Autore Topic: Autocritica  (Letto 18572 volte)

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #30 il: 08 Febbraio 2007, 12:42:16 pm »
Citazione da: "alex10103"
Gaspare,
scusami se mi intrometto.
Però, mi e ci dovresti spiegare quale sia la tua soluzione.
Voglio dire: cosa vuoi dire con le parole "dobbiamo rialzarci e combattere"?
Combattere contro chi?
Io penso che isolare questi teppisti (ti do' ragione: sono la minoranza di voi) non sia tanto difficile.
Io penso che smetterla con quest'odio tra tifoserie della stessa Regione non sia tanto difficile.
Ecco come si combatte veramente la violenza!

Ciao



E' semplice Alex. Come si è combattutto in questi anni la mafia...e non esagero se faccio questo parallelismo, perchè la piaga sociale è molto simile. Con l'autolesionismo si rimane isolati e non si va da nessuna parte.

Combattere contro chi!? Contro questa minoranza che ci tiene in ostaggio, ma non con la favola da talk show che dobbiamo denunciare...isolare o tutte quelle belle parole che si dicono solo perchè in realtà è solo un nostro problema,  bensì pretendendo dagli organi preposti (Stato e FGCI) norme che tutelino la maggioranza perbene e quei presidenti che non ci vogliono stare più al ricatto di certa gentaglia.

Tu dici che non è difficile isolare la feccia!?...Certo, a parole (scusami!) è facile dirlo. Nei fatti avvengono due non trascurabili fattori: il primo che è gente vendicativa. Se parli, ti vengono a cercare e non per trovare un accordo amichevole...no!
E' già successo dopo Catania Empoli. Un addetto alla sicurezza è stato accerchiato fuori dallo stadio e fracassato di botte perchè aveva osato impedire a i soliti minorenni di entrare in campo a fine gara!

Il secondo è che i mezzi di comunicazione sono lesti a puntare i riflettori sulle nostre realtà solo quando succedono fattacci simili a quelli di venerdì sera o si espongono striscioni inneggianti all'abolizione del 41 bis per onorare sempre quello sport che si chiama "daglie al siciliano!".
Quando invece un intero stadio fischia e s'indigna per i cori antisemiti rivolti ai sostenitori del Livorno o contro la polizia, non se ne fa menzione alcuna.

Non puoi pretendere che un commerciante si ribelli al pizzo, se non lo tuteli...la mafia non si sconfigge se non si tutela la magistratura, le forze dell'ordine e la società civile, quella che ha voglia di fare e di dare un immagine diversa della propria città.

Allo stesso modo non si può pensare di sconfiggere la violenza negli stadi colpendo nel mucchio con multe, squalifiche di campo e diffide ai violenti. Ma bisogna fare operazioni chirurgiche utilizzando le tecnologie, individuando i responsabile e sbattendoli in galera (in galera Alex e non diffidandoli a piede libero!) lasciando stare in pace la maggioranza dei tifosi.

Non si stroncano i rapporti ambigui ultrà/società se non si abolisce o rivede la responsabilità oggettiva.

Non si sconfigge una certa mentalità se non si da risalto alla maggioranza dei tifosi che vanno allo stadio solo per sostenere la squadra. Non è tollerabile che le persone perbene in questa città, in questa terra, non facciano notizia.


Spero di essere stato chiaro o no Alex!?
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline alex10103

  • Utente
  • *****
  • Post: 2112
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #31 il: 08 Febbraio 2007, 12:56:01 pm »
Citazione da: "GASPARE"


Tu dici che non è difficile isolare la feccia!?...Certo, a parole (scusami!) è facile dirlo. Nei fatti avvengono due non trascurabili fattori: il primo che è gente vendicativa. Se parli, ti vengono a cercare e non per trovare un accordo amichevole...no!

Se parli ti vengono a cercare?
Benissimo, se tutto lo stadio al di fuori di essi non ubbidisce ai loro comandi, che fanno, vanno a cercare tutti?
Quando dico di isolarli, non mi riferisco al parlare, al denunciarli (beh, a dire il vero, questo si può e si deve fare), ma al non "obbedire" ai loro comandi.


Citazione da: "GASPARE"

Quando invece un intero stadio fischia e s'indigna per i cori antisemiti rivolti ai sostenitori del Livorno o contro la polizia, non se ne fa menzione alcuna.

Lì hai ragione.

Citazione da: "GASPARE"


Allo stesso modo non si può pensare di sconfiggere la violenza negli stadi colpendo nel mucchio con multe, squalifiche di campo e diffide ai violenti. Ma bisogna fare operazioni chirurgiche utilizzando le tecnologie, individuando i responsabile e sbattendoli in galera (in galera Alex e non diffidandoli a piede libero!) lasciando stare in pace la maggioranza dei tifosi.

