Autore Topic: Catania Palermo  (Letto 13823 volte)

Offline centravanti

  • Utente
  • ***
  • Post: 190
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #15 il: 13 Dicembre 2011, 01:52:44 pm »
il 5-3-2 ovviamente esiste, il 5-3-2 del catania no
l'ha detto pure Montella che usiamo il 3-5-2
vogliamo accettare quel che dice l'allenatore o c'è qualcuno che pensa di spiegargli con che modulo gioca?   8-)
« Ultima modifica: 13 Dicembre 2011, 02:02:08 pm da centravanti »

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3898
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #16 il: 13 Dicembre 2011, 01:56:34 pm »
Concordo. Se proprio non si deve cambiare, meglio il 5-3-2. Io sono convinto che potremo giocare anche con il 4-4-2....
Scusate non e' per fare il bastian contrario ma solo per una doverosa quanto utile precisazione tecnica per chi ci legge.
Ma mi spiegate,Aldo,Catanisazzu e quant'altri vi seguono,in quale manuale del "bravo allenatore"  8-) avete letto di uno schema a 5-3-2 ?  
Minks, ed adesso chi glielo dice a Nevio Scala che nel manuale del bravo allenatore lo schema 5-3-2 non esiste?
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline Aldo

  • Utente
  • *****
  • Post: 3898
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #17 il: 13 Dicembre 2011, 02:22:37 pm »
il 5-3-2 esiste, il 5-3-2 del catania no
l'ha detto pure Montella che usiamo il 3-5-2
vogliamo accettare quel che dice l'allenatore o c'è qualcuno che pensa di spiegargli con che modulo gioca?   8-)
Allora centravanti, vediamo se con te riesco a spiegarmi al di là dei numeri.
Quello che voglio dire è questo.
Il modulo di Montella, definiscilo come vuoi, è valido se giochiamo con i due esterni molto bassi, in modo da proteggere la difesa e questo può accadere contro squadre aperte che sono costrette ad attaccare, quindi squadre forti o squadre che giocano in casa. Se invece giochiamo in casa contro squadre in cui siamo costretti a giocare la partita, lo spostamento in avanti della posizione dei due esterni, spesso ben oltre la linea dei tre centrocampisti, che quindi sono i primi a ripiegare, crea squilibri tattici che mettono in difficoltà, per i motivi che ho già scritto e qui non sto a ripetere, il nostro aspetto difensivo esponendolo, inerme al contropiede avversario. Ecco perchè concordo con Santo che se dobbiamo ripetere l'atteggiamento tattico avuto contro il Chievo ed il Cagliari, almeno gli esterni alti siano gente in grado di saltare l'avversario e puntare la porta o mettere qualche bella palla al centro e non centrali difensivi adattati allo scopo.
Spero di aver chiarito quella che è solo una mia opinione sul sistema di gioco del Catania, senza avere la pretesa, di insegnare nulla a nessuno, ci sono già abbastanza professori che scrivono su questo forum.
Melior de cinere surgo! ❤️💙❤️💙

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #18 il: 13 Dicembre 2011, 03:01:11 pm »
.. 8-) :-D finalmente ho potuto capire che Montella si e' ispirato a qualcuno..Bearzot e
Nevio Scala,gli antesignani del calcio moderno  :-D..le fondamenta degli insegnamenti del corso allenatori di Coverciano..a non cinn'erunu scecchi a fera!?
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #19 il: 13 Dicembre 2011, 03:21:35 pm »
Gippi...Bearzot e' il CT campione del mondo '82..

Perbacco un po' di rispetto :-D

Mi piacerebbe disquisire su cosa sia meglio: difesa e contropiede o pressing e zona...
Per me, da Italianista convinto, non c'e' discussione. Ma sarebbe OFF TOPIC in questo Thread.
Allora ritorno in tema. L'osservazione di Aldo, secondo il quale il nostro modulo e' valido in trasferta ed in casa con squadre che devono fare la partita, mi trova pienamente in sintonia.
Noi abbiamo bisogno di spazi dove Almiron, Ricchiuti, Barrientos, Lodi possano ricamare. Il nostro e' un centrocampo discretamente tecnico, ma LENTO.

Soffre il pressing alto e le muraglie difensive e i rovesciamenti rapidi di fronte.

Ecco perche' ripetere lo stesso schieramento proposto con Chievo e Cagliari a mio avviso sarebbe un errore.
Per intenderci regalare un uno contro uno a Miccoli o a Ilicic, sarebbe pura follia.

