 Novembre 2022, 09:04:41 pm »
Sergio si è visto il solito Palermo, quello cioè che campa sugli episodi sperando che tra un rimpallo e l'altro ci giri bene portando a casa punti.
Se l'obiettivo è la salvezza direi che siamo in linea che questo: allenatore e gioco mediocre. Non i giocatori, sono convinto infatti che se messo in campo in modo diverso e soprattutto con un atteggiamento più aggressivo potremmo puntare a qualcosa in più che una sofferta salvezza.
Quei passaggi orizzontali e quel possesso palla sterile e avvilente sono davvero uno spettacolo insopportabile da vedere, almeno per i miei gusti calcistici.
Quest'anno dobbiamo solo cercare di raggiungere la salvezza prima possibile. Il resto ci penseremo dopo.


Per non parlare di quel "costruire il gioco dal basso" che spesse volte mettono in pratica ma in alcune occasioni non facciamo nemmeno 10 metri che ci rubano la palla e se non ci fanno gol è perchè fortunatamente i piedi dei nostri avversari spesso non fanno quello che la testa aveva loro suggerito.
8 MARZO 415 d. C. IPAZIA DI ALESSANDRIA, MARTIRE LAICA DEL PENSIERO SCIENTIFICO