Ma infatti, in un post precedente, ho scritto le contromisure che mi auspicavo prendessero.
Quindi, sono io il primo ad essere d'accordo sull'inasprimento delle pene, inflitte anche alle società, dal momento che esiste un rapporto tra loro e gli ultras.

Citazione da: "GASPARE"


Spero di essere stato chiaro o no Alex!?

Sì, sei stato chiaro e non capisco questo innervosimento nei miei confronti.
Scusa, io ho solo chiesto cosa auspichi che si possa fare, mica ti ho detto che tu sei il colpevole dei fatti.

Offline GASPARE

  • Utente
  • *****
  • Post: 4455
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #32 il: 08 Febbraio 2007, 01:45:34 pm »
Citazione da: "alex10103"
Ma infatti, in un post precedente, ho scritto le contromisure che mi auspicavo prendessero.
Quindi, sono io il primo ad essere d'accordo sull'inasprimento delle pene, inflitte anche alle società, dal momento che esiste un rapporto tra loro e gli ultras.


Alex non provi nemmeno a chiederti se per caso la responsabilità oggettiva costringe le società a inconfessabili connubi!?

Hai contezza di quanto potere, paradossalmente, questa norma da ai violenti!?

Se io voglio dei soldi da Pulvirenti, dei biglietti omaggio, voli e trasferte gratuite o lo sottopongo qualunque altra forma di ricatto e lui mi dice no, io la domenica successiva gli butto un petardo o un fumogeno in campo e scatta la multa che pagherà lui.
Poi non contento scateno la guerriglia all'interno ed all'esterno dello stadio e scatta la diffida, la multa e poi la squalifica dell'impianto.

Assomma tutte queste multe, questi mancati incassi per le squalifiche del campo e poi rifletti, da Presidente, se per caso elargire un centinaio di biglietti o abbonamenti gratuiti, qualche trasferta gratuita, finanziare i club organizzati, non ti costa meno... :roll:
Ah...dimenticavo, per tua informazione, il Catania ha raggiunto quota 100 mila euro di multa!

[/quote]Sì, sei stato chiaro e non capisco questo innervosimento nei miei confronti.
Scusa, io ho solo chiesto cosa auspichi che si possa fare, mica ti ho detto che tu sei il colpevole dei fatti.[/quote]

 :shock: Non mi sono innervosito per nulla. Se il tuo intervento m'innervosiva non ti avrei manco risposto.
Non ho nemmeno pensato lontanamente che m'incolpassi di qualcosa...mi dispiace se ti ho dato quest'impressione. Scusa! :wink:

Ciao!
Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est

Offline Testa Dura

  • Utente
  • ****
  • Post: 697
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
Autocritica
« Risposta #33 il: 08 Febbraio 2007, 03:01:32 pm »
Perche ha ragione Fein (definito autolesionista) e non Gaspare?
Semplice, perché a Catania è proprio la società civile che non è stata sufficientemente forte e salda per isolare i delinquenti; non ha saputo far valere valori di rispetto e tolleranza (nemmeno in questo forum, come più volte ho ribadito, dove pure non ci sono certo i teppisti); non ha capito che la presunta "spertanza" dei catanesi, la loro tendenza a sbeffeggiare il presunto stupido (magari solo onesto o mite) è la fonte di ogni male della città e l'humus in cui hanno trovato terreno fertile gli assassini di Raciti.
La colpa, quindi, non è solo di chi ha sferrato il colpo, non è nemmeno individuale, ma collettiva, di tutta una comunità che non è stata in grado di far prevalere al proprio interno valori di civilità, ma solo di sopraffazione. Se qualcuno meritoriamente fa autocritica non è autolesionista, ma mette le basi perché in futuro cambi qualcosa. Se invece, Gaspare continua a chiamarsi fuori (e non ho dubbi che lui sia veramente una persona non violenta e perbene) accetta implicitamente che questo codice di comportamento che tanto male fa a Catania si perpetui.
Ciao a tutti.

Offline occasionale rosanero

  • Utente
  • *****
  • Post: 3596
  • Mi Piace Ricevuti +0/-0
resp. ogettiva=ricatto
« Risposta #34 il: 08 Febbraio 2007, 04:34:33 pm »
Io la penso come Gaspare.

Così come la rimozione delle gabbie e l'azzeramento delle trasferte organizzate sono, per me, un buon 30% della soluzione problema l'eliminazione della responsabilità oggettiva significa togliere uno strumento di ricatto a scapito delle società.