Un 3-5-2 rivisitato, magari con Izco al posto di un terzino, mi convincerebbe maggiormente.
Fermo restando che dubito stravolgimenti di modulo alla vigilia di un Derby.
Con Izco da un lato e Marchese dall'altro avremmo piu' equilibrio e i nostri centrali sarebbero supportati da raddoppi piu' efficaci.

E' una mia opinione, ovviamente, ma ancora tutto e' da decidere.

P.S. il patron del Palermo..ci da favoriti..si e' lontani dai pronostici secchi di un tempo..sara'..ma mi sa molto di ammuina. Preferivo i 4-0 virtuali a questa sospetta arrendevolezza...


« Ultima modifica: 13 Dicembre 2011, 03:25:46 pm da marco-69 »

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #20 il: 13 Dicembre 2011, 04:16:11 pm »
Marco,il casus belli nasce dal fatto di voler attaccare etichette a regole gia' consolidate e sperimentate con successo.Quello a cui ti riferisci tu non e' un discorso di moduli ma di atteggiamento durante la partita,non e' una disposizione preparata ma contingente.La difesa diventa a cinque quando ci si difende,ma la prerogativa del modulo che prevede gli esterni sulla linea della mediana e' limitare gli attacchi sulle corsie.Ti sei chiesto perche' Marchese ha avuto un rendimento sempre al di sopra della sufficienza? Questo schema ha il pregio di esaltare le doti quando sei di supporto in attacco,tenendo bassi gli esterni avversari,e di sgravarti del peso di dover fare meno frequentemente la fase di difesa .Chiaro che questo atteggiamento non vada bene per tutte le partite, non per efficacia del modulo ma perche' i fattori che le influenzano a volte sono impercettibili o fortuiti,vedi Chievo,dove,pur avendo preso a pallate Sorrentino,siamo usciti dal campo con le pive nel sacco.
Senza presupponenza,mi hanno spiegato che il modulo sinora adottato da Montella e' una riproposizione del classico 3-5-2 con l'esterno che ha una matrice difensiva ma con qualita' nel fare i cross (Marchese) e l'altro esterno con propensione di ala che sa anche difendere (Izco o Lanzafame).Ecco spiegato l'arcano,solo per alcuni,dell'importanza dell'argentino,che guarda caso anch'egli non ha sfigurato,anzi gli sono stati riconosciuti i meriti che prima gli erano stati vilipesi.
Ti chiedo hai mai visto,schierata sin dall'inizio,una difesa che contempla tre centrali e due esterni di difesa? io,sinceramente no.. oppure non me ne sono accorto.
Spero di essermi chiarito....meno muro,piu' forum  ;-)

Ps. anche le mie papille offaltive avvertono puzza..di meusa abbruciata  :-D 
« Ultima modifica: 13 Dicembre 2011, 04:38:17 pm da GPalermo1954 »
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline Catanisazzu

  • Utente
  • *****
  • Post: 1243
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #21 il: 13 Dicembre 2011, 04:25:04 pm »
.. 8-) :-D finalmente ho potuto capire che Montella si e' ispirato a qualcuno..Bearzot e
Nevio Scala,gli antesignani del calcio moderno  :-D..le fondamenta degli insegnamenti del corso allenatori di Coverciano..a non cinn'erunu scecchi a fera!?

Allora, per intenderci, il confine, considerati i nostri calciatori, è molto sottile, nel senso che ci adattiamo in quanto non abbiano un organico che possa soddisfare le necessita del 5-3-2, nè del 3-5-2.

Gippì, se dobbiamo polemizzare "ammatula" dillo.
Ti ho riportato l' inizio della risposta che ti ho dato, per spiegare meglio che noi non abbiamo un organico che permette il 5-3-2 o il 3-5-2; noi ci arrangiamo. Ho citato Bearzot per rispondere che il modulo esiste. Tu mi dici che sono antiquato perchè oggi c' è il calcio moderno. Se ti rifai al calcio moderno dovresti fare giocare il Catania con il 4-3-3, il famoso calcio totale, come il Barcellona. Ti pare compatibile?
Noi facciamo di necessità virtù, mi sembra più che logico e condivisibile.
Non credo di avere una laurea in allenamento, nè ho la presunzione di dire che ne capisco più dell' allenatore o più di Voi. Sono solo appassionato ed esprimo le mie opinioni. Se questo non va, bene, eviterò di intervenire.
Ho criticato tanto Montella perchè, con Chievo e, soprattutto, Cagliari, ha schierato una squadra troppo chiusa e sterile, come dice Marco69.
Io ho detto sempre che preferirei un 4-4-2 a rombo, viste le caratteristiche dei nostri calciatori e che in casa , con le pari grado si può fare, pittosto di recriminare e fare saltare partite perchè manca Izco... sennò che senso ha avere 30 calciatori in rosa?
Esprimere questi concetti non credo sia reato, presunzione o filosofia calcistica, ma, ripeto, se dà così tanto fastidio, al punto di ribattere con sfottente ironia, be', la chiudo qui.
#STAMUAVVULANNU!

Offline marco-69

  • Utente
  • *****
  • Post: 2541
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #22 il: 13 Dicembre 2011, 04:41:35 pm »
Il 3-5-2 e' un modulo..particolare Gippi..

Prevede due esterni "all purposes"..Ovvero abili a fare le due fasi.
Devono sapere attaccare e difendere. Crossare, tirare, interdire, correre senza fermarsi mai.
Un 3-5-2 era quello della Roma di Capello, esterni..Cafu' e Candela. Due campioni del mondo.

Noi, con buona pace di Izco e Marchese, questa roba non la disponiamo.
Allora resta il problema di una squadra..monca. Con poca propensione ad attaccare e che viene spesso infilzata su quelle corsie che dovrebbe presidiare..

Tutto qua'. Come dici tu abbiamo un esterno riciclato dalla difesa (Marchese) ed un centrocampista tuttofare (Izco).
Due onesti pedalatori, che, ritengo, siano i meglio assortiti per questo modulo.
Riproporre due terzini come esterni (Alvarez e Marchese) significherebbe incorrere nelle stesse problematiche gia' viste .
Concordo inoltre con te Gippi: conta la predisposizione..Come e piu' del modulo ;-)

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #23 il: 13 Dicembre 2011, 05:14:17 pm »
.. 8-) :-D finalmente ho potuto capire che Montella si e' ispirato a qualcuno..Bearzot e
Nevio Scala,gli antesignani del calcio moderno  :-D..le fondamenta degli insegnamenti del corso allenatori di Coverciano..a non cinn'erunu scecchi a fera!?

Allora, per intenderci, il confine, considerati i nostri calciatori, è molto sottile, nel senso che ci adattiamo in quanto non abbiano un organico che possa soddisfare le necessita del 5-3-2, nè del 3-5-2.

Gippì, se dobbiamo polemizzare "ammatula" dillo.
Ti ho riportato l' inizio della risposta che ti ho dato, per spiegare meglio che noi non abbiamo un organico che permette il 5-3-2 o il 3-5-2; noi ci arrangiamo. Ho citato Bearzot per rispondere che il modulo esiste. Tu mi dici che sono antiquato perchè oggi c' è il calcio moderno. Se ti rifai al calcio moderno dovresti fare giocare il Catania con il 4-3-3, il famoso calcio totale, come il Barcellona. Ti pare compatibile?
Noi facciamo di necessità virtù, mi sembra più che logico e condivisibile.
Non credo di avere una laurea in allenamento, nè ho la presunzione di dire che ne capisco più dell' allenatore o più di Voi. Sono solo appassionato ed esprimo le mie opinioni. Se questo non va, bene, eviterò di intervenire.
Ho criticato tanto Montella perchè, con Chievo e, soprattutto, Cagliari, ha schierato una squadra troppo chiusa e sterile, come dice Marco69.
Io ho detto sempre che preferirei un 4-4-2 a rombo, viste le caratteristiche dei nostri calciatori e che in casa , con le pari grado si può fare, pittosto di recriminare e fare saltare partite perchè manca Izco... sennò che senso ha avere 30 calciatori in rosa?
Esprimere questi concetti non credo sia reato, presunzione o filosofia calcistica, ma, ripeto, se dà così tanto fastidio, al punto di ribattere con sfottente ironia, be', la chiudo qui.

..per dire che abbiamo una visione diversa delle cose del calcio mi pare che non ci vuole granche' a capirlo...
...voglio precisarti pero' che se la discussione diventa animata,da parte mia almeno,e' senza pregiudizi per alcunche'...senza offesa per nessuno pero',con altrettanta goliardica franchezza,confermo con forza l'efficacia delle mie convinzioni..se poi qualcuno ha la puzza sotto il naso e si arroga il diritto di sapere piu' degli altri e non e' diretto come lo sono io, mi legittima nei giudizi...tecnici,non sulla persona,perche',al di la' delle divergenze e delle opinioni diverse,c'e' l'amore e la passione per la stessa maglia che ci accomuna e che supera le incompatibilita' calcistiche...e' forse diverso se si parla di calcio con i propri amici al Bar dello Sport dell'isola che non c'e'? (scusa U Mastru,ma quando ci vuole ci vuole  ;-) )
Ciao.
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline bua

  • Utente
  • *****
  • Post: 5469
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
    • http://cccatania46.altervista.org/
Re: Catania Palermo
« Risposta #24 il: 13 Dicembre 2011, 05:40:34 pm »
Non mi avventuro nei moduli.
Però ho aggiornato la pagina di DR dedicata ai derby, includendo quelli precedenti al 1946. Il bilancio complessivo in gare ufficiali recita:
82 partite giocate; 25 vittorie del Palermo, 20 vittorie del Catania e 37 pareggi.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8744
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #25 il: 13 Dicembre 2011, 05:43:07 pm »
Prima di Sacchi si chiamava 5-3-2, dopo Sacchi, quando si faceva a gara a "parlare di zona" e di gioco offensivo prese il nome di 3-5-2. Diciamo che è solo una questione di immagine...

Tutto il resto è filosofia da bar sport, perchè non esiste nessuno che in fase di non possesso, leggasi quando si è in difesa, si difenda con tre uomini: sono sempre 4 o 5 in linea e davanti a loro ci stanno da tre a quattro centrocampisti almeno. I soli pazzi che hanno fatto qualcosa di diverso erano l'Ajax (non mi ricordo con chi) col 3-3-4, che fuori dall'Olanda e al primo calo di forma fisica prendeva bastonate da orbi e Glerean col Cittadella e per una partita a Palermo, col 3-3-1-3.

Tornando alle cose serie, quando si è in attacco è chiaro che i terzini debbano spingere, ma lo fanno anche nel 4-4-2 o nel 4-3-1-2 o nel 4-3-2-1 e perfino nel 4-3-3 e non è che tutti questi moduli vengano per questo motivo chiamati nell'ordine 2-6-2, 2-5-1-2, 2-5-2-1 e 2-5-3...
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #26 il: 13 Dicembre 2011, 05:45:56 pm »
Il 3-5-2 e' un modulo..particolare Gippi..

Prevede due esterni "all purposes"..Ovvero abili a fare le due fasi.
Devono sapere attaccare e difendere. Crossare, tirare, interdire, correre senza fermarsi mai.
Un 3-5-2 era quello della Roma di Capello, esterni..Cafu' e Candela. Due campioni del mondo.

Noi, con buona pace di Izco e Marchese, questa roba non la disponiamo.
Allora resta il problema di una squadra..monca. Con poca propensione ad attaccare e che viene spesso infilzata su quelle corsie che dovrebbe presidiare..

Tutto qua'. Come dici tu abbiamo un esterno riciclato dalla difesa (Marchese) ed un centrocampista tuttofare (Izco).
Due onesti pedalatori, che, ritengo, siano i meglio assortiti per questo modulo.
Riproporre due terzini come esterni (Alvarez e Marchese) significherebbe incorrere nelle stesse problematiche gia' viste .
Concordo inoltre con te Gippi: conta la predisposizione..Come e piu' del modulo ;-)
..questo si che e' parlare...mettici pure che ha vissuto esperienze con Scoglio,Boskov e come tu hai ricordato Capello..ma il suo miglior " Virgilio" e' stato Spalletti e poi il resto e' venuto da se'..naturale il tipo di gioco che vorrebbe dal Catania...un bravo va al duo LM-PLV..
..vogliamo dire che hanno rimediato all'errore dello scorso anno con Giampaullo che col suo modulo il Catania non aveva affinita'..elettive!?
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2303
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #27 il: 13 Dicembre 2011, 05:48:27 pm »
ora tutti questi numeri me li gioco al lotto :-)) :-)) :-))

Offline GPalermo1954

  • Utente
  • *****
  • Post: 4187
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #28 il: 13 Dicembre 2011, 05:57:34 pm »
Prima di Sacchi si chiamava 5-3-2, dopo Sacchi, quando si faceva a gara a "parlare di zona" e di gioco offensivo prese il nome di 3-5-2. Diciamo che è solo una questione di immagine...

Tutto il resto è filosofia da bar sport, perchè non esiste nessuno che in fase di non possesso, leggasi quando si è in difesa, si difenda con tre uomini: sono sempre 4 o 5 in linea e davanti a loro ci stanno da tre a quattro centrocampisti almeno. I soli pazzi che hanno fatto qualcosa di diverso erano l'Ajax (non mi ricordo con chi) col 3-3-4, che fuori dall'Olanda e al primo calo di forma fisica prendeva bastonate da orbi e Glerean col Cittadella e per una partita a Palermo, col 3-3-1-3.

Tornando alle cose serie, quando si è in attacco è chiaro che i terzini debbano spingere, ma lo fanno anche nel 4-4-2 o nel 4-3-1-2 o nel 4-3-2-1 e perfino nel 4-3-3 e non è che tutti questi moduli vengano per questo motivo chiamati nell'ordine 2-6-2, 2-5-1-2, 2-5-2-1 e 2-5-3...
..come capacita' di sintesi sei...Mastru..potevi aggiungere che il 3-5-2 trova applicazione nella zona mista mentre il 4-4-2 e suoi derivati(Palermo), difesa e centrocampo applicano la zona pura
CATANIA USQUE AD FINEM

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8744
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Re: Catania Palermo
« Risposta #29 il: 13 Dicembre 2011, 06:11:35 pm »
Prima di Sacchi si chiamava 5-3-2, dopo Sacchi, quando si faceva a gara a "parlare di zona" e di gioco offensivo prese il nome di 3-5-2. Diciamo che è solo una questione di immagine...

Tutto il resto è filosofia da bar sport, perchè non esiste nessuno che in fase di non possesso, leggasi quando si è in difesa, si difenda con tre uomini: sono sempre 4 o 5 in linea e davanti a loro ci stanno da tre a quattro centrocampisti almeno. I soli pazzi che hanno fatto qualcosa di diverso erano l'Ajax (non mi ricordo con chi) col 3-3-4, che fuori dall'Olanda e al primo calo di forma fisica prendeva bastonate da orbi e Glerean col Cittadella e per una partita a Palermo, col 3-3-1-3.

Tornando alle cose serie, quando si è in attacco è chiaro che i terzini debbano spingere, ma lo fanno anche nel 4-4-2 o nel 4-3-1-2 o nel 4-3-2-1 e perfino nel 4-3-3 e non è che tutti questi moduli vengano per questo motivo chiamati nell'ordine 2-6-2, 2-5-1-2, 2-5-2-1 e 2-5-3...
..come capacita' di sintesi sei...Mastru..potevi aggiungere che il 3-5-2 trova applicazione nella zona mista mentre il 4-4-2 e suoi derivati(Palermo), difesa e centrocampo applicano la zona pura

Non è proprio così. Puoi fare mista giocando a quattro in linea dietro, basta mettere un paio di marcature individuali a centrocampo, ad esempio. Nel basket c'é la "box and one", quattro a quadrilatero a zona (o a rombo ed in quel caso si chiama "diamond and one") ed uno solo ad uomo, generalmente sul play o sulla guardia più tecnica. L'esempio classico di zona mista. Idem nel calcio.

L'idea universale é che ad uomo segui i movimenti del giocatore, a zona quelli della palla, quindi puoi fare la zona anche con tre centrali.

La zona mista che facevano i Vitali, i Salvemini, e tanti altri (parlo di quelli visti a Palermo) o, per andare nei quartieri alti, lo stesso Bearzot, era invece qualcosa di ulteriormente diverso, perché dei tre centrali uno si staccava e faceva il libero, gli altri due aspettavano nella propria metà campo i due attaccanti avversari e poi vi si attaccavano ad uomo, il terzino era uno, generalmente il fluidificante a sinistra, mentre a destra giocava, più avanzato, il tornante. Chiaro che anche lì si poteva aumentare la dose di marcatura ad uomo: un esempio su tutti Gentile su Maradona in Espana '82.
« Ultima modifica: 13 Dicembre 2011, 06:14:28 pm da Templare »
Esistono tre modi di approcciare l'antifascismo. Il primo è accettarne il disagio che emana e compatirlo. Il secondo è prenderlo inesorabilmente per il culo. Il terzo modo é quello cosiddetto "geometrico", perché prevede l'utilizzo della squadra.